domenica 5 aprile 2015

L'ISLANDA STUPISCE LE BANCHE: DECIDE DI RIPRENDERSI LA CREAZIONE DEL CREDITO...

« la moneta, in quanto moneta e non in quanto merce, è voluta non per il suo valore intrinseco, ma per le cose che consente di acquistare. »
Paul Anthony Samuelson



trd Sa Defenza

(Automatic Earth) Chi sapeva che la rivoluzione sarebbe iniziata con i radicali islandesi? Il parlamentare del Progress Party Frosti Sigurjonsson, ha pubblicato un documento che suggerisce la sovranità del creare denaro per consegnarlo alla banca centrale, levandolo alle banche commerciali, e rendere il potere sovrano al Parlamento.

Non riesco a vedere le banche commerciali nel mondo occidentale sia troppo contento di questo. Essi devono essere contemplando asciugandosi la nazione isola al largo della mappa. Se accettato in parlamento islandese, il piano sarebbe cambiare il gioco in modo molto radicale. Sarebbe successo anche, perché non c'è più la grande piaga sulle nostre economie rispetto alle banche commerciali che creano denaro e la cartolarizzazione e vendita dei prestiti che hanno appena creato con i soldi (di credito).


Frosti Sigurjonsson, PROGRESS PARTY

Molti, a eccezione di Paul Krugman, capiscono il motivo dii questa idea. 

Agence France Presse riferisce:

Islanda Esamina la fine della depressione con un piano di riforma di stampa  e sovranità monetaria proposta dai Radicali
Il governo islandese sta esaminando la proposta rivoluzionaria monetaria - rimuovere il potere  di stampare denaro alle banche commerciali e consegnarlo alla banca centrale. La proposta,  sarebbe una svolta nella storia della finanza moderna, fa parte di una relazione scritta da un deputato del governo di centro Progress Party, Frosti Sigurjonsson, dal titolo "Un migliore sistema monetario per l'Islanda".

"I risultati  della discussione saranno un importante contributo decisivo, qui e altrove, sulla creazione di moneta e della politica monetaria", ha affermato il primo ministro David Sigmundur Gunnlaugsson. Il rapporto, commissionato dal premier, serve per porre fine al sistema monetario attuale gestito dalle banche private e porre fine alla crisi finanziaria, che si protrae dal 2008.

Secondo uno studio condotto da quattro banche centrali, il paese ha avuto "più di 20 casi di crisi finanziarie di diversi tipi" dal 1875, con "sei gravi episodi multipli di crisi finanziaria che si verificano in media ogni 15 anni ". Mr Sigurjonsson afferma che il problema nasce ogni volta che si forma una bolla creditizia durante un ciclo economico.
 
Egli sostiene che la Banca Centrale è in grado di tenere testa alla grande richiesta di credito, permettendo  l'aumento di inflazione ed evitando i rischi di speculazione, oltre alla  minaccia del sistema bancario evitando, anche, che questi interventi siano troppo onerosi per lo stato.  In Islanda, come in altre economie di mercato moderne, la banca centrale controlla la creazione di banconote e monete, ma non la creazione di tutto il denaro, che si verifica quando un banca commerciale offre una linea di credito. La banca centrale non può che cercare di influenzare l'offerta di moneta, con i suoi strumenti di politica monetaria.

Sotto la cosiddetta proposta di Denaro Sovrano, la banca centrale del paese diverrebbe l'unico creatore di denaro. "Fondamentalmente, il potere di creare il denaro viene tenuto separato dal potere di decidere come viene utilizzato questo nuovo denaro,"  ha scritto nella sua proposta 
Mr Sigurjonsson, inoltre scrive "Come per il bilancio dello Stato, il parlamento discuterà la proposta del governo per lo stanziamento di nuovi fondi".

Le banche continuerebbero a gestire i conti e i pagamenti, e servirebbero da intermediari tra risparmiatori e istituti di credito. Mr Sigurjonsson, è un uomo d'affari ed economista, ed è  una delle menti che ha scritto il programma di riduzione del debito delle famiglie islandesi lanciato nel maggio 2014, volto ad aiutare i molti islandesi, le cui finanze sono state strangolate dai mutui indicizzati firmati prima della crisi finanziaria del 2008.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!