lunedì 25 gennaio 2016

La Gates Foundation "Corporate Merry-Go-Round": guida la The Neoliberal Plunder Of African Agriculture








BMGF sta conducendo le ambizioni delle Corporations Americane per la spartizione dell'Africa con l'agrobusiness globale.

La Fondazione Bill e Melinda (BMGF) pericolosamente e inspiegabilmente distorce la direzione di sviluppo internazionale, secondo un nuovo rapporto della campagna del gruppo Global Justice Now. Con un patrimonio di $ 43.500.mln , la BMGF è la più grande fondazione di beneficenza del mondo. In realtà distribuisce più aiuti per la salute globale rispetto a qualsiasi governo. Come risultato, ha una grande influenza su questioni di salute globale e agricoltura.

'Gated Development - La Gates Foundation è sempre una forza del bene?' Sostiene che ciò che sta facendo BMGF potrebbe finire per esacerbare la disuguaglianza globale e radicare il potere delle corporate a livello globale. L'analisi di Global Justice Now dei programmi della BMGF dimostra che il personale di alto livello della Fondazione sono prevalentemente presi da Corporate Americane. Di conseguenza, la domanda è: quali interessi sono promossi - quelli delle aziende d'America o quelli della gente comune che cercano la giustizia sociale ed economica, piuttosto che la carità?

Secondo il rapporto, la strategia della Fondazione ha lo scopo di approfondire il ruolo delle Compagnie delle multinazionali sulla salute e l'agricoltura globale in particolare, anche se queste società sono responsabili di gran parte della povertà e ingiustizia che già affligge il sud del mondo. Il rapporto conclude che i programmi, della Fondazione, hanno una strategia ideologica specifica che promuove politiche economiche neo-liberali, la globalizzazione delle multinazionali, la tecnologia che questo comporta (come OGM) e una visione superata della centralità dei soccorsi per 'aiutare' i poveri.

Il rapporto solleva critiche serie, tra cui:
1) Il rapporto tra la fondazione e le pratiche fiscali di Microsoft. Una relazione del 2012 al Senato degli Stati Uniti ha scoperto che l'uso di Microsoft di società off-shore ha permesso di evadere le tasse per $ 4,5 miliardi di dollari, una somma superiore alla sovvenzione annuale del BMGF ($ 3,6 miliardi 2014). 
2) Lo stretto rapporto che ha BMGF con molte società il cui ruolo e le politiche contribuiscono alla povertà in corso. Non solo BMGF beneficia di numerosi investimenti in una serie di società controverse che contribuiscono alla ingiustizia economica e sociale, ma, è anche attiva nel sostenere una serie di queste aziende, tra cui Monsanto, Dupont e Bayer attraverso una serie di iniziative a favore di società multinazionali in tutto il mondo . 
3) La promozione, della Fondazione, dell'agricoltura industriale in tutta l'Africa, spingendo per l'adozione di OGM, sistemi di semi brevettati e fertilizzanti chimici, tutti che minano l'agricoltura sostenibile, su piccola scala che fornisce la maggior parte della sicurezza alimentare in tutto il continente esistente. 
4) La promozione, della Fondazione, di progetti in tutto il mondo spingendo la sanità e l'istruzione privata. Numerose agenzie hanno sollevato preoccupazioni che tali progetti aggravano le disuguaglianze e minano la fornitura universale di tali necessità umane di base. 
5) Il finanziamento di BMGF di una serie di programmi di vaccinazione che hanno riferito portare a malattie o anche decessi senza alcun controllo da parte dei funzionari o dei media.
Polly Jones il referente della campagna  politica di Global Justice Now dice:
"La Fondazione Gates è diventata rapidamente l'attore più influente nel mondo della salute globale e le politiche agricole, ma non c'è alcun controllo o responsabilità in modo gestire la sua influenza. Questa concentrazione di potere e di influenza è ancora più problematico se si considera che la visione filantropica della Fondazione Gates sembra essere in gran parte basata sui valori del Corporation d'America. La Fondazione inesorabilmente promuove grandi iniziative a base di business come l'agricoltura industriale, l'assistenza sanitaria e l'istruzione privata. Ma tutti questi sono potenzialmente l'esacerbazione dei problemi della povertà e della mancanza di accesso alle risorse di base che la fondazione si suppone volesse alleviare "
La relazione afferma che che Bill Gates ha accesso regolare presso i leader mondiali e in effetti finanzia personalmente centinaia di università, organizzazioni internazionali, ONG e media. Come unica voce influente nello sviluppo internazionale, la strategia della Fondazione è una sfida importante per gli attori dello sviluppo progressivo e attivisti di tutto il mondo che vogliono vedere l'influenza delle multinazionali nei mercati globali ridotte o eliminate.

La Fondazione finanzia non solo progetti in cui le aziende agricole e farmaceutiche sono tra i principali beneficiari , ma investe spesso nelle stesse società in quanto a finanziamento, cioè la Fondazione ha interesse nella redditività di queste aziende. Secondo il rapporto, si tratta di "un-giostra aziendale in cui la coerenza di BMGF è nell'interesse della società."

Sradicare l'agricoltura indigena a vantaggio dell'agribusiness globale
La relazione rileva che lo stretto rapporto del BMGF con i semi e la chimica del colosso Monsanto è ben nota. E precedentemente proprietaria di azioni della società, continua a promuovere numerosi progetti di cui la Monsanto è il beneficiario, non ultimo il progetto OGM totalmente inadeguato e fraudolento, che promuove una tecnica quick-fix in vista di affrontare le questioni strutturali che creano la fame, la povertà e l'insicurezza alimentare Ma, come osserva il rapporto, i partner di BMGF sono molte altre multinazionali dell'agrobusiness.

Molti esempi di cui questo è il caso, sono evidenziati nella relazione. Ad esempio, la Fondazione sta lavorando con gli Stati Uniti commerciante Cargill in un progetto di $ 8 milioni di dollari per "trasformare la catena del prezzo della soia" in Sud Africa. Cargill è il più grande attore mondiale nella produzione e il commercio della soia con forti investimenti in Sud America, dove mono-colture OGM di soia  hanno sfollato popolazioni rurali e causato gravi danni ambientali. Secondo Global Justice Now, il progetto finanziato da BMGF probabilmente consentirà a Cargill di catturare un mercato africano finora non sfruttato dalla soia e infine introdurre la soia geneticamente modificata nel continente. I mercati di sbocco per questa soia sono aziende con rapporti con il fast food outlet, KFC, la cui espansione in Africa, viene aiutata dal progetto.
Esempi specifici sono dati che evidenziano come BMGF sostiene anche progetti che coinvolgono altre sostanze chimiche e aziende di sementi, tra cui DuPont Pioneer, Syngenta e Bayer.
Secondo il rapporto, il BMGF sta promuovendo un modello di agricoltura industriale, l'uso crescente di fertilizzanti chimici e costosi, sementi brevettate, la privatizzazione dei servizi di divulgazione e di una grande attenzione alle sementi geneticamente modificate. La fondazione foraggia l'Alliance for a Green Revolution in Africa (AGRA) per spingere l'agricoltura industriale.

Un settore chiave per AGRA è la politica del seme. La relazione rileva che attualmente oltre l'80 per cento della fornitura di semenza dell'Africa proviene da milioni di piccoli agricoltori del riciclaggio e delle sementi di scambio di anno in anno. Ma AGRA sta promuovendo la produzione commerciale di sementi e sostiene quindi l'introduzione di sistemi di sementi commerciali, che rischiano consentendo a poche grandi imprese di controllare la ricerca su semi e sviluppo, produzione e distribuzione.

In ordine le aziende di sementi commerciali  investano in ricerca e sviluppo, in primo luogo vogliono proteggere il loro 'proprietà intellettuale'. Secondo il rapporto, ciò richiede una ristrutturazione radicale delle leggi sulle sementi per consentire a sistemi di certificazione di proteggere non solo le varietà certificate e le royalties da essi derivati, ma in realtà criminalizza tutte le sementi non certificate.

La relazione rileva che nel corso degli ultimi due decenni un lungo e lento processo di rassegne nazionali di legge sul seme, sponsorizzato da USAID e il G8 insieme al BMGF e altri, ha aperto la porta al coinvolgimento delle Corporations multinazionali nella produzione di sementi, compresa l'acquisizione di ogni impresa del seme considerevole nel continente africano.

Allo stesso tempo, AGRA sta lavorando per promuovere ingressi costosi, in particolare fertilizzanti, nonostante le prove suggeriscono che i fertilizzanti chimici sono significativi nei rischi per la salute dei lavoratori agricoli, aumentano l'erosione del suolo e possono intrappolare i piccoli agricoltori nel debito insostenibile. BMGF, attraverso AGRA, è uno dei maggiori promotori al mondo di fertilizzanti chimici.

Alcune borse di studio fornite dal BMGF e AGRA sono stati specificamente destinati per "aiutare a costruire la filiera fertilizzante AGRA" in Africa. Il rapporto descrive come una delle più grandi borse, di AGRA, dal valore di $ 25 milioni, è stato utilizzato per aiutare a stabilire Fertilizer Agribusiness African Partnership (AFAP) nel 2012, il cui obiettivo è quello di "raddoppiare il totale dei fertilizzanti", in Africa. Il progetto AFAP è un obiettivo perseguito in collaborazione con il centro internazionale International Fertiliser Development Centre, un organismo che rappresenta l'industria dei fertilizzanti.

Un altro dei principali programmi di AGRA sin dal suo inizio è stato il sostegno alle reti di agro-dealer - piccoli rivenditori privati ​​di prodotti chimici e sementi di imprese transnazionali che vendono a questi agricoltori in diversi paesi africani. Questo aumenta la dipendenza degli agricoltori sul input chimico e marginalizzando le alternative di agricoltura sostenibile, compromettendo in tal modo l'idea  degli agricoltori che esercitano la loro 'libertà di scelta' (come gli evangelisti neoliberisti sono pronti a dire), quando si tratta di adottare alcune pratiche agricole .

La relazione conclude che l'agenda, di AGRA, è la più grande minaccia diretta al crescente movimento di sostegno alla sovranità alimentare ed i metodi di coltivazione agroecologiche in Africa. Questo movimento si oppone al ricorso di prodotti chimici, semi costosi e OGM e invece promuove un approccio che consente alle comunità il controllo sul modo in cui il cibo viene prodotto, scambiato e consumato. Si sta cercando di creare un sistema alimentare che è stato progettato per aiutare le persone e l'ambiente, piuttosto che fare profitti per le multinazionali. La priorità è data alla promozione dell'agricoltura sana e al cibo sano proteggendo il suolo, l'acqua e il clima, e promuovere la biodiversità.

Recenti evidenze da Greenpeace e l'Istituto di Oakland dimostra che in Africa l'agricoltura agroecologica può aumentare significativamente i rendimenti (spesso maggiore della agricoltura industriale), e che è più redditizio per i piccoli agricoltori.Nel 2011, il Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo (Olivier de Schutter) ha invitato i paesi a riorientare le loro politiche  agricole volte a promuovere sistemi sostenibili - non da ultimo - agroecologia che realizzano il diritto al cibo. Inoltre, la International Assessment Of Agricultural Knowledge, Science and Technology for Development (IAASTD), è il lavoro di oltre 400 scienziati per il quale ci  sono voluti quattro anni per completarlo. E' stato due volte peer reviewed e dichiara che dobbiamo guardare a piccoli proprietari, all'agricoltura tradizionale per garantire la sicurezza alimentare nei paesi del terzo mondo attraverso i sistemi agro-ecologici, che siano sostenibili.
Nel gennaio 2015 in un articolo del  The Guardian, il direttore di Global Justice Now ha detto che 'lo sviluppo' era un tempo considerato come un processo di rottura con lo sfruttamento coloniale e il trasferimento di potere sulle risorse dal 'primo' al 'terzo mondo', che coinvolge una lotta rivoluzionaria per le risorse del pianeta. Tuttavia, l'attuale paradigma si basa sul presupposto che i paesi in via di sviluppo devono adottare politiche neoliberiste e che il denaro pubblico nella veste di aiuti dovrebbe facilitarlo.
Se questo nuovo rapporto mostra qualcosa, è che la nozione di 'sviluppo' è diventato e dirottato da ricche società e i super-ricchi 'philanthrocapitalist' (le cui proprie pratiche aziendali sono discutibili per non dire altro, come evidenziato dalla relazione). In effetti, il modello di 'sviluppo' agevolato è sposato con l'ideologia e strutturalmente incorporato nelle relazioni di potere di un capitalismo globale di sfruttamento.

Da leggere

The Ecologist, Countercurrents, CounterPunch, Global Research, RINF

Gli articoli sul mio sito web sono sottoposti direttamente ai siti di cui sopra che attirano grandi numeri di lettori internazionali. Questi siti non possono pagare contributi dal momento che per rimanere indipendenti tendono a non avere pubblicità. 
Il mio lavoro è anche ri-pubblicato su molti altri siti e ristampato da alcuni giornali e altre pubblicazioni e supporti di stampa. 
Anche in questo caso, non vi è alcun compenso finanziario per questo. 
La ragione per la scrittura di questi pezzi è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica circa le prospettive delle cose sopra descritte. 
Ogni articolo richiede molte ore di ricerca e scrittura, credo che le informazioni dovrebbero essere liberamente disponibili e più ampia diffusione possibile. 
Molte migliaia leggono le mie cose e ricevo un flusso costante di messaggi di posta elettronica da parte di persone che esprimono apprezzamento o chiedono se possono ri-postare o ri-utilizzare il mio lavoro. Si prega di prendere tempo per leggere questo 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!