venerdì 9 ottobre 2015

E' ARRIVATO IL TRACOLLO  DELLA FINANZA GLOBALE? CI SONO PROVE EVIDENTI CHE E' INIZIATA LA GRANDE CRISI DEI DERIVATI ...

Michael Snyder
Economic Collapse







Warren Buffett una volta ha  definito i derivati ​​come "armi finanziarie di distruzione di massa", ed era inevitabile che a un certo punto avrebbero iniziato a devastare il nostro sistema finanziario. Mentre le cose possono sembrare calme a Wall Street, al momento, la verità è che una grande quantità di problemi sta bollendo appena sotto la superficie. Come si vedrà in seguito, qualcosa è accaduto a metà settembre che ha richiesto un aumento senza precedenti di 405 miliardi di dollari di  garanzie del Tesoro nel mercato dei pronti contro termine. So - che suona molto complicato, quindi cercherò di scomporlo più semplicemente per voi. Sembra che alcune istituzioni molto grandi hanno cominciato a entrare in  significativa  difficoltà a causa di tutte le scommesse temerarie che stanno facendo. Questo qualcosa ho avvertito che sarebbe accaduto più e più volte. In realtà, ho scritto su di esso così tanto che i miei lettori abituali sono probabilmente stanchi di sentirne parlare. Ma é proprio questo che sta per provocare il crollo del nostro sistema finanziario.

Molti là fuori si arrabbiano quando paragono l'intermediazione in derivati ​​al gioco d'azzardo, e forse sarebbe più esatto  descrivere la maggior parte dei derivati ​​come una forma di assicurazione. Le grandi istituzioni finanziarie ci assicurano che sono usciti dalla maggior parte del rischio di questi contratti ed altri e quindi non c'è motivo di preoccuparsi secondo loro.

Beh, personalmente non accetto loro spiegazioni, ed anche molti altri non lo fanno. Su un livello primitivo molto basic , i derivati ​​di negoziazione è gioco d'azzardo.

Questo è un punto che Jeff Nielson ha espresso molto eloquentemente  in un pezzo che ha pubblicato recentemente...

Nessuno "capisce" i derivati. Quante volte si è sentito dire dai lettori questo pensiero  (si prega di arrotondare alle migliaia)? Perché nessuno capisce i derivati? Per molti; la risposta a questa domanda è che sono semplicemente  troppo prevenuti. Per gli altri; la risposta è che non ci "pensano" affatto. 
I derivati ​​sono scommesse. Questa non è una metafora, o analogia, o generalizzazione. I derivati ​​sono scommesse. Periodo. Questo è tutto ciò che si è visto nel passato. Questo è tutto quello che non può mai essere.

Una grande istituzione finanziaria, che sembra essere in guai seri, con queste armi finanziarie di distruzione di massa è Glencore. Un tempo Glencore [1] è stata considerata come una delle più grandi aziende, la 10° su tutto il pianeta, ma ora sembra sia andata  a pezzi, e una grande quantità dei loro problemi sembra siano legati ai derivati. Continua su  Zero Hedge ...

Di particolare interesse, hanno detto, è stato l'uso di Glencore degli strumenti finanziari, come i derivati ​​di copertura negli scambi di beni fisici contro oscillazioni di prezzo. La società aveva $ 9.800.000.000 lordi in derivati ​​nel mese di giugno 2015, sceso dai $ 19.000.000.000 in tali posizioni, alla fine del 2014, causando negli investitori una interrogazione all'azienda circa lo swing.

Glencore ha detto agli investitori che il numero è sceso così drasticamente a causa delle variazioni di volatilità del mercato di quest'anno, in base alle persone informate dalla Glencore. Quando i prezzi variano in modo significativo, può aumentare il valore delle posizioni di copertura.
L'anno scorso, ci sono stati movimenti di prezzo estremi, in particolare nel mercato del greggio, che scivolavano da circa 114 $ al barile nel mese di giugno a meno di $ 60 al barile entro la fine di dicembre.
La risposta non è stata soddisfacente, ha detto Michael Leithead, un fondo obbligazionario gestore di portafoglio presso EFG Asset Management che ha gestito 12.000.000.000 $ a decorrere dalla fine di marzo e ha investito in debito di Glencore..

Secondo la Bank of America, il sistema finanziario globale ha circa 100 miliardi di dollari di esposizione complessiva verso Glencore. Quindi, se Glencore fallisce sta per arrivare un grande evento. A questo punto, Glencore è probabilmente il candidato più probabile per essere "la prossima Lehman Brothers".

E non è solo Glencore ad essere nei guai. Altri giganti finanziari come Trafigura sono pure in profonda angoscia. Collettivamente, il sistema finanziario globale ha circa mezzo trilione di dollari di esposizione con queste imprese ...

Peggio ancora, dal momento che non è solo con Glencore che le banche sono esposte, ma molto probabilmente il resto dello spazio del commercio di materie prime, la loro esposizione lorda colpisce per un numero semplicemente da mozza fiato:
Per le banche, naturalmente, Glencore potrebbe non essere la loro unica esposizione nello spazio del commercio delle materie prime. Si ritiene che altri veicoli come Trafigura, Vitol e la Gunvor possono caratterizzare i bilanci delle banche, tipo ($ 100 miliardi di x 4?)
Chiamatela mezzo trilione di dollari l'esposizione molto alta che fa leva nelle materie prime: una classe di attività che è stata schiacciata nel corso dell'anno passato.

I media mainstream non parlano molto di tutto questo ma, e questo è probabilmente una buona cosa. Ma dietro le quinte, si muove qualcosa senza precedenti ed, è già in atto.

Quando mi sono imbattuto nelle informazioni che sto per condividere con voi, sono rimasto assolutamente sbalordito.
Vengono da Investment Reserc Dynamics, e si vede molto chiaramente che nel mondo finanziario non tutto "va bene"...

Qualcosa si è verificato nel sistema bancario nel mese di settembre che ha richiesto una massiccia operazione di reverse repo al fine di costringere la più grande iniezione di  garanzie del Tesoro nel mercato dei pronti contro termine. Normalmente la Fed potrebbe impegnarsi in reverse repo di routine come strumento di gestione del tasso sui fed funds. Tuttavia, come si può vedere dal grafico qui sotto, ci sono stati picchi improvvisi perfino nella quantità di pronti contro termine che tendono a corrispondere una sorta di crisi - la più ovvia è il crollo de facto del sistema finanziario nel 2008:





Che cosa  potrebbe causare nel mondo un picco di tale entità?

Ebbene, quello stesso articolo che ho appena citato collega i problemi alla Glencore con questo intervento senza precedenti ...

La cosa ancora più interessante è che lo spike-up in reverse repo si è verificato nello stesso tempo - 16 Settembre - che il mercato azionario ha intrapreso stock market di 8 giorni, con l'indice S & P 500 che scende del 6% nello stesso tempo . Noterete che questo avviene allo stesso tempo ha inizio un incidente alle azioni e obbligazioni di Glencore . È stato suggerito dagli analisti che un default di Glencore o sui derivati di credito di Glencore o di enti finanziari che utilizzano derivati ​​per scommettere contro tale evento sarebbe analogo al " momento Lehman" che ha scatenato il crollo del 2008.

La colpa sul generale ribasso del mercato azionario è stato lanciato dalla incapacità della Fed di alzare i tassi di interesse. Tuttavia, sembra che non sia niente di più che, una narrazione di copertura di intelligence per qualcosa di molto più catastrofico che ha cominciato a sviluppare dei fuori giri nelle funzioni di liquidità generali del sistema bancario mondiale.

Già nel 2008, la Lehman Brothers non stava "benissimo" un giorno poi improvvisamente crollò. C'erano problemi produzione che già sotto la superficie ne davano evidenza con largo anticipo.

Beh, la stessa cosa sta accadendo ora a colossi bancari come Deutsche Bank, e alle imprese di commercio di materie prime come la Glencore, Trafigura e il Gruppo Noble.

E, naturalmente, un sacco di pesci più piccoli stanno iniziando pure ad implodere.
Ho trovato questo esempio pubblicato su Business Insider prima di oggi ...
In data 11 settembre, Spruce Alpha, un piccolo hedge fund che fa parte di un gruppo di investimento più grande, ha inviato una breve relazione per gli investitori. 
La lettera diceva che il fondo $ 80.000.000 aveva perso il 48% in un mese, secondo il rapporto prestazioni visto da Business Insider. 
Non c'era nessun commento incluso nella nota. Nessuna spiegazione. Solo duri numeri freddi.

Wow - come si fa a perdere il 48 per cento in un solo mese?

Sarebbe difficile farlo, anche se ci si è molto impegnati, a cercare di perdere soldi di proposito.

Purtroppo, questo tipo di scenario sta per essere ripetuto più e più volte, come entriamo ancor  più nella crisi.
Nel frattempo, i nostri "leader" continuano a dirci che non c'è nulla di cui preoccuparsi
Ad esempio, basti pensare che l'ex presidente della Fed, Ben Bernanke, sta dicendo ...
L'ex presidente della Federal Reserve Ben Bernanke non vede al momento eventuali bolle che si stanno formando nei mercati globali.
Ma non credo che dovrebbe prendere la parola. 
E anche se l'avete fatto, non è la domanda giusta da fare in ogni caso. 
Parlando ad un evento di Wall Street Journal Mercoledì mattina, Bernanke ha detto, "Io non vedo grandi mispricing [2] evidenti. Niente di ciò che appare come la bolla immobiliare precedente alla crisi, per esempio. Ma non dovete fidarvi di me."

Sono certamente d'accordo con l'ultima frase. Bernanke era quello che ci diceva che non ci sarebbe stata una recessione nel 2008, anche dopo che era già iniziata. Lui ne era davvero incapace allora, e ne è all'oscuro anche oggi.

La maggior parte dei nostri "leader" o non capiscono cosa sta succedendo o non sono disposti a dirci nulla.

Quindi questo significa che dobbiamo cercare di capire le cose da soli per il meglio che possiamo. E in questo momento ci sono segni tutto intorno a noi che un altra crisi in stile del 2008 è iniziata.

Personalmente, spero che ci siano ancora molti più giorni in cui i mercati sono relativamente tranquilli e non diano notizie più importanti di eventi accaduti in tutto il mondo.

Purtroppo per tutti noi, questi giorni di relativa pace e tranquillità, stanno per arrivare ad una conclusione molto brusca.

Fonte: Economic Collapse


note di sd:

1. GLENCORE

Le banche britanniche dovranno comunicare alla Banca d’Inghilterra la loro esposizione nei confronti di Glencore e delle altre società di trading di materie prime.

La richiesta, secondo indiscrezioni di stampa, è stata inoltrata la settimana scorsa dalla Prudential Regulation Authority, un organismo creato in seguito alla grande crisi finanziaria per vigilare sulla «sicurezza e solidità» del sistema bancario, e potrebbe segnare un pericoloso punto di svolta, specie se anche le autorità di vigilanza di altri Paesi dovessero muoversi nella stessa direzione.

Alcuni osservatori sostengono che nel caso più estremo Glencore rischia di fare da detonatore per una nuova crisi sistemica. Come Lehman Brothers nel 2008. di Sissi Bellomo - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/VBMrNb

2. MISPRICING

Con il termine “titoli tossici” vengono identificati quei bond dalla struttura così complessa da renderne la valutazione difficile ed incerta. Per la maggior parte, ma non esclusivamente, si tratta di titoli rappresentativi di operazioni di cartolarizzazione.

La “tossicità” di questi bond sta nella loro capacità di “avvelenare” i bilanci delle banche che li hanno in portafoglio in quanto difficilmente rivendibili senza incorrere in rilevanti minusvalenze o perché oggetto di svalutazioni poiché gli emittenti sono ormai divenuti insolventi.

Dunque, inizialmente, un titolo tossico era identificato come il bond di una cartolarizzazione con una struttura eccessivamente complessa, talmente complicata, opaca e carente di informazioni pubbliche da renderne la valutazione dubbia e complicata.

I primi titoli tossici sono quelli riguardanti la cartolarizzazione dei mutui subprime: il rischio di credito di tali obbligazioni era stato sottovalutato dalle agenzie di rating con la conseguenza che anche l’operazione di pricing ha avuto risultati inefficienti in quanto il prezzo attribuito a tali titoli era errato.

Il timore di un “mispricing”, ovvero di anomalie di prezzo,sia nella versione di overpricing che di underpricing cioè di uno scostamento di prezzo positivo o negativo rispetto al fair value, identificato come il giusto prezzo, ha velocemente contagiato tutti i titoli complessi e il significato di “tossico” ha iniziato a coinvolgere tutti i bond derivanti da cartolarizzazione anche se garantiti da assets di prima qualità.

Il mercato dei prodotti strutturati ha subito dei crolli generando una scarsa liquidità per questi ultimi: tossicità e complessità sono diventati quasi intercambiabili al punto che anche i derivati sono stati considerati tossici per il solo fatto di essere complessi.

http://www.tesionline.it/consult/brano.jsp?id=7738
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!