domenica 10 luglio 2016

Russia: Il gruppo di odio razziale "Black Lives Matter" e i suoi finanziatori miliardari inseriti nella lista tra le organizzazioni terroriste

By: Sorcha Faal,


Il comitato investigativo ( SLEDCOM ) riporta che Valentina Matviyenko , presidente del Consiglio della Federazione , ha avviato un'indagine legale per l'immissione sul Servizio federale di sicurezza ( FSB) " di una Lista unificata di organizzazioni, estere e organizzazioni internazionali che sono stati riconosciuti come [gruppi] terroristici con la legge russa " un " gruppo di odio razziale " americano  noto come Black Lives Matter , e i suoi tre fondatori, e due dei suoi finanziatori miliardari americano. [ Nota: Alcune parole e / o frasi che compaiono tra virgolette sono approssimazioni in lingua inglese di parole russe / frasi che non hanno esatta controparte.]

Secondo questo rapporto,  l'autorità di  SLEDCOM  per condurre questa indagine sui terroristi di Black Lives Matter  è sulla base della autorizzazione ai sensi Legge federale del 28.12.2010 No 403-FZ per condurre indagini preliminari relative " alla tutela dei diritti e delle libertà dell'uomo e del cittadino "indipendentemente dai confini internazionali.

Il documento rilasciato dal Presidente Matviyenko sostiene che Black Lives Matter, i suoi fondatori, ed i suoi finanziatori, sono nell'elenco come organizzazione terroristica, continua il rapporto, si riferisce a questi " gruppi di odio razziale " che sostengono l'uccisione di agenti delle forze dell'ordine americane al fine per " incitare / infiammare " " passioni razziali " negli Stati Uniti e le cui " tattiche / e retorica ", se trasferite in Europa, porrebbe una grave minaccia non solo per la Federazione, ma, per tutto il continente.

Le prove presentate da SLEDCOM al Presidente Matviyenko sostengono la sua richiesta, nota la relazione , contiene materiali pubblici classificati, tra cui questa settimana il " tacito sostegno " di The Black Lives Matter  nell'assassinio  di 5 agenti di polizia americani a Dallas, in Texas , e il tentato assassinio di agenti di polizia americani in Georgia, Missouri e Tennessee.



Il "gruppo di odio razziale Black Lives Matter ", continua il rapporto, è stato fondato da attivisti americani su base di comunisti  Alicia Garza , Patrisse Cullors e Opal Tometi che si auto si definiscono " donne nere queer e trans " e i cui membri dell'organizzazione si sono infiltrati nella élite politica USA che conta, come dimostra il loro incontro di oltre 90 minuti con il presidente Obama alla Casa bianca lo scorso febbraio.



La leader di Black Lives Matter Brittany Packnett (a sinistra) in un incontro con il presidente Obama il 18 febbraio, 2016

La più grande preoccupazione (s) del Presidente Matviyenko in materia di Black Lives Matter, tuttavia, dice il rapporto, sono decine di milioni di dollari di finanziamenti accolti donati dal miliardario sostenitore del regime Obama Tom Steyer e l'erede della fortuna Taco Bell , Rob McKay (altrimenti noto come " Obama’s trust fund baby ") -come pure giganti tecnologici USA come Google, che ha dato $ 2.3 milioni a questo " gruppo di odio razziale" , e Facebook, hanno incredibilmente eretto davanti alla loro sede principale  un enorme cartello di "Black Lives Matter" poche ore dopo che gli agenti di polizia di Dallas sono stati attaccati con le armi .



L'enorme manifesto, sulla facciata della sede di Facebook, di "Black Lives Matter" eretto a Menlo Park  8 lug 2016

Rob McKay, continua il rapporto, fornisce il principale " canale di finanziamento " di Black Lives Matter attraverso l'organizzazione comunista  Democracy Alliance ( DA ) sostenuti dagli hedge fund miliardari di Tom Steyer - i quali entrambi,  hanno finanziato con centinaia-di-milioni di dollari la campagna presidenziale di entrambi i democratici, sia quella del presidente Obama che quella attuale di Hillary Clinton.

Per quanto riguarda il motivo per cui queste élite, di bianchi, miliardari, insieme con i giganti USA del Hi-tech, stanno finanziando il " gruppo di odio razziale" Black Lives Matter e i suoi fondatori le " queer woman di colore ",  dice la relazione, viene indicato come la " maggiore preoccupazione " del presidente Matviyenko nel suo rinvio, ma,  dice deve ancora scoprire.

Investigatori dello SLEDCOM, però, continua il rapporto, fanno notare che molti dissidenti americani sono da tempo preoccupati che il regime di Obama stia cercando di incitare una guerra razziale negli Stati Uniti, tra loro l'ex membro del Congresso Allen West, che nel 2013 ha scritto ed espresso i suoi timori che si verifichi  un guerra razziale , e proprio ieri, un altro ex membro del Congresso degli Stati Uniti, Joe Walshminacciano il presidente Obama con la " guerra " e di avvertimenti dei  manifestanti di Black Lives Matter basta " guardare fuori " .

Con le bande di Black Lives Matter  vengono usati ad esempio spray lacrimogeni al peperoncino a Phoenix (Arizona) , e a Oakland (California) i manifestanti attaccano e devastano  un edificio della polizia al grido di "assassini" , la relazione conclude, il rinvio del Presidente Matviyenko collocare questo " gruppo di odio razziale " , i fondatori, e finanziatori, nella lista di organizzazione terroristica del FSB è stato " provvisoriamente approvato " in attesa di ulteriori indagini.

A police officer deploys pepper spray towards a protestor who attended a demonstration against fatal shootings by the police of two black men across the country, in Phoenix, Arizona, U.S. July 8, 2016. © Ricardo Arduengo
Ufficiale polizia schizza con  spray al peperoncino  un manifestante che ha partecipato ad una manifestazione contro le sparatorie mortali da parte della polizia di uomini di colore in tutto il paese, a Phoenix, in Arizona, Stati Uniti 8 Luglio 2016. © Ricardo Arduengo / Reuters





July 9, 2016 © EU and US all rights reserved.  Permission to use this report in its entirety is granted under the condition it is linked back to its original source at WhatDoesItMean.Com. Freebase content licensed under CC-BY and GFDL.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!