sabato 14 marzo 2015

Jacques Sapir: La fine dell'euro e le opportunità con la Russia 

reseauinternational
tradusiu imprentau
de Sa Defenza




Le ultime dichiarazioni e articoli che sono stati scritti in questi giorni da alcuni economisti e politici europei mostrano che siamo di nuovo entrati una fase acuta della crisi dell'euro.

In Grecia, la questione di un possibile ritorno alla dracma è discusso apertamente . In Italia Stefano Fassina, è un economista del Partito democratico (il partito di centro sinistra del primo ministro Matteo Renzi ), è stato anche Vice Ministro dell'Economia e delle Finanze nel governo Letta, ed ha deciso di attraversare il Rubicone sulla questione dell'euro . Questa "conversione" di Fassina , la dice lunga sul dibattito che è in atto in Italia, dalla Lega Nord al Partito Democratico, attraversa Forza Italia, il partito di Silvio Berlusconi e il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo.


Più di recente Le Monde ha pubblicato  un forum, in cui 
un economista e sociologo tedesco Wolfgang Streeck, dimostra che l'Europa dovrebbe abbandonare la moneta unica. Queste diverse posizioni, per non parlare di quelli di Podemos in Spagna, sono un buon indicatore che siamo ad un punto di rottura. Streeck dice senza mezzi termini, che mantenere l'euro distrugge l'Europa e causa un aumento del sentimento anti-tedesco. Questo era prevedibile da diversi anni, ci fanno sorgere una serie di domande. Quali sono le conseguenze di una tale situazione per la Russia?

L'importanza della zona euro per la Russia
Sappiamo, che il commercio  con i paesi dell'Unione europea e della zona euro era molto attivo. Dobbiamo guardare con attenzione alle conseguenze che ha la dissoluzione de l'Eurozona  per la Russia.

Questi ultimi potrebbero essere attivati ​​da diversi eventi: il fallimento dei negoziati attualmente in corso in Grecia, il cambiamento politico in Italia (che si verifica dopo le elezioni regionali di questa primavera), o un ritiro di investitori "fuori area-euro" derivanti una forte preoccupazione per i paesi chiamati "periferici", a seguito della vittoria possibile in Spagna Podemos all'inizio dell'autunno. Si noti che di questi vari scenari, l'uno non esclude l'altro. Saremmo di fronte ad una serie di crisi che preludono una uscita, passo dopo passo, di diversi paesi. Si pone la questione di quando il governo francese prenderà la decisione d'uscita da l'euro. Economicamente parlando, è chiaro che l'uscita della Spagna o dell'Italia, renderà indispensabile per la Francia lasciare la zona euro.

Gli effetti di una dissoluzione della zona euro per la Russia
Se la zona euro fosse sciolta, o semplicemente "sospesa" (e sappiamo che a Bruxelles e in altre capitali non intendono sentire questi eufemismi) all'infinito, piacerebbe tornare alle valute nazionali. Questo processo dovrebbe essere accompagnato dalla svalutazione (per i paesi che soffrono di problemi di competitività) e di nuova valutazione per i paesi con competitività eccessiva. In realtà, è attualmente impossibile effettuare svalutazioni o apprezzamenti di valute,  che è una delle cause della recessione in molti paesi della zona euro.

Vediamo nel primo caso, abbiamo rimandato l'evoluzione del costo unitario del lavoro dal 1999 (dopo la creazione dell'Euro) con delle differenze significative costituitesi in relazione alla Germania. Correggere queste differenze significano i tagli salariali, che causerebbero una forte contrazione della domanda interna in questi paesi, oltre a un deprezzamento della loro moneta. In realtà, questo deprezzamento potrebbe variare dal 10% per il Portogallo al 25% per l'Italia. Mentre il marco tedesco rischia di rivalutarsi in proporzioni significative. Ciò avrebbe subito importanti conseguenze per il commercio estero con la Russia, rendendo i prodotti tedeschi più costosi, e i prodotti francesi e italiani più convenienti. Inoltre, pur consentendo a gran parte dell'Europa di tornare a crescere, la dissoluzione dell'euro avrebbe ricadute molto positive per l'economia Russa. Quest'ultima, dopo aver "importato" la crisi europea a partire dal 2011,  importerebbe anche la rinnovata crescita, verso un'ampia cooperazione tra Russia e paesi europei?

La scomparsa della moneta unica non significa che non ci sia più coordinamento tra i paesi europei. Il coordinamento è necessario a seguito della dissoluzione, anche conflittuale, della zona euro. Questo coordinamento sarà necessario prima di tutto per il controllo dei capitali per i prossimi due o tre anni dopo la dissoluzione della zona euro. Serve a evitare grandi e improvvisi deflussi o afflussi di capitale che avrebbero l'effetto di destabilizzare le parità raggiunte dalle diverse valute. Il controllo dei capitali appare come un elemento chiave della politica di "variazione di scambio", diviene uno dei principi della politica della banca centrale in ogni paese.


I controlli sui capitali sarà importante per consentire alla Banca Centrale (in Francia, la Banca di Francia) per riconquistare l'autonomia e per fissare i tassi di interesse. Il coordinamento serve a imporre, rapidamente, gli obiettivi della politica dei tassi di cambio. Si lascia una certa flessibilità per i vari tassi di cambio, sia per il livello di inflazione strutturale diverso nei vari paesi, in quanto gli aumenti di produttività e l'evoluzione salariale saranno diverse, e, infine, perché un paese potrebbe sperimentare un "shock esogeno" significativo, che richiede uno straordinario deprezzamento della propria moneta. Si noti che il sistema dei tassi di cambio sarà più stabile se saranno mantenuti i controlli sui capitali. Una delle lezioni delle crisi speculative che si sono verificate nel Sistema monetario europeo dal 1990 è che la libertà totale del capitale contraddice un sistema di coordinamento. La Russia avrebbe quindi un incentivo a partecipare a questo meccanismo di coordinamento e di controllo dei cambi. Il punto è importante. l'Europa "post-Euro" sarebbe più disposta ad accettare una cooperazione monetaria con la Russia.


Russia ed Europa nel sistema monetario internazionale
Ma questa cooperazione tra i paesi europei e la Russia avrebbe trovato un altro sviluppo campo. Infine, immaginate una moneta comune per garantire transazioni tra l'Europa e il resto del commercio mondiale e le transazioni finanziarie, ha un senso. Questa moneta esiste solo come un "paniere di valute" dei paesi che sarebbero parte di quel sistema. Così il lavoro dei diritti speciali di prelievo del FMI. Questa "moneta comune" potrebbe servire come moneta di riserva per le banche centrali dei paesi europei, ma anche a livello internazionale. Da questo punto di vista, c'è una vera aspettativa nella cosiddetta moneta "emergente" che è una vera alternativa al dollaro. L'Euro potrebbe solo imperfettamente svolgere questo ruolo, a causa di problemi con il suo design, non ha mai superato il 26% delle riserve delle banche centrali ed è ora al terzo posto, dopo il Dollaro e lo Yuan nelle operazioni finanziarie in valuta. Da questo punto di vista, dobbiamo riconoscere il relativo fallimento dell'Euro come moneta internazionale. La "moneta comune", priva dei problemi inerenti all'Euro, potrebbe  essere più assertiva. Anche qui vediamo l'interesse della Russia per un tale sviluppo. Appoggiato a una moneta comune europea, il rublo potrebbe svolgere meglio il suo ruolo di valuta di riserva regionale nei paesi dell'ex Unione Sovietica, e soppiantare completamente il dollaro.
Vediamo che la fine dell'euro aprirebbe nuove prospettive di cooperazione tra la Russia e i paesi della ex zona euro. La crisi sembra  annunciare una grande opportunità per i paesi che soffrono ora di euro.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!