domenica 8 marzo 2015

LE PRIGIONI SEGRETE DELLA CIA IN EUROPA... POLONIA , LITUANIA, ROMANIA E GRAN BRETAGNA HANNO PERMESSO  LA TORTURA UMANA  SUL TERRITORIO EUROPEO... 




Nako Minchev
Global Research
tradusiu imprentau
de Sa Defenza
E 'noto che a fine gennaio 2015 il movimento globale di Amnesty International ha pubblicato un rapporto, intitolato "Rompere la congiura del silenzio: gli USA in Europa" partners di crimine " si deve agire dopo il rapporto sulle torture del Senato", che getta ulteriore luce sulle informazioni raccolte dall'indagine del Senato americano sui metodi di tortura, applicati dalla Central d'Intelligence Agency, si fa riferimento alle notizie di stampa sui luoghi di detenzione segreta operati dalla CIA in Europa - in particolare, sul territorio della Lituania, Polonia e Romania
È un dato di fatto, diversi anni fa, quando divenne  noto che la CIA ha torturato sospetti terroristi, non solo in questi paesi, ma anche sul territorio di un altro Stato membro dell'Unione Europea - vale a dire, in Gran Bretagna. Secondo Lawrence Wilkinson, ex Capo di Stato Maggiore al Segretario di Stato americano, dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre 2001, la CIA ha usato la base militare statunitense sull'isola di Diego Garcia, che si trova nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano, per condurre interrogatori e torture a sospetti terroristi che erano stati rapiti da diversi paesi, senza ordine del tribunale di sorta.

Dopo la pubblicazione del rapporto del Senato americano, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione speciale l'11 febbraio 2015... [la UE]:

"Esprime la sua profonda condanna alle pratiche di interrogatorio raccapriccianti che hanno caratterizzato tali operazioni antiterrorismo illegali; sottolinea che la conclusione da parte del Senato degli Stati Uniti sui metodi violenti applicati dalla CIA, non è riuscita a generare  una tale intelligence da impedire ulteriori attacchi terroristici; è conseguente l'assoluta condanna dell'uso della tortura ".

La risoluzione sottolinea inoltre il fatto che:

"Il clima di impunità per quanto riguarda il programma della CIA ha consentito la prosecuzione delle violazioni dei diritti fondamentali dell'uomo, come ulteriormente evidenziato dai programmi di sorveglianza di massa attuati dalla National Security Agency e servizi segreti di diversi Stati membri dell'Unione Europea".

In questo contesto, il governo degli Stati Uniti è chiamato:

"A indagare e perseguire le molteplici violazioni dei diritti umani derivanti dalle consegne straordinarie e dei programmi di detenzione segreti della CIA, di collaborare con tutte le richieste di informazione degli Stati membri dell'UE, sull'estradizione o rimedi efficaci delle vittime, in relazione al programma della CIA".

Il Parlamento Europeo inoltre:

"Ribadisce il suo appello agli Stati membri di indagare sulle accuse fatte sulla presenza di prigioni segrete sul suo territorio, dove si sono tenute in detenzione illegale persone, nel quadro del programma della CIA, per perseguire coloro che sono stati coinvolti in queste operazioni, tenendo conto di tutti i nuovi elementi di prova che sono venuti alla luce".

Allo stesso tempo:

"Esprime preoccupazione per gli ostacoli incontrati dalle indagini parlamentari e giudiziarie nazionali sul coinvolgimento di alcuni Stati membri, facenti parte del programma della CIA, l'abuso del segreto di Stato, e la classificazione indebita dei documenti con conseguente la chiusura del procedimento penale e che portano de facto all'impunità degli autori della violazione dei diritti umani ".
Inoltre, la risoluzione "chiede che i risultati delle indagini esistenti in materia di coinvolgimento di Stati membri nel programma della CIA, in particolare nell'inchiesta Chilcot, sia da pubblicare senza ulteriori indugi".
Considerato quanto sopra, siamo spiacevolmente impressionati dal fatto che il Consiglio d'Europa e la sua Assemblea parlamentare (APCE) sono finora riusciti a dimostrare la dovuta volontà di discutere il rifiuto delle autorità governative a Vilnius, Varsavia e Bucarest di indagare le molteplici occasioni delle violazioni dei diritti umani, derivanti dal contratto di questi paesi a ospitare l'istituzione CIA nei siti neri del loro territorio. Tale atteggiamento erode le fondamenta dell'Unione Europea, indebolisce la convinzione dei cittadini europei che i loro diritti fondamentali siano realmente garantiti, spoglia l'UE della sua autorità morale e scredita la sua fedeltà ai valori umani universali.
Il rapporto del Senato Americano e quello emesso da Amnesty International, indicano inequivocabilmente che i tre Stati membri dell'Unione Europea, così come la Gran Bretagna, hanno avuto un ruolo fondamentale nella realizzazione di questa "operazione" della CIA sul territorio del Vecchio Continente. Senza l'aiuto di questi governi, gli Stati Uniti, non sarebbero stati in grado di arrestare e torturare persone per tanti anni, l'uso di metodi disumani come il "waterboarding" e la "finta esecuzione", la "privazione del sonno", "uso di scatole di confinamento dalle dimensioni di bare" o le "minacce sessuali".
E' giunto il momento in cui l'Europa essendo a conoscenza di questi fatti, passi al tempo della condanna di questi crimini e farla finita con i tentativi di coprirli. I governi di Lituania, Polonia e Romania non possono più nascondersi dietro le "ragioni di sicurezza nazionale" argomenti poco convincenti sul "segreto di stato", rifiutandosi di portare alla luce l'intera verità sul loro ruolo nella tortura e il rapimento di persone nei loro paesi. Jozef Pinior, uno dei leggendari leader del sindacato polacco di "Solidarnosc", membro del Parlamento Europeo dal 2004 al 2009 e del comitato parlamentare sulle prigioni segrete della CIA in Europa, è ora senatore polacco, fa notare:
"Le informazioni sul Washington Post circa il fatto che i servizi segreti polacchi hanno ricevuto 15 milioni di dollari per "ospitare" una prigione segreta della CIA nel paese, compromette l'intero stato polacco, che dovrebbe chiarire la questione il più rapidamente possibile. Questo senza dubbio conferma l'ipotesi più arcigna che sotto Leszek Miller la Polonia si è trasformata in una "repubblica delle banane" per gli Stati Uniti. Un altro fatto deplorevole è che i nostri servizi nazionali non hanno contribuito in nessun modo alla divulgazione di questa cospirazione. Si tratta di una situazione estremamente vergognosa. Lo stato polacco, il sistema giudiziario e il governo dovrebbe pubblicare i risultati dell'indagine non appena possibile. Altrimenti ci accingiamo a diventare ridicoli in Europa. Si scopre che, mentre noi diamo lezioni di democrazia a paesi come l'Ucraina, prendiamo soldi dagli Stati Uniti per permettere loro atti illeciti come la pratica della tortura su esseri umani, sul nostro territorio ".
A sua volta il governo bulgaro dovrebbe dichiarare il suo sostegno ufficiale all'appello di Amnesty International e del Parlamento Europeo e sollecitare le autorità di Vilnius, Bucarest e Varsavia per avviare un'indagine immediata e piena di questo caso e perseguire coloro che sono coinvolti nelle torture. Dobbiamo ricordarci che la maggior parte delle vittime di queste pratiche scorrette sono musulmani e nel contesto di impennata anti-Islam dopo gli attacchi terroristici a Parigi e Copenaghen diventa ancora più importante scoprire la verità sui segreti della CIA sui "siti neri" in Europa.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!