mercoledì 7 ottobre 2015

ASHTON CARTER: GLI STATI UNITI NON SONO PRONTI A TRATTARE CON LA RUSSIA 

Anton Orlowski




Oggi, Ashton Carter, in Italia, ha detto che gli Stati Uniti non coopereranno con la Russia nella lotta contro lo Stato islamico, e la cooperazione è impossibile fintanto che Mosca colpisce altri soggetti sul territorio della Siria. [ndt gli altri soggetti sono al Nusra ovvero l'ex al Qaida quelli che loro stessi dicono siano quelli delle torri gemelle , per capirci]. 
Ha detto che gli Stati Uniti effettuerà contatti tecnici con la parte russa per garantire la sicurezza dello spazio aereo della Siria. 

Carter ha detto che gli Stati Uniti non sono pronti a cooperare con la strategia russa che a "difetti tragici", aggiungendo che la sconfitta di scopo dei non ISIS - è un errore fondamentale. [ndt si è già dimenticato del bombardamento, che hanno fatto gli USA, durata ben un'ora sull'ospedale di Medici senza frontiere  in Afganistan, definita dall'ONU crimine di guerra]

Non trovando da ridire sulle parole del Segretario della Difesa statunitense, vorrei rispondere a una semplice domanda. Il Pentagono sa esattamente dové l'obiettivo di ISIS che hanno impedito di ristabilire l'ordine in Medio Oriente? Come sapete, gli Stati Uniti, quando lo ritengono necessario, sono capaci di azioni rapide  più o meno efficaci tanto da non trattenersi anche in mancanza di un mandato delle Nazioni Unite sul funzionamento o l'assenza di richiesta del governo legittimo, che chiede "un aiuto". 
Carter  è sconvolto dall'operazione di terra iniziata dalle truppe siriane sotto la copertura dell'aviazione russa.   Gli sforzi degli Stati Uniti per creare il caos in giro nel Medio Oriente e ridurlo in cenere si svolgono da molto tempo? Ciò che Dio sta facendo è cosa fare dopo? 
Gli Stati Uniti continuano a insistere solo sulla partenza di Assad .... E afferma più di ogni altra cosa, Assad deve dimettersi perché spariranno immediatamente tutti i problemi (?). Si è letto che gli Stati Uniti hanno accusato Assad  delle vittime tra la popolazione in Siria, stimate di 250 000 persone. Si, ma non dice che di questi, circa 80-100.000 persone - sono le perdite dell'esercito di Assad. Assumendo perdite le parti in conflitto, di uno a uno, molte cose diventano più chiare. 

Gli Stati Uniti stanno cercando di ridurre i contatti con la parte russa per risolvere i problemi tecnici, allo stesso tempo riconosce che la Russia la spinge ad un impegno più ampio. Ma gli Stati Uniti non sono all'altezza, Carter ha tuonato sulla violazione dello spazio aereo turco. Sembra che oltre a slogan ed ad alzare voce con i media, non sia interessato di nessuna altra cosa. 
Qui abbiamo il mondo che  lotta contro il terrorismo. 
Qualcuno combatte, e qualcuno non fa che parlare ... un sacco. 

Anton Orlov




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!