sabato 22 ottobre 2016

30 buoni motivi per uscire dall'Europa
Panagiotis Grigoriou
greekcrisis



"Mentre gli inglesi decollano sul Titanic, l'orchestra dell'Unione europea continua a suonare sotto la direzione della bacchetta tedesca ... e in Francia, il dibattito sull'opportunità di lasciare la nave che affonda  resta un divieto", scrive Olivier Delorme.



Athens 2016

"Infatti, se mai, si sostiene che la cosiddetta" costruzione europea "ha portato gli europei alla catastrofe può essere solo un ritardo del sub-talento, e, per buona misura, un populista che gioca con le mani del Front National. "
Questo è il mio amico Olivier Delorme, storico, politologo e scrittore, pubblicherà il suo saggio
" 30 buoni motivi per uscire dall'Europa ". Le coscienze al momento della stampa ... poi diventano chiare. Cioè, si deve segnalare, una pubblicazione partecipativa. Dal momento che è chiaramente spiegato (e ripeto qui la presentazione del suo saggio dal sito dell'editore), ed è chiaro che nei media mainstream, il dibattito sull'integrazione europea è spesso limitata ai luoghi comuni o agli anatemi: ". l'Europa è la pace e la prosperità per tutti, perché insieme siamo più forti" "Uscire dalla UE sarebbe una catastrofe economica, potrebbe comportare la revoca e il trionfo del nazionalismo "... Ma cosa è veramente?



Athens 2016

Di fronte a questo pensiero unico europeo, Olivier Delorme qui presenta, trenta (più uno) brevi capitoli, sostenuti, accessibili a tutti, anche quando si tratta di economia e la moneta (due campi troppi seri per essere lasciati agli ideologi dell'economia liberista), i motivi della rottura con oltre 60 anni di errori europei.

Per lui, è il momento di rompere con 60 anni di bugie e uscirne fuori! Dal momento che il "deficit democratico" che concede un po di Eurofilia non è il risultato di una deriva del progetto iniziale, ma quella ideologia che sottende fin dall'inizio, a un'ideologia che cerca di minare tutti i giorni lo stato sociale e la democrazia che la lotta delle generazioni passate ci hanno lasciato in eredità.

Perché l'Unione europea e l'euro sono le armi di distruzione di massa dello stato sociale e la democrazia - avvicinandoci più volte al caso particolare della Grecia - e questo per il solo beneficio di una casta fuori dalla terra e degli interessi economici che serve. Alla fine ha chiesto un momento di lucidità: non riformare la camicia di forza, o è spaccata o si muore lì!



stampa greca 2016

E disegnare quello che potrebbe essere il rilascio di questa nuova URSS che collassa su se stessa, per la ricostruzione di una democrazia sociale, aperta al mondo e alla cooperazione con altri Stati europei - pur nel rispetto della sovranità e della dignità. In caso contrario, l'inevitabile fine dell'Unione europea sarà con l'estrema destra.

Come tutti gli imperi, anche l'Unione europea dovrà crollare un giorno. Ma cosa  dobbiamo aspettarci da questo relitto? Dare prospettive future al nostro paese vuol dire che  dovrebbe uscire il più rapidamente possibile? Così questo approccio principale dei sondaggi, tutti i cittadini devono essere consapevoli che la "questione europea" oggi determina la maggior parte delle scelte politiche.



stampa greca 2016

Olivier Delorme è nato nel 1958. I suoi sei romanzi sono disponibili presso H & O. Professore di storia, docente di Sciences Po a Parigi (2001-2008),  è l'autore di "La guerra del 14 inizia a Sarajevo" (Hatier, 2014) e co-autore de "I Greci contro l'austerità" "E' stata la volta della crisi del debito" (Le Temps des cerises, 2015). Ha pubblicato nel 2013 nella collezione Storia Folio (Gallimard), i tre volumi di "Grecia e i Balcani, dal V secolo ai giorni nostri", che è divenuto l'autorità sulla storia della regione.



Grecia; 2016





* foto di copertina: 30 buoni motivi per uscire dall'Europa
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!