martedì 13 dicembre 2016

Il ministro della Difesa di Israele Delinea Piano per dividere la Siria e l'Iraq 

Carol Adl





Un  invito a dividere la Siria e l'Iraq arriva dal ministro della difesa ministro israeliano contribuisce a rendere più chiaro comprendere il motivo per cui ci sono 'guerre civili' che si svolgono lì ...

In un articolo per Defense News , Avigdor Lieberman spiega la lotta di Israele in un turbolento Medio Oriente e suggerisce soluzioni ai problemi, tra cui la divisione della Siria e dell'Iraq secondo confini confessionali.

American Herald Tribune riferisce:

Con tono simile a quelli dei politici israeliani, Liberman non perde tempo per definire le forze legittime di Hamas in Palestina e Hezbollah in Libano come forze terroristiche. Egli dice: "Le massicce convulsioni che negli ultimi anni hanno sconvolto il Nord Africa  scoppiate in Siria, Iraq e Yemen e altrove in tutta la regione,  che hanno visto la responsabilizzazione di organizzazioni terroristiche semi-territoriali come  ISIS, "Hamas e Hezbollah" (sic) rappresentano un terremoto di proporzioni storiche. stati multi-etnici come la Libia, la Siria e l'Iraq sono scesi in guerre civili caotiche con molteplici aspetti del duraturo assetto politico della regione, le cui origini della disgregazione si trovano all'indomani della Prima Guerra Mondiale. "

Liberman continua a trarre tre conclusioni come la soluzione per porre fine alla crisi in Medio Oriente. La seconda conclusione è chiaramente un invito ad attaccare la sovranità dei paesi indipendenti. Liberman dice, "molti dei paesi del Medio Oriente sono stati stabiliti artificialmente, a seguito dell'accordo Sykes-Picot e basate su considerazioni coloniali che non hanno preso in considerazione il modello degli abitanti e le spaccature confessionali profonde all'interno delle rispettive società.

Così, per risolvere realmente i problemi della regione, i confini dovranno essere modificati, in particolare in paesi come la Siria e l'Iraq. I confini devono essere ridisegnati tra sunniti, sciiti e altre comunità per ridurre  conflitti settari e per consentire l'emergere di stati che potranno godere di legittimità . E' un errore pensare che questi stati possano sopravvivere nei loro confini attuali.

Una conclusione simile vale anche per l'arena israelo-palestinese e per i confini che alla fine avrebbero bisogno di essere disegnati per il raggiungimento di due stati stabili. Abbiamo bisogno di analisi "out of the box"  ed evitare di essere ingannati da pensieri abituali ".


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!