domenica 15 febbraio 2015

ITALIA: Ecco da chi arriva l’ordine di far fuori la Costituzione... 
gli esecutori sono RENZI, MONTI, DRAGHI e company

di CLAUDIO MESSORA







Questo un’estratto del documento di JP Morgan, (The euro adjustment about halfway there), che identifica tra le cause della crisi la nostra Costituzione. Troppo socialista, troppo di sinistra, troppo garantista. Troppo sbilanciata in favore dei cittadini.

Quando la crisi è iniziata era diffusa l’idea che questi limiti intrinseci avessero natura prettamente economica: debito pubblico troppo alto, problemi legati ai mutui e alle banche, tassi di cambio reali non convergenti, e varie rigidità strutturali. Ma col tempo è divenuto chiaro che esistono anche limiti di natura politica. I sistemi politici dei paesi del sud, e in particolare le loro costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea. Quando i politici tedeschi parlano di processi di riforma decennali, probabilmente hanno in mente sia riforme di tipo economico sia di tipo politico.
I sistemi politici della periferia meridionale sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell’esperienza. Le costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo.

I sistemi politici e costituzionali del sud presentano tipicamente le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti; governi centrali deboli nei confronti delle regioni; tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori; tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo; e la licenza di protestare se vengono proposte sgradite modifiche dello status quo. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. 
I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia).

Dai tempi di Crisis of Democracy, della Commissione Trilaterale, non è cambiato niente: le élite tecnofinanziarie continuano a chiedere con forza di limitare il potere dei cittadini e di avere libertà di procedere. Gli esecutori li conoscete. Basta che aprite i giornali. Renzi, Monti, Draghi e soci.

Più chiaro di così davvero, stavolta, si muore.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!