martedì 27 dicembre 2016

Liberate Idlib dopo Aleppo Est

Thierry Meyssan - Voltairenet.org 
 27 dicembre 2016

I residenti di Aleppo esultano da liberi con l'esercito arabo siriano.
La liberazione di  Aleppo Est segna la fine del tentativo di rovesciare la Repubblica araba siriana. 
E' stato possibile solo grazie all'abbandono del Qatar e la parziale modifica della posizione della Turchia. Tuttavia, parte della Siria è ancora occupata dai jihadisti al servizio della NATO. Le prossime vittorie militari e la fine della guerra, quindi, dipendono dalle trattative segrete che sono appena iniziate tra i membri dell'Alleanza Atlantica.

La liberazione di Aleppo Est da parte dell'esercito arabo siriano è stato possibile solo perché i partecipanti stranieri hanno accettato di cessare il sostegno dei jihadisti. Il loro ritiro non avrebbe potuto essere negoziato da parte della Repubblica araba siriana, ma solo dalla Federazione Russa.

Mosca è riuscita a trasformare il Qatar e a renderlo un alleato. Il cambiamento del cuore della posizione del Qatar è stato sigillato dalla cessione da parte di Mosca di un quinto del capitale di Rosneft, all'inizio di dicembre, a Doha. Rosneft, il gioiello della corona di Russia, è la più grande azienda al mondo. Con l'implementazione di tale operazione, presumibilmente al fine di salvare il deficit di bilancio della Russia, Igor Setchine e Vladimir Putin hanno indissolubilmente unito le politiche sull'energia dei due più grandi esportatori di gas del mondo. Di fatto, il Qatar ha abbandonato i jihadisti, benché dallo scorso maggio,  ha ceduto la sede permanente presso la NATO a Bruxelles.

L'altra rivoluzione è quella della Turchia. Mentre come  stato rimane un membro della NATO, il suo presidente Recep Tayyip Erdoğan è diventato un nemico personale di Washington. Dal momento che alle elezioni generali, Mosca ha appoggiato Erdogan, al fine di interrompere i legami tra la Turchia e gli Stati Uniti.

Anche se questa è una manovra complessa che può richiedere un certo tempo, Tel-Aviv in preda al panico, ha ordinato l'assassinio dell'ambasciatore Andrei Karlov ad Ankara - un omicidio che è stato debitamente approvato e celebrato dal New York Daily News, il quarto più grande giornale negli Stati Uniti, portavoce della più dura delle lobby sioniste. Forse Tel-Aviv ha pure ordinato le riprese, lo stesso giorno a Mosca, del direttore dell'ufficio latinoamericano, del ministro russo agli affari esteri, Peter Polshikov.

Dopo aver preso in considerazione per un istante che la morte di Karlov potrebbe essere una mossa di un doppio gioco di Erdoğan - l'assassino era stato una guardia del corpo di Erdogan - Mosca si è resa conto che probabilmente non era così. Vladimir Putin ha quindi rafforzato la sicurezza della Russia e dei suoi rappresentanti all'estero. Per inciso, questo episodio testimonia il fatto che, nonostante le apparenze, il presidente Erdogan non è più il padrone della propria casa.

La cattura di ufficiali stranieri in un bunker della NATO ad est di Aleppo illustra l'evoluzione del conflitto. Gli uomini catturati erano principalmente inglesi, Statunitensi, Francesi, Arabi sauditi e Turchi. Con la conferma pubblica di un elenco non esaustivo di 14 nomi, l'ambasciatore Bachar Ja'afari ha messo la NATO  di fronte alle proprie responsabilità - un approccio molto diverso da quello adottato nel febbraio 2012, quando la Siria impegnata nei negoziati bilaterali con la Francia e la Turchia durante l'assedio dell'Emirato islamico di Baba Amr. A quel tempo, Damasco aveva restituito una quarantina di ufficiali turchi e una ventina di ufficiali francesi al loro esercito originale, con l'intermediario  Mikhail Fradkov (direttore dei servizi segreti russi), e direttamente tramite l'ammiraglio Edouard Guillaud (capo francese di Stato Maggiore) alla frontiera Libanese. Ma l'accordo concluso con il presidente Nicolas Sarkozy non è stato rispettato dal suo successore, François Hollande.

L'esistenza di un bunker della NATO ad Aleppo est  conferma ciò che abbiamo detto circa il ruolo della NATO LandCom nel coordinamento dei jihadisti, da Smirne. Ma il Consiglio Atlantico, organo supremo dell'Alleanza atlantica, non ha mai dato il via libera a questa operazione. Come con l'attacco a Tripoli (Libia) nel mese di agosto 2011, Washington utilizzato sistemi NATO senza ai suoi membri informati. Così facendo, si applicava la dottrina Rumsfeld, secondo cui non vi è più una coalizione permanente per gli Stati Uniti, ma solo coalizioni personalizzate, secondo gli obiettivi scelti da Washington.

La liberazione della Siria dovrebbe continuare a Idleb. Questo governatorato è oggi occupato da un orda di gruppi jihadisti senza comandante comune. Dal momento che questi gruppi sono in grado di garantire la propria Intendenza, e ancor meno quella della popolazione civile, la zona è de facto governata dalla NATO attraverso una serie di pseudo-ONG. Almeno, questo è ciò che è stato notato il mese scorso da un think-tank statunitense. Per battere i jihadisti lì, è necessario prima di tutto tagliare le loro linee di rifornimento, in altre parole, vicino alla frontiera Turche. Questo è ciò a cui la diplomazia russa sta attualmente lavorando.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!