lunedì 2 marzo 2015

La Catalunya si prepara a istituire proprie Ambasciate, e un sistema fiscale indipendente dalla Spagna...

rt.com/news
tradusiu imprentau
de Sa Defenza
Pro-independence citizens in Barcelona November 7, 2014. (Reuters/Gustau Nacarino)








La  Catalunya  sta studiando il proprio nuovo sistema fiscale, oltre la creazione di una rete di ambasciate all'estero, si prepara così per il voto regionale, verso l'indipendenza. Recentemente la Corte Superiore della Spagna ha stabilito che il voto del referendum (simbolico) della regione del mese di novembre è incostituzionale.


I Leader nazionalisti nella regione nord-orientale hanno sollecitato un voto locale sulla questione dell'indipendenza per il 27 settembre, ha riportato AFP.

Il Presidente catalano Artur Mas e il suo governo stanno lavorando su imposizione fiscale, la diplomazia, e la ristrutturazione della sicurezza sociale nel caso la Catalunya divenisse uno stato indipendente.

L'attenzione si concentra in particolare sulla tassazione, oggi le autorità catalane raccolgono solo il 5 per cento delle imposte producibili nella regione.

Lo scorso novembre, il presidente catalano Artur Mas ha organizzato un voto simbolico sull'indipendenza, con l'80 per cento del voto a favore. Tuttavia, l'affluenza è stata solo del 40 per cento.

La Catalunya ha 7,5 milioni di abitanti (il 16 per cento della popolazione della Spagna), e rappresenta circa il 20 per cento del PIL del paese. Da sola, la regione potrebbe raccogliere 100 miliardi di euro di tasse annuali, molto più di di quanto avrebbe bisogno la Catalunya se diventasse indipendente, ha detto Joan Iglesias, un ex ispettore fiscale spagnolo, collaboratore ora della riforma fiscale catalana.


"Tutti sanno che la Catalunya è valida economicamente. E 'il territorio economicamente più produttivo in Spagna", ha detto Iglesias ad AFP.


A parte la riforma fiscale, la Catalunya avrebbe bisogno di impiantare la propria Banca Centrale, aggiornare i sistemi informatici di disporre e impiegare più dipendenti pubblici.

Inoltre, la regione dice che ha bisogno di aprire ambasciate all'estero. Attualmente, la Catalunya ha rappresentanze nel Regno Unito, in Francia, Germania, negli Stati Uniti, in Belgio e  recentemente anche in Austria e in Italia.


Nel mese di febbraio, Mas ha istituito una commissione incaricata dell'esecuzione dei compiti essenziali per uno Stato Indipendente. In più, ha istituito uno studio, sulle fasi  da  prendersi, per assicurarsi che servizi come le telecomunicazioni possano funzionare anche in caso di secessione della Catalunya.

Tuttavia, "il lavoro sta avanzando troppo lentamente," Catalano parlamentare con l'Esquerra Republicana de Catalunya (ERC) partito separatista, Lluis Salvador, ha detto a AFP.


"Abbiamo bisogno di semplificare i nostri sforzi così arriviamo alle elezioni di settembre in uno stato molto più avanzato.

Non tutti condividono la maggioranza indipendentista specie le istituzioni spagnole in disaccordo con gli sforzi con l'organizzazione catalana responsabili di garantire le leggi catalane in quanto costituzionale - mentre il Consiglio spagnolo per le garanzie statutarie - si dice contrario con le autorità regionali, non hanno il diritto di creare "uno stato parallelo."


Nelle elezioni, i partiti catalani separatiste affrontare l'opposizione di nuovo partito anti-austerity Podemos, che non sta sostenendo l'indipendenza della regione.

"Non vogliamo che nessuno lasci la Spagna," Juan Carlos Monedero, fondatore Podemos e membro del comitato esecutivo, ha dichiarato in un'intervista a dicembre. "Ma la garanzia contro in disfacimento della Spagna è quello di dare alle diverse regioni  una propria identità distinta con il diritto di poter scegliere. In questo modo rimarranno nella federazione perché lo vogliono, e non perché li costringe. "

Funzionari europei hanno avvertito la Catalunya che dovrebbero lasciare l'Unione europea se diventa indipendente. In precedenza misero sullo stesso avviso Alba (Scozia).


Sotto fascisti unionisti spagnoli bruciano le bandiere catalane.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!