martedì 7 luglio 2015

Il Pentagono legalizza i crimini di guerra e l'assassinio dei giornalisti...

Sa Defenza












Proprio quando sembrava che la dialettica della politica del governo [USA] non poteva avere più paradossi, o auto-giustificazioni,  nelle sue contraddizioni, il Pentagono ha pubblicato all'inizio di questo mese (giugno) il suo " manuale dei diritti di guerra ". 

Il manuale è destinato a dettare il comportamento del diritto dei membri dei servizi di tutti i settori durante operazioni militari. Nonostante l'enorme tomo è più secco del pane raffermo, ci sono un sacco di voci allarmanti, ma, dopo una lettura accurata vediamo di che si tratta, si designano i giornalisti come potenziali terroristi, e si consente e garantisce l'uso di armi proibite a livello internazionale.

Questo manuale è il primo cambiamento globale fatto dal Dipartimento nelle leggi della difesa nella politica di guerra dal 1956 ed è stato in formazione per 25 anni. Un cambiamento di terminologia si rivolge direttamente ai giornalisti, affermando: "in generale, i giornalisti sono civili. Tuttavia, i giornalisti possono essere membri delle forze armate [...] o belligeranti non privilegiati. " A quanto pare, i giornalisti hanno aderito alle fila di al-Qaeda in questa "nuova " denominazione, che sostituisce il termine dell'era Bush, "senza privilegi bellici ai combattenti illegali. " Quali ripercussioni questa categorizzazione potrebbe portare 
in futuro,  sono lasciate alla vostra fantasia, anche se il ragionamento delle possibilità citate potrebbero impersonare giornalisti  terroristi  sembra legittimo. Questa etichetta confonde e ha portato un avvocato civile ad affermare che era "una cosa strana e provocatoria, il solo, averlo scritto."

Su una superficie liscia
, un manuale di leggi che regolano i dettagli di come un Paese si comporta in conflitto e intende taluni comportamenti, compreso quello che violerebbe i diritti umani, è semplicemente inaccettabile. Anche se questo è tecnicamente apparentemente vero, il Dipartimento della Difesa a pag. 1.180, di fatto la guida interlineare singola dell'utente, nel suo contenuto smentiscono gli Stati Uniti e lo pone nel guinness dei primati come governo più arrogante e bellicoso del pianeta.

L'uso di uranio impoverito da parte delle forze armate americane durante la guerra in Iraq e non solo è ben documentata e categoricamente riprovevole lasciano migliaia di civili iracheni a soffrire le conseguenze anche in futuro. "Quello che questo ha generato, dal 2004 fino ad oggi, è che stanno avvenendo un tasso di malformazioni congenite nella città di Fallujah, che ha superato anche che la scia delle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki con le bombe atomiche sganciate alla fine della Seconda Guerra Mondiale
ammonisce  il giornalista di Al-Jazeera Dahr Jamail, e non esagerava.

Uno studio pubblicato sul International Journal of Environmental Research and Public Health ha provato tassi di diffusione del cancro, 40 volte superiore rispetto a prima dell'invasione americana,  
dovuti all'uso di armi a uranio impoverito.  
Le proteste fatte in tutto il mondo per vietare tali munizioni non hanno ancora avuto risposta, anche se il Belgio,  e tutta l'America Latina, e Costa Rica nel frattempo hanno istituito la proscrizione di tali armi

Sono innumerevoli le testimonianze circa i soggetti segnalati per deformità, bambini nati con arti mancanti, o due teste, anche senza testa e altri tipi di deformità profondamente inquietanti, il fatto che la legge del manuale di Guerra stabilisca che l'uranio impoverito è strumento accettabile di guerra dagli Stati Uniti, mette in difficili condizioni la giusta condanna.
Si tratta di una non meno spettacolare ironia che il governo si vanti di essere campione dei diritti umani e civili e contemporaneamente stipula per iscritto che le munizioni internazionali vietate sono perfettamente giustificabili durante la guerra fino a quando le usiamo noi, naturalmente. E per rendere assolutamente certa che tutte le basi siano coperte, le descrizioni precise sui tipi di armi comprensibilmente marcate come "Proibite", appaiono poi gli stessi nomi nella categoria immediatamente successiva: "Legali".
Se ciò non bastasse, elencati sotto il titolo di "legittime", vi sono anche  le bombe a grappolo.
Queste bombe sono vietate dalle convenzioni internazionali, ciononostante, sono delineate nel manuale come aventi "Norme specifiche in materia di uso" -, notare che l'uso di tali armi è vietato, ma " può far riflettere sugli obblighi USA sul diritto internazionale " [il corsivo è mio]. 

Anche se questo è tecnicamente adatto, le bombe a grappolo sono state bandite dalla Convenzione del 2008 sulle munizioni a grappolo - ed è stato concordato con 116 paesi in tutto il mondo. Gli Stati Uniti si distingue in questa infame violazione dei diritti umani, assieme all'Arabia Saudita, nel suo rifiuto di firma. Queste munizioni insidiose lasciano sparsi ordigni inesplosi per mesi, o anche per decenni, dopo che la bomba originaria viene abbandonata. I bambini sono spesso mutilati o uccisi quando hanno inconsapevolmente li scambiano per giocattoli.

La comparsa di bombe a grappolo  è per
 tutti un paradosso, che dire della politica degli Stati Uniti che ne consente apparentemente solo per l'esportazione
I paesi riceventi che devono usare le bombe sono obbligati a sapere che "saranno utilizzati solo contro obiettivi militari" con il minimo danno possibile per i civili innocenti. Da rapporti dell'inizio di questo mese sappiamo che, le bombe a grappolo USA, sono state utilizzate contro i cittadini yemeniti, il ministero della Difesa US ha annunciato che avrebbe diligentemente indagato e ha anche sostenuto che l'esportazione di armi insidiose cesserà nel 2018.
Ma, se dobbiamo credere a queste apparenti preoccupazioni nella detenerle  non vi è alcuna verità di sorta, perché nella lista le "bombe a grappolo" sono definite armi lecite, e noi non le usiamo? Sì, questa è una domanda retorica .
Uranio impoverito e bombe a grappolo sono solo due esempi fra molti nel manuale che in realtà genera una pletora di domande piuttosto che fornire delle risposte definitive ci si potrebbe aspettare da titolo del Pentagono. 
Si è trovato che tra i dispositivi elencati "leciti" ci sono mine, armi nucleari, trappole, erbicidi, armi laser non accecanti, ordigni incendiari, e armi a frammentazione , la sezioni delle armi comprendono una mera frazione del voluminoso documento con 6169 note a fine pagina.

Tale linguaggio abilmente artigianale e contrario alla legge di guerra, il Manuale sarebbe un comico rompicapo,  se non fosse per le conseguenze scioccanti per i civili di tutto il mondo, ma si sa, il fine giustifica i mezzi.

Alcuni apologeti guarderanno il titolo del manuale per dichiarare che il governo americano ha degli standard ammirevoli, anche in tempo di guerra ma, per fortuna, il numero di persone che vengono a conoscenza del contenuto del manuale cresce in modo esponenziale ogni giorno.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!