lunedì 29 giugno 2015

Il portavoce di bloomberg, estensore del sottostante articolo, riporta ovviamente le cose con la sua visione di parte, dimentico del trattamento riservato alla Grecia fin dalla prima crisi di liquidità nel 2010 ove un minimo impegno di 1,5 MLD di € avrebbe risolto la situazione di crisi finanziaria, e non avrebbe messo in difficoltà il resto della "comunità" greca e  mediterranea; si parla sempre col senno di poi, ma si può vedere chiaramente che dal comportamento dei tecnocrati della commissione UE sono dei semplici fantocci che nulla capiscono di politica economica e tantomeno si sociologia o bisogni dei popoli rivelandosi meri esecutori di ordini superiori (mafia khazariana) e degli interessi finanziari mondiali.
Solidarizziamo con Tsipras e la nazione greca che, come la maggioranza dei popoli che si affacciano sul mediterraneo, abbisognano di altra moneta ed altre politiche economiche industriali e sociali; intendiamo avere a cuore gli interessi, non quelli delle élite finanziarie mondiali, delle nazioni libere democratiche e sociali con i suoi rispettivi popoli.
Sa Defenza
Referendum greco, rispetto e Democrazia...

Marc Champion
bloombergview.com
Sa Defenza


Il parlamento greco ha approvato un referendum  per decidere se accettare le ultime condizioni di salvataggio offerte da parte dei creditori del paese. Si arriverà troppo tardi a fare la domanda sbagliata.

Si tratta di un voto che il primo ministro Alexis Tsipras avrebbe dovuto fare almeno un mese fa - se si trattasse di un onesto sforzo per lasciare che il popolo greco faccia una scelta democratica , che è su menzogne ​​future. Così com'è, il referendum del 5 luglio sarà una  corsa non in linea con un  principio viziato all'origine, poiché avverrà dopo che il programma di salvataggio è scaduto . In effetti, si potranno esprimere dopo che la Grecia avrà subito il collasso bancario.
 Il referendum non è, come più volte sostenuto da Tsipras durante il suo annuncio, espressione della democrazia in risposta al "l'autoritarismo" dei creditori. 
La sua tesi che i creditori devono piegarsi alla volontà del suo mandato elettorale è stato assurdo fin dall'inizio: In quale nazione i debitore che sarebbero gli elettori  non scelgono di avere condizioni di credito più facili? E in quale caso il Fondo Monetario Internazionale o qualsiasi creditore degli stati responsabili hanno l'elettorato della loro nazione come clienti?

Ho sostenuto che la Grecia deve tenere un voto per chiarire ciò che la sua gente vuole. 
E' stato necessario perché Syriza ha mentito durante la campagna per ottenere più suoi rappresentanti alla camera dei deputati, offrendo di porre fine alle condizioni di salvataggio, mantenere il piano di salvataggio e rimanere nell'euro - un'opzione che, a torto o a ragione, non è mai stato disponibile. Invece di produrre un mandato più chiaro, però, questo referendum proposto continuerà a mantenere i sotterfugi di Syriza.

Secondo un progetto di proposta di gabinetto , la questione su cui i greci sarebbe chiamati a votare in un tempo di soli sette giorni sarebbe se vogliono accettare l'ultima offerta da parte dei creditori del paese. Si tratta di un documento complesso che deve ancora essere tradotto in greco e potrebbe essere annullato già Mercoledì. E' chiaro dal discorso che Tsipras ha impiegato per designare che si offre - "ricatto", "umiliazione", "ultimatum" - come volete che vada  il voto.

Ancora una volta, proprio come durante la campagna elettorale, i funzionari di Syriza non menzionano ciò che tutto questo significherebbe per la Grecia nell'euro. Essi mantengono la finzione che la questione di accettazione dei termini di salvataggio è nettamente distinto dal default della Grecia, sui pagamenti del debito, e vede il collasso del settore finanziario da essere costretto a emettere una propria moneta, in un modo o nell'altro.

Non una sola volta nel suo discorso sul referendum ha fatto Tsipras parla della moneta comune. Quando la Associated Press ha chiesto al  ministro Panagiotis Lafazanis se il nirvana di ricostruzione e di progresso che ha descritto come seguito da un "no" al piano di salvataggio comporterebbe lasciare l'euro, ha detto: 
"Siete voi [i media] che ponete questo dilemma."

Questa è la disonestà populista. Può darsi che a questo punto la Grecia starebbe meglio inadempiente e il ritorno alla dracma (anche se ne dubito). E può essere che la maggioranza dei greci renderebbe la scelta di andare da soli, piuttosto che continuare un rapporto disfunzionale con i partner e i creditori economici della nazione (anche se i sondaggi non lo suggeriscono). Ma il referendum proposto non chiede queste domande.

Tsipras e il suo partito vogliono questo voto per legittimare la loro decisione di default e uscire l'euro, molto probabilmente dopo che è già stato preso questa decisione, senza in realtà dire greci che questa è la scelta che stanno facendo. Dà inoltre peso al mio sospetto il comportamento negoziale irregolare di Syriza degli ultimi cinque mesi è stata guidata da una preferenza per difetto, l'uscita l'euro che non potevano esprimere, perché il partito non aveva il mandato per questo.

Gli elettori greci dovrebbero avere cose vere ed autentiche su quello che ci sarebbe da decidere il 5 luglio, se il voto va avanti, subito dopo è probabile il caos la settimana prossima: un ritorno alle condizioni di salvataggio entro l'euro, o un default e un ritorno alla sovranità fiscale al di fuori di esso.

Per contattare l'autore di questo articolo: 
Marc Champion


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!