mercoledì 15 giugno 2016

I MEDIA NEGANO, MA NUMEROSI TESTIMONI SI CHIEDONO, QUANTI FOSSERO I TIRATORI NEL MASSACRO DI ORLANDO 

Claire Bernish





I titoli dei media tradizionali indicano e consolidano il loro racconto su un singolo tiratore, responsabile della carneficina alla discoteca di Orlando, mentre i dettagli richiamano, altro che la storia ormai ufficiale, ovvero, che la questione deve essere presa in considerazione nei diversi aspetti.

Mentre dubbi vengono sollevati, su Omar Mateen, sul ruolo avuto durante l'attacco, le testimonianze oculari - durante la varie fasi e senz'altro soggettive, considerando il caos del momento dell'attacco - non concordano con l'opinione unanime di azione solitaria.

"Voglio dire, io sono abbastanza sicuro che è stata più di una persona," il testimone Janiel Gonzalez ha detto uno stuolo di giornalisti. "Come ho detto, ho sentito due pistole sparare, allo stesso tempo," e ha proseguito , indicando, con le dita, avanti e indietro da dove provenivano gli spari , dalle diverse direzioni.

Inoltre, ha spiegato, che in preda al panico, al Clubgoers,  ha avuto grande difficoltà ad uscire durante la sparatoria, che ha stimato della durata di otto minuti - un sacco di tempo per un tiratore, per ricaricare più volte. Quando Gonzalez e gli altri fuggitivi  hanno finalmente trovato una porta nascosta dietro ad una tenda,
C'erano probabilmente 50 persone che cercano di scavalcarsi, l'un sopra l'altro, solo per cercare di riuscire e sfuggire da quel posto, ma c'era un ragazzo che teneva bloccata la porta. Il ragazzo manteneva la porta in modo da non farci uscire.
Quando hanno chiesto perché stava bloccando la loro unica via d'uscita - mentre i colpi  sembravano avvicinarsi - Gonzalez ha detto che l'uomo ha risposto loro: "No, voi ragazzi dovete stare dentro . Resta dentro " Disperati, il gruppo ha chiesto di spostarsi per dare loro una uscita sicura - ma il fermo rifiuto dell'uomo nel farlo ha suscitato una seri domanda.

Come ha spiegato Gonzalez, il fatto che c'era un fucile semi-automatico, e non una pistola, impiegato nella sparatoria, gli fece rendere conto che questo doveva essere un criminale pieno di odio - e poi ho "fatto due più due, e mi sono detto, che forse questo tipo cerca di impedirci di lasciare il club, lo faceva perché stavano lavorando insieme. "

Megyn Kelly di Fox News ha intervistato l'uomo, Luis Burbano, che ha ammesso di aver bloccato l'uscita, e gli chiede : "Tu tenevi le porte in modo che il tiratore non potesse uscire, ma non avevi alcuna preoccupazione che, in questo modo stavi di fatto impedendo alle persone in fuga dal tiratore di uscire?"

"Sì, ehm ... sì. E' stato un mio pensiero. C'era sbattere, c'era da spingere la porta. Ho avuto un pensiero; ma a quel punto in quell'attimo, ho solo provato a fare quello che pensavo sarebbe stato meglio fare in quel momento ", perché, come ha spiegato, la porta si apre in un vicolo molto stretto e avrebbe creato un inganno. Burbano era preoccupato da fatto che aprire la porta desse una via di fuga al tiratore e che potesse fuggire, così ha pensato da tenerla chiusa, non pensando alle vittime.

Così, mentre le azioni di Burbano sono forse motivate ​​dal 'fare la cosa giusta', ha messo in pericolo direttamente la vita delle persone intrappolate all'interno. Stava lavorando di concerto con l'aggressore o gli aggressori? Probabilmente no. Doveva affrontare le conseguenze del bloccare uno dei pochi luoghi sicuri, di uscita, perché le persone dentro sfuggissero a un tiratore? Senza dubbio.

Per quanto riguarda la descrizione fatta , forse più di un tiratore era stato coinvolto, Gonzalez in realtà non era solo.

Un secondo testimone ha descritto in un'intervista andata in onda su Today Show , " Doveva esserci più di una persona , anche perché [gli spari] erano troppo continuati ... E' come se fossi in un poligono di tiro e tutto quello che senti è solo, BOOM, bang, bang ... non riesco nemmeno descriverlo per bene. "





"I don’t think anybody really knew what was going on": Orlando shooting witness describes the scene

Nelle riprese acquisite da più testimoni fuori del club, la polizia sembrava essere impegnata in uno scontro a fuoco con una materia ignota. Mateen, tuttavia, è stato ucciso all'interno del club, secondo la maggior parte clienti.
"Stanno sparando davanti e dietro," la persona ripresa dal video può essere sentita dire che più di una raffica di arma da fuoco si sentiva in sottofondo. "Oh. Mio. Dio. Stanno sparando avanti e indietro. "

Potrebbe anche questo dare credito ai clienti sulla presenza di molti attaccanti?

Ancora un altro testimone oculare del massacro si è fatto avanti per descrivere gli eventi per ABC News '20/20 - e il suo dettagliato resoconto potrebbe essere critico. Dopo che Mateen ha raccolto i telefoni degli ostaggi, secondo un testimone, ha chiamato sia le forze dell'ordine che una stazione di notizie e ha detto, "l'America deve smettere di bombardare ISIS ... in Siria."

"Poi ha chiamato qualcuno che conosceva," ha ricordato l'uomo, "e ha rammentato che era il quarto tiratore, e che gli [sic] altri tre, ha citato, credo anche un nome femminile, che stava giocando con la  morte anche se aveva un giubbotto antiproiettile. E poi ha detto che c'erano tre cecchini là fuori in attesa che arrivassero i poliziotti  per sparare a loro".
E anche un altro testimone degli eventi ha descritto la situazione come con più tiratori. Notando il gran numero di colpi di pistola che risuonavano, al testimone è stato chiesto da Infowars , "Allora, credi che ci fosse più di un uomo armato lì?"

"Credo ,"  ha risposto il giovane  "perché è  impossibile, per me, che una persona spari con due pistole". Ha anche descritto, vedendo la foto di Mateen sui social media, di avere il sospetto che l'indagine ha fatto in modo di non far sembrare credibile, con la ricostruzione materiale, l'impiego di due armi necessarie per tenere conto della raffica di spari che sono stati uditi.


"Non sarebbe riuscito a sparare con due pistole", ha ipotizzato.

Decidete voi stessi, come sempre, quello che dicono i clienti -  contraddice il racconto corrente principale ora uniformato - cosa potrebbe significare.

Ma ricordate, questo, mettere in discussione quello che stanno per imboccarci il governo e i media delle corporate è irriguardoso per le vittime. Piuttosto, è per rispetto dei morti e dei feriti che le parti adeguate devono essere chiamate a rispondere - l'accuratezza e di fatto di importanza fondamentale al fine che la giustizia possa essere servita appropriatamente


Claire Bernish scrive per TheFreeThoughtProject.com , dove questo articolo è apparso per prima .
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!