lunedì 22 giugno 2015

Nuovo studio su Smart Dust afferma: Nanoparticelle abilitano il controllo remoto del cervello tramite campi magnetici...

Nicholas West
Sa Defenza


Un paio di anni fa, si è saputo  di uno studio a cui lavoravano degli scienziati i quali sperimentavano quello che viene da loro chiamato "Smart Dust" nanoparticelle che potrebbero essere utilizzati come reti di sensori su una vasta gamma di applicazioni sia nella sicurezza che ambientali. Questo studio ha seguita la versione più letterale delle Smart Dust, e sono stati progettati per aprire percorsi che fissano una interfaccia tra cervello umano e computer. 

Il sistema cerebrale è stato contrassegnato con "Neural Dust"  ha lo scopo di "monitorare il cervello dall'interno." Scienziati hanno ipotizzato che una rete di nanoparticelle iniettate nel cervello potrebbe misurare l'attività elettrica dei neuroni, quindi utilizzare ultrasuoni per formare un trasferimento bidirezionale dei dati. Questo teoricamente porterebbe alla lettura, alla generazione o all'alterazione delle informazioni - ad esempio, il controllo della mente. Più preoccupante, al momento, è che le loro teorie erano entrati nella fase di test e ha mostrato un certo successo, anche se su un coleottero.

La nuova ricerca rilasciata dal Florida International University indica che il campo della sperimentazione sui topi è ormai avanzato. Le loro conclusioni e dichiarazioni su ciò che hanno scoperto e trovato, credono che  tutto questo faccia capo a meno confortanti scoperte precedenti.

Il comunicato stampa completo UIF di seguito, con l'aggiunta particolare attenzione delle mie osservazioni. Naturalmente, il comunicato stampa evidenzia solo i potenziali vantaggi di questa tecnologia. Non si possono negare a titolo definitivo tali possibilità, ma dobbiamo sapere in prospettiva che quello che facciamo sulla missione di DARPA si può applicare nel campo militare. La chiave di quella ricerca si può  leggere in questo link: "7 Future Methods of Mind Control" [trd 7 futuri Metodi di Controllo Mentale] sapendo a priori che i dettagli esplosivi sono stati rivelati  ad Activist Post da un informatore  dell'Arizona State University, che  su queste sperimentazioni manifestato le sue più gravi preoccupazioni, "Secret DARPA Mind Control Project Revealed: Leaked Document."


Comunicato stampa 
Il professore e il  team della, Florida International University, questo mese ha pubblicato le notizie di una scoperta scientifica che potrebbe portare al trattamento non invasivo di Parkinson e di altre malattie neurodegenerative. 
I ricercatori manipolano dal remoto le onde elettriche che esistono naturalmente nel cervello dei topi, una prodezza che ha implicazioni di vasta portata per la medicina.
La rivista Nanomedicine sta caratterizzando il saggio, the paper di Sakhrat Khizroev , un professore con  impegni lavorativi nel Herbert Wertheim College of Medicine e nel College of Engineering & Computing 
Utilizzando quanto riportato in precedenza nel FIU-patented technology, i ricercatori hanno iniziato la somministrazione di nanoparticelle magneto-elettriche per via endovenosa , MEN's, nei topi. Con un magnete posto sopra la testa (leggi anche su "God Helmet"), di ogni animale soggetto, le particelle sono stati attirate attraverso la barriera emato-encefalica, dove ha creato campo magnetico  "accoppiatiesternamente con un campo elettrico intrinseco al cervello. 
Ciò ha permesso ai ricercatori di collegare in modalità wireless i loro computer e l'elettronica di neuroni in profondità all'interno del cervello  
I ricercatori hanno poi inviato segnali per via telematica alle persone, che hanno risposto modulando ( o cambiando dal basso verso l'alto e viceversa) la frequenza del cervello di naturalmente onde elettriche. Gli impulsi risultanti creati come "stimolazione cerebrale profonda" ha implicazioni per il trattamento del morbo di Parkinson e di altri disturbi. E' in contrasto con il metodo esistente di stimolazione cerebrale profonda, che comporta la chirurgia invasiva per impiantare un elettrodo nel cervello e un dispositivo medico a pile in altre parti del corpo. 
Da notare, che mentre la modulazione avveniva, i ricercatori avevano una visione dell'attività elettrica nel cervello. Questo feedback è stato inviato da MEN's a un computer, che consente ai ricercatori di confermare ciò che stava avvenendo. 
In un cenno alla natura sempre più personalizzata della medicina , Khizroev ritiene che uomini potrebbero essere un giorno programmati per realizzare qualsiasi numero di procedure mediche relative a il trattamento dei vari disturbi, tra i quali il morbo di Alzheimer e l'autismo. Se correttamente mirati, le particelle potrebbero, ad esempio, essere utilizzate per riparare le cellule o distruggere le placche. Khizroev ritiene inoltre che MEN's  potrebbero potenzialmente rimanere al loro posto all'interno del cervello per periodi prolungati e rilasciare farmaci su un programma pre-impostato. 
"Questo studio è un importante trampolino di lancio per l'apertura di un percorso verso la comprensione del cervello e il trattamento di molti disturbi neurodegenerativi "dice Khizroev. "Con questo collegamento, abbiamo potuto vedere e la riparazione, se necessaria, di tutti i circuiti elettrici in profondità nel cervello. "
*** Fine del comunicato stampa 

L'analisi a distanza e la manipolazione del cervello umano apre chiaramente la porta per il controllo mentale a distanza, come trattamento di una malattia legittima, umana, diventa altro strumento nel semplice cambiamento della percezione. E anche se non raggiunge questo livello, questa tecnologia sembra anche essere a tutto vantaggio di Big Pharma che lavora in tandem con l'establishment medico per garantire che tutti abbiano un qualche tipo di disordine bisognoso di una revisione

Per una spiegazione completa su questo argomento, l'articolo di Jon Rappoport's  "Obamacare: watch out, here comes 'predictive modeling'" è una lettura obbligata. 

Vedete anche, la speranza  transumanista,  Consigliere del Director of Engineering at Google, di Ray Kurzweil per  Human Body 2.0 con nanobot itineranti a riparare il corpo dall'interno. 

Forse ancora più eloquente, però, è che ancora una volta il quadro etico che manca completamente
In tutti i modi abbiamo visto uomini che abusano l'un dell'altro per raggiungere una posizione dominante e di controllo, siamo ancora disposti a lasciare che questi esperimenti continuano senza fare altre domande? 
Una volta raggiunto le nanoscale con l'integrazione del wireless completo, dobbiamo davvero aspettarci che l' "opting out" sarà una possibilità futura?


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!