venerdì 22 aprile 2016

Il vero motivo per cui Facebook vuole che utilizziate i suoi nuovi pulsanti di reazione 'emoticons'  è per tenere sotto controllo, le vostre emozioni...

whydontyoutrythis


Come al solito, la recente introduzione del simbolo di 'valorizzazione' di Facebook  - i pulsanti emoticons di reazione  destinati ad essere alternativi alla tanto vituperataopzione 'mi piace'- sono dotati di un inghippo piuttosto importante: di ingegneria sociale 

"Facebook ha confermato a Mic che userà i dati raccolti quando si utilizzano le nuove emoticons per alterare il vostro News Feed e saperne di più su ciò che vi piace [...] Preferisci Bernie Sanders a Donald Trump, o la moda di vivere verde? [...] Facebook ti conosce, e utilizzerà le informazioni per personalizzare il vostro News Feed di Facebook cose che pensa di vedere  in voi", ha riferito Mic .... 

Anche se Facebook contesta spesso i sospetti sui suoi aggiornamenti ed esperimenti psico-sociali, nota la piattaforma di studio '2014 study', pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences , ha dimostrato che gli utenti non possono essere sicuri se non lo sono. 

Gli utenti di Facebook sono diventati degli inconsapevoli topi da laboratorio dei social media quando gli scienziati sui dati manipolati con il news feed su 700.000 persone studiate sul contagio emotivo. L'ultimo emoticons, in tale contesto, potrebbe immediatamente alimentare un sospetto su Facebook fino agli stessi noiosi, trucchi raccapriccianti. 
"Se l'obiettivo di Facebook è quello di cambiare il vostro comportamento," Mic ha continuato, "hanno bisogno di conoscere la vostra risposta psicologica a foto e video e allo stesso modo l'industria del tabacco che ha bisogno della chimica del cervello delle persone per la scelta degli additivi nelle sigarette." "Per Facebook per competere con Snapchat e Twitter, ha bisogno di innaffiare i suoi algoritmi con qualcosa di meglio, e le tue emozioni sono un supercibo. "  
"Facebook vuole sapere come o cosa fa ottenere l'aumento in circolo della dopamina . Wow! Amore! o cosaltro...?"
Considerando che la durata media dell'attenzione è ora letteralmente inferiore a quella di un pesce rosso , e Facebook è, dopo tutto, un giro d'affari, gli ottimisti potrebbe dire la sartoria dei feed di notizie per le reazioni degli utenti, non è in ultima analisi, poi così dannosa. 

Purtroppo, con oltre 1,28 miliardi di utenti nel mondo, la piattaforma di Facebook offre meccanismi convenienti per condividere informazioni vitali che potrebbero altrimenti rimanere sconosciute. 

In altre parole, Facebook, in sé, non è l'unico interesse in gioco. 

Artisti, media indipendenti, piccoli imprenditori, organizzazioni non profit, e un numero imprecisato di altri soggetti si affidano sulla diversità dei media del gigante sociale di account attivi per raggiungere le persone che potrebbero non visitare un tradizionale sito web, stand-alone

È questa un'altra forma di sorveglianza? 

I pessimisti possono obiettare che, il social engineering o meno, gli accordi degli utenti titolari di account 'siglati' e iscritti a Facebook indicano  che Mark Zuckerberg dispone di libero corso nel concedersi a ogni capriccio. 

Con le nuove emoticons Facebook, e le altre piattaforme di social media che usano lo stesso  metodo, aggravano i cosiddetti miglioramenti  tutto il tempo - viene subito in mente il commutatore di Twitter che va da 'preferiti' a 'Mi piace' ...

Anche Mic ha riferito di aver ricevuto chiarimenti affermando che le nuove emoticons negli algoritmi dei nuovi feed degli 'account' di Facebook come "Mi piace,"  potrebbero "cambiare in futuro." 

Questa volta, invece  diventi una cavia,  invidiosa o risentita, ed è semplice da scegliere su Facebook, e la ingegneria sociale quasi orwelliana, se clicci "amore", "haha", "wow", "triste" o "arrabbiato" a nessun post. 

Basta attenersi al noioso "mi piace" - fino a quando Facebook non riesce a implementare ciò che molte persone volevano, l'opzione: "non mi piace"... 

Un'immagine può valere più di mille parole, ma a Facebook, vale molto di più.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!