sabato 28 maggio 2016

I Robot tagliano 60.000 posti di lavoro in una sola  Fabbrica, ben  Il 40% della forza lavoro attiva.


Melissa Dykes

activistpost.com 




Il lavoro umano vale meno che mai nella famosa fabbrica Foxconn.

L'azienda, nota per la produzione di prodotti Apple e altre apparecchiature elettroniche americane, era già noto per l'elevato suicidio di lavoratori nella sua sede Shenzhen, la Cina spinge i suicidi fuori dagli edifici.

Ora, l'ascesa dei robot e l'automazione  sostituiscono una sconcertante numero di ben 60.000 operai su 110.000 dipendenti di una fabbrica, la Foxconn a Taiwan, dando un colpo fatale ai salariati, in gran parte migranti.


CNBC riporta :

Trentacinque società di Taiwan, tra cui il fornitore Foxconn di Apple, hanno investito  un totale di 4 miliardi di yuan (HK $ 4,74 miliardi) sulla intelligenza artificiale lo scorso anno, in base ai dati emessi per le relazioni esterne dal governo Kunshan

"La fabbrica Foxconn ha ridotto i suoi dipendenti da 110.000 a 50.000, grazie all'introduzione dei robot. Ha assaporato il successo nella riduzione del costo del lavoro ", ha detto capo del dipartimento Xu Yulian. 
"Sempre più aziende rischiano di seguire l'esempio."

Ben 600 grandi aziende nel Kunshan hanno piani simili, secondo un sondaggio del governo.

I tagli di posti di lavoro non sono di buon auspicio per Kunshan, che aveva una popolazione di oltre 2,5 milioni alla fine del 2014, due terzi dei quali erano lavoratori migranti.

Questa tendenza di posti di lavoro che muoiono oggi spostando operai cinesi, ma è sulla buona strada per raggiungere a tutti e rappresenta una minaccia realistica e spaventosa di posti di lavoro americani pure. Oggi è di fabbricazione, ma domani sarà l'impatto camionisti, cameriere, segretarie e presto, quasi tutti i settori.

Se i lavoratori vengono spostati da un settore, e sono spinti a competere per i lavori in altri settori, creano ulteriore pressione sui richiedenti, e sollevano la questione di dove andrà la gente  se / quando non ci sono più posti di lavoro disponibili.

Se il futuro è automatizzato, che cosa succede agli esseri umani? Come faranno per guadagnarsi da vivere?


La risposta è un enigma, i robot si promettono di fare gran parte del lavoro che era servile e, beh, deprimente da fare - come dimostrano i suicidi nelle fabbriche di Foxconn .

Ma gli esperti prevedono che il 40% dei posti di lavoro umani esistenti sarà spazzato via da robot e automazione, può essere un futuro non auspicabile.






Note di SD:


dall'Ansa

Foxconn sostituisce 60mila impiegati con robot

Ha più che dimezzato la forza lavoro, da 110 a 50mila persone



© ANSA

Foxconn, azienda asiatica fornitrice di Apple e Samsung e in passato tristemente nota per i suicidi, ha sostituto 60mila impiegati con dei robot. La società, come riporta il South China Morning Post, ha ridotto così la sua forza lavoro da 110mila a 50mila lavoratori in carne ed ossa, quindi più che dimezzandoli. "Stiamo applicando la robotica e altre tecnologie di produzione in sostituzione delle operazioni ripetitive fatte dai dipendenti che a loro volta si concentrano di più su altri processi di produzione", ha spiegato Foxconn.

La fabbrica si trova a Kunshun, in Cina, ed è probabile che la strategia sarà impiegata anche in altre sedi della società. Già ad agosto 2011, il presidente di Foxconn, Terry Gou, aveva annunciato di voler sostituire fino a 500mila dipendenti in fabbrica, almeno nei lavori considerati più semplici. Progetto che un anno fa sembrava aver subito ripensamenti perché secondo l'azienda la meccanizzazione non poteva essere comparata alla manualità, in alcune fasi della produzione.

Com'è noto, Foxconn è il principale costruttore-partner di Apple e non solo: nei suoi stabilimenti in Cina vengono costruiti gran parte dei prodotti di elettronica di consumo, computer, smartphone e tablet anche per gli altri big del settore hi-tech. Secondo un report diffuso all'ultimo Forum economico di Davos, entro il 2020, quindi tra quattro anni, i robot ruberanno 5 milioni di posti di lavoro nel mondo.




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!