mercoledì 22 giugno 2016

Le mail della Clinton affermano: Dobbiamo distruggere la Siria per favorire Israele


Sean Adl-Tabatabai 




Dalle e-mail trapelate di Hillary Clinton si conferma che l'amministrazione Obama, con Hillary Segretario di Stato, ha orchestrato la guerra civile in Siria a beneficio di Israele.

Il nuovo rilascio di Wikileaks mostra che , l'allora Segretario di Stato,  ha ordinato una guerra in Siria al fine di rovesciare il governo e spodestare il presidente Assad, sostenendo che era "il modo migliore per aiutare Israele".

Newobserveronline.com riporta:

Il documento è stato uno dei tanti non classificati dal Dipartimento di Stato americano il case number F-2.014-20.439, Doc No. C05794498 , dopo il clamore sul server di posta elettronica privato della Clinton tenuto a casa sua mentre serviva come Segretario di Stato negli anni 2009-2013 .

Anche se la trascrizione Wikileaks risale alla e-mail del 31 dicembre, 2000 questo è un errore  loro, in quanto il contenuto della e-mail (e in particolare il riferimento al maggio 2012 sui colloqui tra l'Iran e l'Occidente sul suo programma nucleare a Istanbul) mostrano che l'e-mail era stata inviata il 31 dicembre 2012.

L'e-mail rende chiaro, che è stata  la politica degli Stati Uniti , che fin  dall'inizio ha dimostrato di voler rovesciare violentemente il governo siriano, l'incredibile motivo è perché questo serviva  all'interesse di Israele.




"Il modo migliore per aiutare Israele nell'affare, vista la capacità nucleare crescente dell'Iran, è quello di aiutare il popolo della Siria a rovesciare il regime di Bashar Assad," è il commento fuori dai denti e senza mezzi termini della Clinton.

Anche se tutti i rapporti segreti americani avevano a lungo respinto il programma "bomba atomica" iraniana come una bufala (conclusione sostenuta dalla International Atomic Energy Agency), Clinton continua a utilizzare queste menzogne ​​per "giustificare" la distruzione della Siria nel nome di Israele.

Si collega di proposito il mito sul programma bomba atomica dell'Iran con la Siria, perché, dice, che il programma "bomba atomica" del Iran minaccia il "monopolio" di Israele sulle armi nucleari in Medio Oriente.

Se l'Iran dovesse acquisire un'arma nucleare, afferma Clinton, ciò consentirebbe alla Siria (e ad altri "nemici di Israele" come l'Arabia Saudita ed Egitto) di "diventare opportunamente  una potenza nucleare", nel qual caso, minaccino gli interessi di Israele.

Di conseguenza, Clinton, afferma, la Siria deve essere distrutta.
Il programma nucleare iraniano e la guerra civile in Siria possono sembrare non collegate, ma lo sono. I capi militari israeliani si preoccupano realmente - ma non possono parlarne - stanno perdendo il loro monopolio nucleare. 
La capacità nucleare iraniana non solo dovrebbe far concludere il monopolio nucleare, ma potrebbe anche rapidamente aprire ad altri avversari, come l'Arabia Saudita e l'Egitto, il passaggio al nucleare. Il risultato sarebbe un equilibrio nucleare precario in cui Israele non potrebbe rispondere alle provocazioni con attacchi militari convenzionali in Siria e Libano, per quanto si può oggi .
Se l'Iran dovesse raggiungere la soglia di  stato nucleare, per Teheran sarebbe molto più facile delegare i suoi alleati, la Siria ed Hezbollah , a colpire Israele, sapendo che le sue armi nucleari servirebbero come deterrente per Israele sul rispondere e colpire l'Iran.
Clinton continua dicendo, la "relazione strategica tra l'Iran e il regime di Bashar Assad in Siria"  rende possibile, all'Iran, minare la sicurezza di Israele.

Ciò non avverrebbe con un "attacco diretto," ammette la Clinton , perché "nei trenta anni di ostilità tra Iran e Israele" questo non è mai avvenuto, solo tramite presunti corpi di "proxy".
Con la fine del regime di Assad finirebbe questa alleanza pericolosa. La leadership di Israele capisce bene , che il motivo per sconfiggere Assad, è nel suo interesse. 
Abbattere Assad non solo sarebbe un vantaggio enorme per la sicurezza di Israele, ma, servirebbe anche ad attenuare il comprensibile timore di Israele nel perdere il monopolio nucleare. 
Quindi, Israele e Stati Uniti potrebbero sviluppare una visione comune nel momento in cui il programma iraniano diviene  pericoloso e a quel punto  l'intervento militare sarebbe giustificato.
La Clinton prosegue ed espone, l'asset di minaccia violenta direttamente per Bashar Assad "e la sua famiglia", e afferma che sia la "cosa giusta" da fare:
In breve, la Casa Bianca può allentare la tensione che si è creata con Israele sull'Iran facendo la cosa "giusta" in Siria. 
Solo la minaccia di mettere a rischio la sua vita o quella della sua famiglia  con l'impiego della forza farà cambierà idea al dittatore siriano Bashar Assad.
L'email dimostra, la prova provata,  che il governo degli Stati Uniti è stato il principale sponsor della crescita del terrorismo in Medio Oriente, e tutto con il fine di "proteggere" Israele.

E' un problema che fa riflettere, da prendere in considerazione, la crisi dei "rifugiati" che attualmente minaccia di distruggere l'Europa , con veri e propri profughi in fuga dalla guerra civile in Siria,  è stata direttamente scatenata da questa azione del governo degli Stati Uniti  .


Inoltre, più di 250.000 persone sono state uccise nel conflitto siriano, che si è diffuso anche in Iraq, tutto grazie alla Clinton e all'amministrazione Obama che hanno dato il loro sostegno ai "ribelli" alimentando il fuoco della guerra in Siria.
E' inquietante  che una psicopatica come la Clinton, che ha inflitto morte e miseria a milioni  di persone abbia la reale possibilità politica di diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti, è un pensiero profondamente sconcertante per tutti.
L'affermazione di politica pubblica della Clinton , se eletta presidente, farebbe " assumere al rapporto con Israele un livello successivo ," darebbe il via definitivo alla sua impronta, e Israele, non sarebbe più solo il nemico di alcuni Stati arabi in Medio Oriente, ma di tutte le persone che amano la pace sulla terra.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!