martedì 3 marzo 2015

SARDINYA , EX ARSENALE DE LA MADDALENA: CROLLA LA MEGA-VETRATA DEL MAIN CONFERENCE,  MILIONI DI € IN FUMO... 

Mauro Pili
deputato di Unidos 


EX ARSENALE IL MAIN CONFERENCE CROLLATO
ECCO COME ERA FISSATA LA PARETE STELLARE DEL MAIN CONFERENCE DELL'EX ARSENALE DE LA MADDALENA - LE LASTRE DI VETRO/CRISTALLO FISSATE CON LA COLLA, SONO CROLLATE A TERRA CON GRANDE FRAGORE, ESSE DIMOSTRANO UN LAVORO FATTO NON AD OPERA D'ARTE; INOLTRE, DIMOSTRA D'ESSERE SOLO UNA GRANDE SPECULAZIONE FINE A SE STESSA, NELLA LOGICA CRIMINALE DEL: PRENDI I SOLDI E SCAPPA. 

la foto del come era il MAIN CONFERENCE prima del crollo  


SD: A quanto ammontano i danni subiti dai cittadini sardi?

Mauro Pili: " I danni, sono di 100 milioni di euro, tra mancati guadagni e devastazione della struttura. La prima stima dei danni è stata compiuta stamane dai tecnici dopo una valutazione sul potenziale della struttura sia sul piano economico che occupazionale e i danni subiti dalla struttura per pessima realizzazione e gestione."


SD:Insomma tanti milioni spesi per nulla, Berlusconi che usa la Sardinya come suo palcoscenico e il popolo sardo soffre di mancato guadagno, e uso improprio del suo territorio?

MP: "Il mancato guadagno e il sistematico deterioramento del vecchio Arsenale sfiorano complessivamente i 20 milioni di euro all'anno. A questo si aggiunge il livello sempre crescente di degrado e abbandono della struttura. In una delle immagini di dettaglio emerge quanto è successo nello stabile principale del mancato G8." 

SD:Come dire, si usa il G8 per fini speculativi e poco gli frega del danno alla struttura dell'ex Arsenale e dei diritti, della terra colonizzata, del popolo sardo.

MP: " Le lastre con il residuo di colla sono state già state trasferite ad un laboratorio specializzato per capire se sarà possibile risalire alla vergognosa realizzazione della struttura costata decine di milioni di euro e che, ora dopo ora, sta franando, pezzo per pezzo. E' evidente che dalle prime verifiche dei tecnici appare evidente che sia l'aspetto progettuale che esecutivo potrebbero rivestire profili penali, qualora fossero accertati".

In questa direzione si muove l'esposto alla Corte dei Conti.



Ecco una delle immagini di dettaglio di quanto è successo nello stabile principale del mancato G 8 a La Maddalena. Le lastre con il residuo di colla sono state già state trasmesse ad un laboratorio specializzato per capire se sarà possibile risalire alla vergognosa realizzazione della struttura costata decine di milioni di euro e che, ora dopo ora, sta franando, pezzo per pezzo. 
La colla maldestramente utilizzata per l'intervento non ha chiaramente retto sia per evidenti errori progettuali compresi quelli realizzativi, che strutturali. Tutto questo non può passare inosservato e occorre intervenire con urgenza per valutare eventuali responsabilità non solo erariali ma a questo punto anche penali. 
E' evidente che dalle prime verifiche dei tecnici appare evidente che sia l'aspetto progettuale e realizzativo rientra nel profilo penali qualora fosse accertato che la realizzazione della struttura  celi illeciti e illegalità. In quel contesto ci potrebbero essere prove evidenti di un reato consumato nella realizzazione degli stabili.

Sotto un articolo che denuncia il disastro, sopra è riportato dal deputato di UNIDOS Mauro Pili, della giornalista sarda Serenella Lullia  

l'articolo di Sardegna Oggi:
“Il G8 mancato di La Maddalena si frantuma a terra come un gigante di cristallo legato a fil di ferro e colla scadente. Lo scenario che si presenta è quello della devastazione e dell’abbandono. Ma quello che sta accadendo in tutti gli stabili che dovevano ospitare l’incontro dei grandi della Terra è qualcosa di molto più grave: in ogni area e in ogni edificio sta emergendo in tutta la sua evidenza una realizzazione di carta pesta, e tutto sta miseramente crollando, dai tetti alle facciate, dalle vetrate agli infissi". Lo ha detto il deputato sardo di Unidos Mauro Pili dopo aver compiuto un sopralluogo non autorizzato all’interno dell’ex Arsenale e documentando il disastro [Gallery] che si sta consumando all’interno della struttura. 
"Il caso più evidente è la costosissima facciata del Main Conference Hall. Una facciata stellare da mille e una notte, realizzata con una sottospecie di reticolo in vetro/cristallo costato un vero e proprio capitale pubblico e ora divelto e distrutto dall’inconsistenza della sua realizzazione. Colla posticcia e fil di ferro costato come oro e adesso disteso per terra davanti a questo colosso che si affaccia sul mare dell’isola di La Maddalena. Tutto questo è inaccettabile - afferma - e la magistratura contabile deve presentare il conto di questo disastro. Progettisti, direttori de lavori, esecutori ed infine i responsabili di scelte gestionali errate e in alcuni casi del tutto inesistenti. Si tratta di un danno erariale e di immagine che qualcuno deve pagare".

“Presenterò nella giornata di oggi - conclude - un esposto puntuale alla Corte dei Conti e un’interrogazione urgente al Presidente del Consiglio dei Ministri sull’esito del sopralluogo che ho effettuato e quanto riscontrato. Un disastro senza precedenti, 400 milioni buttati al vento e danni per decine e decine di milioni di euro".sardegnaoggi.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!