mercoledì 2 marzo 2016

Giornalista francese arrestato perché ha collegato  gli israeliani ai fatti del false flag del 13/11/15 a Parigi

Kevin Barrett

veteranstoday



Clicca QUI per ulteriori informazioni su ALTRO francese False Flag ?
(Copertina collage di foto per gentile concessione della JDL)
Di Hamza, il "crimine": Egli ha rivelato l'origine israeliana dei famosi corpi macabri, nelle foto delle vittime, alcuni in posizioni apparentemente impossibili, sparsi in tutto il pavimento sporco di sangue della discoteca Bataclan. Quella foto, la cui autenticità è stata messa in discussione dai media alternativi, è la base del collage di David Dees 'sulla copertina di un'altro  False Flag francese? dal titolo Tracce insanguinate da Parigi a San Bernardino .
L'arresto di Hicham Hamza è esempio di come la grande tradizione francese di Liberté è stata accartocciata e gettata nella Senna, sulla scia del false flag del 11/13. Lo stato di emergenza che seguì all'attacco è stato ufficialmente prorogato fino Maggio, senza alcuna prova o ragione data, e la sua durata può divenire "a tempo indeterminato", per tutti gli scopi pratici, permanenti .

Hicham Hamza è praticamente l'unico giornalista investigativo in Francia con il coraggio di mettere in discussione le storie ufficiali del Charlie Hebdo e gli attacchi del 11/13. Si prega di sostenerlo visitando il suo sito web Panamza e lo scorrimento verso il basso, dove si trova un pulsante di donazione PayPal.

Qui di seguito la traduzione dell'articolo di Hicham Hamza che descrive il suo arresto.

-Kevin Barrett

Arrestato dalla polizia perché indagava sugli attacchi di Parigi
Hicham Hamza
Panamza.com  

Un giornalista e fondatore del sito di indagine indipendente Panamza , è stato messo in stato di detenzione per sette ore dalla polizia per un articolo in cui ha rivelato l'origine israeliana della fotografia sconvolgente del Bataclan.

Lunedì, 22 febbraio mi sono recato di mia volontà alla stazione di polizia in risposta a una citazione per reati contro la persona  alla caserma, che si trova nel 13° borgo di Parigi.

Il giorno prima, avevo ricevuto un messaggio vocale "urgente" da un funzionario della direzione della polizia giudiziaria che mi chiedeva di chiamarlo subito. Il motivo: il mio articolo del 15 dicembre intitolato "Bataclan Carnage: La foto è scioccante ed è stata diffusa da Gerusalemme"

Avevo familiarità con i locali della Polizia Giudiziaria, in quanto ero stato invitato altre due volte per rispondere a denunce per "diffamazione"  contro di me da Caroline Fourest e Pierre Bergé.
Sorpresa! Questa volta, all'arrivo sono stato "messo in custodia cautelare" a seguito di un'indagine preliminare da parte del procuratore di Parigi. L'ufficiale mi ha informato che ero sospettato di aver commesso - pubblicando il mio articolo - dei seguenti reati: "violazione del segreto di indagine", "la pubblicazione di un'immagine che nuoce gravemente alla dignità umana" e "premeditata violenza volontaria senza ITT. "*
Sì, avete letto bene.

Allora cosa è successo dopo?

Sono stato condotto in cella per attendere l'arrivo del mio avvocato Isabelle Coutant-Peyre in modo che potesse essere presente, come la legge consente, durante il mio interrogatorio.

Dopo l'interrogatorio, mi hanno fatto leggere e firmare i verbali delle mie affermazioni. Sono stato poi reso alla detenzione in attesa della risposta della polizia. Cinque ore dopo ho lasciato la vecchia stanza che puzzava di muffa chiusa a doppia mandata per sapere che nessuna decisione era stata presa dal Procuratore della Repubblica.

Mi è stato finalmente consentito di raccogliere le mie cose e andarmene.

I meriti del caso?

Pur seguendo il sentiero tortuoso della scioccante strage , con le foto anonime del Bataclan, non avevo fatto altro che il mio lavoro di giornalista investigativo. Il mio obiettivo era quello di documentare pienamente le mie fonti. Così nel mio articolo, ho inserito l'URL della prima pagina web contenente l'immagine non offuscata del Bataclan (che avevo scelto di mettere sul mio sito).

La fonte originale della foto si è rivelata, stranamente, essere un tweet pubblicato da un'organizzazione israeliana guidata dal neoconservatore statunitense Mark Gerson.





La mia pratica - che è sempre  costosa e rischiosa - del giornalismo web ultra-aperta è la garanzia di affidabilità per i miei lettori: io do loro le mie fonti per controllare in modo che possano giudicare da sé la veridicità delle mie informazioni.

Oggi, il procuratore di Parigi - che riferisce direttamente al Ministero della Giustizia - ha sostenuto che avevo presumibilmente "violato la segretezza delle indagini" e impegnato in "violenza volontaria premeditata" nel "diffondere" le foto incluse in questo tweet.

Debitamente annotato.

Lo avevo già affermato nell'interrogatorio, e impugnato con grande forza la validità di tali accuse.

L'ufficio del procuratore di Parigi, diretto da François Molins, ha ora sei mesi di tempo per decidere se incriminarmi.


Nel mirino

Tenete a mente che il 1° dicembre, il Governo Valls aveva annunciato - tramite il suo delegato interministeriale Gilles Clavreul - la sua ostilità contro di me, confessando goffamente che avrebbe cercato tutte le "scappatoie legali per perseguire (Hamza)."

Nel frattempo, l'arrivo di Jean-Jacques URVOAS a capo del Dipartimento di Giustizia è stato accompagnato, più discretamente, da un altro cambiamento poco noto. Thomas Andrieu, il direttore della libertà pubbliche e gli affari legali dell'Ufficio del Ministero dell'Interno (ex braccio destro di Manuel Valls) è nominato il 5 febbraio Capo di Gabinetto del nuovo Ministro della Giustizia.

Il 2 dicembre avevo pubblicato un articolo su questo stretto collaboratore della rete pro-Israele. L'architetto capo dello stato di emergenza, Thomas Andrieu era stato precedentemente accusato di aver promesso al governo (che era in fondo mai mantenute) di dissolvere la Jewish Defense League. (Nota del redattore: Responsabile per decine se non centinaia di attacchi terroristici, e innumerevoli migliaia di minacce di violenza, la JDL è stata ufficialmente dichiarata organizzazione terroristica da parte dell'FBI, ma a causa del potere della lobby sionista rimane legale in Francia, Canada e altri paesi.)

Un dettaglio che la dice lunga: Nel mio articolo "Bataclan Carnage: La foto scioccante è stata diffusa da Gerusalemme," Ho anche posto delle domande circa la JDL, sottolineando che questa milizia sionista e razzista, che viene tollerata in Francia (ma considerato un gruppo terroristico del Stati Uniti e Israele) avevano pubblicato direttamente la fotografia raccapricciante Bataclan sulla home page del suo sito web.

Noi ancora non conosciamo tutti i dettagli circa la provenienza e la catena di custodia della foto in questione, che è stata progettata per suscitare il terrore, e la cui autenticità è stata molto discussa dai media alternativi stranieri. Quello che sappiamo è che è apparso sul sito web di un webmaster con sede a Gerusalemme.

Non dovrebbe esserci nessuna sorpresa che la Jewish Defense League - un piccolo gruppo legato a reti simili di estrema destra israeliana - avrebbe potuto pubblicare la foto senza attirare l'ira di Bernard Cazeneuve, il Ministro degli Interni  è estremamente compiacente con il movimento sionista e la sua base operativa in Francia: il Mossad.

Sorpresa, sorpresa: insieme al titolo esplicito "Bataclan foto delle vittime," l'immagine scioccante, la cui pubblicazione da parte della JDL è stato poi esposto  un mese più tardi da Panamza, da allora è stato sostituito da un 
fuori tema che illustra e mostra ... i sedili della discoteca.

Qualcuno nelle alte sfere deve aver protetto la JDL da qualsiasi citazione di polizia, chiedendo loro di rimuovere la fotografia.
Quanto a me: per rivelare la fonte israeliana dell'immagine, che è stata manipolata attraverso i social media per instillare la paura e l'accettazione di misure di sicurezza draconiane, sono stato arrestato dalla polizia, su richiesta dei pubblici ministeri, per sette ore.
Ora sono sotto la minaccia di nuove sanzioni penali che possono portare, questa volta, a una pena detentiva.

Non mi faccio illusioni circa i grandi media tradizionali, con la loro completa indifferenza alla mia detenzione. Dopo otto anni che esercito le mie capacità di reporting di indagine su argomenti tabù, vale a dire il movimento sionista i false flag e il terrorismo, io rivendico la condizione di outsider rispetto alla professione, come giornalista - e prendo a prestito una frase di Glenn Greeenwald - " non ho mai fatto parte del circo."**

Non conto più sul sostegno pubblico di certe personalità e associazioni che sono generalmente impegnati nel contrastare la disinformazione o il regime di apartheid di Israele: la maggior parte hanno purtroppo accettato di diventare gli utili idioti del governo Valls, fino al punto di offrire la denuncia alla moda, degna dei vecchi regimi totalitari, dei "teorici della cospirazione". Questa frode intellettuale è stata progettata per demonizzare chiunque sfida i pronunciamenti ufficiali.

Conto su voi, fedeli  e benevoli lettori.

Il vostro sostegno è la mia roccaforte.



Note del traduttore:

* "Senza ITT" significa violenza che non ha provocato nessuno, anche se solo temporaneamente disattivata...

** Non credo Greenwald abbia usato la parola "harem" in questa citazione circa i presstitutes, ma non riesco a trovare l'originale, quindi se eventuali lettori possono dare una mano, per favore mi illumini nei commenti.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!