domenica 26 aprile 2015

MAPPATURA DELLA BATTAGLIA GLOBALE PER PROTEGGERE IL NOSTRO PIANETA...

Leah Temper
thischangeseverything
trd Sa Defenza



Questo post è stato scritto da Leah Temper, coordinatore e co-redattore a EJAtlas , e originariamente apparso su The Guardian il 3 marzo.

Nel 2012 le proteste scoppiate a Banja Luka, Bosnia-Erzegovina sulla demolizione di un gran parco locale amato per costruire un complesso commerciale. 


Un movimento sotto lo slogan " Questo parco è nostro "finalizzato originariamente a proteggere lo spazio verde ben presto ampliato in un movimento collettivo finalizzato alla corruzione, mancanza di trasparenza, la disuguaglianza economica e diminuzione dei servizi sociali. Centinaia di manifestanti provenienti da tutte le classi sociali e religioni si sono riuniti tutti i giorni nel parco in via di chiusura, entrando a far parte di una molla bosniaca che è divenuta la rappresentazione di una lotta per la dignità umana e la responsabilità in movimento civico più articolato nella guerra del 1992-1995.
Da Banja Luka a Gezi Park , in Turchia a Rosia Montana , in Romania alle guerre per la terra in tutta l'India , i conflitti sociali stanno sempre più giocando un ruolo attraverso battaglie intorno alle risorse ambientali e in difesa della terra comune.


Queste lotte hanno talvolta rovesciato governi, come il colpo di stato in Madagascar nel 2008 il problema di "terra-grabbing" ha portato  all'attenzione mondiale il contratto per produrre biocarburanti  per l'esportazione  dato in locazione a Daewoo sulla metà del terreno del paese. Ma la maggior parte del tempo è imposta dagli sfratti, i trasferimenti forzati e la repressione violenta colpite dalla contaminazione da miniere d'oro , l'estrazione del petrolio , le piantagioni e dell'agrobusiness operazioni che vengono raramente riportati dalla stampa. La violenza ecologica inflitta al povero spesso non è una notizia, ma considerata semplicemente come una parte dei costi del consueto  commercio il "business as usual".


Mentre le statistiche sulle azioni di sciopero sono stati raccolti nella memoria storica dalla fine del 19° secolo in molti paesi, ora è raccolta globalmente dalla Organizzazione internazionale del lavoro , non c'è istituzione alcuna che tracci la presenza e la frequenza di mobilitazioni e proteste legate all'ambiente. E' stato questo bisogno di capire meglio e di monitorare tale attività contenziosa che ha motivato il progetto l' Atlante della Giustizia ambientale, una mappa online interattiva che cataloga tutte le storie e azioni di resistenza  locali contro progetti dannosi: dai siti di rifiuti tossici alle operazioni di raffinazione del petrolio alle aree di deforestazione.

EJatlas mira a rendere i conflitti ecologici più visibili  per evidenziare gli impatti strutturali delle attività economiche sulle popolazioni più vulnerabili. Serve da riferimento per gli scienziati, giornalisti, insegnanti è uno spazio virtuale di informazione, messa in rete e condivisione delle conoscenze tra gli attivisti, le comunità e cittadini interessati.

EJatlas è stato ispirato dal lavoro di partecipare di organizzazioni per la Giustizia ambientale, come ad esempio sul grano , il Movimento Mondiale pluviale e Oilwatch internazionale ,OCMAL , l' Osservatorio latinoamericana di di conflitti sul Mining, la cui lotta è sostenere le comunità colpite da 20-30 anni, il lavoro ha aiutato da articolare un movimento globale per la giustizia ambientale. L'atlante globale della giustizia ambientale è un'iniziativa di Ejolt , un progetto europeo di ricerca sostenuto che riunisce 23 organizzazioni per catalogare e analizzare i conflitti ecologici. I conflitti sono inseriti da collaboratori  attivisti e ricercatori,  da un team presso l' Università Autonoma di Barcellona .

Al momento i documenti dell'atlante riferisce di 1.400 conflitti, con la possibilità di filtrare attraverso oltre 100 campi che descrivono gli attori, le forme di mobilitazione dai blocchi ai referendum, impatti e risultati. Assomiglia in molti modi ad una mappa del mondo medievale - mentre alcune regioni sono state mappate, altre rimangono "punti vuoti" ancora da riempire. Mentre molto lavoro resta ancora da fare, il lavoro fatto finora offre diverse intuizioni sulla natura e la forma di resistenza ambientale oggi.

In primo luogo, si evidenzia come quelli in prima linea di queste lotte, spesso non sono gli ambientalisti - sono le comunità che difendono i loro mezzi di sussistenza, il diritto di partecipare al processo decisionale e il riconoscimento dei loro progetti di vita. Né i governi ne le aziende cercano di dipingere un equilibrio tra sviluppo e conservazione. E' piuttosto il significato di sviluppo stesso, che viene sacrificato in nome dello sviluppo decisioniosta

L'inquinamento non è democratico, né è daltonico.

In secondo luogo, mostra come la globalizzazione dell'economia e del materiale e dei flussi finanziari viene seguita dalla globalizzazione della resistenza. Le mobilitazioni sono sempre più interconnesse tra loro: attivisti anti-incenerimento fanno alleanze con i movimenti per la raccolta dei rifiuti  a sostegno, attraverso il riciclo per "raffreddare la terra" Foil Vedanta , un gruppo di attivisti combattono nella miniera di bauxite su una montagna sacra in India, seguono la catena dei rifornimenti il "supply chain" dell'azienda in Zambia, Vedanta  ha come  scopo  le proteste fiscali e di strada . Nuovi punti di convergenza transnazionali  uniscono movimenti che lavorano su questioni come la sovranità alimentare il land grabbing, i biocarburanti e la giustizia climatica.

Questa globalizzazione delle preoccupazioni ha portato a una partecipazione più della società civile nella governance multilaterale, e i risultati sono spesso sulla base di linee guida volontarie. Mentre l'investitore cita lo Stato nei meccanismi di risoluzione delle controversie, come quelli incorporati in accordi commerciali, nella proposta TTIP dell'accordo commerciale UE-USA possono permettere alle aziende di citare in giudizio gli stati, non c'è modo di tenere a bada gli abusi delle aziende. Il caso Chevron , dove l'azienda è riuscita a eludere una multa di 9.500.000.000 € imposto dai tribunali dell'Ecuador per devastazione dell'Amazzonia è solo un esempio di questa sfida.

L'evidenza mostra che "la responsabilità sociale delle imprese" non è una panacea e che perfino le responsabilità delle imprese possono essere applicata con successo, e trasferire i costi il "cost-shifting" , rimarrà una caratteristica distintiva di fare business.

In terzo luogo, la diversità dei conflitti dimostra che le innovazioni tecniche e l'ecocompatibilità del capitalismo attraverso il "pricing nature" non risolveranno la crisi ambientale. Biocarburanti, off-shore dei progetti e anche geo-ingegneria del clima stanno portando a nuovi conflitti in quanto i consumatori del nord occupano sempre più spazio ambientale del sud - per assorbire le emissioni in atmosfera. Naomi Klein ha fortemente sottolineato come incombente il caos climatico può essere affrontata solo attraverso una ristrutturazione dell'economia globale, richiamando l'attenzione alla giustizia intergenerazionale e il mondo che si sta lasciando dietro di noi. Ma le migliaia di realtà esistenti e lotte localizzate di espropriazione ambientale nelle EJatlas sono una chiamata ancora più potente per il bisogno di cambiamento sistemico che affronta la distribuzione del potere e la mancanza di partecipazione democratica che sono alla radice di entrambi ingiustizia sociale e ambientale degrado.

Il pericolo di tali movimenti rappresentano  potenti interessi costituiti attestata dalla intensità della violenza e il gioco maneggiato per reprimerli, con oltre il 30% dei casi riportati nella mappa comporta arresti, omicidi, abusi e altre forme di repressione contro gli attivisti. Non è esagerato dire che in molti paesi si attua una "guerra contro i difensori dell'ambiente" è verità dimostrata dall
a realtà.


Inoltre, il numero di conflitti violenti è destinato ad aumentare perché il rimanente capitale naturale del mondo attualmente si trova sopra o sotto le terre occupate dai popoli indigeni e di sopravvivenza. Comunità che non hanno nulla da perdere sono disposti a usare le tattiche sempre più conflittuali per difendere il loro modo di vivere.

Al di là delle storie di disastri e degrado, le lotte documentate nell'atlante evidenziano come le comunità colpite non sono vittime indifese. Questi non sono solo battaglie difensive e reazionarie, ma lotte proattive
 per la terra comune, per l'energia e la sovranità alimentare, per Buen Vivir , modi di vita indigeni e per la giustiziaL'ambiente è sempre più un canale per le frustrazioni sulla forma dello sviluppo capitalistico. Il monitoraggio di tali spazi di resistenza ecologica attraverso la Giustizia Ambientale Atlas evidenzia sia l'urgenza che il potenziale di questi movimenti per innescare più ampi movimenti trascendentali che possono affrontare le relazioni di potere asimmetriche e muoversi verso sistemi economici veramente sostenibili.

La versione "up-to-date" dell'atlante è stato presentato alla riunione di chiusura del progetto Ejolt a Bruxelles il 3 marzo in cui il progetto ha portato l'attenzione sulla crescente persecuzione dei difensori dell'ambiente e ha invitato dell'Unione Europea politici e parlamentari a integrare la giustizia ambientale all'interno della propria agenda politica e di muoversi verso la riduzione dell'attuale atmosfera di impunità per i crimini ambientali.




Verificate le EJAtlas , e seguire EnvJustice su Twitter. Per una copertura  sul nostro blog di lavoro di Ejolt sui conflitti ecologici, con un focus sulla resistenza al fracking in Europa, clicca qui .



Note di SD:
In Sardinya vi sono attualmente tutta una serie di mobilitazioni di resistenza attiva che toccano molti campi toccati dalla mappa di EJAtlas, abbiamo azioni e assemblee diffuse su tutto il territorio nazionale sardo contro il nucleare, l'importazione delle scorie ed in un recente passato un referendum contro le centrali nucleari e le scorie nucleari da stoccare in Sardinya che il governo coloniale italiota ripropone a distanza di cinque anni, (vedi il manifesto in foto sopra); la lotta contro le basi militari è endemica  il furto di porzioni spropositate della nostra terra a fini militari  il land-grabbing, la lotta contro questa occupazione è attiva  fin dalla fine della anni cinquanta del secolo scorso ; la lotta contro la miniera d'oro di Furtei che ha lasciato un territorio distrutto e inquinato con un lago di cianuro che grava sulla popolazione tutta lasciata dalla SARDINIA GOLD MINING  l'azienda Australiana, l'attività contro le trivelle del progetto Eleonora della Saras, e il gasdotto GALSI, la lotta degli operai del Sulcis per l'occupazione e dei minatori contro l'uso improprio delle miniere e l'abbandono del loro sfruttamento; la volontà di politici e professori poco avveduti che propongono lo sfruttamento del terreno  per la produzione di cardi da trasformare in biocarburanti, la terra data ad aziende spregiudicate per lo sfruttamento del solare o eolico,  la lotta contro l'inquinamento del territorio da parte della industria chimica e delle centrali elettriche a carbone, vedi l'e.ON di Fiumesanto, e molte altre ancora che non stiamo a elencare.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!