giovedì 14 gennaio 2016

Legge russa minaccia il Collasso economico del Mondo Occidentale con "l'arma del default"

Sorcha Faal 





Un nuovo rapporto pubblicato oggi dal Consiglio di Sicurezza (SC) stabilisce che il Presidente Putin ha trasmesso alla Duma (parlamento/legislatore)    una serie di leggi, temute  e mai viste nella storia della Russia moderna che, una volta promulgata creerebbe il peggiore "ciclone economico" che il mondo occidentale abbia mai visto immergersi sia gli Stati Uniti che l'Unione Europea in una depressione immediata, se non a titolo di definitivo totale collasso economico.

Secondo questo rapporto, le nuove leggi sono state ordinate e redatte lo scorso anno dal Consiglio di Sicurezza, che ha incaricato il famoso economista Sergei Glazyev di mettere a punto ciò che viene etichettato come una "arma di default" è " la definitiva risposta della Russia" all'aggressione occidentale, ordina a tutte le aziende , pubbliche e private della Federazione, di cessare immediatamente di pagare oltre $ 700 miliardi di dollari dei pagamenti del prestito a qualsiasi banca che ha una nazionalità, o anche rami, in qualsiasi paese che attualmente applica sanzioni, o minaccia sanzioni alla Russia.

Una volta che queste leggi utilizzate come "arma da default " sono emanate, continua la relazione, servirebbero come rimborso per la manipolazione occidentale prezzi mondiali del petrolio e del rublo doppi, la manipolazione dei russi libera sul mercato mondiale del petrolio oltre cinque milioni di barili al giorno di eccedenze di riserva alla produzione che sono stati trattenuti dall'Arabia Saudita, oltre alla manipolazione derivata dal New York Mercantile Exchange (NYMEX) che blocca il prezzo del petrolio allo scorso anno.




Ai tempi del presidente Putin sottopose queste temute leggi "come arma di default" alla Duma, spiega il rapporto, è dovuto alla relazione data al Consiglio di Sicurezza per lo Sviluppo Economico (Moed) dal ministro Aleksey Ulyukayev avvertendo che l'attuale periodo di prezzi bassi del petrolio potrebbe durare per decenni -e che gli esperti britannici stanno dicendo che potrebbe scendere il "giorno del giudizio" e livellarlo di $ 10 al barile.

Sollecita i tempi del Presidente Putin nel presentare queste leggi alla Duma, nelle note di questa relazione, è stata l'apertura con successo del San Petersburg International Mercantile Exchange (SPIMEX), che cambierà per sempre la de-dollarizzazione del petrolio russo dal sistema globale dei petrodollari degli Stati Uniti e quindi rompere l'egemonia americana e la sua capacità di finanziare le sue guerre con i soldi delle altre nazioni.

Aggiunge che respinge il crescente sistema dei petrodollari USA e dei suoi alleati nel continuare a sostenere la guerra globale, continua la relazione, è la Cina che la scorsa settimana ha ordinato a tutte le sue banche di cessare l'acquisto di dollari, nel tentativo di proteggere la sua nazione e suoi interessi economici , da questi guerrafondai.






Anche se,  "l'American presstitute", i media mainstream non ha permesso ai suoi cittadini di conoscere l'impatto pieno e terribile delle nuove disposizioni "del Presidente Putin con le leggi sul default " avranno su loro,  inoltre la relazione afferma, sull'avvedutezza avuta dai russi, non si può dire altrettanto delle nazioni oligarche - che nel giro di solo due settimane hanno causato una perdita nei loro mercati azionari di oltre $ 1 trilione -che per far comprendere il volume di cui parliamo, facciamo un esempio concreto, della cifra sbalorditiva nel contesto, è come se si cancellasse il valore combinato dei seguenti giganti tecnologici: Google (Google, Tech30) ($ 508 miliardi), Facebook (FB, Tech30) ($ 281.000.000.000), Intel (INTC, Tech30) ($ 154.000.000.000), Netflix (NFLX, Tech30) ($ 50 miliardi) e Yahoo (YHOO, Tech30) ($ 29 miliardi).

Ancora più sorprendente in questa massiccia perdita di ricchezza del popolo americano che detengono le loro pensioni e risparmi legati alle azioni e obbligazioni, dice la relazione afferma, è [l'incredibile affermazione] del presidente Obama che ha detto ai suoi cittadini connazionali, che la economia americana sta andando bene e che i suoi critici sono "spacciatori di finzione" -come il leggendario guru del mercato azionario americano Art Cashin che ieri ha avvertito del panico che "scuoterà il mondo" dei mercati e la Royal Bank of Scotland (RBS) avvertendo ieri  tutti i suoi clienti d'élite a "vendere tutto!" ed ha affermto: "Si tratta del ritorno del capitale, non di remunerazione del capitale. In una sala affollata, dove le porte di uscita sono di piccole dimensioni. "



Gli unici americani che saranno protetti in questo [grande collasso o] "ciclone economico" che avvolge il mondo occidentale, rileva la relazione , sono le élite degli oligarchi, che hanno avuto in dote dalla loro parte dal regime di Obama una struttura fiscale separata progettata per proteggere i loro miliardi -Mentre il resto del popolo americano sarà lasciato in competizione per posti di lavoro nel solo settore dove gli Stati Uniti sono leader mondiali indiscussi  le carceri, e che sono diventati così moralmente corrotti che il regime di Obama ha approvato una nuova legge che impone che almeno 34.000 'clandestini' siano dietro le sbarre tutti i giorni per far beneficiare di enormi profitti le aziende private nazionali gestori delle carcerario.



Con la Russia più grande produttore di petrolio al mondo, continua la relazione, il 75% del suo petrolio può essere esportato completamente grazie alla protezione della nuova legge "del Presidente Putin che arma il default", non importa quanto in basso il prezzo del petrolio scendere, ma lo stesso non si può dire del barbaro alleato del regime di Obama , la Medio Orientale Arabia Saudita il cui de facto dispotico leader , il vice principe ereditario Mohammed bin Salman, non solo ha portato la sua nazione sull'orlo della rovina - e la sua volontà presto farà crollare, senza dubbio, le nazioni occidentali che dovranno subire una nuova serie di guerre per il petrolio.

Ma prima che l'Occidente si imbarchi in queste nuove guerre per il petrolio, la relazione conclude, dovrebbero in primo luogo ri-familiarizzare con la loro propria storia e come recentemente descritto dallo scrittore americano di politica estera Michael Peck nel suo articolo 5 guerre per il petrolio finite nel disastro ha succintamente messo in guardia:
"Negli ultimi cento anni, il petrolio è stato un motivo frequente per la guerra. Nazioni hanno combattuto le guerre, o formato la loro strategia militare durante la guerra, per conquistare campi petroliferi o impedire ai rivali di controllare la merce che è la linfa vitale delle economie industriali e militari moderne. 
Ma a cosa serve acquisire un giacimento petrolifero quando si distrugge il proprio paese nel processo? Diverse nazioni hanno imparato a proprie spese che il prezzo per l'acquisizione del petrolio può essere molto superiore al suo valore. 
Per i leader americani, e molti altri nel corso della storia, il prezzo del petrolio in effetti ha dimostrato di essere più alto di qualsiasi cosa si possa immaginare."


Gennaio 13, 2016 © UE e USA Tutti i diritti riservati. Il permesso di utilizzare questo rapporto nella sua interezza è concessa a condizione che sia citata la fonte originale di WhatDoesItMean.Com. Contenuto freebase sotto licenza CC-BY e GFDL.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!