venerdì 4 settembre 2015

Metodi di manipolazione dei media: disinformare anziché informare

Michael Parenti

4thmedia.org 

sa defenza








Tratto dal libro "20 anni di Censura delle informazioni" di Carl Jensen e Project Censored

Ci è stato raccontato dai media che pregiudizi sulla notizia sono inevitabili. 
Le distorsioni sono causate da pressioni dettate dalla fretta, errore di valutazione umana, restrizioni di bilancio, e la difficoltà di ridurre una storia complessa in una relazione sintetica. Inoltre, si sostiene, nessun sistema di comunicazione può sperare di riportare tutto. È necessaria selettività.

Direi che i travisamenti quotidiani nei media non sono tutti il ​​risultato di errori o produzioni innocenti, anche se esistono  tali problemi.


È vero, la stampa deve essere selettiva, ma quale principio di selettività è applicata?

La parzialità nei media non si verifica in modo casuale; piuttosto si muove nella stessa direzione generale più e più volte, favorendo la gestione sul lavoro, le imprese invece che i critici aziendali, i benestanti anziché le minoranze a basso reddito, la burocrazia più dei manifestanti, il monopolio dei due partiti di sinistra nel concorso di terzi, la privatizzazione "riforme" e libero mercato  dallo sviluppo del settore pubblico,  il ​​dominio aziendale degli Stati Uniti sul Terzo Mondo rivoluzionario di cambiamento sociale, e commentatori conservatori e editorialisti come Rush Limbaugh e George Will su quelli progressisti o populisti come Jim Hightower e Ralph Nader (per non parlare di quelli più radicali).
I media mainstream aziendali raramente si smarriscono in un territorio che potrebbe causare disagio a coloro che detengono il potere politico ed economico, tra cui coloro che possiedono i mezzi di comunicazione o pubblicità in esso.

Quelle che seguono sono alcune metodiche comuni di manipolazione dei media:

Soppressione per omissione. 

La forma più comune di manipolazione dei media è la soppressione per omissione. Le cose rimaste sotto silenzio a volte comprendono non solo i dettagli importanti di una storia, ma l'intera storia stessa. I rapporti che riflettono sopra i poteri forti sono meno probabili che vedano la luce del giorno.

Così l'avvelenamento da Tylenol di diverse persone da un individuo squilibrato è stato trattato come una grande novità, ma la storia di gran lunga più sensazionale la intossicazione industriale dei polmoni di migliaia di operai di grandi interessi dei produttori (che possiedono o pubblicizzano nei maggiori media) è rimasto soppresso per decenni, nonostante gli sforzi dei gruppi sulla sicurezza dei lavoratori di portare la questione davanti al pubblico.

Spesso i media son muti o sminuiscono situazioni sensazionali (a differenza di scandalistiche) storie.
Così, nel 1965 i militari indonesiani consigliati, equipaggiati e finanziati dagli Stati Uniti e dalla CIA rovesciò il presidente Achmed Sukarno  sradicando il partito comunista indonesiano e i suoi alleati, uccidono mezzo milione di persone (alcune stime parlano di un milione ) in quello che era il più grande atto di sterminio politico dopo l'Olocausto nazista.
I generali hanno, anche distrutto centinaia di cliniche, biblioteche, scuole e centri comunitari che erano stati aperti dai comunisti. Qui era una cosa eccezionale, se mai ce ne fosse un'altra, ma ci sono voluti tre mesi prima di ricevere notizia e che fosse menzionata nella rivista Time è dovuto passare un altro mese prima che fosse riportato sul New York Times (4 aprile 1966), accompagnato da un editoriale che elogia l'esercito indonesiano golpista non  "a ragione facendo la propria parte con estrema cautela."

Informazioni sulla repressione di massa, omicidi e torture praticate dagli Stati Uniti con supporto della destra e stati clienti come la Turchia, Indonesia, Arabia Saudita, Marocco, El Salvador, Guatemala, e altri,  troppi numerosi da menzionarli tutti,  è stato semplicemente omesso da parte dei media mainstream e in tal modo ha negato il dibattito pubblico e la critica. E  soppresso con un efficienza e la coerenza ciò che sarebbe stato chiamato "totalitario" se dovesse verificarsi in alcuni altri paesi.

Attaccare e distruggere il target. 

Talvolta una racconto non scomparirà. Quando omissioni rivela essere insufficienti, i media si muovono ignorando  la storia o per smentirla con vigore.

Ad esempio, nel corso di 40 anni, la stessa CIA è coinvolta nel traffico di droga in Italia, Francia, Corsica, Indocina, l'Afghanistan, e Centro e Sud America.

Gran parte di questa attività è stato l'oggetto di estese ricerche della commissione Pike  del Congresso nel 1970 e il comitato del senatore Kerry al Congresso alla fine del 1980, ed è di dominio pubblico. Ma i media non ha fatto nulla, e, inesorabilmente travisano e attaccano i risultati raggiunti nel modo più dispregiativo possibile.

Nel mese di agosto 1996, quando il San Jose Mercury News ha pubblicato una serie approfondita sulle spedizioni della CIA-Contra che ha inondato Los Angeles, i principali media hanno soppresso la notizia.
Ma solo dopo che la serie è stata distribuita in tutto il mondo sul Web,allora la notizia è diventata troppo difficile da ignorare, e i media hanno iniziato la diffusione. Gli articoli sul Washington Post e il New York Times e le relazioni sulle reti televisive e PBS hanno annunciato che non vi era "nessuna prova" del coinvolgimento della CIA, che la serie di report pubblicati sul Mercury News era, secondo loro, solo "cattivo giornalismo", e che l'interesse del pubblico su questa materia era il vero problema, una questione di ingenuità, l'isteria, e la mania di complotto.
Infatti, la serie di articoli sul  Mercury News, attingono a un anno di indagini, ha citato nomi di agenti e rivenditori specifici. Al momento dell'immissione sul Web, della serie di articoli è stata abbondantemente integrata da documenti e testimonianze pertinenti che hanno sostenuto l'accusa.
In risposta, i media mainstream hanno semplicemente smentito, dicendo al pubblico che tali prove non esistevano. Con un processo di ripetizione inesorabile, i principali media hanno esonerato la CIA da qualsiasi coinvolgimento nel traffico della droga.
Etichettatura

Un'etichetta predefinisce un soggetto, semplicemente dandogli un tag positivo o negativo senza il beneficio di tutti i dettagli esplicativi. Alcune etichette positive sono: "stabilità", "La leadership ferma del presidente," e "una forte difesa" Fra i più negativi sono: ". Guerriglieri di sinistra", "terroristi islamici" e "teorici della cospirazione".

Nella campagna California giugno 1998 per la Proposition 226, una misura volta a paralizzare le attività politiche del lavoro organizzato, i leader sindacali sono stati ripetutamente etichettati "dirigenti sindacali", mentre i leader aziendali non sono mai stati chiamati "padroni aziendali".

La stampa  è falsamente etichettata come fossero dei "media liberali" mentre nella realtà è piena di centinaia di cronisti conservatori, commentatori, e talk-show con ospite che affollano l'universo della comunicazione con denunce sull'essere tagliati fuori da esso.

Un'etichetta sorprendentemente ingannevole è "riforma", una parola che viene erroneamente applicato allo smantellamento di riforme sociali. Così i media hanno parlato di "riforma del welfare" in riferimento alla eliminazione dei programmi di assistenza familiare.
Negli ultimi 30 anni, la "riforma fiscale" è servita da eufemismo ingannevole per leggi che hanno ripetutamente ridotto le imposte ai redditi alti, spostando l'onere di pagamento più regressivo sugli strati medio bassi dei redditi.
Assunzione preventiva. 

Spesso i media accettano come data la posizione politica che deve essere esaminata acriticamente. Durante il 1980, quando la Casa Bianca ha proposto un enorme aumento delle spese militari, la stampa è andata avanti senza dare alcuna spiegazione a chi ha chiesto la riduzione del bilancio sulle armi già molto gonfio.

Allo stesso modo, la discussione dei media sulla "riforma" delle sicurezza sociale, è un eufemismo per la privatizzazione e l'eventuale abolizione di un programma che funziona bene. La Social Security funziona come un servizio umano triplice: oltre alle pensioni di anzianità, fornisce  assistenza ai superstiti che vivono in famiglie che hanno perso il loro capofamiglia, ed anche a chi ha invalidità, a persone di certa età in prepensionamento che hanno subito gravi lesioni o malattie.
Dalla rassegna stampa esistente oggi, non si sarebbe mai saputo come funziona la sicurezza sociale. Invece i media, assumono una posizione molto dubbia, e dicono che abbisogna di essere ridiscussa: il programma è in pericolo di collasso (entro 30 anni) e necessita pertanto essere privatizzata.
Rapporto qualità di trasmissione

Un modo di mentire è accettare, per oro colato ciò che è noto essere menzogna ​​ufficiale, acriticamente passandoli al pubblico senza adeguata conferma.

Quando si sfidano i giornalisti su questo argomento, loro insistono sul fatto che non possono esprimere la propria ideologia personale nelle loro relazioni. Nessuno chiede loro di farlo, ma la critica afferma che loro lo fanno già, mentono sapendo di mentire.

Le loro percezioni ideologiche convenzionali di solito coincidono con quelle dei loro padroni e con la burocrazia, rendendoli fornitori fedeli della ortodossia politica prevalente. Questa confluenza di parzialità è vissuta come l'assenza di pregiudizi, ed è descritta come "obiettività".


Disprezzo dei contenuti

Si deve ammirare come i media possono dare tanto risalto allo stile e di processo, e così poco di sostanza reale. Un esempio lampante è il modo in cui le elezioni sono segnalati.

La campagna politica è ridotta a una corsa di cavalli: da chi verrà eseguito? Chi vincerà la nomination? Chi vincerà le elezioni? Commentatori Notizie suonano più come critici teatrali come tengono indietro su ciò che il candidato è un buon rendimento e che proietta l'immagine più positiva.

Ai problemi reali viene accordata scarsa attenzione, e il dialogo democratico che dovrebbe accompagnare un concorso per una carica pubblica avviene raramente posto.

Resoconti sui grandi scioperi, le rare occasioni in cui la stampa si occupa delle lotte sul lavoro si offre un report sprezzante sui contenuti. Ci viene detto quanti giorni lo sciopero è durato, gli inconveniente e i costi per la società e il pubblico, e che i negoziati minacciano di abbattere il benessere.

Mancanza di ogni riferimento al contenuto del conflitto, sui problemi reali: la contrazione degli stipendi e dei benefici, il declassamento di posti di lavoro, o la riluttanza del management di negoziare un nuovo contratto.

Falso equilibrio

In conformità con i canoni del buon giornalismo, la stampa dovrebbe toccare fonti concorrenti di ottenere entrambi i lati di un problema. In realtà, entrambe le parti sono raramente accordata uguale rilievo.

Uno studio ha rilevato sul network NPR, che è presumibilmente il più liberale dei media mainstream, i portavoce della destra sono spesso intervistati da soli senza confronto, mentre i liberali nelle poche occasioni che accade, quando appaiono, sono quasi sempre accompagnati da osservazioni fatte dai conservatori. Mentre le Sinistre-progressiste e radicali sono quasi completamente tagliati fuori.

Falso bilanciamento era evidente in un report della  BBC World News (11 dicembre 1997), che ha parlato di "una situazione di violenza tra le forze indonesiane e guerriglieri di Timor" - non un accenno al fatto che i guerriglieri stavano lottando con la loro vita contro una forza d'invasione indonesiana che aveva massacrato circa 200.000 cittadini Timoresi.

Invece, che un terribile atto di aggressione è stato fatto passare per una lotta basata sul risentimento reciproco, con "omicidi da entrambe le parti." Imponendo un patina neutra sopra l'invasione genocida di Timor Est, lo speaker della BBC la stava presentando con evidente distorsione.


La Struttura.

La propaganda più efficace, si basa su una buona inquadratura, piuttosto che sulla menzogna. Piegando la verità piuttosto che romperla, mediante enfasi e altri abbellimenti ausiliari, i comunicatori possono creare l'impressione desiderata senza discostarsi troppo dall'apparenza di obiettività.

L'inquadramento viene ottenuta dal modo in cui la notizia viene confezionata, la rilevanza dell'esposizione, la posizione (prima pagina o seppellita all'interno, articolo principale o l'ultimo), il tono della presentazione (simpatica, o sgradevole), i titoli e le fotografie, e, in caso di emittenti radiotelevisive, gli effetti visivi e uditivi di accompagnamento.

I Giornalisti televisivi sono usati come abbellimenti ausiliari. Coltivano una consegna regolare e cercano di dare l'impressione di distacco. Usano un tono sapendolo progettato per favorire la credibilità, esprimendo quello che chiamo "l'ignoranza autorevole", come in un discorso del tipo: "Come finirà questa situazione? Solo il tempo lo dirà"; o "Nessuno può dirlo con certezza."

A volte sono banali ovvietà rifilate come penetranti verità. Quindi si usano frasi per imboccare come: "A meno che lo sciopero si risolva presto, altrimenti le due parti saranno impegnate in una lunga e aspra lotta."

Imparare, a non chiedere mai, perché. 

Molte cose sono riportate nelle notizie, ma poche sono spiegate. Siamo invitati a vedere il mondo come fanno gli esperti mainstream, mentre diffondono degli eventi, delle personalità azionate per caso, di circostanza, confuse nelle intenzioni, e nell'ambizione,  da parte di potenti interessi di classe, mai individuali, ma sempre presenti producono effetti che servono tali interessi con impressionante regolarità.

La Voce passiva e sul soggetto impersonale sono costruite retoriche essenziali per questa modalità di evasione.  Quindi la recessione appena avviene è apparentemente trattata come fosse un fenomeno naturale ("la nostra economia è in crisi"), e che ha poco a che fare con il processo di accumulazione di profitto, della guerra costante del capitale contro il lavoro, e dell'incapacità dei lavoratori sottopagati di fare abbastanza soldi per comprarsi e sostenere i beni e i servizi che producono.

In sintesi, le prestazioni delle notizie sui media non sono un fallimento, ma un successo di abilità evasivaIl loro compito non è quello di informare ma disinformare, non far avanzare la dialettica democratica ma disattivarla, ci dice a cosa pensare del mondo prima di disporre di noi stessi della possibilità di pensare a questo proposito.
Quando comprenderemo che la selettività delle notizie probabilmente favorisce coloro che hanno il potere, le loro posizioni e ricchezze, si passerà da una denuncia liberale circa le prestazione approssimative della stampa ad un'analisi più radicale,  su come i media servono i circoli dirigenti con molta abilità e mestiere.


Michael Parenti ha ricevuto il suo Dottorato in scienze politiche presso l'Università di Yale nel 1962, ed ha insegnato in un certo numero di college e università. E' l'autore di tredici libri, tra cui: Democracy for a Few (6th edition); Power and the Powerless; Inventing Reality: The Politics of News Media (2nd edition); The Sword and the Dollar: Imperialism, Revolution and the Arms Race; Make-Believe Media: The Politics of Entertainment; Land of Idols, Political Mythology in America; Against Empire: Dirty Truths; and Blackshirts and Reds: Rational Fascism and the Overthrow of Communism. Articoli del Dr. Parenti sono apparsi in una vasta gamma di riviste accademiche e periodici politici. Vive a Berkeley, in California, e si dedica a tempo pieno alla scrittura e a tenere conferenze in tutto il paese.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!