sabato 31 gennaio 2015

La carenza di vitamina D contribuisce al cancro della pelle

globalhealingcenter
tradusiu imprentau
de Sa Defenza


Il sole è sia amato che temuto, e molte persone adorano il suo calore vitale e altre lo evitano del tutto. La paura del cancro della pelle legata all'esposizione dei raggi UV è diffusa, molte persone nel mondo hanno iniziato a tenersi lontani dalla luce solare naturale. Molte campagne sul cancro della pelle hanno esortato a evitare l'esposizione al sole, e quando è possibile e spalmarsi la pelle con una crema solare extra-forte in preparazione del più breve contatto con il sole. Questo consiglio potrebbe aver avuto buone intenzioni (?), i risultati sono di fatto dannosi.


Gli effetti della carenza da Vitamina D 

L'esposizione prolungata alla luce solare può aumentare il rischio di malattia e accelerare i segni visibili dell'invecchiamento. La moderata, esposizione giornaliera invece può effettivamente impedire questi effetti. Sembra paradossale, ma di solito sono la maggior parte delle cose relative alla salute . La luce solare è importante anche per il mantenimento di uno stato d'animo sano, che regola i cicli di sonno, e sostiene il sistema immunitario. Misure estreme per evitare l'esposizione al sole può privarvi di vitamina D, che  offre una serie di vantaggi sanitari essenziali. 

Alcuni degli effetti legati alla carenza di vitamina D sono:

1. Aumento della pressione sanguigna

La ricerca ha dimostrato che esiste una correlazione diretta tra la carenza di vitamina D e la pressione alta. [1] Secondo un recente studio condotto presso l'Università di Edimburgo, 30 minuti di esposizione ai raggi UV può abbassare la pressione sanguigna innescando naturali depositi di ossido di azoto nella pelle, che provoca il dilatarsi dei piccoli vasi sanguigni. [2] Altri studi hanno trovato che le persone tendono ad avere pressione sanguigna più bassa durante l'estate, se si vive più  lontani dall'equatore,  maggiore è la probabilità  che si soffra di pressione alta e malattie cardiache.

2. malattie cardiache e ictus

Se l'esposizione al sole riduce la pressione sanguigna, può anche essere in grado di prevenire le malattie cardiache e ictus. [3] L'alta pressione sanguigna è un fattore di rischio enorme per questi tipi di condizioni di salute, i quali entrambi  rappresentano il 30 per cento dei decessi annuali in tutto il mondo. Le persone a rischio di malattie cardiache dovrebbero probabilmente guardare al controllo dei loro livelli di vitamina D (ci si rivolga al medico per un test su 25-idrossivitamina D) ed eventualmente integrarla con una forma vegan di vitamina D3.

3. Soppressione del sistema immunitario

Una carenza di vitamina D può effettivamente contribuire alla soppressione del sistema immunitario. [4] Questo può essere il motivo di raffreddori e spesso l'influenza che si verificano durante i mesi invernali, quando le persone sono in casa per la maggior parte della giornata.

Linee guida di vitamina D

Mentre è importante essere consapevoli del potenziale raggi UV per i danni alla pelle, l'esposizione al sole è responsabile per una parte importante di uno stile di vita sano. La luce solare è ideale per la produzione naturale di vitamina D, ma un supplemento di vitamina D3 può essere necessario, soprattutto durante i mesi invernali.

Gli esperti suggeriscono che se l'indice UV è inferiore a tre, può essere un bene per la maggior parte delle persone di uscire fuori al sole senza protezione. Quando l'indice UV è di tre o superiore, invece, sono incoraggiate a misure di protezione per la pelle, compresa l'applicazione di protezione solare e indossare abbigliamento adeguato. Esperti osservano che la mattina presto e nel tardo pomeriggio sono i periodi più sicuri per uscire fuori al sole, mentre la metà della giornata è quando i raggi UV sono più intensi e hanno un potenziale più alto di danno.

Cosa si può fare per proteggere la pelle

La vitamina D è essenziale, e abbiamo bisogno di una qualche forma di esposizione alla luce solare ogni giorno per mantenere la nostra salute e il suo benessere senza intoppi. Allo stesso tempo, la sovraesposizione può invecchiare la pelle rapidamente e contribuire al rischio di malattia. Dal momento che la pelle del tuo viso è più sottile rispetto ad altre zone del corpo, è meglio applicare un filtro solare organico al tuo viso e collo, esponendo le braccia e le gambe al sole per la produzione di vitamina D. Dopo circa 15 a 20 minuti di esposizione a mezzogiorno, può essere meglio trovare qualche tipo di protezione dai raggi diretti del sole. Questo dipende dal tipo di pelle, ma la maggior parte delle persone dovrebbe evitare di essere alla luce solare diretta oltre i 30 minuti.

[...]

-Dr. Edward F. Group III, DC, NP, DACBN, DCBCN, DABFM

Riferimenti:
  1. Tamez H, Thadhani RI. Vitamin D and hypertension: an update and review. Curr Opin Nephrol Hypertens. 2012 Sep;21(5):492-9. doi: 10.1097/MNH.0b013e3283557bf0
  2. Vimaleswaran KS, Cavadino A, Berry DJ, et al. Association of vitamin D status with arterial blood pressure and hypertension risk: a mendelian randomisation study. Lancet Diabetes Endocrinol. 2014 Sep;2(9):719-29. doi: 10.1016/S2213-8587 (14)70113-5.
  3. Gouni-Berthold I, Krone W, Berthold HK. Vitamin D and cardiovascular disease. Curr Vasc Pharmacol. 2009 Jul;7(3):414-22.
  4. Cynthia Aranow, MD. Vitamin D and the Immune System. J Investig Med. Aug 2011; 59(6): 881-886. doi: 10.231/JIM.0b013e31821b8755.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!