venerdì 18 marzo 2016

Particella  nanometrica cura il cancro del seno in stadio finale, studio svolta sui topi

GPD
veteranstoday



La nanotecnologia ha aiutato gli scienziati a curare i topi con il cancro al seno in fase terminale. Lo studio potrebbe essere il punto di svolta nel trattamento della malattia con  test clinici su pazienti umani si prevede saranno condotte già dal prossimo anno.

"Non vorrei  dare un eccessiva speranza alle migliaia di pazienti in cerca di una cura, ma il dato è sorprendente", Mauro Ferrari, presidente della Houston Metodist Research Institute in Texas e  co-autore senior dell'articolo dice nel comunicato stampa pubblicato dal sito Houston Methodist leading medicine . Lo studio , condotto da un team di ricercatori del Houston Methodist Research Institute, è stato pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology.

Inverosimile 'terapia antitumorale' al seno può far 'scomparire i tumori' in 11 giorni, dicono i medici
Il nuovo trattamento per il cancro al seno, che ha utilizzato il cosiddetto "generatore di nanoparticelle"  si è rivelato efficace nel trattamento dei topi e, di conseguenza, ha un potenziale colossale di trasformarsi in buon trattamento nella malattia degli esseri umani, dicono gli scienziati. Il generatore interferisce con successo con la capacità del cellule tumorali di sviluppare resistenza ai farmaci.
"Questo può sembrare fantascienza, è come se avessimo penetrato e distrutto la Morte Nera, quello che abbiamo scoperto è trasformazione. Abbiamo inventato un metodo che realmente fa penetrare le nanoparticelle all'interno del cancro e rilascia particelle di farmaco nel sito del nucleo cellulare. Con questo generatore di nanoparticelle iniettabile, siamo stati in grado di fare ciò che i farmaci chemioterapici standard, vaccini, radiazioni, e altre nanoparticelle non sono riusciti a fare ", ha detto Ferrari. 
Durante la loro ricerca Ferrari e i suoi colleghi hanno utilizzato un farmaco chemioterapico chiamato doxorubicina ma al suo interno hanno nascosto dischi di silicio microscopici. In questo modo le cellule tumorali hanno perso la capacità di resistere al trattamento. Quando il disco entra all'interno di una cellula tumorale, la spezza e viene rilasciata la doxorubicina anti-tumorale.


Il pane bianco e ciambelle aumentano il rischio di cancro ai polmoni del 49 per cento, secondo uno studio
Lo studio ha dimostrato che la metà dei topi che erano stati iniettati con il nuovo farmaco non hanno avuto tracce di cancro per otto mesi. Ciò equivale a 24 anni negli esseri umani, hanno spiegato gli scienziati.
"Se questa ricerca sostiene gli esseri umani e vediamo anche una frazione di tempo di sopravvivenza, stiamo parlando drammaticamente di estendere la vita per molti anni." 
"E' essenziale fornire una cura ad una popolazione di pazienti a cui ora viene detto che non ce ne alcuna", ha detto Ferrari.
Anche se il nuovo metodo è stato testato soltanto per la cura del cancro al seno, Ferrari ha espresso una forte speranza che potrebbe essere utilizzata anche nella lotta contro altri tipi di cancro.

Secondo lo scienziato, la scoperta potrebbe andar bene completamente nel trattamento attuale del cancro [...] e dice:
"Stiamo parlando di cambiare il panorama della malattia metastatica, e quindi, non è più una condanna a morte". 
"Polmone e metastasi epatiche sono i due motivi principali per cui perdiamo i malati di cancro. I risultati che abbiamo provato con questo lavoro è che siamo in grado di fornire una cura funzionale; siamo in grado di curare essenzialmente a lungo termine, [dando] sopravvivenza libera da malattia per circa il 50 per cento degli animali a cui abbiamo fornito questa terapia. "
Gli scienziati hanno in programma di ottenere l'approvazione dalla Federal Drug Administration e iniziare studi clinici sugli esseri umani nel 2017.



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!