domenica 31 maggio 2015

L'FBI ha una forza aerea segreta:  droni di sorveglianza circondati da segreto e nascosti in una società fantasma...

JD Heyes
NaturalNews
trd Sa Defenza


All'insaputa della maggior parte degli americani, la prima forza dell'ordine federale della nazione l'FBI ha la propria forza aerea e la utilizza per spiare le persone. 

Come riportato da ARS Technica , le tensioni e le recenti proteste e violenze di Baltimora hanno finito le proteste, un piccolo squadrone di "innocui" aerei, hanno iniziato a vigilare i quartieri più colpiti dai disordini e altri atti dei giorni scorsi. 

I droni hanno dato al Baltimore City Police una grande capacità di sorveglianza aerea, sia nel controllo delle proteste che nel tenere sotto controllo qualsiasi potenziale attività criminale. 
Ulteriore segnalazione del Washington Post ha osservato che gli aerei - alcuni di loro, in ogni caso -. sono parte di una forza aerea segreta del FBI fatta di piccoli aeromobili [droni] equipaggiati con dei sensori che sono stati perfezionati sui campi di battaglia dell'Iraq e dell'Afghanistan nella raccolta di informazioni. 

Il Post ha pure detto che i piani e servizi sono estesi a livello nazionale. Questi droni sono dotati di sistemi di sorveglianza notturna e diurna ad alta definizione, e nel loro volo sopra la città,  stanno aiutando la polizia con un nuovo modo di indagine  nell'individuare  chi viola il coprifuoco (o altre attività non ancora determinate).

Si sollevano timori per la soppressione delle libertà civili 

"Durante i recenti disordini, l'FBI ha fornito i velivoli al dipartimento di polizia di Baltimora con lo scopo di fornire immagini aeree delle possibili attività criminali", ha detto un portavoce anonimo dell'FBI ARS Technica
"Gli aerei sono stati specificamente utilizzati per fornire l'osservazione ad alta quota della potenziale attività criminale per consentire una risposta rapida dagli agenti di polizia a terra ". 
Ha aggiunto il portavoce che i voli "erano lì per attività di monitoraggio, legalmente protetti dal Primo Emendamento, e che eventualmente si trattava di aerei  di supporto, alle forze di polizia locale, dell'FBI con autorizzazioni di alto livello."  

"First Amendment activity" Per la cronaca, l'FBI ha una lunga  storia di monitoraggio. Alla fine degli anni '60 e primi anni '70, l'agenzia - per volere del presidente Nixon e del direttore J. Edgar Hoover - hanno monitorato le proteste dei manifestanti contrari alla guerra in Vietnam, tra loro vi era l'attuale Segretario di Stato John F. Kerry. [ndt come si cambia nella vita, vedi Kerry da pacifista a ministro delle industrie d'armi]
L'attività di monitoraggio  negli anni '60 e '70 eseguita dalla FBI vi erano parte del focus la Church Committee, i cui risultati sbilanciati del governo di intelligence alla fine ha portato il passaggio di mano nel Foreign Intelligence Surveillance Act 1978 e la creazione del tribunale FISA

Il portavoce del Baltimore City Police il Capitano Eric Kowalczyk ha detto che ARS Technica e il suo dipartimento hanno ricevuto richieste di informazioni da parte dei media riguardo ai voli dell'FBI, ma il reparto non aveva ancora rilasciato alcuna dichiarazione.

"Queste tecnologie, spaziano molto in ampiezza nella raccolta di informazioni"

Il Washington Post ha riferito che dei voli sono stati notati dai residenti di Baltimora, e  indagando su Twitter di "the light plan" voli "in circles" sopra la città durante i recenti disordini.

Il Post ha inoltre osservato che un drone che è stato osservato volteggiare su Baltimora "registrato a nome di una agenzia la GN Research di Bristow, vista nei pressi del Manassas Regional Airport. Le ricerche effettuate nei registri di documentazione pubblica hanno rivelato poco o nulla sulla società, informazioni non  raggiungibili, rivelatesi infruttuose ", riferisce il giornale
Il Post ha inoltre affermato che gruppi sempre più numerosi di associazioni e di persone sono preoccupate poiché vedono una lesione delle libertà civili e della privacy, ed hanno cominciato a porre domande: La scoperta dei voli - che ha coinvolto almeno due droni e l'assistenza del FBI - ha spinto l'American Civil Liberties Union a chiedere dei chiarimenti sulla legalità delle operazioni e quale fosse la portata della tecnologia utilizzata. Gli aerei sono armati con i più recenti sistemi di sorveglianza in grado di monitorare aree molto più grandi da quelle supportate dagli elicotteri della polizia e rimanere molto più tempo in volo, sollevando nuovi problemi sulle libertà civili che hanno finora ottenuto poco riscontro nei tribunali. 

I difensori delle libertà civili temono che la tecnologia di sorveglianza impiegata dei poco noti aerei e droni del FBI , in grado di immagazzinare tranquillamente immagini di decine di isolati e persino di molte miglia quadrate, e catturare i movimenti di persone che altrimenti non sono sotto controllo o sospetti di reato. Da parte sua, l'ACLU ha detto che si starebbe archiviando il Freedom of Information Act che richiede alle agenzie federali di poter conoscere meglio i piani di sorveglianza e dei loro ruoli.
"Molte di queste tecnologie che  spaziano in un grande raggio di azione e che registrano ogni movimento possibile ovunque nelle città, ci pone un problema definibile minimo, ovvero, la necessità di vedere soddisfatto il  diritto del pubblico di sapere cosa stia succedendo sopra la sua testa" dice Jay Stanley, analista politico senior presso l'ACLU specializzato in questioni di privacy e di tecnologia.

Note:

http://arstechnica.com

http://www.intelligence.senate.gov

http://www.intelligence.senate.gov

http://www.washingtonpost.com


sabato 30 maggio 2015

LA GUERRA NUCLEARE, E' GIA' INIZIATA, NELLO YEMEN!
Nuclear War has Begun in Yemen- Ядерная война началась в Йемене- Πυρηνικός Πόλεμος έχει αρχίσει στην Υεμένη- 核戰爭在也門已經開始
Gordon Duff
veteranstoday
trd Sa Defenza





La negazione diventa impossibile senza la pazzia





Gordon Duff commenta le immagini assieme a Jeff Smith, fisico nucleare ed ex ispettore dell'Aiea, gli eventi nello Yemen...

Anche la videoregistrazione ne conviene, ha evidenziato i segni scintillanti dei protoni avvenuti nel bombardamento con la bomba a neutroni, si possono notare dopo l'iniziale palla di fuoco. Pensiamo che il Mossad e i troll ADL siano stati eterodiretti in questa incredibile leggerezza. 
Nessun esperto nucleare, nel visionare il filmato, può avere dubbi sul fatto che l'esplosine sia quella di una una bomba a neutroni, israeliana. 
Israele è l'unica nazione che le ha, le può vendere e usare apertamente, le bombe al neutrone, non c'è nessun altro oltre "lei" che possa averle in deposito.



Il bombardamento dei neutroni sovraccarica la macchina fotografica
Dovremo aspettare la traduzione del racconto, che potrebbe essere ceduto  per quanto ne sappiamo.

Non c'è niente che si possa dire qui, nessun dubbio sull'attacco nucleare allo Yemen attribuiti a Israele, come evidenziato dai due F16 israeliani abbattuti e identificati.


Una palla di fuoco nucleare perfetto
Why are Russia and China silent? Потому что Россия и Китай молчат? 
由於俄羅斯和中國都沉默了?Επειδή η Ρωσία και η Κίνα είναι σιωπηλός;

Perché la Russia e la Cina stanno in silenzio? Come mai Alex Jones tace? Questo è un grande complotto, qualcuno dovrà pur segnalare quanto accaduto in Yemen, o no? Perché InfoWars incalza Putin in questa settimana? È questo ciò che vuole "mom" Tel Aviv?

Come mai cala il silenzio su tutta questa incredibile storia? Cosa si può fare, perché sia di dominio pubblico? Dove si trovano i vari Julian Assange? Perché non ci sono le dovute condanne del fatto, dopo che VT  ha svelato la vera storia degli eventi, contrariamente a quella raccontata dai media arabi, ben consci che ogni ogni notizia diffusa coinvolge un pubblico di circa 1 miliardo di persone?


venerdì 29 maggio 2015

L'UE si inchina alle forti pressioni degli Stati Uniti sul TTIP e riduce i controlli sulle sostanze chimiche cancerogene...

rt.com
trd Sa Defenza

Unione europea il capo negoziatore Ignacio Garcia Bercero e capo negoziatore statunitense Dan Mullaney (sx) affrontano una conferenza stampa congiunta dopo il quarto ciclo di negoziati commerciali UE-USA per il Commercio e gli Investimenti di partenariato transatlantico (TTIP) a Bruxelles (Reuters / Francois Lenoir)




In seguito alle pressioni dei funzionari USA sui colloqui del controverso accordo sul commercio e investimenti del parternariato transatlantico (TTIP) Le proposte dell'UE per regolamentare le sostanze chimiche dannose per il sistema ormonale e per varie patologie dal cancro al diabete a problemi per la fertilità.

Un progetto, i criteri dell'UE, che avrebbero dovuto vietare circa 31 pesticidi contenenti sostanze  chimiche pericolose (EDC), ma secondo i documenti ottenuti da Pesticides Action Network (PAN) Europe e citati dal The Guardian, sono stati accantonati per timore di una ritorsione commerciale da parte di una potente lobby degli Stati Uniti.
Secondo il rapporto, una delegazione di alto livello della US Mission to Europe e della American Chambers of Commerce (AmCham) hanno visitato i funzionari commerciali dell'Unione europea nel luglio 2013, con lo scopo di far abbandonare all'Unione europea i criteri previsti per l'identificazione degli EDC e sostituirli con un nuovo studio di impatto. Era in gioco l'accordo TTIP, l'Unione europea avrebbe accettato le richieste degli Stati Uniti.
TTIP è un trattato di libero scambio molto controverso e criticato tra UE-USA per la sua segretezza e perché non viene reso conto di nulla.

Pare che i rappresentanti AmCham si siano "lamentati dell'inutilità di creare categorie e, quindi, degli elenchi" di sostanze proibite. I rappresentanti del commercio degli Stati Uniti  hanno suggerito un approccio basato sul rischio e sulla regolamentazione, e hanno "sottolineato la necessità di una valutazione d'impatto".
Il segretario generale della Commissione europea, Catherine Day, avrebbe inviato una lettera al direttore del dipartimento ambiente, Karl Falkenberg, dicendogli di abbandonare il progetto sui criteri delle sostanze proibite, suggerendogli che "come hanno fatto altre DG [direzioni generali] , di considerare una valutazione congiunta di impatto che soddisfi tutte le proposte". 
Poi avrebbe aggiunto: "Noi non pensiamo che sia necessario preparare una raccomandazione della Commissione sui criteri per identificare le sostanze pericolose che alterano il sistema endocrino,"
Secondo il The Guardian,   che la regolamentazione prevista per il 2014 è stata "rinviata almeno al 2016, nonostante i costi stimati per la salute dei cittadini in 150 miliardi di euro all'anno per malattie del sistema endocrino, come la perdita QI (quoziente intelligenza), l'obesità e criptorchidismo - una condizione che colpisce i genitali dei bambini maschi, la mancata discesa del testicolo con conseguente sterilità."

Al top di questo, in vista della riunione con la UE sono state avanzate minacce, di "pesanti ripercussioni" da AmCham qualora fosse stata approvata la bozza di regolamentazione. 

Secondo il The Guardian, AmCham ha chiesto e voluto all'Ue uno studio di impatto per fissare soglie più alte, a tali sostanza tossiche, all'esposizione del sistema endocrino.

Bas Eickhout, membro dei verdi del Parlamento europeo, ha dichiarato al The Guardian:"Questi documenti offrono una prova convincente che il TTIP non  rappresenta un pericolo per l'abbassamento degli standard europei futuri, ma questo sta accadendo proprio adesso, mentre stiamo parliamo."

Il Environmental Audit Committee (EAC) of the UK House of Commons britannica sta attualmente conducendo un'indagine sulla proposta del TTIP sull'impatto nell'ambiente e nel mondo in via di sviluppo.
"Siamo molto preoccupati perché il governo degli Stati Uniti ha una lunga storia di lobbying contro l'azione dell'UE in materia di sostanze chimiche, e che il TTIP potrebbe fornire un metodo loro da istituzionalizzare Il comitato (EAC)ha avverte che l'approccio statunitense alla regolamentazione delle sostanze chimiche in genere riconosciute è considerato come "obsoleto e inefficace." e continua dicendo, "E' nostra forte convinzione che l'inclusione dei prodotti chimici all'interno TTIP abbasserà la soglia di protezione nell'UE, e rallenterà gli sforzi per proteggere la salute umana e l'ambiente dalle sostanze chimiche pericolose".

All'inizio di quest'anno, CHEM Trust (un ente di beneficenza del Regno Unito il cui scopo è quello di evitare che le sostanze chimiche artificiali causino danni a lungo termine alla natura e agli esseri umani) e circa 150 altri gruppi della società civile hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta contro le regolamentazioni "negoziate" nel TTIP, nella nota si afferma:
"I gruppi della società civile denunciano 'cooperazione regolamentare' nei negoziati TTIP come una minaccia alla democrazia e il tentativo di mettere gli interessi affaristici davanti alla salute di protezione dei cittadini, dei lavoratori e dell'ambiente".


Secondo il report State of the Science of Endocrine Disrupting Chemicals 2012, son in aumento molte malattie e disturbi del sistema endocrino. Ad esempio i tassi globali di tumori endocrini legati (mammella, dell'endometrio, dell'ovaio, della prostata, del testicolo e della tiroide) sono aumentati nel corso degli ultimi 40-50 anni, dicono i ricercatori:
"Sono note o sospette, ben 800 sostanze chimiche, di essere in grado di interferire con i recettori ormonali, la sintesi degli ormoni o con la loro conversione. Tuttavia, solo per una piccola frazione di questi prodotti chimici sono stati studiati dei test in grado di identificare effetti endocrini negli organismi sani".

Gli scienziati avvertono che numerosi studi di laboratorio confermano le ipotesi che le esposizioni chimiche contribuiscono all'insorgenza di disturbi endocrini negli esseri umani, la "condizione di maggior esposizione agli EDC  avviene durante le fasi critiche dello sviluppo, quali lo sviluppo fetale e la pubertà."

Liberiamo le Colonie! 30 Maggio, 2015 / Free the Colonies!

2012portal





E' tempo di agire di nuovo! E' tempo di prendere il destino del nostro mondo e del sistema solare nelle nostre mani! Pertanto ci riuniremo in gruppi grandi o piccoli, individualmente oppure in coppia, il 30 Maggio 2015. Molti di noi si ritroveranno e sosterranno il Breakthrough delle Operazioni Multidimensionali del Sistema Solare(MOSS) per supportare le Forze di Luce che stanno adesso liberando il Sistema Solare dalle ultime vestigia dell'oscurità.

In passato, molti esseri umani vivevano come ostaggi in stato di schiavitù in molte colonie nel nostro Sistema Solare che appartenevano a vari programmi spaziali segreti. Potete leggere un sommario relativamente accurato qui:

http://exopolitics.org/corporate-base...

http://exopolitics.org/multiple-moon-...

Nel 2012, le Forze di Luce hanno liberato il Sistema Solare da tutti i programmi segreti spaziali con le loro colonie, tutte quelle che non erano protette direttamente dal gruppo Chimera.

Sfortunatamente, un numero relativamente piccolo di colonie ed di stazioni di impianti, localizzate nel Sistema Solare, è stato protetto dalle bombe Strangelet di Chimera ed esseri umani vivono ancora lì in stato di schiavitù, e generalmente, la gravità degli abusi rituali in queste colonie è più grave di quella verificatasi sulla Terra.

Allo stato attuale, è in corso la liberazione di queste colonie da parte delle forze di luce, ciò fa parte della fase del MOSS in atto adesso, e gli essere umani che furono catturati, vengono adesso liberati e curati.

Una fase molto critica e sensibile delle operazioni di liberazione, avverrà Sabato 30 Maggio. Le Forze di Luce hanno richiesto il supporto della popolazione umana di superficie, per far si che le operazioni di liberazione avvengano nel modo più agevole e pacifico possibile.

La nostra visualizzazione e meditazione, supporterà i membri delle Forze di Luce a raggiungere quest'obbiettivo. Possiamo farcela! Bisogna diffondere questa meditazione! Dobbiamo raggiungere molte persone per far si che la massa critica di persone che parteciperanno, venga raggiunta. Per favore postatela sui vostri siti web e blogs. Se siete in contatto con un canale media alternativo, potete mandarla a loro. 

Studi scientifici hanno confermato gli effetti positivi delle meditazioni di massa sulla società umana, quello che stiamo facendo, ha un peso effettivo:

http://www.spiritscienceandmetaphysic...


La nostra meditazione sarà il 30 Maggio, che è il punto di massima tensione per nostro Sistema Solare, come potete osservare, in questa carta astrologica eliocentrica:

Parteciperemo a quest'Attivazione tutti nello stesso momento alle ore 11.11PM in Europa centrale di Sabato 30

Potete controllare il tempo esatto dell'Attivazione in molte località da questo link:

http://www.timeanddate.com/worldclock...

Istruzioni:
1. Rilassate la vostra mente ed il vostro corpo per alcuni minuti.

2. Visualizzate le Forze di Luce mentre liberano tutte le rimanenti colonie del programma segreto spaziale attraverso il Sistema Solare, liberando tutti gli esseri senzienti che sono attualmente in stato di cattura lì, e rimuovendo tutte le entità oscure da tutte queste locations. Visualizzate questo processo accadere attraverso l'intero Sistema Solare in maniera pacifica ed agevole. Visualizzate il nostro Sistema Solare che viene finalmente liberato dall'oscurità e dalla schiavitù, liberato da tutti gli esseri negativi e le entità corrotte.
3. Visualizzate un futuro luminoso per il nostro Sistema Solare, con tutte le differenti razze cosmiche che lo popolano in pace ed armonia. Visualizzate l'umanità che viene introdotta all'immensità del nostro Sistema Solare, gli umani che godono della sua bellezza, viaggiando da una luna all'altra e da un pianeta all'altro in navi di Luce.
Ho atteso questo momento per più di 15 anni. E' passato molto tempo sin dalla liberazione del pianeta X! Con gioia, posso finalmente trasmettere questo messaggio in codice alle persone chiave che si trovano nelle colonie:
L4/Light is ON
Dopo che tutte le colonie saranno liberate, le Forze di Luce trasformeranno gli edifici e le infrastrutture lì presenti, per il beneficio ed il benessere dell'umanità che sarà in grado di visitarli dopo il Primo Contatto. Le colonie saranno quindi trasformate da luoghi di sofferenza in luoghi di gioia. Esistono già alcuni progetti delle Forze di Luce dietro le quinte, che intendono preparare l'umanità a questo evento:
http://www.cnet.com/news/spacex-poste...

La Svolta per il nostro Sistema Solare è adesso, la Terra seguirà subito dopo!
Aggiornamenti sull'Attivazione "Liberiamo le Colonie" saranno pubblicati qui:
http://2012portal.blogspot.com/


giovedì 28 maggio 2015

Neil Young debutta con un nuovo disco contro la multinazionale degli OGM: Song From Monsanto-Themed Album Criticizing Starbucks

theeventchronicle
trd Sa Defenza




(ANTIMEDIA) Il  leggendario cantautore, Neil Young, ha debuttato con un nuovo brano questa settimana dal titolo Rock Starbucks. La traccia sarà presente sul nuovo tanto atteso album di Young di prossima uscita giustamente intitolato "The Monsanto Years".

Giovedi ', Democracy Now ha mandato in onda un estratto del video musicale Rock Starbucks. 

Nella clip, Young canta : “I want a cup of coffee, but I don’t want a GMO. I love to start my day off without helping Monsanto.” 
Ci dice di volere bere un buon caffè, ma che sia vero, non contaminato da OGM, così , per iniziare bene la giornata senza dover sostenere gli affari della Monsanto.

L'ex chitarrista dei Buffalo Springfield di cui è stato notoriamente la voce, canta tutto il  suo orrore contro la Monsanto e Starbucks
Young ha dichiarato pubblicamente alla fine dello scorso anno che si sarebbe impegnato nel boicottaggio dei coffe shop Starbucks perché, secondo  Young non ritiene che  Starbucks sia trasparente non volendo dichiarare, sulla etichetta del prodotto, che il caffè da loro venduto non contiene OGM; 

e canta la sua protesta:  “Starbucks doesn’t think you have the right to know what’s in your coffee. So it’s teamed up with Monsanto to sue the small U.S. state of Vermont to stop you from finding out.
Neil Young, in collaborazione con i musicisti  Willie Nelson, Lukas e Micah, sul disco: The Monsanto Years, ha offerto loro l'opportunità di lavorare insieme già dal dicembre scorso. “He was like, ‘Hey, I wrote a bunch of new songs,” ho scritto nuove canzoni  dice a Micah . “I want you guys to come do the record with me. Love, Neil.”  ragazzi desidererei che veniste a registrare con me questo disco. Attratti dalla e-mail di Neil, Lukas afferma di esserne entusiasta, al punto di rasentare l'euforia, per questa convocazione; “I was so stoked,” says Lukas. “I can’t even describe how elated I was.” 
Il lavoro collettivo, è un concept album,  si concentrerà completamente sui crimini e gli abusi da parte di Monsanto. Il lancio per  The Monsanto Years è previsto per il 16 giugno.

È possibile ascoltare un estratto di 
Rock Starbucks qui sotto:

mercoledì 27 maggio 2015

F16 israeliani abbattuti nello Yemen



Due F16 israeliani, tinti con i colori dell'Arabia Saudita, abbattuti, bruciano a terra nello Yemen...

Gordon Duff, Jeff Smith, 
Ian Greenhalgh ("green-halsh")
e Nahed al Husaini
veteranstoday

trd Sa Defenza



Questa settimana due F16 sono stati abbattuti nello Yemen. Quando è stato esaminato il relitto, è risultato non essere del tipo in dotazione nelle nazioni arabe, ne nell'Arabia Saudita, ne in nessun altra. L'unico "acquirente" nella regione di quel tipo di aereo è Israele.

Con due aerei israeliani abbattuti questa settimana, con stemmi sauditi dipinti di fresco, è la sicura conferma di un attacco termonucleare tattico su una base aerea yemenita, un attacco con bomba al neutrone (NRR senza residuo di radiazione), la guerra allo Yemen è ora chiaramente una guerra israeliana.

Forze di difesa aerea yemenita hanno abbattuto un jet da combattimento con stemma saudita nella provincia nord-occidentale di Sana'a nello Yemen mentre conduceva un attacco aereo. Questa è il secondo F16 abbattuto questa settimana.  La forza della difesa aerea yemenita è stato chiaramente sottovalutata, e il jet saudita il caccia F-16 è stato abbattuto, e successivamente, si è schiantato nella zona Bayt Khayran del distretto di Bani Harith nel nord di Sana'a.

L'11 maggio, la televisione yemenita Al-Masirah ha riferito che i combattenti Ansarullah hanno abbattuto un  jet da combattimento, con insegne marocchine, mentre violava lo spazio aereo del paese nella Valle del Noshour nella provincia settentrionale di Sa'ada. L'aereo abbattuto oggi aveva riferito l'emittente  ha condotto una serie di attacchi aerei contro Al-Dailami la base aerea dello Yemen. Jet sauditi hanno condotto attacchi militari contro lo Yemen dal 26 marzo.

Secondo i media yemeniti, la Domenica caccia sauditi hanno preso di mira una fabbrica nella provincia yemenita occidentale di Al-Hudaydah, uccidendo tre civili e ferendone altri 19. Gli aerei da combattimento sauditi hanno anche preso di mira delle aree residenziali, una base aerea militare e un quartier generale della polizia della provincia con vari attacchi separati.

Ora veniamo alla parte interessante - l'analisi del relitto mostra che questi aerei  sono di origine sconosciuta. In apparenza la verniciatura era saudita, ma, sappiamo che non possono essere aerei sauditi, in realtà sono aerei israeliani con piloti dell'aeronautica israeliana che parlano arabo, membri di una speciale unità 'Kamikaze' che vola con F16 appositamente modificati, per portare' vettori nucleari' con il compito di operazioni apocalittiche contro l'Iran, la Russia o l'Europa occidentale.

Uno di questi aerei è stato molto probabilmente il responsabile che ha sganciato la bomba al neutrone sullo Yemen un paio di giorni fa. I media yemeniti hanno ripreso i due "razzi" portati dal jet da combattimento rimasti inesplosi che sono stati trovati tra i rottami; questi sono molto probabilmente missili Sidewinder usati per la difesa da altri aerei. Non sappiamo quali altri ordigni il velivolo stesse trasportando.

Non sono stati trovati i piloti di questi due velivoli abbattuti; senza dubbio con le estese  ricerche  in corso -  se riuscissero a  catturare 
un pilota israeliano vivo- sarebbe davvero un bel colpo per gli yemeniti.

L'aereo è stato abbattuto da un sistema di BUK aggiornato fornito dalla Russia - Lo Yemen è ben attrezzato con armi russe moderne compresi i MiG-29 e sistemi di difesa aerea avanzati, un fatto che è stato chiaramente trascurato dai sauditi e dai loro alleati israeliani; hanno gravemente sottovalutato le capacità del loro nemico e, come abbiamo visto prima, in particolare nel sud del Libano contro Hezbollah - Israele non fa così bene quando le vittime sono preparate e in grado di combattere; forse hanno pensato di bombardare i civili indifesi di Gaza?



Un esperto di aviazione VT Jeff Smith di Los Alamos National Labs ci ha fornito un'analisi della situazione.

Jeff Smith Report
______________________

Analisi della Foto del tiro sul F-16 nello Yemen mostrano che i modelli sono i primi modelli; A / B F-16 nella versione di configurazione da attacco al suolo (che ha quello che viene chiamato coda corta) con le insegne reali dell'Air Force saudite, appena dipinte sul telaio dell'aereo. Tutta gli aerei della cosiddetta coalizione araba sono di blocco C / D non A / B.

Quindi questo è probabilmente uno dei 50 modelli in surplus statunitense F-16 A dato a Israele durante l'amministrazione Clinton o si tratta di un apparecchio divenuto recentemente surplus ex-NATO che sia dall'Italia o dal Portogallo. L'unica alternativa è che siano stati forniti direttamente dagli Stati Uniti di nascosto. Abbiamo bisogno del numero di serie o del numero della coda per confermare dove sono stati la prodotti i pezzi.



Mi sono dimenticato che trasportava un serbatoio da 300 galloni per distanza da lungo raggio, con serbatoi imbullonati vuoto a perdere non conformi da sganciare, senza capacità di rifornimento in aria e apparecchiature ECM. Ecco perché è stato abbattuto. Troppo lento e senza contromisure. E' stato usato un vecchio radar APG-66 per inquadrarlo. Riyadh o gli Emirati Arabi Uniti si trovano a soli 600 miglia dallo Yemen.

Tuttavia Israele dallo Yemen dista 1200 miglia. Un F-16 con 3 serbatoi sganciabili, 4 bombe da 1000 libbre e 2 missili sidewinder per autodifesa è possibile arrivi da Israele. La stessa configurazione di distanza e missione necessaria per colpire l'Iran.



F16 Saudita  abbattuto in Yemen era  jet israeliano verniciato

Da Press TV:

L'eEsercito yemenita ha abbattuto un aereo militare saudita a nord est della città settentrionale di Sa'ada, il regime di Al Saud continua i suoi attacchi aerei contro il confinate meridionale. Secondo la televisione yemenita al-Masirah, l'aereo saudita è stato abbattuto nel distretto Kataf del Provincia.

All'inizio della giornata, un altro jet F-16 saudita da combattimento è stato abbattuto nella zona Bayt Khayran del distretto di Bani Harith, nel nord della provincia nord-occidentale di Sana'a. Il caccia ha condotto una serie di attacchi aerei contro al-Dailami  la base aerea dello Yemen.

Jet sauditi hanno condotto vari attacchi contro lo Yemen dal 26 marzo al 11 maggio, combattenti Ansarullah hanno abbattuto un jet da combattimento marocchino che violava lo spazio aereo del paese nella Valle del Noshour nella provincia settentrionale di Sa'ada.


per leggere altro vai su Veteranstoday




lunedì 25 maggio 2015

Vi proponiamo il disagio di vedere le brutture prodotte, dalla creatura della CIA e associati, sulla città museo siriana di Palmyra dai terroristi takfiri dell'ISIS... 

TUTTA LA VERITA' SUL RITIRO DELL'ESERCITO SIRIANO E IL MASSACRO DI PALMYRA...

trd Sa Defenza

Dopo molte chiamate urgenti richieste dal direttore dei Musei della Siria, Mamoun Abdulkarim per la preservazione e conservazione del prezioso patrimonio archeologico di Palmyra (UNESCO) e dopo diversi giorni di feroci combattimenti tra l'esercito siriano e ISIS, all'ultimo ha dovuto ritirarsi prima dell'arrivo di migliaia di terroristi armati.
Il giornalista francese  reporter dalla guerra e cronista di fama internazionale Frédéric Helbert, dal suo account Twitter, il 21 maggio lo aveva già menzionata:

«Sia via satellite che con i droni, la coalizione seguiva via etere  l'avanzata dello stato islamico a Palmyra. Il non intervento è stata una decisione consapevole ».



Pochi minuti dopo, ha aggiunto:
«La coalizione militare era pronta a prevenire l'attacco contro Palmyra, afferma un militare. Ma i politici che hanno visto hanno rifiutato l'aiuto a Bachar con un netto «no» ».



Forse molti dei sostenitori del governo legittimo Siriano, sono stati feriti da quello che è successo a Palmyra e alcuni di loro si sono chiesti perché l'esercito arabo siriano si è ritirato dalla città, in un tempo relativamente breve.

Secondo fonti militari siriane, e le testimonianze di soldati siriani che combattevano lì, l'esercito siriano è stato sopraffatto dal preponderante numero di combattenti takfiri del ISIS, concentrati a Palmyra.
ISIS ha attaccato la zona con più di 14.000 terroristi è arrivato molto velocemente a bordo di potenti macchine da guerra come l'Americana HAMER, uno specifico armamento per il combattimento in zone desertiche ben carico di armi non convenzionali.
In effetti, gli islamisti takfiri hanno attaccato  l'esercito siriano con i razzi che hanno comportato un effetto molto strano: non esplodevano come al solito, ma fondevano i ripiani metallici,  il primo pensiero ha portato a credere che si trattava di un bombardamento con missili al fosforo bianco.

In una situazione critica del genere, la decisione più saggia da adottare è stato l'immediato ritiro, poiché avrebbe portato ad un inutile sacrificio degli eroici soldati siriani di cui preservare loro in vita è nostra priorità, come comprensibile
 recentemente con un'operazione militare di successo abbiamo evacuato l'ospedale di Al Schougour.


Per quanto riguarda la sorte delle rappresentazioni d'arte provenienti dall'area greco-romana presenti nel museo, la maggior parte delle statue e reperti sono stati trasferiti dalla città, e messi in sicurezza.


Ma ci sono ancora alcuni oggetti di grandi dimensioni, come la sarcofagi, dal peso di tre o quattro tonnellate di cui non si è riusciti a portarli in un luogo sicuro.



Per quanto riguarda il massacro della popolazione locale, è stato ufficialmente confermato dalla agenzia siriana Agency News: almeno 400 cittadini di Tadmour (città moderna di Palmyra) per lo più donne e bambini sono stati vittime dei terroristi dello stato islamico.
La televisione di Stato siriana ha aggiunto che decine di funzionari statali sono stati giustiziati per il loro sostegno al governo del presidente siriano Bashar al-Assad, tra i quali il dirigente del pronto soccorso dell'ospedale locale con tutti i membri della sua famiglia.

I media siriani hanno anche riferito che la proprietà di migliaia di civili che hanno lasciato la città è stata confiscata, e quelli che sono rimasti sono costretti a obbedire allo stile di vita e alla legge oscurantista, altrimenti dovranno affrontare il patibolo.

Le stragi di civili fanno parte della cosiddetta «legge d'ordinanza» di tutti i gruppi Jihadisti: medici,  infermieri, dipendenti pubblici sono stati tutti uccisi, appena dopo che ISIS ha occupato la città.



Immediatamente (20 maggio), Daesh (acronimo di ISIS in arabo) hanno imposto la rigorosa legge islamista in città, tagliata la rete elettrica hanno proceduto a una operazione del «porta a porta», nella ricerca, a loro dire, degli «infedeli» e «traditori» passandoli a fil di spada. Con i megafoni sono stati diffusi messaggi minacciosi contro i sostenitori del governo siriano. E' stato il giorno dopo che hanno diffuso le prime foto che mostrano una dozzina di cadaveri mutilati brutalmente, facendo grondare di sangue le strade.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri  Siriano, Wael al-Halaqi, in una dichiarazione ufficiale ha condannato questo crimine barbaro, accusando i paesi che appoggiano il terrorismo (come Arabia Saudita, Qatar, Turchia ecc) di responsabilità con questi crimini.
In realtà, questo massacro non è diverso da molti altri già commessi in Siria da Daesh, Jabhat al-Nusra o altri gruppi considerati più o meno «moderati» dai media occidentali.

Come per mala sorte sul sito di Palmyra, sventola la bandiera nera di ISIS, all'ingresso della cittadella che domina le spettacolari rovine.



La distruzione di monumenti antichi è una pratica ricorrente dei gruppi takfiri in quanto li considerano come luogo di culto pagano.

domenica 24 maggio 2015

Quanto è importante capire per essere pienamente consapevoli della situazione politica economica e sociale che vivono oggi le nostre società nazionali, dentro la gabbia UE? Un'analisi attenta e trasparente, di J. Sapir, ci chiarisce le idee sui potentati che l'hanno voluta, e di chi si nasconde dietro a questo progetto UE, e di come si sia evoluto, inoltre perfino come hanno usurpato la sovranità dei popoli, delle nazioni, delle società statuali sovrane europee.                               Sa Defenza


Atene, Parigi e la sovranità...delle nazioni.


Jacques Sapir
trd Sa Defenza



La sovranità è ora una questione centrale. E' la questione decisiva del momento storico che stiamo vivendo. 

Essa determina le scelte politiche, ma anche la comprensione della crisi che stiamo vivendo. Occupa il posto centrale per due motivi convergenti. 

Da un lato, la sovranità è necessaria per l'azione politica in questo passaggio dal "io" al "noi" di azione collettiva, e la seconda è una necessità assoluta della crisi, sia economica che sociale, politica e culturale che attraversiamo. 

Nella sovranità è fondamentale la distinzione tra legittimo e legale. Questa distinzione è costantemente sfidata dalla logica di istituzioni che governano il nostro sistema politico.
Viviamo in regimi e sistemi politici in cui il "come" ha preso il posto del "perché". Ciò corrisponde ad un cambio di gestione, il "tecnico" prevale sulla "politica". Alcune delle crisi che sono state menzionate ne sono la conseguenza. Se vogliamo porre la domanda "perché", e quindi capire che esiste una molteplicità di "come" è possibile, mentre la sovranità è essenziale. Ma se la legittimità e legalità possono essere comprese solo in termini di sovranità, dobbiamo ammettere che la laicità, nel senso di restituire le convinzioni non verificabili alla sfera privata,  è necessario per la costruzione del bene comune, la " Res Publica " dalla cui parola deriva Repubblica.
Copyright: Anne-Marie de Grazia

1. Entrambi a gennaio.

Se vediamo questi, due eventi del gennaio 2015, confermano uno direttamente e indirettamente l'altro. Il primo di questi eventi è costituito dagli omicidi del 7 e 9 gennaio 2015 a Parigi. Questi assassinii, e noi di fronte a questa verità crudele: la Repubblica può chiarire e rigettare quanto successo.

Charlie, la Repubblica sta morendo.

Questi atroci crimini, con il dibattito provocato dallo slogan "Je suis Charlie" [1] , pone in essere la nascita di un senso di comunità. Ma questa sentimento è l'opposto della Repubblica. Si mette in discussione la legittimità delle nostre istituzioni e del governo.

Crudele ironia, la tragedia è avvenuta quasi dieci anni dopo il referendum del 2005 di cui ne rammentiamo l'aspetto: il popolo francese aveva respinto a larga maggioranza il progetto del trattato costituzionale europeo  proposto. Eppure la classe politica unita su questo punto ben al di là delle differenze politiche, l'ex destra gollista e il partito socialista,  si sono affrettati a inventare un nuovo trattato, molto simile a quello rigettato. 
Il Trattato di Lisbona è stato poi adottato dall'arcaico "Congresso", della Terza e della Quarta Repubblica, legittimandolo - giustamente - seppure molto inferiore a quello di un referendum. Questo scandalo, è enorme, e segna l'inizio della disintegrazione dello stato, che non può mascherare i deliri di alcuni, la finezza del buonumore di altri, o l'ictus di terzi. Esso era, e rimane, un importante attacco alla sovranità della nazione, ovvero alla sovranità del popolo.

Ma c'è di più e di peggio. Il gennaio 2015 i crimini hanno anche messo in dubbio uno dei principi fondanti della Repubblica e della democrazia. Nel tentativo di imporre una "blasfemia" uccidendo persone a causa della loro religione (o mancanza), è la nostra idea della Repubblica, questa "cosa comune" e Res Publica , che uccide. In realtà non c'è un legame tra tutto questo [2] . Quando si viola la sovranità del popolo, si mina la legittimità delle istituzioni, lo Stato di diritto è indebolito, cioè il valore della legge.

La messa in discussione, diretta o indiretta, della sovranità del popolo apre  la porta larga per il suo scioglimento e la sua rinascita sotto forma di comunità, che siano religiose o etniche. Non ci possono essere persone, che si basano sulla costruzione politica della sovranità popolare, dal secolarismo e questo principio fondamentale, inclusa nella nostra Costituzione della Repubblica ove non si riconosca nessuna religione e nessuna razza . Così ci troviamo di fronte la sfida finale: Repubblica o la guerra di tutti contro tutti.

Primavera in inverno.

Ma un altro evento si è verificato sempre in questo gennaio 2015, l'elezione di un nuovo governo in Grecia. Questo evento conferma la centralità della sovranità. Il partito della vera sinistra, SYRIZA è uscito vincitore di queste elezioni. Ma non era la maggioranza assoluta. 
Dobbiamo quindi pesare il significato storico della scelta fatta dai leader di SYRIZA di unire le loro forze con un partito di destra i "Greci Indipendenti" e non con l'estrema destra come sognava lo sgradevole Colombani [3]
Potrebbero allearsi con un partito di centro, esplicitamente pro-europeo (To Potami o Il Fiume), e poi, generosamente finanziata dai gerarchi di Bruxelles, con detriti del Pasok socialista di sinistra. Hanno fatto una scelta che sembra strana a coloro che non capiscono la questione della sovranità
Questa scelta è oggi una dimostrazione della centralità della questione: sovranità
Infatti, ciò che ha motivato questa alleanza, è la volontà chiaramente espressa del popolo greco, di voler recuperare la sua sovranità e, di conseguenza, la democrazia
Questo compito determina alleanze. Certo, SYRIZA, tradita e abbandonata da gran parte del governo europeo e francese di "sinistra", trovandosi sola non può riuscire a cambiare la situazione, può solo cedere sotto i ripetuti colpi degli eurocrati, della BCE e dell'Eurogruppo.
L'esempio che ci è stato dato rimarrà indelebilmente scolpito nel nostro comune sentire della memoria storica dei popoli. 

Oggi recuperare la sovranità è la premessa fondamentale di qualsiasi lotta politica
Un movimento simile, a Syriza, anima PODEMOS in Spagna, il partito del movimento degli "indignados". Questo partito nega la divisione tra "sinistra" e "destra", e sostituisce la questione del potere, con la divisione del stare con il popolo o con i potenti. Si tratta, ancora una volta, di capire la questione della centralità della sovranità che spiega e giustifica questa posizione [4] .
, la sovranità è la questione fondamentale del periodo politico aperto dalla crisi dell'Unione europea


Ecco perché questa idea è lo scopo di questo libro. La sovranità è come un rocchetto di filo, che finito di srotolarsi non ce ne più. Se si inizia a rilassarsi, le questioni di legittimità, legalità e laicità sono immediatamente messe in discussione.


Scuse e pretesti.

Tornando al primo evento, purtroppo tragico di gennaio 2015. Abbiamo subito detto che gli autori dei crimini nel mese di gennaio sono  solo figli della disperazione. In entrambi i casi; non tutti i bambini sofferenti, o tutti i bambini perduti, prendono le armi per uccidere i loro simili. 
Poi ho aggiunto, "non fare l'amalgama, e cadere nella trappola della 'islamofobia' " e in nome di questo preparare il terreno per la disattivazione del dibattito sull'Islam e le altre religioni. Questo è un grave errore, le conseguenze potrebbero essere terribili. Ha firmato la capitolazione intellettuale contro i nostri principi fondanti. Non che l'Islam è migliore o peggiore di un'altra religione. Ma ogni religione è il mondo delle idee, delle prestazioni. Questo è il primo senso, un'ideologia. In quanto tale, qualsiasi religione può essere criticata, nel senso di essere sottoposto a critica e all'interpretazione.

Questo è contro scandaloso, ciò che è criminale e ciò che deve essere represso con precisione dalla legge è quello di ridurre un essere umano alla sua religione. E' quello di impiegare comunque i fanatici di tutte le bande.

Qui dobbiamo capire i problemi. La Res Publica questo principio di un bene comune che è alla base della Repubblica, e che nasce dalla sovranità implica la distinzione tra spazio privato e spazio pubblico. Questo spazio pubblico è costituito da un processo di esclusione come un processo di inclusione. Il processo di esclusione è costituito dall'esistenza di confini . Nessuno avrebbe tollerato che in uno spazio pubblico si possono ammettere nuovi membri solo per invertire una decisione. E' ben inteso che l'ammissione di un tale principio firma la morte della democrazia. Ma la controparte di questo è che non vi siano nuove esclusioni tra i membri della comunità politica. Ne consegue che i cittadini non dovrebbero essere distinti dalla adesione religiosa o dalla "razza", ma per la loro appartenenza ad un organo politico, la Nazione. Così il principio di laicità deriva dalla sovranità. Laicità non è un qualcosa in più per la Repubblica: è il cemento [5] . È significativo che uno dei grandi pensatori della sovranità, Bodin, ha scritto nel XVI secolo nell'orrore delle guerre di religione, sia scritto un trattato sulla sovranità [6] e un trattato sulla laicità [7] .
Capire per bene [per non sbagliare]. Noi obblighiamo a definire noi stessi con le credenze religiose, i segni di appartenenza, è proprio questa la trappola cui tendiamo e a cui i terroristi vogliono riportarci, ai tempi delle comunità religiose dove si combatte uccidendosi l'un l'altro. Altri poi aggiungeranno le comunità etniche. Se cediamo su questo punto siamo impegnati su un sentiero che conduce alle peggiori barbarie. La confusione in cui per completare gran parte della classe politica francese è qui con le tragiche e gravi conseguenze. Gli attacchi contro i musulmani (come quelli contro gli ebrei, cristiani, buddisti, ecc ...) sono indicibili e intollerabili. Ma abbiamo il diritto di criticare, ridere, deridere, e persino odiare tutte le religioni. E se uno è scioccato dalle caricature, non comprare il giornale in cui sono stati pubblicati, e questo è tutto.

2. Le fondamenta di una crisi.

Questi abusi settari, sicuramente una piccola minoranza ma comunque esistono in una parte di giovani francesi, rivelano il senso di anomia di questo giovane. I giovani provenienti da immigrato non possono integrare perché non sanno di cosa integrare.

Il fanatismo e anomia.
Per quanto riguarda la religione e il fanatismo di alcuni giovani mostrano un aumento di identità e rivendicazioni narcisistiche. Il "noi", che è stato proposto dalla Repubblica,  perde progressivamente credibilità con la Repubblica non più sovrana, prima che la sostituisca l'"io". Ma prima che il vuoto di questo 'io', sia prima della impotenza, che cerca di ricostruire il "noi", un "noi" particolare da altri esclusi.  L'affermazione di identità narcisistica ha costruito il tetto del fondamentalismo.

Perché questa battuta d'arresto nella religione? Perché, esprime il volto delle vittime di reati, nel gennaio 2015, è come dire "non hanno rubato", e chiede il ripristino del reato spregevole di blasfemia? Il motivo è semplice: perché rifiuta questa idea di base della sovranità come base della democrazia. 
Abbiamo dimenticato che il corrispettivo per l'uguaglianza politica all'interno dei confini è il rispetto di questi cosiddetti confini. 
Se una comunità politica non è più padrona del suo destino, non può definirsi democratica. 
Se si vuole una prova, ricordare questa citazione da Jean-Claude Juncker, il successore ineffabile di Barroso a capo della Commissione europea: " Non ci può essere scelta democratica contro i trattati europei ". Questa dichiarazione è detta per le elezioni greche del 25 gennaio 2015, appena han visto la vittoria di Syriza
In breve, c'è stata l'affermazione della superiorità del principio tecnocratico sul principio democratico, sono soddisfatti della superiorità delle istituzioni non elette sul voto degli elettori
In questo, il signor Juncker e Barroso sono in gran parte responsabili di tragedie che la Francia ha subito e conosciuto.
Fanno propria, consapevolmente o meno, il discorso dell'Unione Sovietica nei confronti dei paesi dell'Europa orientale, che nel 1968, durante l'intervento del Patto di Varsavia a Praga dichiarano: la famosa teoria della sovranità limitata
Colpisce che considerano i paesi membri dell'Unione europea come colonie, o più precisamente di "dominio", la cui sovranità in oggetto è una Francia divenuta metropolitana (Gran Bretagna). Tranne che in questo caso non c'è metropoli. 
L'Unione europea sarebbe un sistema coloniale, senza metropoli. E, forse, è solo colonialismo per procura. Dietro la figura di una presunta Europa unita, che è in realtà divisa dalle istituzioni europee, possiamo discernere il volto degli Stati Uniti, un paese che continua a sostenere i poteri centrali di Bruxelles.

Francia in crisi

Allo stesso tempo, non si può non essere colpiti dalla combinazione di varie crisi in Francia. Quest'ultima passa quindi attraverso una crisi diffusa. I francesi si sentono e si traducono in un grande pessimismo.

Sappiamo cosa sia una crisi economica, e misuriamo ogni giorno che può essere una crisi sociale. Queste crisi creano un profondo senso di insicurezza [8] . Le crisi politiche, non son assolutamente sconosciute, non ne eravamo estranei in questi ultimi 50 anni. Ma c'è nella situazione attuale qualcosa di più, sia quantitativamente che qualitativamente. 
Ora scopriamo cosa può essere una nazione di crisi, in particolare quando si sentono degli movimenti tellurici sotto i nostri piedi, quando ciò che è stato pensato per essere una garanzia è improvvisamente messo in discussione, una cosa che ci è stata risparmiata dalla fine della Quarta Repubblica. 
Da questo sentimento nasce l'insicurezza culturale, che si unisce con l'insicurezza sociale, e produce quello che uno scrittore definisce "disagio identitario" [9] . Dietro i sintomi, c'è una realtà, ed è questa realtà che dobbiamo cercare di capire.

Uno dei motivi di questo pessimismo è il fatto che i francesi hanno la sensazione di essere di fronte ad una barbarie dalle molteplici forme. Siamo al tempo stesso inorriditi e affascinati dalla crescita della barbarie. Intere regioni del mondo sono scivolate in una profonda ferocia. Milioni di persone ne sono le vittime. Abbiamo voluto ignorarlo e abbiamo avuto fino ad ora la sensazione di vivere in una zona protetta, una bolla in cui niente di veramente terribile poteva accadere. Sicuramente i massacri al di fuori colpiscono la coscienza, così come la quantità di ingiustizia e di miseria che si sta accumulando lontano dai nostri confini. Ma una gran parte della popolazione, è rimasta senza parole; la sensazione di vivere in una zona protetta, l'Unione europea, che ha vinto. E' questo sentimento, giustificato o meno, che va in frantumi. I francesi sentono che non solo non sono protetti dall'Unione europea, ma che involontariamente o di proposito, la crisi si aggrava ogni giorno di più.

La barbarie europeista.

Più vicino a noi una forma di barbarie economica ha colpito la Grecia dal 2010. La miseria e la disperazione, ma anche la violenza politica e la sensazione di un esproprio profondo e totale, sia della politica economica che sociale sono ora di nuovo presenti nel cuore dell'Europa. Il fenomeno interessa ora una parte di Spagna e Portogallo. 
Questa barbarie economica supera di gran lunga quello che ci si aspettava da una singola crisi. L'attuazione da parte delle istituzioni europee, in modalità teorica protettiva, porta con sé la condanna del sistema che produce e implementa.

Alla base di questa barbarie, è la distruzione del principio dello stato. Questo stupirà solo chi non conosce nulla della tradizione del discorso sullo Stato e la legge che corre nel mondo occidentale da oltre due millenni. Lo Stato, è quella entità che protegge le persone, che garantisce un corpo di regole accettate da tutti
Ma lo stato può essere concepito fondamentalmente con due sistemi. Può essere di proprietà di un principe, e in questo caso, in realtà, va sconfitto di fretta. Oppure può essere espressione di interesse collettivo: questo è il significato della Res Publica che ha dato gli albori alla nostra repubblica, ed è un complesso più profondo. Il principio repubblicano esiste anche in forme di organizzazione politica, le "repubbliche". Dobbiamo quindi monitorare con precisione l'origine del termine, se vogliamo capire che cosa si riferisce.


3. Ritrovare la Repubblica.

La Res Publica è anche regionalizzata. Questo è un punto essenziale. La solidarietà nasce dalla condivisione delle cose  e la comprensione reale che sono radicate in un dato spazio. Lo Stato qui si identifica con la Nazione. Il legame tra  Stato e  Nazione prende una nuova dimensione con l'esistenza della democrazia.

La Repubblica e la Nazione

La democrazia presuppone la previa definizione di sovranità, perché dalla sovranità deriva  la legittimità che, a sua volta, basa la legalità. E' questa sovranità che rende udibile la solidarietà in giunzione tra le persone e le regioni di un determinato territorio. Se uno abdica la sovranità scarta la solidarietà [10].  
Affermando che il popolo è l'unico detentore della sovranità, la Rivoluzione del 1789 ha completato la costruzione politica e giuridica che fu iniziata nel Medioevo. Dobbiamo ricordare che non è stata creata da essa. Il concetto di sovranità è molto antecedente alla Rivoluzione. Questo è il motivo per cui dobbiamo tornare alla fonte della tradizione intellettuale del mondo occidentale, e provare a vedere che cosa vi è in essa, è subordinata alla volta o alla cultura a ciò che è veramente universale
Questo movimento di ritorno deve essere in grado di distinguere tra il vero internazionalismo, che è un pensiero che è "tra le nazioni", perché ne riconosce l'importanza e cerca di identificare le cause più comuni ed organizza il compromesso, da il pensiero che nega le nazioni, e  in realtà nega anche la democrazia ,e quindi contribuisce alla distruzione di questo principio, affermazione che genera la barbarie.

Stato, nazione, e società.

La società francese sta cadendo a pezzi. In questa terribile situazione si possono trarre dietro la proliferazione di attestazioni d'identità che ci fa regredire dal "noi" al "io". Questo processo è possibile solo perché lo stato-nazione, scarta il vecchio costrutto sociale. La Nazione è ciò che ci protegge dalla "guerra di tutti contro tutti", nelle parole di Hobbes o anomia per citare Durkheim. Certamente vero è il caso che la legge opprime. Ma la peggiore oppressione è sempre dovuta all'assenza di leggi
Tuttavia, queste leggi sono prese come parte della nazione e la rivoluzione del 1789 ha stabilito il popolo sovrano come il giudice supremo di queste leggi.
La democrazia ha quindi necessariamente bisogno della sovranità. Mentre le nazioni sovrane non abbisognano della democrazia, non la democrazia che è nata là, non, dove è privo di sovranità. Qualsiasi tentativo di stabilire uno spazio democratico ha istituito in realtà uno spazio di sovranità. Questi due concetti sono inscindibili, ma, indica chiaramente che la sovranità è il primo.

Questa crisi della Nazione, è anche una crisi di stato. Lascia i cittadini poveri e impotenti di influenzarli dalla situazione a fronte di interessi costituiti, e alcuni dei quali transnazionali. Questo è così perché sono privati ​​del potere di fare e modificare le leggi, e quindi sono privati ​​del potere di organizzare il proprio futuro collettivo. "Non vi è irrimediabilità che la perdita dello stato", ha detto il re di Francia [11] nei tempi antichi, ma che oggi sembra stranamente e tragicamente simile. Il contesto era quello della fine degli anni delle guerre di religione. Sotto l'apparenza di uno scontro religioso tra cattolici e protestanti, il potere, della Spagna, ha cercato di dominare l'Europa. Oggi è cambiato solo il paese ma si fa riferimento sempre a questa stessa situazione . Ma di tutte le guerre civili, conflitti inter-religiosi è il più imperdonabile perché si tratta di scopi oltre misura d'uomo. Quando la posta in gioco è la vita eterna - chi ritiene che vi è - allora tutto diventa possibile e giustificato in quello che allora era considerata la "vita terrena" per  "la vita eterna". Lo scopo estremo può causare estrema barbarie. La guerra di religione è il conflitto che destruttura la società più profonda, che mette i figli contro i genitori, i fratelli contro i fratelli. Così, quando Henry ha fatto questa dichiarazione davanti ai giudici di Rouen, in quanto il Parlamento dell'epoca era un'assemblea dei giudici, ha voluto mettere in chiaro che un interesse più elevato è richiesto agli interessi particolari e la ricerca personale i loro obiettivi legittimi non dovrebbe avvenire a spese del comune obiettivo di vita nella società. Ripristinando il senso della nazione, ha posto fine alla guerra civile.

Misurare quello che c'è di attuale nelle parole pronunciate alla fine del XVI secolo. Una crisi economica ci può impoverire, con ingiustizia sociale che può contribuire a creare barriere tra noi. Tuttavia, la confisca della sovranità nazionale tocca le fondamenta di quella entità che ci consente di vivere insieme.

Le moderne forme di confisca di potere.

La sensazione che i francesi hanno nella profondità di se stessi è la sensazione di confisca di potere, e la sua sostituzione con sonagli che la politica, almeno alcuni di loro, sono un ronzio nelle orecchie. Questo sequestro è, oggi, realtà. Prende la forma di vari trattati che ci legano all'Unione europea e alla presentazione di rappresentanza democratica in un potere non eletto. Questo sequestro è  fatto dalle multinazionali, che impongono, con il tacito consenso dei nostri governi e delle istituzioni europee con le norme che consentono loro di far valere la legge. Questo è, infatti, la questione dell'accordo di libero scambio proposto tra il Nord America e l'Unione europea, o TAFTA Partnership. Transatlantic commercio e gli investimenti [12] . Questa confisca impedisce alle persone di detenere la sovranità nazionale, ricostruire lo stato e costruire le istituzioni che lo adattano, cioè, allo Stato di porre rimedio ai suoi mali. Questo è un problema più sottile, ma in realtà il più importante della crisi economica. Questa sensazione di privazione e di impotenza, aggravata anche da una bassa potenza, e, che teorizza la sua impotenza aiuta a distruggere in profondità quello che è il legame sociale.

Dobbiamo poi discernere i contorni di questa crisi globale in cui siamo immersi.


4. Crisi e posta in gioco

Le nuvole stanno iniziando ad accumularsi sulla società francese, e il dramma che abbiamo vissuto dal 7 gennaio al 9 mostra che queste nuvole stanno per trasformarsi in tempesta, è nel nostro passato che possiamo trovare i princìpi  che ci permettono di proiettarci nel futuro.

La società e la politica.

È opportuno  lamentare. La società non è il prodotto di una omogeneità, sia culturale, religiosa, linguistica o economica. La società non è neppure il prodotto di decisioni consapevoli degli individui il pre-esistente
Gli individui sono in realtà il prodotto della società
Sono diversi perché il processo di produzione sono essi stessi diversi, i miti fondanti della società possono anche essere contestati, il che implica una nuova diversità. Ma questo non è ci riporta che all'ovvio: la politica della società . Questa è la politica che costruisce il legame sociale, e questa costruzione comporta una politica di ridistribuzione permanente. La parola calunniata, se dimenticata, è necessaria la dialettica.

Questo rapporto intimo tra la società e la politica, è necessario guardare come si è verificata questa costruzione in ogni società. Il processo di costruzione della società e anche un processo di differenziazione aziendale. Negarlo, far finta che non ci sono fogli bianchi su cui i pensatori potrebbero scrivere una storia a prescindere dalla storia passata, è la ricetta migliore per portare a tragedie terribili, e il peggio è una guerra civile. Eppure è a questo che oggi tendono le istituzioni europee e l'ideologia europea. Quindi dobbiamo stare attenti a fermare rapidamente questa preoccupante tendenza.

La costruzione della società evidenzia anche le forme che possono identificare la pertinenza attraverso i secoli. Gli antichi sapevano che non c'è legalità senza legittimità, in realtà è la seconda che ha fondato la prima. I miti greci della distinzione romana tra auctoritas e potestas è una lezione che dobbiamo ricordare. Ma il fondamento della legittimità stessa diventa una potenziale fonte di conflitto in quanto la pluralità delle religioni diventa una realtà. Questo è ciò che rivela l'opera di Jean Bodin, che, nello stesso movimento, stabilisce la supremazia del principio di sovranità e si stacca sempre dal legame con una particolare religione. L'unica risposta possibile alle guerre religiose del passato o a coloro che la minacciano oggi, il fondamentalismo di quelli o altri, delle letture letterali, è l'unione tra il principio di sovranità e laicità.

Un altro pericolo minaccia la società, sia per mezzo di accumulazione di ricchezza che è così estrema e diventa odiosa, e sordida corrosione di una ideologia individualista che oggi produce un narcisismo esasperato.
La politica è ora attaccato su due fronti nelle forme del suo funzionamento, ma anche nella privacy della sua relazione con i singoli individui. Questa politica di attacco, e quindi il cuore di quanto prodotto dalla società, ha importanti conseguenze per quanto riguarda le forme di organizzazione di questi ultimi. Questa doppia minaccia è causa della crisi dell'ordine democratico, che, come ogni forma di organizzazione, non è il risultato di "legge naturale", ma l'espressione di una volontà collettiva. Pertanto, il futuro sembra prometterci una scelta tra un ritorno ad un ordine arcaico basato su fantasie di omogeneità della società o di un ordine dispotica basato sul diritto "immorale".

Sovranità e democrazia.

La messa in discussione della sovranità mina la democrazia nel profondo della natura della società francese. Certo, ci possono essere Stati sovrani che non sono democratico; ma non si è mai visto uno Stato democratico che non è sovrano. Quindi questi sono i frutti amari, abbastanza logici, del processo di globalizzazione e la costruzione dell'Unione europea. Affermare che l'Unione Europea è stata concepita, più o meno, per proteggere i popoli contrasta con l'influenza della globalizzazione è una menzogna palese. In realtà è stato in prima linea il movimento che ha sconfitto gli Stati Uniti a favore di grandi imprese multinazionali.
E'  solo l'erede del progetto americano disegnato durante la guerra fredda [13] . E' stato costruito sulle basi di quel che sta succedendo, Kouvelakis Stathis, riferendosi al relativamente recente libro di Perry Anderson [14] , descrive come " ... una presa di distanza da ogni forma di controllo democratico e di responsabilità nei confronti delle persone è un principio costitutivo della complessa rete di agenzie tecnocratiche e altri istituti di esperti che costituiscono la spina dorsale delle istituzioni dell'Unione europea. Ciò che è stato eufemisticamente chiamato il "deficit democratico" è in realtà una negazione della democrazia " [15] .

L'Unione europea è in realtà uno spazio troppo eterogeneo che si potrebbe pensare, come Arnaud Montebourg evoca, ad un protezionismo "europeo". Non ci può essere alcuna sovranità, e quindi democrazia a livello europeo.

Quindi abbiamo bisogno di andare avanti con la ricostruzione di un ordine democratico, vale a dire un sistema politico per articolare la questione della sovranità e della legittimità e di garantire la democrazia, e dobbiamo farlo guardando le cause di crisi e non solo le sue conseguenze. Per fare questo, è necessario una profonda ristrutturazione delle forze politiche. Ci devono essere molte personalità nei partiti che sono al potere, o sono state, che sono convinti della necessità dell'economia francese per forme di tutela e di un forte deprezzamento della moneta. Sappiamo che questo è in realtà possibile nel contesto di una uscita dall'euro e il ritorno al franco. Ma questi partiti sono fatti in modo che la "direzione" di questi, un piccolo gruppo di uomini e donne, operino quasi indipendentemente da ciò che pensano i dirigenti di base e intermedi di questi partiti.

Queste "indicazioni" non si basano solo sulle istituzioni interne delle loro organizzazioni, ma anche su reti clientelari e diffusa corruzione, per costruire la loro indipendenza dai loro elettori. A questo si aggiunge una politica di pressione e di denigrazione sistematica di tutti coloro che non la pensano come loro. Nel complesso, il livello di democrazia in questi partiti si sta dimostrando molto più basso di quanto non sia nel sistema politico in generale. Si dovrà  passare attraverso una rottura e ricomposizione di questi partiti, sperando che i sostenitori recuperino la sovranità nazionale e si uniscano o almeno lavorino insieme. Il processo di rottura è, a quanto pare, in attuazione in questi partiti di potere. La ricomposizione può essere imminente. Più velocemente si concretizzerà, meglio sarà per il paese.

Ripensare l'ordine democratico


Ricostruire l'ordine democratico oggi, qui e ora, la prospettiva che porta garantisce il mantenimento di una società che è relativamente tranquilla e ha conseguenze stabilizzanti. Ecco perché, oggi, la difesa dell'ordine democratico e dei suoi fondamenti, la sovranità e la laicità, prende le dimensioni di un imperativo categorico. Ma questa riforma radicale può imporre o implicare elementi di populismo. Per combattere la tendenza spontanea delle burocrazie a produrre leggi, indipendentemente dalla loro legittimità, è richiesto l'uso di elementi di legittimità carismatici. E' il senso del ripristino, su questioni chiave, le procedure referendarie che rientrino a far parte di questa forma di legittimità. Soprattutto, è bene ricordare che i poteri dittatoriali, nel loro senso originale e non nel senso volgare che ha preso la parola "dittatura", fanno parte dell'ordine democratico. 
Così non prenderne parte, scuote i nostri all'azione di tutti, interrotti quando si porrà la questione di abrogare leggi approvate in termini giuridici, ma certamente del tutto illegittime. La bussola in questi tempi incerti sarà come sempre la difesa della sovranità  Nazionalestringerci attorno al suo sovrano, vale a dire il popolo, come una saldatura politica di tutto il bene comune e la Res Publica .





Note:

[1] Todd E., Qui est Charlie ? Sociologie d’une crise religieuse, Paris, Le Seuil, 2015.

[2] « La genèse de la laïcité » in Blandine Kriegel, La politique de la raison, Paris, Payot, 1994.

[3] Colombani J-M, « Quels chemins pour les grecs ? », in Direct Matin, n° 1630, 2 février 2015, p.3.

[4] Gales A., « Que pense Podemos ? », article publié dans la revue Ballast, 23 avril 2015, http://www.revue-ballast.fr/que-pense-podemos-14/

[5] Poulat E. Notre Laïcité, ou les religions dans l’espace public, Bruxelles, Desclées de Bouwer, 2014.

[6] Bodin J., Les Six Livres de la République, (1575), Librairie générale française, Paris, Le livre de poche, LP17, n° 4619. Classiques de la philosophie, 1993.

[7] [7] Bodin J., Colloque entre sept sçavants qui sont de différents sentiments des secrets cachés des choses relevées, traduction anonyme du Colloquium Heptaplomeres de Jean Bodin, texte présenté et établi par François Berriot, avec la collaboration de K. Davies, J. Larmat et J. Roger, Genève, Droz, 1984, LXVIII-591, désormais Heptaplomeres.

[8] Castel R., L’insécurité sociale. Qu’est-ce qu’être protégé ?, Paris, Le Seuil et La République des Idées, 2003.

[9] Bouvet L., L’insécurité culturelle. Sortir du malaise identitaire français, Paris, Fayard, 2015.

[10] Guilluy C., La France périphérique. Comment on sacrifie les classes populaires, Paris, Flammarion, 2014.

[11] Discours de Henri IV au Parlement de Rouen en 1597.

[12] R. Cherenti et B. Poncelet Le Grand marché transatlantique : Les multinationales contre la démocratie,. Éditeur Bruno Leprince, mai 2011.

[13] Ce qui fut déjà analysé par J-P. Chevènement La faute de M. Monnet, Paris, Fayard, 2006.

[14] Anderson P. Le nouveau vieux monde, Marseille, Agone, 2011 (en anglais The New Old World (2009) Londres, Verso).

[15] Kouvelakis S., in C. Durand (sous la direction de), En Finir avec l’Europe, Paris, La Fabrique, mai 2013, p. 51

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!