domenica 30 ottobre 2016

Erdogan consolida il potere

Israel Shamir
The UNZ Review


foto Thomas Koch / Shutterstock.com




La Turchia è inquieta. Il presidente Erdogan sta consolidando il suo potere, cercando di sbarazzarsi di interferenza fastidiose del Parlamento. Egli intende riformare la Turchia in una repubblica presidenziale, assumendo i poteri di un presidente americano. Vuole essere un califfo, la gente di Istanbul scherza, e lo chiamano "sultano Erdogan". E il colpo di stato fallito a luglio è stato utilizzato come pretesto per una grande epurazione nella struttura del potere. Tuttavia, il risultato può essere migliore di quel che molti osservatori si aspettavano.


Ho appreso molto, durante la mia visita in Turchia, dove mi è stata data l'opportunità di incontrare i membri turchi del parlamento, ministri e capiredattori dei principali mass media. Mi aspettavo che il fallito colpo di stato appartenesse alla storia, ma mi sbagliavo.

La sua ombra getta pesantemente sugli eventi di tutti i giorni nel paese. Mi sono state mostrate le macerie in parlamento, dove è caduta una bomba lanciata dai golpisti; vi è una mostra fotografica di precedenti colpi di stato militari che hanno avuto successo , poi, un quadro orribile del presidente Menderes sulla forca. I colpi di stato turchi non sono stati incruenti. L'esercito intende mantenere il potere per sé e per i suoi alleati della NATO.

Il colpo di luglio ha causato la morte di 240 persone, la metà di loro uccisi al ponte sul Bosforo in un confronto con l'esercito. Non è da confrontare con il colpo di stato in Egitto, dove le vittime sono state  migliaia; e dove l'esercito ha sconfitto il legittimamente l'eletto moderato-islamista Presidente Morsi.

Dopo il colpo di stato, Erdogan ha cominciato l'epurazione dei Gulenisti, o Fethullisti, come chiamano i seguaci di Fethullah Gülen, il padre politico del Islam moderato turco e creatore della vasta rete scolastica che raggiunge 160 paesi. Dovevano essere gli iniziatori del colpo di stato. In realtà non è chiaro se Gülen e i suoi seguaci erano dietro al colpo di stato, ma sono sicuramente nemici di Erdogan.

L'epurazione non è cruenta, ma dolorosa: i Gulenisti eliminati non vengono uccisi, ma perdono il posto di lavoro e spesso finiscono in prigione. Almeno settanta o ottantamila uomini sono stati eliminati, 35.000 sono imprigionati. Sono giudici, ufficiali dell'esercito, funzionari e molti insegnanti. 500 persone sono stati eliminati dal Ministero degli Affari Esteri, alcuni di loro rifiutano di tornare a casa quando sono richiamati. Lo stato di emergenza dichiarato subito dopo il colpo è stato esteso pochi giorni fa per altri tre mesi.

Tale giustizia di emergenza è notoriamente cieca: un giudice morto tre mesi prima del colpo di stato, è stato epurato per la sua partecipazione al colpo di stato. Alcune società appartenenti al Gulenisti sono state  confiscate, mentre i loro obblighi e debiti rimasti come proprietari espropriati. E' difficile difendersi contro tali accuse discutibili di Gulenismo.

I turchi rispondono con una battuta  in riferimento alla 'giustizia cieca': "Un uomo cieco chiunque lo può prendere".

Il governo sostiene che i Gulenisti hanno formato un'organizzazione chiamata FETO, e descritta come "organizzazione terroristica". Essi la comparano a Daesh (ISIS), al cartello di Medellin e (sorpresa!) ai gesuiti.

Tuttavia, è difficile da comprendere in che modo i Gulenisti siano terroristi. La cosa peggiore di cui sono accusati è di aver ottenuto  fraudolentemente i ticket d'esame per il servizio civile e, quindi, garantire buone posizioni per i loro seguaci. Questo non può essere il cricket,  e difficilmente è atto di terrorismo.

Come si può smascherare un Gulenista? Questo non è un compito facile, ma ci sono un paio di spunti per rivelano un cripto-Gulenista.

Gli utenti del sistema di messaggi ByLock sono sospetti. Questo messaggi amatoriali sono popolari tra i seguaci di Gülen e alcune persone coinvolte nel colpo di stato. Centocinquantamila utenti di ByLock vengono esaminati. Questo sistema di messaggistica era stata violata da parte dei servizi di sicurezza dello stato tempo fa, perché ha una sicurezza light. In seguito, i complottisti sono  passati ai messaggi sul professionale WhatsApp. Quello offerto ha una buona sicurezza, ma è stato sufficiente impadronirsi dello smartphone di un complottista per ottenere l'accesso agli altri.

Un altro modo per smascherare un cripto-Gulenista è quello di individuare la regola del dollaro di un seguace di Gülen ricevuto dal suo guru. Mi è stato detto da un membro del parlamento che un vero Gulenista spesso cuce la banconota da un dollaro sulla biancheria intima, in contatto con la pelle.

Questa idea è stata introdotta da Lubawitscher Rebbe di Chabad Hassids. Il fine del Menachem Mendel Schneersohn inoltre ha dato vita alle banconote da un dollaro e la vodka  benedetta per il consumo dei suoi Hassids '. Ha conversato con Dio, e così ha fatto Gülen - secondo i suoi seguaci e avversari. Gli Hassids hanno cercato di ottenerne l'influenza, con notevole successo - ma non sono mai stati chiamati "terroristi".

Gülen era stato, e rimane una figura molto potente nel mondo di lingua turca, in particolare nella ex URSS e la Cina, dal Tatarstan e Yakutia di Sinkiang (Xinjiang). I giovani provenienti da Kazakistan e l'Uzbekistan hanno studiato nelle sue scuole. Il movimento Gülen era stato considerato il ramo filo-occidentale del leader politico moderato dell'Islam. Praticamente tutti i moderni islamisti della Turchia sono passati attraverso le sue scuole. E' stato il più importante alleato di Erdogan nella sua lotta contro i violenti kemalisti secolari che hanno governato la Turchia fino al 2002.

Si è detto che i kemalisti fossero abbastanza filo-americani, ma hanno rifiutato di privatizzare i beni pubblici. Erdogan e Gülen erano ugualmente filo-americani, e hanno accettato l'idea di una massiccia privatizzazione e vendita di beni a società occidentali americane e altri. Gran parte della ricchezza turca è ora nelle mani straniere, e questo è ciò che inibisce l'inversione a U Erdogan verso la Russia.

Mentre Erdogan e Gülen erano amici e partner, Gülen ha aiutato Erdogan ha esautorare i generali dell'esercito secolari e onnipotenti. I suoi seguaci, ben consolidati nel ramo legale del governo, hanno organizzato l'affare Ergenikon. Avevano sostenuto di aver scoperto una vasta cospirazione terrorista ultranazionalista chiamata Ergenikon e inviato 43 generali e molti politici in prigione. Erdogan rimase sorpreso da questa impresa di Gülen, stupito e spaventato, come questo vecchio dalla Pennsylvania, controllava apparentemente l'ordinamento giuridico della Repubblica , la polizia gli avvocati  e i tribunali.


Infatti Erdogan aveva buone ragioni per avere paura. Nel 2013, Gülen ha chiesto che Erdogan gli desse un centinaio di seggi al Parlamento, e quando è stato rifiutato, ha scatenato la sua macchina legale sul suo vecchio amico. Nel mese di dicembre 2013 seguaci Gülen nella polizia e l'ufficio del procuratore generale hanno accusato i ministri del governo Erdogan di corruzione. Tra gli accusati vi era Bilal, il figlio di Erdogan, e gli amici personali di Erdogan.

Invece di cercare di confutare le accuse  sostenute dai casi nei tribunali, Erdogan ha descritto le accuse come "un tentativo di colpo di stato." È andato dalla gente, viaggiato per il paese, ha fatto appello alle masse, e le masse lo hanno sostenuto. Ha costretto la polizia e i tribunali a chiudere i casi, e ha iniziato la sua de-Gulenisazione della Turchia.

Per le persone cresciute con il concetto della supremazia del diritto, questo la sente come una parodia del normale ordine delle cose. Tuttavia, la legge non è migliore del legislatore o dell'esecutivo, o meno democratica, è meno collegata al comune cittadino, ma è legata al potere reale del denaro. Negli Stati Uniti, non vi è alcun Gülen o Gulenista, ma i giudici a partire della Corte Suprema possono prescindere dalla volontà del popolo, come abbiamo osservato quando hanno spinto per i matrimoni dello stesso sesso o per il diritto delle imprese di comprarsi i candidati. Essi sono lo Stato profondo, quindi l'idea del loro sradicamento non è male.

Sì, vogliamo giustizia, ma vogliamo più  democrazia. Una volta, i giudici degli Stati Uniti eletti, erano tutti collegati alla gente, ma ora non lo sono più. In Turchia, Gülen aveva  successo nel promuovere la sua gente a posizioni giuridiche; aveva perso il sostegno del popolo. E i turchi erano pronti a perdonare Erdogan anche alcuni molto corrotti:le persone si sentivano accudite , mentre non si sentivano d'esserlo da Gülen e i suoi seguaci.  Per il sistema legale, la corruzione è un reato, e un politico corrotto deve andare in carcere. Se un politico non è corrotto, può essere condannato per una proposta indecente a una donna. Così il sistema giuridico ha il potere di bloccare qualsiasi politico, e ignorare il processo democratico. Erdogan è riuscito a sovrascrivre il sistema giuridico.

Dopo la sua vittoria del dicembre 2013, Erdogan ha accusato Gülen e i suoi seguaci di aver creato il complotto Ergenekon e arrestato molte persone innocenti. Generali e politici riacquistano la libertà.

Ad Ankara, ho incontrato un leader della fazione parlamentare repubblicana kemalista, Mustafa Ali Balbai. Questo bell'uomo, muscoloso, dall'aspetto europeo (come molti turchi )  ha fatto cinque anni di carcere per il suo presunto coinvolgimento nella cospirazione Ergenekon.   'stato eletto al parlamento, mentre era ancora prigioniero, e ultimamente è stato liberato. "Ora i giudici che mi hanno condannato sono loro stessi in carcere ", ha detto allegramente.

Forse la trama Ergenekon non esiste affatto? Ho chiesto al capo redattore della CNN Turk, un network potente, che ha interpretato il ruolo chiave nella neutralizzazione del colpo di stato di luglio. "C'è stato un nucleo del complotto, un piccolo nucleo, che è stato trasformato nel mostro che non è mai stato", ha detto. In altre parole, ci fu un complotto, ma un complotto dei giudici e dei servizi di sicurezza, il più frequente tipo di cospirazione.

Per quanto riguarda purghe attuali di presunte Gulenisti, il numero la dice lunga sulla sua estensione. La polizia di Ankara aveva ricevuto quarantamila suggerimenti di denuncia dei vari Gulenisti, mi è stato detto al mio arrivo alla capitale della Turchia. Mogli denunciano mariti infedeli, i proprietari denunciano gli inquilini che sono in arretrato. E' diventata un accusa universale; naturalmente la polizia non sta arrestando tutti, ma molta gente è  stata convocata per le indagini. Questo ricorda la campagna di McCarthy negli Stati Uniti, o la campagna contro i trotzkisti in URSS del 1930.

Per alcune persone, l'epurazione non è coerente. Un redattore di un piccolo giornale, chiamiamolo Mehmet, mi ha detto: "Se dovessero eliminare tutti i seguaci di Gülen, non avrebbero nessun partito e nessuna fazione in Parlamento. Tutti i capi di partito e di tutti i ministri passavano attraverso la rete di Gülen. L'epurazione riguarda solo persone insignificanti, quelle importanti gli sfuggono. "

Tuttavia, non vi è alcun dubbio, Erdogan prende l'epurazione molto sul serio, come ha fatto con la cospirazione di Ergenekon cinque anni fa. Egli non vuole avere Gülen in piedi dietro la schiena pronto a  pugnalarlo, e  preferisce rimuovere completamente quella rete, estesa quale era. Erdogan dice che il colpo di luglio è stato il secondo, mentre quello precedente è stato il tentativo di usare la polizia e il Foro nel dicembre 2013 contro di lui e la sua famiglia.

Le relazioni della Turchia con la Russia e con gli Stati Uniti sono direttamente connessi con la storia dei due colpi di stato. Ho visitato la Turchia subito dopo, ottobre 2016, la visita di Putin, quando i due leader hanno deciso di procedere con l'importante gasdotto, e completato l'ultimo, o il più recente tratto delle loro relazioni a zig zag.

L'amicizia Erdogan-Putin ha subito un inaspettata forte battuta d'arresto nel novembre 2015, quando un aereo russo SU-24 è stato abbattuto da un missile aria-aria sparato da un jet turco sulla Siria. Le relazioni sono stati interrotte, i turisti russi smisero di arrivare, le verdure turche hanno perso il mercato russo, e i progetti sul petrolio e il gas sono stati accantonati.

Nel mese di giugno 2016, ci fu un altro a zig-zag. Erdogan ha inviato le sue scuse, e le relazioni si sono trasformate in meglio di prima del colpo di stato di luglio. Forse questo passaggio di Erdogan ha effettivamente attivato il tentativo di colpo di stato. Dopo il colpo di stato, la strada  si è lastricata di rose . Nel mese di agosto, Erdogan ha visitato la Russia e si è incontrato con Putin. Questo era il suo primo viaggio all'estero dopo il colpo di stato. E ora, nel mese di ottobre, Putin è salito a Istanbul e ha segnalato che i loro rapporti erano cordiali come sempre. Anche il progetto del gasdotto è stato firmato, facendo cadere l'unica leva che Kiev aveva su Mosca.


I Gulenisti son tornati utili in questo caso,: l'abbattimento del Su-24 è stato attribuito a loro, anche se in precedenza Ahmet Davutoglu, il Presidente del Consiglio, dice di averlo ordinato personalmente. D'altra parte, Davutoglu era vicino a Gülen e addirittura lo ha visitato nel 2013, ma allora, Gülen era ancora una persona grata alla Turchia. È stato dichiarato che Davutoglu si stesse preparando ad assumere il potere in caso di successo del colpo di stato.

Allora perché la Turchia si volge alla Russia e si allontana dagli Stati Uniti, il suo vecchio socio? Mehmet, l'editore, attribuisce questa mossa al ben sviluppato istinto di autoconservazione di Erdogan.

Pare che l'amministrazione americana abbia deciso di abbandonare l'indisciplinato Erdogan  tempo fa, ed installare l'uomo di Gülen Ahmet Davutoglu in sua vece. 

Uno dei maggiori esperti neocon americano sulla Turchia, Michael Rubin, aveva chiesto la testa di Erdogan da un bel po di tempo. Nel marzo 2016 ha chiamato per un colpo di stato, in agosto 2016, ha detto Erdogan dovrebbe incolpare se stesso del colpo di stato, e ora nel mese di ottobre ha previsto , o meglio chiamato un altro colpo di stato.

Il nuovo colpo di stato è previsto per il 10 novembre o giù di lì, e inizierà con l'assassinio di Erdogan, è stato detto. Erdogan considera il suo partenariato con la Russia e l'amicizia con Putin la sua unica possibilità di sopravvivere politicamente.

Gli americani sono sconvolti dall'atteggiamento di Erdogan sui curdi siriani. Il presidente turco si preoccupa di preservare la Turchia, vuole lo stato intatto in groppa del vasto impero ottomano, mentre gli americani preferiscono smantellare del tutto la Turchia, e creare un Grande Kurdistan nelle zone prevalentemente popolate da curdi nella Turchia, Iraq e Siria.

Gli americani vorrebbero i curdi siriani si unissero alla loro enclave, ma Erdogan non è d'accordo e in realtà ha fermato la loro offensiva.

Ora la battaglia per Mosul è un nuovo punto di disaccordo. La Turchia, dice Erdogan, ha certi diritti su Mosul. La città e la sua area erano stati illegalmente sequestrati dai britannici, dicono i turchi. Mustafa Kemal Ataturk ha provvisoriamente concordato che Mosul venisse dato all'Iraq nel 1926, ben dopo il Trattato di Losanna (1923). E ora Mosul è oggetto di contesa per Erdogan  dopo che Daesh è uscita e si sono  insediati i curdi. La gente di Mosul non è contenta  della prospettiva di passare ai curdi o al governo prevalentemente sciita di Baghdad.

Nella lotta per Mosul e per Aleppo, nelle battaglie tra le enclavi curde in Siria, Erdogan va contro la volontà degli Stati Uniti. Il problema è che non ci sono molti  leader turchi importanti che sono pronti a stare in piedi a Washington. L'opposizione kemalista e le forze Guleniste preferiscono accettare la linea americana, più o meno.

Se Erdogan perde la lotta di potere, la Turchia può crollare in una guerra civile: tra turchi e curdi, tra i vari movimenti islamici e i kemalisti. Questo era lo scopo del colpo di stato di luglio, mi è stato riferito da Ali Mustafa Balbai, il deputato repubblicano.


Non è sicuramente un momento facile. La lira turca è andato a sud. L'ordine del giorno è stato cambiato: una volta, piazza Taksim manifestava contro Erdogan, ora dimostrano contro la schiacciante presenza di rifugiati siriani e iracheni. Non solo la destra europea: la Turchia ritiene inoltre ci siano troppi profughi. Sono impauriti che la battaglia per Mosul costringerà i due milioni di abitanti di quella città a trasferirsi in Turchia.

I manifestanti sono diversi. Si tratta di persone comuni che dimostrano contro l'afflusso di siriani, mentre i turchi istruiti e occidentalizzati manifestato contro Erdogan. Questi ultimi sono molto depressi e discutono se avranno un futuro in Turchia. La classe politica è a terra. Loro non amano il regime autoritario del sultano Erdogan. I Gulenisti sono estremamente dispiaciuti. I generali stanno ancora valutando le loro posizioni dopo tante epurazioni. E la disputa di lunga data tra le popolazioni laiche e religiose va avanti senza sosta.

Mentre gli Stati Uniti hanno una idea precisa in che modo dovrebbe essere la Turchia, il suo concorrente, la Russia,  non si preoccupa della politica interna turca. O della politica interna di nessun  altro. 

Gli americani sotto Obama, e presumibilmente ancor più sotto Clinton sono in grado di interferire; di imporre le loro regole per i costumi dei matrimoni omosessuali. Mentre i russi invece non interferiscono.

Questa è la loro tradizione fin dai tempi immemorabili. Essi non interferiscono nella vita privata degli uzbeki i tagiki i ceceni, i finlandesi, e polacchi. È per questo che in Russia si possono trovare zone governate dalla legge islamica, dalla tradizione buddista e anche dalla pura abitudine politeista.

Per i russi, Erdogan è un partner prezioso, e   hanno permesso a lui  - e altri turchi - di decidere se avere una repubblica parlamentare o una repubblica presidenziale e se le ragazze devono andare in giro con lo Chador  o senza. Si può essere sicuri che i russi non imporranno cosa fare nella loro vita privata. Questo è il grande vantaggio di avere i russi per alleati.

Vedremo se avere tali buoni alleati sia sufficiente per sopravvivere. Molto dipende dalle elezioni americane: Erdogan era furioso quando la signora Clinton ha sostenuto le ambizioni curde. Ma, è il mondo intero ad attendere la decisione del popolo americano.


Israel Shamir può essere contattato via e-mail adam@israelshamir.net


La fonte originale di questo articolo è UNZ Review
Copyright © Israel Shamir , UNZ Review 2016

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!