mercoledì 1 luglio 2015

La fraudolenta scienza di Big Pharma con gli psicofarmaci porta un tributo, di mezzo milione, di  morti  ogni anno...

David Gutierrez
naturalnews.com 
Sa Defenza


Gli psicofarmaci uccidono circa 500.000 persone all'anno, se osserviamo solo le persone sopra i 65 anni nei paesi occidentali, secondo un'analisi condotta da un ricercatore danese di fama mondiale. 

Peter Gotzsche, direttore 
di ricerca presso il Nordic Cochrane Centre , citato in un articolo pubblicato sul British Medical Journal ( BMJ ), nel quale sostiene che gli psicofarmaci hanno solo benefici "minimi", ma effetti collaterali molto gravi. E continua dicendo che, il grande uso di questi farmaci potrebbe essere ridotto senza fare alcun danno. 

L'articolo è parte di una fine discussione risultata da un dibattito presso il King's College London il 13 maggio e pubblicato dalla rivista, dibattito e  discussione incentrata sulla questione se gli psicofarmaci fanno più male o bene. Nel BMJ, l'articolo sostiene l'importanza del dibattito sugli psicofarmaci di cui è co-autore John Crace - un paziente psichiatrico- che scrive per il Guardian e Allan Young, un ricercatore che ammette il maggiore coinvolgimento finanziario con l'industria farmaceutica.


Beneficio minimo
Gotzsche è un critico altamente affidabile del settore dei psicofarmaci. E' medico dal 1984, e si è specializzato in medicina interna  e ha trascorso gran parte della sua carriera in qualità di rappresentante delle aziende farmaceutiche. In seguito ha fondato un dipartimento medico presso una casa farmaceutica, rd è stato il responsabile per gli studi clinici di nuova registrazione del farmaco. 

Nel 1993, Gotzsche co-fondatore di Cochrane Collaboration, organizzazione rispettata a livello mondiale, che si dedica alla revisione dei dati di ricerca medica a sostegno delle evidenze base della medicina. Le credenziali di Götzsche come ricercatore sono forti e indiscutibili; forte di almeno settanta pubblicazioni nelle "cinque più grandi " riviste mediche ( BMJ, Lancet, JAMA, Annals of Internal Medicine e del New England Journal of Medicine ), inoltre le sue opere di ricerca sono state citate più di 15.000 volte. Nel 2014, il suo libro Deadly Medicines and Organised Crime: come Big Pharma ha corrotto Health Care, ha vinto il premio della British Medical Association

Secondo Gotzsche, i benefici dei farmaci psichiatrici sono stati selvaggiamente esagerati. In un articolo su BMJ, osserva che la maggior parte degli studi sugli pscicofarmaci  producono prove inattendibili perché sono condotti per lo più su persone che, fino a poco tempo prima, stavano assumendo altri farmaci. Così, i partecipanti subiscono la sospensione del farmaco nella fase iniziale del processo, solo per poi avere un "miglioramento"  spettacolare, apparentemente dovuto al nuovo farmaco
In particolare, si osserva che le prove sugli antidepressivi venlafaxina (Effexxor) e fluoxetina (Prozac)  non hanno mostrato quasi nessun efficacia placebo. Prove di farmaci per l'ADHD sono stati ambigui, mentre quelle dei farmaci per la schizofrenia contengono elementi preoccupanti.

"Immensamente dannosi"
L'articolo di Gotzsche richiama in particolare l'attenzione sugli effetti collaterali relativamente comuni e gravi dei psicofarmaci. Egli osserva che gli psicofarmaci devono essere utilizzati solo per brevi periodi, e sono "estremamente dannosi" se utilizzati a lungo termine. 
"Dovrebbero essere quasi esclusivamente utilizzati in situazioni acute e sempre con un piano di studio di disintossicazione, che può rivelarsi difficile per molti pazienti ", scrive. 
Gotzsche analizza i dati che dimostrano che i farmaci psichiatrici di tre tipi (antidepressivi, antipsicotici e benzodiazepine) uccidono 3.693 persone di età superiore ai 65 ogni anno in Danimarca, che in scala negli Stati Uniti e Unione Europea si arriva ad una stima di mezzo un milione di persone morte all'anno. Inoltre, afferma che i suicidi indotti dagli stupefacenti sono stati notevolmente sottovalutati negli studi clinici. 
"I loro benefici avrebbero bisogno di essere colossali per giustificare questo, ma in realtà sono minimi", continua. 
La prescrizione di farmaci per l'ADHD in particolare, dice che forniscono solo "sollievo a breve termine", ma a costo di grandi " danni a lungo termine. "  
"Data la loro mancanza di vantaggi, ho stimato che potremmo fermare quasi tutti i psicofarmaci o droghe psicotropiche senza causare danni - facendo eliminare la prescrizione e l'uso di tutti gli antidepressivi, i farmaci per l'ADHD e  per la demenza ... utilizzando solo una frazione dei farmaci antipsicotici e benzodiazepine che attualmente usiamo, " conclude Gotzsche .  
"Questo porterebbe a popolazioni più sane e più longeve."
"Gli studi su animali suggeriscono fortemente che questi farmaci possono produrre un danno cerebrale, ed è probabile che sia il caso per tutti i farmaci psicotropi", scrive. 

(Natural News Science)

Fonte:

http://rt.com

http://www.bmj.com

http://www.independent.co.uk

http://www.theguardian.com

http://www.arafmi.org

http://www.amazon.com

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!