giovedì 12 marzo 2015

SARDINYA ARIA IRRESPIRABILE E IRRIMEDIABILMENTE INQUINATA... DIFENDI LA TUA SALUTE: DIGLI DI SMETTERLA!



Il problema dell'ambiente è sopratutto un fattore di coscienza e di educazione civica al rispetto dell'ambiente; è la consapevolezza diffusa sul trattamento e l'uso che se ne fa dell'ambiente che ne determina la sua pulizia; e poiché riguarda il benessere di tutti i cittadini, sia per quanto concerne le azioni individuali che collettive, è necessario conoscere e agire per la salvaguardia di un bene che va oltre l'attuale, ma che, riguarda anche il bene delle generazioni future a cui si deve lasciare un ambiente il più possibile incontaminato.

A chi di noi non è capitato di uscire di casa o di essere di ritorno dal lavoro ed essere aggrediti da odori nauseabondi e cancerogeni dei fumi, dei nostri vicini di casa, che usano i caminetti  come inceneritori di aliga (immondezza)?

capita spesso che nei caminetti delle nostre case in Sardinya si vedono scene come questa nella foto, la plastica ed altri rifiuti  sono bruciati indiscriminatamente in casa...

Per questo motivo crediamo sia necessario impegnarsi sempre più nella difesa dell'ambiente e lottare contro le imposizioni di inceneritori come quello di Macomer o Tossilo, ma è necessario anche una campagna di educazione civica, perché in Sardinya  è cosa nota a tutte le persone consapevoli del bisogno che abbiamo di educare sia i giovani, ma, sopratutto i meno giovani ad un giusto comportamento con i rifiuti.

Nella provincia di Trento ancor oggi si attivano campagne contro l'uso indiscriminato del focolare come inceneritore , e qui in SARDINYA cosa si aspetta nel fare altrettanto?


Vi proponiamo un volantino della campagna contro l'uso improprio delle stufe che si fa in Trentino, magari qui in SARDINYA possiamo seguirne l'esempio.
Lontano i rifiuti dal focolare! L’uso del proprio riscaldamento a legna come un “inceneritore domestico” per bruciare residui di ogni genere è una vecchia consuetudine nelle valli alpine…… Può sembrare una soluzione facile, comoda e veloce. Oggi è una vera e propria combustione illegale perché chi elimina i rifiuti in questo modo nuoce all’ambiente, agli altri e a se stesso. Il deposito e la combustione di rifiuti nelle stufe a legna provoca l’emissione di sostanze nocive nell’aria, che agiscono soprattutto nelle immediate vicinanze. Senza contare che i residui della combustione di rifiuti danneggiano anche la stufa stessa. Un vecchio e saggio detto popolare dice che “la bontà di un attrezzo è nel manico”, tendendo conto che nessun attrezzo è migliore della mano che lo governa.
Per far funzionare bene la nostra stufa?• Avere una stufa adatta alla combustione del legno; • Utilizzare legna secca e non trattata; • Bruciare pezzi di legno di grandezza adeguata; • Assicurare che il tiraggio sia sufficiente. • Bruciare esclusivamente legna allo stato naturale (cioè non trattata, non verniciata e ben asciutta) e stagionata da almeno due anni. • Pellets e trucioli solo negli appositi impianti. 
Segnali di una buona combustione: • Fumo quasi invisibile; • Nessun odore; • Cenere grigio chiaro o bianca; • Poca fuliggine nei camini; • Fiamme blu o rosso chiaro.

ATTENZIONE! Mai usare una stufa come inceneritore: residui alimentari, giornali patinati, legni verniciati o trattati in qualunque modo, plastica o altre sostanze sintetiche non devono MAI essere gettati nel fuoco di qualunque tipo di stufa o camino. Chi brucia altri materiali mette a dura prova la propria stufa, i propri polmoni, l’intonaco della stanza e la pazienza dei vicini . Una stufa è in definitiva un attrezzo, che trasforma l’energia da una forma ad un altra: occorre una mano esperta e paziente e l’osservanza di alcune indicazioni per trarne il meglio. Infatti la mancanza di aerazione forzata e di un sistema di filtraggio, le basse temperature di combustione (solo negli inceneritori dei rifiuti si riescono a superare i 1.000°C) fanno sì che nelle nostre stufe si formino gas particolarmente nocivi.
I RIFIUTI CHE BRUCI SONO VELENO CHE RESPIRI!
 Una questione di salute! Molti rifiuti, che siano legno, carta, materiali sintetici o materiali composti, contengono metalli pesanti (cadmio, piombo, zinco, rame, cromo, ecc.) e alogeni (cloro, fluoro). La combustione non appropriata fa si che queste sostanze si liberino nell’aria, producendo nel contempo altri derivati nocivi come ossidi d’azoto, acidi cloridrici, idrocarburi, diossine e furani. Il danno causato a tutti gli esseri viventi è rilevante. Gli effetti sulla salute sono molteplici, dalle affezioni respiratorie all’incremento del rischio di ammalarsi di cancro. Vista l’altezza non elevata dei camini domestici il danno è maggiore per le immediate vicinanze.
Cosa succede se non brucio solo legna allo stato naturale... 
1) Un cocktail di gas nocivi nell’aria, nelle abitazioni e nel terreno Bruciare in modo errato provoca la produzione immediata di un cocktail di gas nocivi di cui una notevole quantità rimane all’interno dell’abitazione stessa. L’incenerimento di legna in modo non appropriato danneggia l’ambiente per le sostanze nocive contenute nei fumi, che vengono assorbite dagli esseri viventi attraverso la respirazione, ma anche per quelle contenute nelle ceneri, le quali molte volte vengono utilizzate come fertilizzanti e contribuiscono all’inquinamento del suolo e della falda. Cosa è vietato dalla legge? Non possono essere bruciati né all’aperto né in stufe domestiche o caminetti i rifiuti di qualunque tipo, compresi... • Carta, cartoni (che sono riciclabili). E’ opportuno utilizzare la carta solo nella misura necessaria per l’accensione. Per lo smaltimento di carta e cartoni si raccomanda perciò la raccolta differenziata. • Imballaggi, cartoni del latte e simili (es Tetra Pak) 
2) Minore durata degli impianti I gas e gli acidi particolarmente aggressivi che si formano dalla combustione di rifiuti sono responsabili della notevole riduzione della durata delle stufe. Ciò comporta che già dopo pochi anni tali impianti di riscaldamento debbono essere sostituiti. Nessuna stufa a legna sopporta a lungo i rifiuti. I costi di risanamento sono elevati e superano di gran lunga i costi per lo smaltimento corretto. Ad essere più costosa è anche la manutenzione e la pulizia, a causa delle incrostazioni che si formano all’interno della stufa. 
3) La cenere diventa un fertilizzante pericoloso Solo la cenere derivante dalla combustione di legna allo stato naturale può essere utilizzata, in piccole quantità, come fertilizzante per il giardino. Il suo utilizzo come fertilizzante nel giardino nuoce in modo rilevante al suolo e tramite la catena alimentare anche agli esseri viventi, perché il suolo, le piante e tutto ciò che coltiviamo assorbono le sostanze nocive che poi troviamo nei cibi sulle nostre tavole. La cenere in eccesso deve essere smaltita attraverso la raccolta dei rifiuti domestici.
Piccolo sforzo, grandi risultati! 
Uno smaltimento corretto riduce in modo rilevante l’emissione di sostanze nocive nell’atmosfera. Le analisi dimostrano che la combustione di rifiuti in caminetti o in stufe a legna libera nell’aria una quantità di diossina 1000 volte superiore rispetto a quanto avverrebbe negli impianti di incenerimento dei rifiuti. Inoltre solo questo tipo di impianti è dotato dei filtri prescritti dalla legge. Tutti gli altri tipi di rifiuti vanno eliminati unicamente attraverso la raccolta differenziata, in modo da garantire uno smaltimento rispettoso della salute e dell’ambiente. appa.provincia.tn

l'inceneritore di Macomer 



L'inceneritore di Macomer è sovradimensionato. Bruceranno i rifiuti di altre Regioni. L'interrogativo è giustificato dal fatto che secondo quanto stabilito dallo Sblocca Italia l'immondizia potrà passare da una regione all'altra.
L'assessore all'Ambiente (PD) l'ha detto: il nuovo inceneritore di Macomer si farà. Un impianto sovradimensionato e pazienza se i conferimenti calano. Perché la Regione lo vuole fare? L'impianto potrà in futuro smaltire rifiuti in arrivo da altre regioni? Intanto Medici per l'Ambiente ribadisce: "Un sardo su tre vive in zone inquinate".
unionesarda
Da L'Unione sarda. Migaleddu: un sardo su tre vive in una zona inquinata 
Il presidente di Medici per l'Ambiente replica all'assessore Donatella Spano
Che la Sardegna sia la Regione più contaminata d'Italia, è un fatto. Come se non bastasse, spiega il presidente di Isde Sardegna (Medici per l'Ambiente), Vincenzo Migaleddu, "le sostanze tossico-nocive producono effetti in un'area ben più vasta dei 440mila ettari certificati". In che modo? "Attraverso le catene biologiche e alimentari". In pratica, gli inquinanti dispersi dai camini degli inceneritori e che si accumulano nell'ambiente, dove ci sono pascoli, vengono ingeriti dal bestiame e quindi trasferiti nel latte, in quanto principale mezzo di eliminazione delle tossine dall'organismo animale, si accumulano nel grasso animale e si concentrano nei prodotti lattiero-caseari. "È sconcertante la scarsa conoscenza di queste tematiche da parte di un assessore all'Ambiente".
Nei giorni scorsi assessore all'ambiente Donatella Spano aveva annunciato il potenziamento dell'impianto di Tossilo come utile per introdurre "ulteriori presidi ambientali che consentiranno di avere emissioni decisamente inferiori rispetto a quelli previsti, in particolare per polveri e diossine". Ma quando mai, ribatte Migaleddu: "Le emissioni di diossina nell'aria aumenterebbero del 13 per cento". E comunque, "a sentire l'assessore dire che il potenziamento dell'inceneritore è la soluzione per la diossina, è come dire che il problema è l'assessore". Restando a Tossilo, il presidente di Isde ricorda che "in un raggio di 20 chilometri, ci sono ben 1370 aziende di allevamenti bovini e ovicaprini con quasi duemila addetti, che stanno investendo sul biologico ma non potranno accedere alla relativa certificazione proprio per la presenza di un sistema di incenerimento".
Non si salva nemmeno Francesco Morandi: "Abbiamo un assessore al Turismo che sta portando all'Expo un'immagine della Sardegna legata alla longevità. Un'immagine falsa, riferibile al limite alla Sardegna pre-industriale. Nell'Isola 41 comuni sono compresi nei due Sin di Porto Torres/Sassari e Sulcis Iglesiente/Guspinese. Poco più di un sardo su tre, dunque, vive in un sito contaminato". Come dovrebbe comportarsi, allora, la Regione? "Occorre sperimentare nuovi modelli di sviluppo che partano dal presupposto intoccabile del benessere (fisico e psicologico, così come lo intende l'Organizzazione mondiale della sanità), anche perché la Costituzione tutela il diritto alla salute. Lavoro e sviluppo vanno promossi in sintonia con gli interessi collettivi e non di pochi e grossi gruppi di potere".Roberto Murgia



Note di Sa Defenza:

1] Il profilo dell'assessore regionale dell'Ambiente, Donatella Spano.
Donatella Spano (tecnico del presidente, Ambiente): 56 anni di Sassari, docente di Scienze e tecnologie dei sistemi arborei e forestali dell'Università sassarese.


2] Siamo convinti che la Regione Sardegna, oltre a rinunciare alla costruzione di Inceneritori, deve impegnarsi in una sorta di campagna contro l'uso improprio delle stufe e dei caminetti di casa , sia nella scuola per educare i giovani ma anche con una pubblicità a tutto campo sui media sardi per informare sui danni che produce, bruciare plastiche oltre agli altri materiali vietati, sulla salute pubblica. 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!