giovedì 17 agosto 2017

L'epidemia di influenza del 1918 è stata causata dai vaccini

Baxter Dmitry 






Pochissime persone sanno che la peggiore epidemia che ha mai colpito l'America, l'influenza spagnola del 1918, è il risultato di una massiccia campagna di vaccinazione a livello nazionale (e mondiale).

I medici hanno detto alla gente che l'influenza è stata causata da germi. I virus non erano noti in quel momento altrimenti sarebbero stati accusati. Germi, batteri e virus, insieme ai bacilli e ad alcuni altri organismi invisibili sono i capri espiatori, che i medici amano biasimare per le cose che non capiscono.

Se il medico fa una diagnosi e un trattamento sbagliato e uccide il paziente, può sempre accusare i germi e dire che il paziente non ha avuto una diagnosi precoce e che si è rivolto a lui troppo tardi.

Se ritorniamo indietro a quel periodo  storico, all'influenza del 1918, vedremo che ha colpito improvvisamente subito dopo la fine della prima guerra mondiale quando i nostri soldati tornavano a casa d'oltremare.


Questa è stata la prima volta con la guerra in cui tutti i vaccini conosciuti sono stati obbligati a tutti i servi. Questa marmellata di droga velenosa e proteina putrida di cui i vaccini sono composti, ha causato una tale diffusa malattia che la morte tra i soldati è stato l'argomento di conversazione più diffuso del tempo, i nostri uomini sono stati uccisi più dai colpi medicali che non dai nemici in guerra.

Migliaia gli invalidi a casa e negli ospedali militari, come relitti senza speranza, prima che avessero mai visto un giorno di battaglia. Il tasso di mortalità e malattia tra i soldati vaccinati era quattro volte superiore a quello dei civili non vaccinati. Ma questo non ha arrestato i promotori del vaccino. Il vaccino è sempre stato un grande affare, e così è continuato nel tempo con pazienza.

Era una guerra troppo  breve, mentre i vaccinatori avevano programmato non solo per  un anno, per cui i promotori del vaccino si sono ritrovati molti vaccini inutilizzati e viziati che hanno voluto vendere a forza per trarne  un buon profitto.


Così hanno fatto quello che fanno di solito , hanno fatto un incontro a porte chiuse (tra governo e pharmaceutical industry) e hanno spiegato tutto il loro sordido programma, un'unità di vaccinazione nazionale (mondiale) usando tutti i loro vaccini e raccontando alla gente che i soldati sono tornati a casa con molte terribili malattie contratte in paesi stranieri e che era dovere patriottico di ogni uomo, donna e figlio di essere "protetti" avviando la corsa ai centri di vaccinazione.

La maggior parte delle persone crede ai loro medici e ai funzionari governativi ed eseguono i loro dictat. Il risultato è che quasi tutta la popolazione è stata sottoposta senza dubbio ai colpi vaccinali è stata solo questioni di ore finché le persone non hanno iniziato a cadere preda dell'agonia per poi della morte,  mentre molti altri sono caduti in uno stato di malattia di tale virulenza che nessuno aveva mai visto prima niente di simile.

Avevano tutte le caratteristiche delle malattie contro i quali erano stati vaccinati, la febbre alta, i brividi, i dolori, i crampi, la diarrea, ecc. del tifo, e della polmonite con la congestione polmonare e della gola, la difterite e il vomito, il mal di testa, la debolezza da epatite e colpi di febbre gialla,  la diffusione di piaghe sulla pelle dovute al vaiolo, insieme alla paralisi dovuta a tutti i colpi subiti, ecc.

I medici erano sconcertati e sostenevano di non sapere che cosa avesse causato quella malattia strana e mortale, e certamente non avevano nemmeno le cure adatte. Avrebbero dovuto sapere che la causa principale era la vaccinazione, perché la stessa cosa è accaduta ai soldati dopo avergli dato colpi di vaccino in campo. I colpi di vaccino di febbre tifoide hanno causato una forma peggiore della malattia, che hanno chiamato para-tifo.

Poi hanno cercato di sopprimere i sintomi di quello di prima con un vaccino più forte, che ha causato una malattia ancora più grave, che ha ucciso e disabilitato un gran numero di uomini. La combinazione di tutti i vaccini avvelenanti che fermentavano tutti insieme nel corpo causavano reazioni violente che non riuscivano a far fronte alla situazione.

Il disastro  dilagava nei campi militari. Alcuni degli ospedali militari erano pieni di soldati paralizzati, e furono chiamati vittime di guerra, anche prima di lasciare il suolo americano. Ho parlato, con alcuni dei sopravvissuti di quel vaccino e contro i vaccini, quando sono tornati a casa dopo la guerra e hanno raccontato gli orrori, non della guerra stessa e delle battaglie, ma della malattia nel campo.

I medici non volevano che questa malattia vaccinale massiccia si riflettesse su di loro, quindi si sono accordati tra di loro e l'hanno chiamata influenza spagnola. La Spagna era un posto lontano e alcuni dei soldati erano stati lì, quindi l'idea di chiamarla l'influenza spagnola sembrava essere un buon modo per gettare la colpa su qualcun altro. Gli spagnoli ne hanno risentito per aver chiamato il flagello che imperversava nel mondo in quel modo. Sapevano che l'influenza non proveniva dal loro paese.

20.000.000 morirono di quella epidemia di influenza, in tutto il mondo, e sembrava quasi universale o lontano come le vaccinazioni raggiunte. La Grecia e alcuni altri paesi, che non hanno accettato i vaccini, sono stati gli unici paesi a non essere stati colpiti dall'influenza. Non prova nulla questo?

A casa (negli Stati Uniti) la situazione era la stessa; Gli unici che hanno scampato l'influenza sono quelli che hanno rifiutato le vaccinazioni. La mia famiglia erano tra i pochi che persistevano rifiutare la propaganda di vendita e l'alta pressione, e nessuno di noi aveva l'influenza nemmeno un sussurro, nonostante il fatto che ci fosse tutto intorno a noi il freddo dell'inverno.

Tutti sembravano averlo. Tutta la città era malata e morente. Gli ospedali sono stati chiusi perché i medici e gli infermieri diminuivano con l'influenza. Tutto era chiuso, le scuole, le imprese, tutti anche l'ufficio postale. Nessuno era in giro per le strade. Era come se fosse una città fantasma. Non c'erano medici a curare  i malati, per cui i miei genitori andavano di casa a casa facendo tutto quello che potevano per aiutare in qualche modo i colpiti dalla malattia.

Hanno trascorso tutto il giorno e parte della notte per settimane, nelle stanze di malati e sono tornati a casa solo per mangiare e dormire. Se germi o virus, batteri o altri piccoli organismi erano la causa di questa malattia, avevano avuto l'opportunità di bloccare i miei genitori e "metterli a terra" con la malattia che aveva prostrato il mondo.

Ma i germi non erano la causa di questa o di altre malattie, quindi non l'hanno "presa". Da quel momento ho parlato con altre persone, che dicevano di essere sfuggite all'influenza del 1918, quindi ho chiesto se avevano avuto trattamenti o colpi di vaccini e in ogni caso avevano detto che non avevano mai creduto nei colpi e che non ne avevano mai fatti. Il senso comune ci dice che tutti quei vaccini tossici che si mescolano tutti insieme, non potevano aiutare ma causare,  con perdite estreme del corpo e dell'avvelenamento, qualche tipo o altra causa di malattia.

Ogni volta che una persona tosse o starnutisce, la maggior parte delle persone si accarezza, pensando che i germi si stanno diffondendo in aria e attaccheranno le persone. Non c'è bisogno di temere più quei germi, perché non è il modo in cui si sviluppano i raffreddori. I germi non possono vivere lontani dalle cellule (ospiti) e non possono fare comunque del male, anche se volevano. Non hanno denti per uccidere nessuno, nessun sacca di veleno come i serpenti, o le zanzare e api, e non si moltiplicano, tranne nelle sostanze in decomposizione, per cui sono indifesi per fare danno.

Come detto prima, il loro scopo è utile, non distruttivo.


L'influenza del 1918 era la malattia più devastante che avevamo mai avuto e portò tutti i trucchi della medicina per metterla in circolazione, ma questi farmaci aggiuntivi erano tutti veleni, intensificavano solo la condizione di avvelenamento del popolo. I trattamenti effettivamente uccidevano più dell'influenza.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/08/lepidemia-di-influenza-del-1918-e-stata.html

Fonte: Dr. Rebecca Carley






mercoledì 16 agosto 2017

Per non dimenticare : Documentazione riepilogativa  sul complotto del Britannia

Movisol

Su questo Panfilo si sono svolte le riunioni per la privatizzazione e svendita dei beni dello Stato Italiano
Abbiamo a cuore questo articolo di movisol , perché ci svela la storia  in anticipo sulla sua portata di molto attuale, in questo squarcio che vediamo apparire,  con il senno di poi , si  possono comprendere più pienamente gli eventi che hanno colpito e afflitto la nostra società civile , economica e finanziaria da dopo il Britannia a oggi...

Sa Defenza


Brunetta ci azzecca sul Britannia,  ma deve crescere 
Il 23 settembre 2009  nel corso della sua sfuriata al convegno del PdL di Cortina d'Ampezzo, il ministro Brunetta ad un certo punto ha interrogato il suo pubblico: "Ve lo ricordate il Britannia?". 
"Ve lo ricordate il Britannia? Se non ve lo ricordate", dice Brunetta, "ve lo ricordo io. Il Britannia è una nave, appartenuta già alla casa reale inglese, che navigò davanti alle coste italiane [...], ospitando dentro banchieri, grand commis dello Stato, esponenti vari della burocrazia... in cui si svolse un lungo seminario, durato un paio di giorni, in cui si trassero le linee della svendita delle aziende di stato italiane".
Benché imperfetta, l'evocazione di quel complotto, denunciato dall'EIR nel 1993 (vedi la documentazione riepilogativa), riapre il sipario sul secolare tentativo di Londra di "scrivere il destino" dell'Italia (come di tanti altri Paesi). 
In questa strategia imperiale, secolare e globale, trovano posto tutte le azioni che possano rivelarsi utili a ricondurre l'Italia ad uno stato di molto precedente quello del boom economico postbellico, di fatto preda del sistema imperiale della globalizzazione.


Documentazione riepilogativa  sul complotto del Britannia
articolo del 14 gennaio 1993
La strategia anglo-americana dietro le privatizzazioni in Italia: il saccheggio di un'economia nazionale

Documento diffuso dall'Executive Intelligence Review e dal Movimento Solidarietà
Il 2 giugno 1992, a pochi giorni dall'assassinio del giudice Giovanni Falcone, si verificava in tutta riservatezza un altro avvenimento che avrebbe avuto conseguenze molto profonde sul futuro del Paese. Il «Britannia», lo yacht della corona inglese, gettava l'ancora presso le nostre coste con a bordo alcuni nomi illustri del mondo finanziario e bancario inglese: dai rappresentanti della BZW, la ditta di brockeraggio della Barclay's, a quelli della Baring & Co. e della S.G. Warburg. A fare gli onori di casa era la stessa regina Elisabetta II d'Inghilterra. Erano venuti per ricevere alcuni esponenti di maggior conto del mondo imprenditoriale e bancario italiano: rappresentanti dell'ENI, dell'AGIP, Mario Draghi del ministero del Tesoro, Riccardo Gallo dell'IRI, Giovanni Bazoli dell'Ambroveneto, Antonio Pedone della Crediop, alti funzionari della Banca Commerciale e delle Generali, ed altri della Società Autostrade.

Si trattava di discutere i preparativi per liquidare, cedere a interessi privati multinazionali, alcuni dei patrimoni industriali e bancari più prestigiosi del nostro paese. Draghi avrebbe detto agli ospiti inglesi: "Stiamo per passare dalle parole ai fatti". Da parte loro gli inglesi hanno assicurato che la City di Londra era pronta a svolgere un ruolo, ma le dimensioni del mercato borsistico italiano sono troppo minuscole per poter assorbire le grandi somme provenienti da queste privatizzazioni. Ergo: dovete venire a Londra, dove c'è il capitale necessario.

Fu poi affidato ai mass media, ed al nuovo governo Amato, il compito di trovare gli argomenti, parlare dell'urgente necessità di privatizzare per ridurre l'enorme deficit del bilancio. Al grande pubblico, sia il governo che i mass media hanno risparmiato la semplice verità che il "primo mobile" dietro tutto il dibattito sulle privatizzazioni è costituito dalle grandi case bancarie londinesi e newyorkesi. L'obiettivo è semplicemente quello di prendere il controllo di ogni aspetto della vita economica italiana sfruttando le numerose scuse di ingovernabilità, corruzione, partitocrazia, inefficienza, ecc.

Prima di esercitarci a calcolare quante lirette il ministero del Tesoro potrebbe ottenere dalla svendita dell'ENI, dell'IRI ecc., cerchiamo di mettere in luce i presupposti filosofici dei banchieri londinesi e dei loro associati newyorkesi della Goldman Sachs, Merrill Lynch e Salomon Brothers e dei loro sostenitori nel Fondo Monetario Internazionale, nell'OCSE e nel mondo dei mass media. Queste grandi finanziarie di New York e Londra su cui si fonda il potere anglo-americano gestiscono il gioco della liberalizzazione dei mercati internazionali. Ne scrivono e riscrivono le regole per massimizzare di volta in volta i profitti. A Bruxelles contano su sir Leon Brittan, fratello del Samuel Brittan direttore del Financial Times. Fino al gennaio 1993 Leon Brittan è stato Commissario della CEE per la Politica di Concorrenza ed è l'autore delle regole bancarie ed assicurative che hanno favorito Londra, tanto criticate sia dalla Germania che dagli altri paesi membri della CEE. Sir Leon era un esponente del governo della Thatcher quando improvvisamente, nel gennaio del 1986, si dimise per andare a Bruxelles.

Nonostante le illusioni di grandeur, Parigi è un centro finanziario che non può tener testa alla prepotenza anglo-americana, e lo stesso discorso vale per i finanzieri di Francoforte, così come quelli del Sol Levante. Pur disponendo delle maggiori istituzioni bancarie e assicurative, il Giappone non è in grado di offrire una valida resistenza alle manipolazioni finanziarie anglo-americane.

La globalizzazione e il "Big Bang" londinese


La formula che gli anglo-americani tentano oggi di spacciare ai governi di tutto il mondo, convincerli cioè a svendere i patrimoni dello stato per ottenere qualche liquido con cui far fronte al dissesto del bilancio ed al tempo stesso "promuovere la competitività", fu collaudata dalla finanza londinese alla fine del 1979, in particolare dalla N.M. Rothschild & Co., che coordinò la svendita generale per conto del governo della "Lady di Ferro".

Così un ristretto gruppo di finanzieri ha dominato per quasi 12 anni l'economia inglese. Principalmente si tratta di esponenti della Società Mont Pelerin, come i consiglieri della Tatcher Karl Brunner, sir Alan Walters, lord Harris of High Cross ed altri ancora. La Società Mont Pelerin è stata presieduta internazionalmente fino a poco tempo fa dall'economista arciliberista Milton Friedman, ascoltatissimo dal Presidente Ronald Reagan.

Friedman è l'architetto della politica economica imposta al Cile dalla dittatura di Augusto Pinochet. Essa si riduce all'idea di tenere il governo fuori da ogni intervento e lasciare che gli interessi privati facciano il bello e cattivo tempo. Friedman fece scalpore quando propose che l'eroina e gli altri stupefacenti venissero considerati alla stregua di una "merce" normale, in modo da permettere al consumatore di "scegliere liberamente" se acquistarla o meno.

Sotto la rivoluzione "liberistica" imposta dalla Thatcher sono state messe all'asta le imprese migliori dell'Inghilterra, dalla British Petroleum alle compagnie del gas e dell'acqua, fino alla industria militare Vickers. Da quando la Thatcher è stata costretta ad andarsene vengono pian piano alla luce informazioni sempre più precise di come ad arricchirsi spudoratamente in quella "privatizzazione" furono principalmente gli amici della Lady di Ferro.

D'altro canto quel "collaudo" dimostra come non sia affatto vero che l'industria, una volta privatizzata, diventi più efficiente. Dopo 13 anni di thatcherismo, quella britannica è la più arretrata tra le grandi economie europee. Negli investimenti per la Ricerca e Sviluppo del settore macchine industriali ed automobile, l'Inghilterra è stata superata anche dall'Italia. L'essenza del "liberismo" thatcheriano è dare la priorità assoluta alla finanza, a scapito dello sviluppo industriale dell'economia nazionale.

Questa degenerazione britannica toccò il fondo nell'ottobre del 1986, quando il governo decretò la completa deregolamentazione finanziaria della City di Londra, che fu chiamata il "Big Bang". Poco meno di un anno dopo, la borsa di Londra crollò insieme a tutte le altre, travolte dalla frenetica spirale di speculazioni e truffe da essa iniziata.

In Inghilterra il “problema” delle ditte di proprietà statale, come la British Leyland o la Jaguar, non era il fatto che esse fossero di proprietà dello stato, ma piuttosto che questo stato, amministrato dal governo della Thatcher, non volle impegnarsi in una oculata politica di pianificazione degli investimenti industriali, cosa caratteristica ad esempio del MITI in Giappone, perché quel governo esprimeva gli interessi dell'alta finanza e non quelli delle capacità produttive del paese. Oggi però dovrebbe essere chiaro anche ai non addetti che la deregolamentazione finanziaria londinese ha inesorabilmente portato alla rovina economica nazionale. L'Inghilterra versa nella peggiore crisi economica dagli anni Trenta, con la disoccupazione che è tornata ai livelli del 1979, quando si insediò la Thatcher. Il deficit del bilancio lievita ad un tasso annuale del 7% del PNL.

Però, contrariamente alla situazione del 1979, oggi il governo britannico non dispone più di una propria base industriale con cui mettere in moto tutta una serie di investimenti nel settore industriale.

Ma, a prescindere dal saccheggio compiuto da sir Jimmy Goldsmith, Jacob Rothschild, lord Hanson e compagnia dietro il paravento del "liberismo ad oltranza", la privatizzazione decisa della Thatcher va collocata nel contesto della strategia anglo-americana per aprire altre regioni economiche a forme molto sofisticate di saccheggio neo-coloniale, perpetrato con la "mano invisibile" tanto cara alle teorie liberistiche. Questa "mano invisibile" anglo-americana regola i meccanismi di fusioni ed acquisizioni operate da altri governi nella misura in cui questi sono così stupidi e sprovveduti da richiedere e pagare profumatamente "consulenze finanziarie" proprio a quella cricca di finanzieri.

Alla fine degli anni Settanta, quando a Londra la Thatcher cominciò lo scontro col sindacato per ridurre i salari e cominciò a svendere le imprese statali ai suoi amici, a Wall Street gente come Donald Reagan, presidente della Merrill Lynch, e Walter Wriston, capo della Citicorp, si impegnarono a lanciare una "rivoluzione finanziaria" sulla stessa falsariga che in America fu chiamata "deregolamentazione dei mercati finanziari".

Quando Ronald Reagan diventò presidente nel 1981, e prestò ascolto a Milton Friedman, la deregulation fece innumerevoli proseliti a Washington. Nei 12 anni che seguirono, fino alla sconfitta di George Bush nel novembre del 1992, Washington voltò le spalle ad una ben dosata politica di supervisione e regolamentazione governativa di attività particolarmente importanti come quella delle compagnie aree e degli autotrasporti, per non parlare dell'economia in generale. Le leggi che erano state escogitate negli anni della Grande Depressione per proteggere la proprietà di piccoli risparmiatori e azionisti furono abrogate o ignorate negli anni Ottanta per fare spazio alla "legge del Far West" che prevede la sopravvivenza del più cattivo.

Negli anni ruggenti della deregulation la filosofia negli USA era "tutto è ammesso, dillo con i soldi". Così al crimine organizzato fu permesso di reinvestire i proventi illeciti nei regolari flussi finanziari, per poterli così usare nelle scalate speculative a Wall Street condotte da gente come Mike Milken, Ivan Boesky ed altri. Grazie al proliferare delle "obbligazioni spazzatura", o altre tecniche speculative, si potevano acquisire imprese sane i cui nuovi proprietari trascuravano la politica di sviluppo a lungo termine su cui cresceva l'impresa, cercando solo di realizzare profitti a breve termine. Fu così che la TWA Airlines finì in mano a Carl Icahn, uno speculatore della banca Drexel. In questi anni Ottanta, i principali istituti finanziari di Londra e New York, come la S.G. Warburg, la Barclays, la Midland Bank, la Citicorp, la Chase Manhattan, la Goldman Sachs, la Merrill Lynch, la Salomon Bros., lanciarono la "globalizzazione dei mercati finanziari". Il presupposto di partenza era che se tutti i paesi avessero abolito i controlli sui flussi di capitali ed altri meccanismi, la nuova finanza anglo-americana avrebbe potuto accedere a nuovi, grandi spazi economici, altamente profittevoli. I grandi nomi della finanza erano alla caccia di nuovi organismi sani su cui esercitare la propria distruttiva opera parassitaria, e così sedussero molti ambienti bancari, sia europei che giapponesi, a rinunciare alla naturale diffidenza per unirsi al gioco speculativo anglo-americano e "vincere".

Uno dei sofismi utilizzati a questo proposito era quello che descriveva il sistema finanziario del paese preso di mira come "superato", "obsoleto", "non abbastanza dinamico"; insomma, da riformare per promuovere la nuova ondata di finanza creativa. Così l'intera Europa fu accusata di soffrire di "Eurosclerosi". Tutti i trucchi sono buoni per costringere le economie nazionali a sollevare le barriere protettive e permettere alla finanza anglo-americana di dilagare su ciò che essa definiva mercati "arretrati" o "provinciali" e sfruttare la maggiore scaltrezza finanziaria per saccheggiarli.

La grande speculazione e la finanza angloamericana

Il vero e proprio inizio di questa dissennata corsa alla deregulation e alla "globalizzazione" dei mercati finanziari in stile thatcheriano, a cui assistiamo attualmente in Italia, risale alla fine degli anni '60, inizio anni '70. A partire da quel periodo, le grandi banche internazionali americane, come la Chase Manhattan e la Citicorp, iniziarono a cercare nuovi impieghi del capitale che fruttassero alti profitti, in quanto gli investimenti nell'economia interna americana non erano così profittevoli come quelli all'estero. Nel 1971, decine di miliardi di dollari avevano già abbandonato gli Stati Uniti ed erano approdati in Europa. L'astuto Sir Siegmund Warburg, presidente della omonima e celebre banca britannica (la stessa a cui il ministro del Tesoro Barucci si è recentemente rivolto per stimare il valore immobiliare dell'IMI), si recò allora a Washington per convincere il Tesoro e il Dipartimento di Stato USA a far rimanere all'estero quei capitali, in modo che Londra potesse usarli per ripristinare il ruolo di "banchiere mondiale" che la City aveva svolto fino al 1914. È ironico che il primo prestito in "Eurobbligazioni" sottoscritto da Siegmund Warburg fosse quello di 15 milioni di dollari lanciato dalla Società Autostrade dell'IRI.

La vera trovata di Warburg fu però l'uso dei dollari espatriati in Europa, i cosiddetti "Eurodollari", che si rivelarono l'innovazione finanziaria più destabilizzante degli anni settanta. Il Presidente Nixon, seguendo il consiglio di George Shultz e Paul Volcker, annunciò il 15 agosto 1971 che da quel momento in poi Washington e la Federal Reserve, la banca centrale USA, si sarebbero rifiutate di riscattare in oro i dollari posseduti dalle altre banche centrali. Washington stracciò, con atto unilaterale, gli accordi di Bretton Woods del 1944 che stabilivano l'ordine monetario postbellico. Di colpo, il mondo si ritrovò ostaggio di un regime di "tassi di cambio fluttuanti" che trasformò il sistema monetario basato sul dollaro in una gigantesca arena speculativa.

Nel maggio 1973, sei mesi prima che scoppiasse la "crisi petrolifera", l'oligarchia politico-finanziaria angloamericana si riunì segretamente nella località svedese di Saltsjoebaden per discutere la fase successiva del "ricatto" esercitato per mezzo del dollaro sull'economia mondiale.

Tra gli ospiti di quel ristretto gruppo di potenti, riuniti sotto l'egida del Club Bilderberg, c'era il Presidente della FIAT Gianni Agnelli. Si discusse che bisognava persuadere l'OPEC ad aumentare il prezzo del petrolio del 400%. Dato che dal 1945 il petrolio si acquistava solo con dollari, la mossa avrebbe automaticamente quadruplicato la domanda di dollari sul mercato internazionale.

Henry Kissinger, un altro ospite della riunione segreta del Bilderberg, battezzò l'idea col nome di "riciclaggio dei petrodollari". I suoi interlocutori, come Lord Richardson della British Petroleum, Robert O. Anderson dell'americana Atlantic Ritchfield Corporation (ARCO) o lo svedese Marcus Wallenberg, non erano interessati a discutere come impedire i catastrofici effetti sull'economia mondiale derivanti da un quadruplicamento del prezzo del petrolio, ma, piuttosto, l'intera discussione in quella sperduta località della Svezia ruotò attorno all'idea di come assicurare che poche, scelte banche americane controllassero la nuova ricchezza dei "petrodollari" in mano araba. Si trattava quindi di come aumentare il potere nelle mani delle banche di Londra e New York, del cartello petrolifero e dei loro amici europei, alle spese del resto del mondo.

Negli anni '80, dopo due crisi petrolifere e l'equivalente shock della stretta creditizia pilotata da Paul Volcker alla guida della Federal Reserve (1979-1982), la deregulation finanziaria di Thatcher e Reagan creò, nel contesto di un valore "fluttuante" del dollaro e del riciclaggio di prestiti in petrodollari che rifinanziavano il deficit dei paesi del Terzo Mondo, la cornice per un nuovo riciclaggio, quello dei narco-dollari. La liberalizzazione delle transazioni finanziarie in Europa e negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni è servita infatti ad aprire le porte al riciclaggio dei proventi illeciti della droga, che nel 1990 si stimava in un valore tra i 600 e i 1000 miliardi di dollari.

La Lugano connection

A questo punto occorre dedicare qualche riga alle finanziarie di Wall Street che svolgono un ruolo decisivo nella "privatizzazione" delle imprese pubbliche italiane. Sono tre le ditte impiegate all'uopo come "consulenti" del governo Amato: Goldman Sachs, Merrill Lynch e Salomon Brothers. Lo stesso ministro dell'Industria Giuseppe Guarino, contrario a una "svendita" del patrimonio industriale raccolto nelle ex Partecipazioni Statali, sembra riporre fiducia in queste tre finanziarie, i cui dirigenti incontrò il 17 settembre scorso nel corso di un viaggio a New York.

Sono molti attualmente a ritenere la Goldman Sachs la più potente finanziaria di Wall Street, posizione conquistata almeno a partire dal 1991, quando scoppiarono gli scandali di "insider trading" che la coinvolgevano assieme alla Salomon Brothers. Il presidente della Goldman Sachs, Robert Rubin, sarà il capo del Consiglio per la Sicurezza Nazionale del Presidente Clinton. Quel posto dovrà essere un "ufficio di guerra economica" in stile britannico, per fronteggiare quelli che l'ex capo della CIA William Webster chiamò "gli alleati politici e militari dell'America che sono i suoi rivali economici". Rubin non è il primo dirigente della Goldman Sachs che ricopre una carica nel governo americano. Prima di lui l'attuale vicepresidente, Robert Hormats, fu consigliere di Henry Kissinger al Dipartimento di Stato e un altro "senior partner", John Whitehead, fu sottosegretario di Stato con Ronald Reagan. La Goldman Sachs é uno dei più influenti manipolatori del prezzo del petrolio e del valore delle monete, che determina tramite la sussidiaria J. Aron & CO., che opera sul mercato delle merci e dei "futures". La Goldman Sachs ha rafforzato la sua presenza in Italia aprendo nel 1992 un "ufficio operativo" a Milano. Più avanti vedremo il ruolo cruciale che essa ha svolto nella crisi della lira e nella partita delle privatizzazioni.

La Salomon Brothers domina, assieme alla Goldman Sachs, il commercio di greggio mondiale. La Salomon possiede anche la svizzera Phibro (Philipp Brothers), che opera nel settore delle materie prime. Nel 1989 la Phibro fu coinvolta in un caso di riciclaggio di milioni di dollari ricavati dalla vendita di cocaina negli Stati Uniti. I soldi venivano riciclati dalla banda chiamata "La Mina", che lavorava per il cartello della coca colombiano, nella Phibro Precious Metal Certificates.

Dopo gli scandali di "insider trading" e speculazione su Buoni del Tesoro USA scoppiati nel 1991, a cui abbiamo accennato sopra, ci fu un completo rinnovo dei vertici della finanziaria. Il nuovo presidente, attuale azionista di maggioranza, è Warren Buffett, originario di Omaha, Nebraska.

Buffett, oltre ad essere amico intimo di George Bush, è anche il principale azionista del Washington Post e della rete televisiva ABC. Egli possiede vasti interessi anche nell'American Express (del cui consiglio di amministrazione fa parte Henry Kissinger) e nella Wells Fargo Bank.

Lo stesso Buffett si dice sia implicato in uno scandalo di pedofili del Nebraska che facevano capo, fino alla fine degli anni '80, al finanziere repubblicano Larry King, della banca Franklin Credit Union. Buffett era il patrocinatore e il sostenitore di King. La Warren Buffett Foundation, la fondazione intestata a suo nome, finanzia cause antidemografiche, come quelle lanciate da organizzazioni americane come Negative Population Growth, Planned Parenthood, l'Associazione per la Sterilizzazione Volontaria e il Population Council.

La Merrill Lynch è famosa per il ruolo che svolse in una sensazionale operazione di riciclaggio del denaro tra l'Italia, la costa orientale degli Stati Uniti e Lugano. Si tratta della "Pizza connection", che portò al processo in cui la famiglia mafiosa newyorchese dei Bonanno fu accusata di aver riciclato circa 3,5 miliardi di dollari fino a quando fu arrestata, nel 1984. I Bonanno avevano usato, per i loro traffici, la sede centrale di New York e gli uffici di Lugano della Merrill Lynch. L'aspetto più sconcertante del processo sulla “Pizza connection” in Svizzera e a New York è che essi ignorarono completamente la complicità dei vertici della Merrill Lynch. All'epoca del processo il ministro del Tesoro americano, responsabile per le ispezioni sul riciclaggio del denaro, era l'ex presidente della Merrill Lynch Donald Reagan. Il processo si concluse con alcune multe nei confronti di funzionari minori della sede luganese della finanziaria americana, e la storia finì lì. Come è noto, la Merrill Lynch é stata incaricata dall'IRI, il 9 ottobre scorso, di preparare la privatizzazione del Credito Italiano.

Abbiamo fin qui identificato alcuni fatti poco noti che riguardano le tre finanziarie di Wall Street chiamate a svolgere un ruolo decisivo nella valutazione e nella stessa privatizzazione delle imprese pubbliche italiane. Queste finanziarie accedono a dati di grande importanza e delicatezza che riguardano alcune delle più valide imprese europee e si posizionano in assoluto vantaggio come "consiglieri per la privatizzazione". Naturalmente, tutto secondo una rigida etica professionale e senza conflitti di interesse!

Moody's e la guerra della lira

Quasi in contemporanea con la nomina del governo Amato, l'agenzia di "rating" newyorchese Moody's annunciò, con la sorpresa di molti, che avrebbe retrocesso l'Italia in serie C dal punto di vista della credibilità finanziaria. Questo, senza che le cifre del debito italiano fossero cambiate drasticamente (la tendenza al deficit era nota almeno da due anni) e senza alcun rischio di insolvenza da parte dello stato. La giustificazione di Moody's fu che il nuovo governo non dava sufficienti garanzie di voler apportare seri tagli al bilancio dello stato. Negli ambienti finanziari internazionali, Moody's è famosa perché usa come arma "politica" la sua valutazione di rischio, tale che beneficia interessi angloamericani a svantaggio di banche rivali o, come nel caso dell'Italia, di intere nazioni. Il presidente della Moody's, John Bohn, ha ricoperto un'alta carica nel ministero del Tesoro USA sotto George Bush.

La mossa di Moody's costrinse il governo Amato ad alzare i tassi d'interesse sui BOT per non perdere gli investitori. Essa segnalò anche l'inizio di una guerra finanziaria contro la lira. Secondo fonti ben informate, i più aggressivi speculatori contro la lira, nell'attacco del luglio scorso, furono la Goldman Sachs e la S.G. Warburg di Londra. Ribadiamo che la speculazione ebbe un movente principalmente politico, non finanziario, e che, purtroppo, ebbe successo. L'Italia fu costretta ad abbandonare lo SME e il governo varò un piano di tagli e annunciate privatizzazioni per ridurre il deficit.

Ciò che Amato non ha mai detto è che la svalutazione della lira nei confronti del dollaro ha dato agli avventurieri della Goldman Sachs e delle altre finanziarie di Wall Street un grande "vantaggio". Calcolato in dollari, l'acquisto delle imprese da privatizzare è diventato, per gli acquirenti americani, circa il 30% meno costoso. Lentamente, specialmente dopo l'ultimo attacco speculativo dell'inizio dell'anno, la lira si va assestando sul valore "politico" di circa 1000 lire a marco, esattamente il valore indicato dalla Goldman Sachs nel luglio scorso come “valore reale” della moneta italiana.

Come mai questa "coincidenza"? Come mai la finanziaria newyorchese ha appena aperto un ufficio operativo in un paese che secondo i suoi criteri sprofonda nella crisi? Come mai un economista come Romano Prodi, "senior adviser" della Goldman Sachs, suggerisce di privatizzare alla grande, vendendo tutte e tre le banche d'interesse nazionale (Banca Commerciale, Credito italiano, Banca di Roma), più il San Paolo di Torino, il Monte dei Paschi di Siena e l'Ina (Convegno presso l'Assolombarda il 30 settembre 1992)?

Lo stesso Prodi, che nel passato è stato a capo dell'IRI, oggi sembra aver sposato completamente la causa neoliberista angloamericana, tanto da aver proposto, a metà novembre, che l'Europa applichi verso i paesi dell'est una politica simile a quella dell'accordo di libero scambio siglato tra Stati Uniti, Messico e Canada (NAFTA). Un tale trattato darebbe il via libera alle grandi imprese per trasferire le loro attività all'est, dove la forza lavoro costa meno (è quanto è avvenuto ai confini tra Stati Uniti e Messico). Ciò aggraverebbe la crisi all'ovest e condurrebbe, nel medio-lungo termine, ad un abbassamento della produttività anche all'est, dato che la manodopera sottopagata è anche meno qualificata.

Il governo italiano deve scartare una simile politica, così come deve abbandonare il circolo vizioso dei tassi d'interesse alti che, per difendere la moneta, alimentano lo stesso deficit che si dichiara di voler combattere. Tra il giugno e il settembre scorso, i tassi sono aumentati paurosamente, da circa l'11% al 20% prima che la lira abbandonasse lo SME. Tuttora la Banca d'Italia mantiene il tasso d'interesse al 13%. Tenuto conto che ogni punto di aumento degli interessi si traduce in 15.000 miliardi in più sul debito dello stato a breve termine, il governo italiano è stato messo alle corde dagli speculatori angloamericani (e dai loro complici italiani) aumentando la pressione per privatizzare a prezzi di svendita.

Andando avanti su questa strada, l'Italia commetterà un suicidio economico. La sola via d'uscita è l'adozione di una politica creditizia nazionale del tipo che ai tempi di Enrico Mattei si sarebbe considerata ovvia. Occorre ripristinare il controllo sui cambi, congelare una parte del debito con una moratoria di 10-15 anni (salvaguardando naturalmente gli interessi dei piccoli risparmiatori), parallelamente all'avvio di una aggressiva politica di investimenti, favorita da crediti agevolati, nelle infrastrutture moderne, in concerto con i partner europei. Per far ciò, occorre che lo stato si riappropri della piena sovranità monetaria, il che significa che per finanziare gli investimenti esso non debba bussare alla porta della Banca d'Italia, la quale ha finora, incostituzionalmente, battuto moneta a nome dello stato per poi rivendergliela a tassi "di mercato", cioè da usura. I motivi che hanno portato al "divorzio" tra il Tesoro e la Banca d'Italia, e cioè l'improduttivo finanziamento del debito, esistono, ma combattere il malgoverno non significa eliminare il governo. Perciò occorre porre fine al "divorzio" tra Bankitalia e Tesoro.

Una efficace repressione dell'attività di riciclaggio del denaro da parte della mafia, compreso quello investito nei BOT, accompagnata da un astuto cambio della moneta (la famosa “lira pesante”), darebbe alle istituzioni dello stato una posizione di forza e la credibilità e la fiducia popolare. L'alternativa è il caos e la guerra civile.


martedì 15 agosto 2017

BENJAMIN FULFORD: Le minacce statunitensi alla Corea del Nord sono legate al fallimento dei negoziati e al riavvio globale


Benjamin Fulford
Sa Defenza 


Avviso ai lettori, a causa delle differenze dell'orario, la relazione di questa settimana apparirà entro lunedì sera con l'orario nord americano dell'East Coast.

Gli eventi mondiali sono stati bloccati a un modello di partecipazione da questa estate, ma un cambiamento di paradigma importante è possibile in questa caduta se facciamo in modo che accada.

Il modello di partecipazione è il seguente: Gli STATI UNITI DI AMERICA CORPORATION, che sono inadempienti nei pagamenti del debito dal 1° maggio di quest'anno, sta minacciando la guerra contro la Corea del Nord servendosene come tattica di negoziazione con i suoi creditori. Il suo principale creditore, la Cina, chiama il bluff della Corporation e promette di proteggere la Corea del Nord nel caso in cui venga attaccata unilateralmente. Allo stesso tempo, i cinesi hanno messo a punto azioni militari limitate sul loro confine con l'India, ricordando agli americani che hanno la capacità tecnica di entrare in possesso di un tale paese di 1,3 miliardi di persone in pochi mesi nel caso ci fosse una guerra.

I cinesi hanno anche detto che non proteggeranno la Corea del Nord nel caso fossero loro a tirare il primo colpo. Allo stesso tempo, i russi e il Pentagono hanno informato gli israeliani che saranno attaccati se tentano di lanciare un missile nucleare da uno dei loro sottomarini per farlo sembrare che l'ha fatto la Corea del Nord, affermano il Pentagono e l'FSB russo. Questo ha effettivamente messo sotto controllo qualsiasi tentativo della mafia di Khazariana di avviare la guerra mondiale, perché qualsiasi tentativo di farlo interesserà solo loro. Non sono più in grado di ingannarci e avviare una guerra.


In ogni caso, le forze armate americane hanno eseguito innumerevoli scenari che hanno coinvolto una guerra totale con la Cina e il risultato è sempre lo stesso, il 90% dell'umanità muore e l'emisfero settentrionale diventa inabitabile. I cinesi sono pienamente consapevoli di questo. Ciò significa che tutto questo discorso di guerra è semplicemente un rimbombo. La situazione sembra quindi essere allo stallo.

Tuttavia, non è uno stallo. La fazione Kharaziana del regime di Trump, pur realizzando il loro discorso di guerra non vanno da nessuna parte, per questo ora stanno considerando di tagliare le esportazioni cinesi negli Stati Uniti. Questo è il vecchio motto "se non acquistiamo, falliscono", ne hanno parlato molto negli ambienti delle agenzie di intelligence degli Stati Uniti. Tuttavia, dal punto di vista cinese, perdere un cliente che ha pagato con la sua carta di credito negli ultimi 40 anni e non è in grado di pagare il debito, sarebbe in realtà un vantaggio. Nessuno approfitta di uno spiantato, specialmente di criminali come gli Stati Uniti che sono stati in guerra per 220 anni della loro esistenza su 241 anni.

Se gli americani comunque procedano di andare avanti e utilizzare tariffe e barriere commerciali per tagliare le importazioni cinesi e porre fine all'eccedenza commerciale cinese con gli Stati Uniti, ci saranno molte conseguenze di terzo ordine, la maggior parte delle quali sono negative per gli Stati Uniti. In sostanza, gli Stati Uniti subiranno una forte riduzione degli standard attuali di vita e diventerebbero un paria nel commercio globale se solo provano a fare una cosa del genere.

Il regime statunitense ha perso la grande fiducia e gli alleati grazie al suo comportamento anti-sociale in tutto il mondo. Prova ne sono del fatto i titoli spazzatura italiani che ora hanno un prezzo più elevato di quello degli Stati Uniti.

http://www.zerohedge.com/news/2017-08-10/italian-junk-bonds-yield-less-treasurys-insanity-bond-market-4-charts

Lasciate un attimo questo affondo, dal momento che dalla Seconda Guerra Mondiale il Tesoro degli Stati Uniti sono stati considerati il ​​paradiso più sicuro del mondo mentre ora il mercato li giudica  più rischiosi rispetto ai titoli spazzatura emessi da società del settore privato in fallimento dell'Italia.

Ora le autorità finanziarie del Regno Unito hanno indirettamente esposto la tattica del governo degli Stati Uniti per l'acquisto del proprio debito e lo hanno fatto apparire come eseguito da stranieri (Belgio, Irlanda ecc.) Lo hanno fatto per far apparire che tutto va bene nei mercati finanziari statunitensi. Lo hanno fatto indirettamente con l'ammissione da parte del Financial Times che 103 anni fa, quando quasi nessuno acquistò obbligazioni inglesi per la prima guerra mondiale, hanno mentito al pubblico segnalando che la questione delle obbligazioni era sovraccarica.

http://www.zerohedge.com/news/2017-08-08/none-it-was-true-103-years-later-ft-admits-it-lied-and-colluded-bank-england

Quando ero un giornalista finanziario dei media corporativi, i miei capi spesso mi hanno incoraggiato a sostenere questa menzogna "per aumentare la psicologia del mercato". In altre parole ci hanno detto di metterci a capo della tifoseria, e non da reporter obiettivo.

Ora sempre più persone dei media corporativi negli Stati Uniti rischiano la loro carriera ad esporre l'agenda del loro capo. Ad esempio, Brian Williams di NBC ha ammesso in un primo tempo che "il nostro compito è quello di spaventare a morte con la Corea del Nord"


http://www.zerohedge.com/news/2017-08-09/nbcs-brian- williams-nostro-lavoro-scare-persone-morte-over-nord-corea

L'obiettivo di questa paura è quello di spingere gli investitori ad avere più obbligazione degli statunitensi come beni "rifugio sicuri", ma non funziona.

Al contrario, il piano rimane per rimuovere tutte le vestigia finali del dominio della mafia  Khazariana negli Stati Uniti. "Trump è pronto a tutte le guerra contro la palude di Washington DC, dopo aver licenziato il consigliere Paul Ryan e alleato Rence Priebus", dicono le fonti del Pentagono.

Ci sono anche molti altri segni, che la palude viene drenata, dagli adoratori Khazariani di Satana , dicono le fonti. Ora che i migliori segugi Khazariani come i Clinton e John McCain sono stati rimossi, i funzionari di basso livello vengono licenziati. Per prima cosa "la prossima a essere licenziata sarà, la baldracca israeliana, ambasciatrice alle Nazioni Unite, Nikki Haley ", fanno notare le fonti. In secondo luogo, "il falco sull'Iran Generale David Petraeus è amico di Derek Harvey che è stato licenziato dal Consiglio di Sicurezza Nazionale, quando il Generale di Marina John Kelly è divenuto Capo Staff della Casa Bianca", osservano le fonti del Pentagono. Inoltre "Ezra Cohen-Watnick, direttore dell'intelligence NSC, è stato licenziato dopo che Kelly ha assunto l'incarico per il rischio nazionale sulla sicurezza in  opposizione all'accordo con l'Iran", notano le fonti. Tutti gli altri membri dello staff che viaggiano in Israele o che hanno un collegamento con quella nazione canaglia saranno anche essi licenziati, dicono.

Ezra e i suoi soci erano precedentemente illicenziabili a causa del genero di Trump, Jared Kushner, dicono le fonti. Tuttavia, "Kushner stesso ha ottenuto il nulla osta,  per la licenza sulla sicurezza,  da Kelly", aggiungono. Kushner è stato mandato, a perdere tempo, in Medio Oriente per dimostrare la sua incompetenza come Peacemaker, notano le fonti.

Per sostituire il comando Khazariano, concordano le fonti che  il Pentagono i russi e i cinesi che hanno formato alle tre grandi alleanze.

Si è visto in Venezuela, che è diventato  de facto un protettorato russo, dopo che le sue aziende sono entrate come  partecipate, dell'industria petrolifera nazionale venezuelana. Questo non avrebbe potuto accadere senza un'intesa con l'esercito statunitense. In altre parole, questo significa che i piani Khazariani di iniziare una guerra in Venezuela, così come i loro piani per avviare una guerra in Corea del Nord, sono stati bloccati.

I tre grandi stanno inoltre spingendo per la pace nella penisola coreana, affinché possa essere istituito un collegamento ferroviario nord-sud-corea e che i metalli rari di valore per oltre 10 trilioni di dollari in Corea del Nord possano essere adoperati.

C'è anche una forte pressione per porre fine ai combattimenti in Afghanistan affinché le ricchezze minerarie della nazione possano essere messe a disposizione per migliorare la vita delle persone.

Ci sono anche negoziati ad alto livello tra Canada e Corea del Nord, dicono le fonti del governo canadese. I Coreani del Nord stanno trasmettendo ai canadesi un'offerta della Società Segreta Asiatica per finanziare un acquisto in blocco del governo statunitense degli Stati Uniti, dicono le fonti vicino ai negoziati . I Cappelli Bianchi della comunità militare e dell'intelligence degli Stati Uniti sostengono l'idea di un Nord America unificato con l'incarico a un competente governo democratico.

Come nota finale, vi sono molti gruppi di massa che chiedono una meditazione durante l'eclisse solare il 21 agosto. Dato che la guerra ibrida attuale è su chi controlla il processo psicologico di decisione su cosa faccia l'umanità in futuro, la seduta di un gruppo positivo potrebbe aiutarci. Non c'è bisogno di essere induisti o buddisti per praticare la meditazione. La gente può  prendersi il tempo per immaginare su quale tipo di pianeta vorremmo vivere e che cosa possiamo fare, per contribuire personalmente, affinché questo accada.

Fino ad ora, il nostro pianeta è stato gestito dalla paura e dai mercanti della guerra. Ci stanno manipolando dicendoci che dobbiamo temere e combattere "gli infedeli, i musulmani, i comunisti, Al-Qaeda, i russi, ISIS, i cinesi, i nordcoreani ecc"

Ora siamo pronti per passare ad una prospettiva positiva basata sul pensiero del "come possiamo aiutarci l'un l'altro per trasformare questo pianeta in un paradiso". Questo autunno, con l'approccio del bilancio fiscale del 30 settembre del governo degli Stati Uniti, possiamo fare in modo che ciò accada. È tempo di scaricare la palude che c'è in DC per poi andare dai signori della Loggia Massonica P2 devoti  del Sole Nero. Si prega di riposare bene nelle prossime e ultime settimane d'estate per  prepararCi a un autunno intenso. Vogliamo finire quanto abbiamo iniziato.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/08/benjamin-fulford-le-minacce.html


lunedì 14 agosto 2017

La migliore spiegazione sui fatti di Charlottesville : Stefan Molyneux e Faith Goldy riportano verità che non sentirai sui media mainstream

Mike Adams 




 Come al solito, tutto quello che ti viene detto di quello che è successo a Charlottesville dai media mainstream è distorto per effetto politico. Per risolvere il problema e scoprire che cosa è veramente accaduto (e perché è importante), devi ascoltare un'analisi indipendente e intelligente da parte di qualcuno che è sulla scena degli eventi e vedere esattamente quanti fatti del giorno sono stati messi in scena per istigare deliberatamente la violenza degli Antifa sulle strade .

Stefan Molyneux intervista Faith Goldy nel seguente video informativo. Puoi anche scaricare il podcast in questo collegamento .

Ciò che si evidenzia finora in  tutto questo, a proposito, è che i militanti di estrema sinistra stanno tentando di sterminare la cultura bianca in America . Tutta la "tolleranza" e la "diversità" della sinistra, si scopre, che esclude i maschi bianchi cristiani, tutti denigrati, soppressi e disprezzati dalla follia della massa di sinistra, le cui idee esclusive sono per definizione razziste e fanatiche . È meraviglioso che i giovani maschi bianchi si siano stancati d'essere emarginati da una massa, di radicali di sinistra  totalitaria, intrinsecamente  razzista  nei confronti dei bianchi?

"Abbiamo la libera parola e si viene massacrati per strada", spiega Stefan Molyneux, conformandosi alla censura di Google, Facebook, YouTube e Twitter che punta il dito verso i conservatori,  è in realtà la causa principale dell'escalation della violenza e del disagio sociale. La sinistra radicale ritiene che la parte conservatrice non ha diritto di essere ascoltata (e non hanno nemmeno il diritto di vincere le elezioni). L'obiettivo aperto della sinistra è lo sterminio completo della cultura bianca (e delle culture conservatrici) in America. In sostanza, la sinistra chiede lo sterminio culturale bianco, e allo stesso tempo si lamenta  che in qualche modo sono loro le vittime in tutto questo.

Guarda questa intervista completa, per saperne di più:


http://sadefenza.blogspot.it/2017/08/la-migliore-spiegazione-sui-fatti-di.html

Ecco un'altra spiegazione di uno degli organizzatori delle manifestazioni che si sono resi conto che, il Governatore di sinistra della Virginia, ha effettivamente cospirato per limitare i diritti di libertà e di parola dei conservatori mentre scatena le proteste in strada della sinistra Antifa  per innescare la violenza:




sabato 12 agosto 2017

Henry Kissinger: la distruzione del ISIS farà emergere 'il malvagio impero iraniano'

Sean Adl-Tabatabai
yournewswire.com

Sa Defenza 

Il membro del Nuovo Ordine Mondiale, Henry Kissinger ha avvertito, e sosterrebbe che la completa distruzione dell'ISIS,  che il 'malvagio impero iraniano' che sorgerà ne prenderà il posto..

Secondo l'assassino di massa , se la Russia è autorizzata a aiutare le forze siriane a sconfiggere ISIS, l'Iran emergerà come una minaccia molto più grande per l'Occidente.

Report del Independent.co.uk : Il 94enne, già Segretario di Stato sotto il presidente Richard Nixon, ha parlato anche delle complicazioni di prendere parte ai conflitti mediorientali.
"In queste circostanze, l'adagio tradizionale che il nemico del tuo nemico può essere considerato come tuo amico non è più applicabile. Nel Medio Oriente contemporaneo, il nemico del tuo nemico può essere anche tuo nemico. Il Medio Oriente colpisce il mondo dalla volatilità delle sue ideologie, come per le sue azioni specifiche ", ha scritto in un articolo per CapX .
"La guerra del mondo esterno con Isis può servire da illustrazione. La maggior parte delle potenze anti-Isis - tra cui l'Iran sciita e gli Stati leader sunniti - sono tutti d'accordo sulla necessità di distruggerli. Ma quale entità dovrebbe ereditare il proprio territorio? Una coalizione di sunniti? Oppure una sfera d'influenza dominata dall'Iran? 
"La risposta è inafferrabile perché la Russia e i paesi del Nato sostengono le fazioni opposte. Se il territorio di Isis è occupato dalle guardie rivoluzionarie iraniane o dalle forze sciite che sono state da loro addestrate e dirette, il risultato potrebbe essere una cintura territoriale che va da Teheran a Beirut, e potrebbe segnare l'emergere di un impero radicale iraniano ", ha aggiunto Kissinger.

Non è la prima volta che il sig. Kissinger ha esposto tali osservazioni. L'anno scorso, l'ex professore di Harvard ha dichiarato che la sfida più grande che deve affrontare il Medio Oriente è  la  "dominazione della potenza " dell'Iran, così ha riferito l'Algemeiner .

http://sadefenza.blogspot.it/2017/08/henry-kissinger-la-distruzione-del-isis.html


venerdì 11 agosto 2017

I medici avvertono di non utilizzare i fogli o lamine di alluminio, se non vogliamo affrontare conseguenze mortali

sante-nutrition.org
Sa Defenza 



I fogli a lamina di alluminio, sono stati introdotti per la prima volta agli inizi del 1900,  attualmente sono uno degli oggetti da cucina più comunemente usati. È estremamente versatile e viene utilizzato per la cottura, il confezionamento e anche per il trattamento di alcuni problemi comuni di salute.

Tuttavia, questo articolo svela  il problema alluminio,  della sua natura nell'uso nella cottura, lede la funzione del cervello e si è scoperto che ha attivato l'insorgenza della malattia di Alzheimer. Come spiegato da un medico esperto, l'esposizione a questo metallo pesante può causare il declino mentale la perdita di memoria, dell'equilibrio, del controllo del corpo e della sua coordinazione.

Inoltre, è stato dimostrato scientificamente che la cottura con un foglio di alluminio colpisce le ossa, a causa del fatto che nelle ossa si accumula il metallo  e causa la perdita di calcio, è di fondamentale importanza non usarlo per la buona salute delle ossa. È stato anche riscontrato che la cottura con un foglio di alluminio causa la fibrosi polmonare e altri problemi respiratori.

Quando esposto ad alte temperature per la cottura di grigliate, piccoli pezzi di metallo si trovano negli alimenti. Anche se questi piccoli pezzi non vengono rilasciati, aggiungere alcune spezie o limone può causare alluminio lisciviazione chimica.


Essam Zubaidy ricercatore in ingegneria chimica presso l'Università Americana di Sharjah, ha fatto uno studio approfondito che ha esaminato gli effetti dell'alluminio durante la cottura. Si è riscontrato che il cibo cotto in foglio di alluminio può contenere fino a 400 mg di alluminio.
"Più è alta la temperatura, più alta è la liscivia. Il foglio di alluminio non è adatto per la cottura e non è adatto per l'uso con le verdure come pomodori, succhi di agrumi o spezie", spiega Essam.
In particolare, questo studio ha dimostrato che il cibo cotto in soluzioni acide come pomodoro o succo di limone e salsa sono stati effettivamente assorbiti più elevate quantità di alluminio. Come accennato in precedenza, aggiungere le spezie aumenta ulteriormente lisciviazione. D'altra parte, i cibi cotti al sale o alcool assorbe meno di alluminio.

Mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che 40 mg è il consumo sicuro giornaliero di alluminio, questo studio condotto da ricercatori dell'Università Americana di Sharjah hanno dimostrato che il cibo avvolto in un foglio di alluminio può contenere più di 6 volte tanto. Inutile dire che l'ingestione di questo metallo in quantità tali è tutt'altro che sicura.

Per riassumere, anche se questo semplice strumento è economico e aiuta a preparare  pasti gustosi, è estremamente negativo per il vostro cervello per le ossa, e, infine, ai polmoni. Pertanto, se si vuole evitare problemi legati al cervello, problemi con le ossa e avere  i polmoni sani, assicuratevi di non usare più  fogli di lamine di alluminio nella cottura.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/08/i-medici-avvertono-di-non-utilizzare-i.html

Fonti:

reflectionofmind.org
besthealthyguide.com
Metro.co.uk


giovedì 10 agosto 2017

L'idrogeno potrebbe diventare un carburante energetico sostenibile grazie a questa nuova lega di alluminio

Karla Lant
futurism.com

La nuova strana lega

Se hai visto o letto il romanzo Il Marziano , ricordate l'astronauta a cavallo che converte un carburante a base di idrogeno in acqua. Ebbene, possiamo dire di aver appena scoperto il materiale che inverte facilmente questo processo. I ricercatori dell'esercito americano Aberdeen Proving Ground Research Laboratory hanno sviluppato una lega di alluminio, ad alta resistenza , quando hanno fatto una scoperta sorprendente. Durante le prove di routine della lega, l'acqua versata sulla sua superficie ha cominciato a bollire e produrre gas di idrogeno.


Questa è una reazione insolita - in genere, l'alluminio esposto all'acqua si ossida, creando una barriera protettiva per evitare che si verifichino  ulteriori reazioni . In questo caso, tuttavia, la reazione di produzione di idrogeno ha seguitato a continuare, segnalando la possibilità di una fonte di idrogeno portatile e conveniente per celle a combustibile e per altre applicazioni energetiche.


Questa scoperta serendipità o fortunosa e per pura causa, annunciata nel mese di luglio , ha il potenziale di rinvigorire l'industria del combustibile a idrogeno. L'alluminio che potrebbe reagire con l'acqua in modo sostenibile sarebbe in grado di produrre idrogeno su richiesta. Ciò renderebbe le celle a combustibile di idrogeno molto più facili da usare poiché non ci sarebbe bisogno di pressurizzare e trasportare gas idrogeno per l'uso. Invece, i serbatoi semplici e stabili di acqua e pezzi di alluminio sarebbero tutto quello di cui si avrebbe bisogno.


I tentativi precedenti di guidare la reazione alluminio / acqua richiedevano catalizzatori o alte temperature ed erano lenti. In ultima analisi, erano efficienti solo a circa il 50 per cento e ottenere l'idrogeno avrebbe impiegato ore. Al contrario, il metodo che utilizza questa nuova lega richiede meno di tre minuti per ottenere l'efficienza quasi al 100%.


Il nuovo materiale è stabile e rimane pronto per l'uso a tempo indeterminato. Il materiale di partenza per la lega è in alluminio a basso costo, è abbastanza abbondante e conveniente. Questo e altri metalli vengono utilizzati per creare granuli a scala micronica, che vengono poi organizzati in una nanostruttura specifica.


La soluzione dell'energia a idrogeno


Il gas di idrogeno è stato acclamato a combustibile pulito per qualche tempo, ma il suo uso diffuso è stato ostacolato per ragioni pratiche. È ingombrante, la pressurizzazione è impegnativa, rendendone difficile il trasporto e il deposito.
È qui che la nuova lega si distingue.


"L'aspetto importante dell'approccio è che ti consente di creare sistemi molto compatti", commenta su New Scientist l'esperto di cellule a combustibile del Imperial College London, Anthony Kucernak, che non ha condotto la ricerca.   "Questo sarebbe molto utile per sistemi che devono essere molto leggeri o operare per lunghi periodi sull'idrogeno, dove l'uso dell'idrogeno immagazzinato in un cilindro è proibitivo".



Credo di immagine: US Army photo di David McNally


Il team dell'esercito ha alimentato un piccolo serbatoio controllato a distanza con questo processo e credono che sia opportuno ridurlo in modo significativo per la produzione. Il passo successivo sarà il test sul campo, in modo che i ricercatori possano garantire che la lega funzioni in un ambiente pratico.


Se la scoperta risulta efficace nel campo, potrebbe essere utilizzata la stampa 3D. Ad esempio, l'esercito potrebbe stampare a 3D piccoli robot o droni che potrebbero consumare le loro proprie strutture per fornire il carburante. Questo tipo di dispositivo di auto-cannibalizzazione sarebbe ideale per missioni a senso unico nella raccolta di informazioni. Droni o robot che potrebbero auto-cannibalizzare per fornire il carburante necessario potrebbero anche essere un giorno utile per rifornire forniture aree volatili nel mondo per poi scomparire senza danneggiare l'ambiente in cui sono atterrati.

mercoledì 9 agosto 2017

PAUL CRAIG ROBERTS: FAKE NEWS UNA SPECIALITÀ DEI MEDIA AMERICANI 


Paul Craig Roberts  
southfront.org
Sa Defenza 


I media americani sono specializzati nella diffusione di notizie false. Infatti, dal regime Clinton i media americani hanno prodotto solo news false. Ti ricordi il bombardamento illegale e la distruzione statunitense della Jugoslavia? Ti ricordi "la guerra criminale" di Slobodan Milosevic, il presidente serbo definito "il macellaio dei Balcani", che è stato paragonato a Hitler fino a che Hillary non ha passato il titolo al presidente della Russia? Milosevic, non Bill Clinton, è stato arrestato e messo a giudizio presso il Tribunale penale internazionale. È morto in prigione, alcuni dicono ucciso, prima che fosse stato liberato dalle accuse del Tribunale penale Internazionale. http://www.globalresearch.ca/milosevic-and-the-destruction-of-yugoslavia-unpleasant-truths-no-one-wants-to-know/5540873

Ricordate la distruzione dell'Iraq giustificata dalla propaganda orchestrata, conosciuta dal regime criminale George W. Bush come menzogna delle menzogne, riguardo alle "armi di distruzione di massa" di Saddam Hussein, armi che non esistevano e che gli ispettori sulle armi dell'ONU hanno verificato? L'Iraq è stato distrutto. Milioni di iracheni sono stati uccisi, orfani, vedovi e sfollati. Saddam Hussein è stato sottoposto a uno spettacolo più trasparente del processo di Stalin a Bukharin e poi assassinato con il pretesto dell'esecuzione giudiziaria.

Ricordate la distruzione della Libia basata interamente sulle menzogne ​​di Washington e sull'abuso criminale con la risoluzione di volo dell'ONU, trasformata in un bombardamento della NATO sull'esercito della Libia, affinché i jihadisti armati dalla CIA hanno potutoo rovesciare e uccidere Muammar Gheddafi? Ricordate la cagna assassina Hillary che desta, "siamo venuti, l'abbiamo visto, è ammazzato!"

Vi ricordate le menzogne ​​che il regime criminale di Obama ha raccontato su Assad e la Siria e sulla prevista invasione statunitense della Siria che è stata bloccata dal Parlamento britannico e dal governo russo? Vi ricordate che Obama e la cagna assassina hanno inviato ISIS a fare il lavoro che le truppe americane sono state impedite di fare? Vi ricordate che il generale Flynn rivelava in TV , che era una "decisione voluta" del regime criminale Obama di inviare ISIS in Siria, per la sua obiezione come direttore dell'agenzia di intelligence della difesa? È per questo poco di verità che il gen. Flynn è odiato dai criminali di Washington che lo hanno costretto a lasciare dal Consiglio di Sicurezza Nazionale di Trump.

Ricordate il colpo di stato in Ucraina contro il governo democraticamente eletto e la sua sostituzione con un regime neo-nazista? Vi ricordate del crimine di Washington contro la democrazia ucraina è stato rapidamente nascosto dietro false accuse di "invasione russa"?

Puoi pensare esista una relazione veritiera nelle news americane degli ultimi due decenni?

Tutte le menzogne ​​che hanno portato alla morte di milioni di persone raccontate dal criminale Clinton, George W. Bush e dal regime di Obama sono stati trasparenti. I media americani potrebbero facilmente esporli e salvare la vita di milioni di persone e salvare sette paesi dalla distruzione in tutto o in parte. Ma i presstituti hanno applaudito alla distruzione gratuita e criminale di paesi e  popoli. Ognuno dei vari pressittuti sono criminali di guerra ai sensi delle norme stabilite dalla Corte Suprema di Giustizia USA di Robert Jackson alle prove di Norimberga.

Non possiamo nemmeno ottenere un rapporto veritiero sui posti di lavoro. Ieri (4 agosto) l'Ufficio delle statistiche del lavoro (BLS) ha segnalato 205.000 nuovi posti di lavoro nel settore privato e un calo del tasso di disoccupazione al 4,3%. Questa è una news.

Christopher Rugaber, Associated Press, ha denunciato le false notizie, aggiungendo che molti economisti pensano che "un lavoro forte potrebbe continuare per molti altri mesi o addirittura anni". Pensiamoci per un attimo. In generale, gli economisti considerano piena occupazione un tasso di disoccupazione del 5%. Non ci può mai essere un tasso zero di disoccupazione a causa degli attriti nel mercato del lavoro. Ad esempio, ci sono persone tra questi posti di lavoro che hanno perso o smesso e ne stanno cercando uno nuovo, e ci sono persone che hanno abbandonato la ricerca di lavoro, forse per trascorrere più tempo con genitori o per curare un vecchio e malato genitore e sono rientrati nella forza lavoro attiva. Gli economisti ritengono inoltre che l'occupazione non possa essere troppo bassa senza che questa spinga  all'inflazione.

Supponendo che gli economisti abbiano improvvisamente cambiato idea su quale tasso di disoccupazione sia la piena occupazione, e che il tasso di disoccupazione attuale  del 4,3%, sia già al di sotto del tasso di occupazione totale. Come potrebbe continuare a scendere questo tasso per anni quando l'economia è considerata già pienamente occupata? A quanto pare, questa domanda non s'è l'è posta il giornalista di AP né i "molti economisti".

Naturalmente, il tasso di disoccupazione del 4,3% è una falsa notizia. Non comprende i milioni di lavoratori scoraggiati. Quando i lavoratori, che non hanno cercato lavoro nelle ultime quattro settimane, non vengono inclusi il tasso reale di disoccupazione sale al 22-23%.

Considerate ora i presunti 205.000 nuovi posti di lavori di luglio. Probabilmente circa la metà di questi lavori sono dovuti agli aggiuntivi del modello di morte-nascita e l'altra metà dalle manipolazioni di aggiustamenti stagionali. Ci dirà John Williams su shadowstats.com. Tuttavia, supponiamo che i lavori esistano davvero. Da dove arriva il BLS che ci dice che questi posti di lavoro esitono?

L'ottanta per cento dei posti di lavoro sono servizi, essenzialmente servizi nazionali non commerciabili.

I servizi professionali di business rappresentano 49.000 posti di lavoro, di cui 30.000 in servizi amministrativi e per i rifiuti (raccolta rifiuti) e 14.700 sono servizi di assistenza temporanea.

54.000 dei posti di lavoro sono nella istruzione e nei servizi sanitari, per  servizi sanitari ambulatoriali, servizi sanitari nazionali e l'assistenza sociale rappresentano 46.900 dei posti di lavoro.

62.000 posti di lavoro sono in tempo libero e per l'ospitalità, di cui i camerieri e baristi rappresentano 53.100 posti di lavoro e divertimenti, il gioco d'azzardo e ricreativo 5.900 posti di lavoro.

Questa immagine dell'occupazione americana si sta mantenendo da circa due decenni. È un ritratto di una forza lavoro da terzo mondo. I posti di lavoro non si trovano nelle industrie di esportazione. I lavori non sono di elevata produttività, ad alto valore aggiunto, sono occupazioni che producono un reddito per la classe media. I posti di lavoro sono nei servizi a basso costo e spesso part-time.

I lavori non producono redditi tali da fornire che spese discrezionali e non aumentano i profitti aziendali. Allora perché il mercato azionario ha raggiunto nuovi massimi? La risposta è che i dirigenti aziendali stanno approfittando dei tassi a zero interesse della Federal Reserve per prendere in prestito denaro con cui acquistare quote delle loro società e aumentare i loro bonus,  componente principale della loro retribuzione.

Ma questi innegabili fatti sull'occupazione non impediscono a Christopher Rugaber e agli altri presstituti  finanziari o ai giornalisti e "molti economisti" di chiedersi "quanto può migliorare?" (pagina frontale di Atlanta Journal-Constitution, 5 agosto 2017) .

Non solo  Washington e le sue pressittute hanno distrutto sette paesi musulmani in tutto o in parte con menzogne. 
Ma , le bugie di Washington, hanno  distrutto anche l'economia americana e la forza lavoro americana.

lunedì 7 agosto 2017

BENJAMIN FULFORD: La rivoluzione d'autunno sta per diffondersi in Israele Giappone e Medio Oriente 

Benjamin Fulford 
Sa Defenza 



Avviso ai lettori sono in vacanza e questa relazione l'ho scritta in anticipo.

L'elezione di Donald Trump come Presidente degli Stati Uniti è stato un passo importante per sconfiggere la mafia khazariana in tutto il mondo. Tuttavia, la presidenza di Trump rappresenta ancora un tentativo di riformare il vecchio sistema anziché essere una vera rivoluzione. Trump ha mantenuto a galla gli United States of America Corporation soprattutto con i soldi estorti all'Arabia Saudita, Qatar e altri Sceiccati del petrolio del Medio Oriente e con i fondi rubati da Giappone e Corea del Sud. I cinesi stanno anche giocando a mantenere in piedi il vecchio regime perché il loro enorme surplus commerciale strutturale con gli Stati Uniti dà loro un sacco di dollari da usare per comprare amici e influenzare le persone in tutto il mondo. I Rothschild e le altre famiglie della linea di sangue che hanno gestito il pianeta con successo hanno cooptato i cinesi con tangenti e lusinghe.

Gli accordi di Parigi sostenuti da 19 dei 20 paesi del G20, da parte sua, sono stati un tentativo di mantenere il FMI, la Banca mondiale, l'ONU e le altre istituzioni internazionali controllate dalla linea di sangue, dando ai cinesi maggiori diritti di voto a spese degli Stati Uniti, in quanto mantenevano fermamente sotto controllo questi istituti. Il problema è che questa riforma si basa sulla affermazione fraudolenta del carbonio che sta causando il riscaldamento globale. E non è certo vero.

Http://principia-scientific.org/breaking-fatal-courtroom-act-ruins-michael-hockey-stick-mann/
http://dailycaller.com/2017/07/05/exclusive-study-finds-temperature- aggiustamenti-conto-per-quasi-tutto-of-the-riscaldamento-in-clima-dati /

Inoltre lascia saldamente al potere le vecchie famiglie. Ricorda che la gente del pianeta terra non ha scelto la testa dell'ONU, del FMI, della Banca Mondiale, del BIS, ecc. Tutto è stato fatto da dietro le quinte, dalle famiglie dominanti.


Certamente le fazioni dietro l'accordo di Parigi rappresentano il gruppo moderato e non genocidale all'interno della struttura governativa della linea di sangue, comprese le famiglie reali d'Europa. Sono stati in grado di garantire questo accordo con l'aiuto delle linee di sangue dei reali asiatiche. Nel complesso significano bene, ma non sono semplicemente competenti ad affrontare il crollo sistematico in atto del loro sistema economico.

L'attuale classe dirigente in Occidente presiede il più grande evento di estinzione di massa dopo quella  dei dinosauri spazzati via da un meteorite 65 milioni di anni fa. Le persone dell'Europa e dell'Asia orientale, i più produttivi della terra, stanno sperimentando un crollo demografico. La disparità di reddito in Occidente ora è superiore ai livelli che hanno portato al crollo dell'impero romano.

Per aggiungere ingiuria alle ferite riportate, i criminali dietro ai fatti 911, la distruzione di paesi come l'Iraq, la Libia e la Siria, Fukushima, la diffusione di bio-armi come SARS, Ebola, AIDS ecc. Devono essere ancora arrestati o puniti.

Inoltre, non vediamo alcun giubileo o un tempo per la rimozione dei debiti. Né si vede una ridistribuzione di beni fraudolenti. Ciò è particolarmente chiaro nel caso dello shock di Lehman che sono state documentate prove che le famiglie della linea di sangue hanno generato 23 trilioni di dollari di frode e hanno usato quel denaro per acquistare beni in tutto il mondo che erano stati trasformati in occasione del crollo finanziario che avevano poc'anzi  progettato. Perché questi soldi non vengono confiscati?

Dalla crisi della Lehman le banche centrali hanno svolto il cosiddetto aumento monetario "quantitative easing". Tuttavia, le enormi somme generate in seguito a questa politica vengono messe in atto solo per le società finanziarie controllate dai grandi capi della mafia Khazariana. Non hanno fatto cose come mettere soldi direttamente nei conti bancari personali della gente ordinaria. Ecco perché la riduzione del quantitative easing ha avuto l'effetto di aumentare la disparità di ricchezza. L'analisi legale dimostra che la maggior parte del denaro è stato dato a circa 700 persone, quindi non significa nemmeno l'1%, ma solo lo 0,0000001%  ha beneficiato della stampa di denaro.

La ragione di questo è perché le famiglie della linea di sangue controllano ancora le banche centrali di proprietà privata per loro beneficio personale, e non per il bene del pianeta e dei suoi esseri viventi. Donald Trump, che è stato messo al potere dalla linea di sangue opposta agli illuminati gnostici, non ha cambiato questo perché, come presidente del paese più indebitato della storia mondiale, non ha la leva necessaria per farlo.

In realtà però, lo fa. Ricorda il detto "se dovete alla banca $ 10.000, il problema è tuo, ma se dovete alla banca $ 1 milione il problema è delle banche." È un dato di fatto che il governo degli Stati Uniti è fallito il 3 maggio di quest'anno quando la sua la sussidiaria di Puerto Rico, interamente posseduta, è inadempiente. Eppure lo show di Washington DC continua.

Questo perché, come sopra ricordato, i creditori delle società statunitensi come i cinesi, i giapponesi, i sudcoreani e le società produttrici di petrolio mediorientali sovvenzionano le perdite di 700 miliardi di dollari l'anno (dimensione del disavanzo commerciale statunitense nel 2016).

Quindi, come possiamo cambiare la situazione? La prima occasione viene data alla scadenza del pagamento fiscale delle società statunitensi del 30 settembre. Ogni anno attorno a quel periodo, mentre si avvicina la scadenza del pagamento, vediamo ogni tipo di manovre. Non sarà diverso quest'anno e il governo delle corporation statunitensi cerca di ricomprendere i propri pagamenti oltre il termine ultimo. Ciò significa minacce di guerra, ricatto, estorsioni, mendicanti, bluff ecc. Nelle news appariranno come minacce di guerra con la Russia, la Cina, la Corea del Nord, l'Iran e chiunque altro che non esborsa soldi per la protezione. Se questi sforzi riescono, gli eventi continueranno a procedere scalciando sotto la linea di demarcazione. Ciò significa la continua caduta, verso il basso degli standard di vita Occidentali, iniziata alla fine degli anni '60.

L'alternativa è la rivoluzione mondiale. Ciò significa occupare fisicamente il BIS, la Banca Centrale Europea, la Federal Reserve Board, la Banca del Giappone e altre banche centrali di proprietà della società.

Questo renderebbe teoricamente possibile emettere quadrilioni di dollari per essere utilizzati a finanziare una campagna senza precedenti per porre fine alla povertà, smettere di distruggere l'ambiente e espandersi nell'universo. Naturalmente le famiglie che detengono le banche centrali private hanno speso anni annientando tali idee con parole di codice come "monetizzare il debito", dicendo che porterà all'inflazione e alla spesa pubblica irresponsabile. Questo potrebbe essere stato vero in passato quando alcuni re decadenti o governi corrotti tentarono la loro mano in tali cose.

Tuttavia, fermatevi e pensate per un minuto. Cosa significa "monetizzare il debito"? Significa trasformare il debito in denaro. In altre parole significa terminare la schiavitù del debito. Ricordatevi che il debito dovuto ai banchieri centrali non è legittimo. I banchieri non hanno guadagnato i soldi che prestano alle persone e ai governi del mondo reale, facendo cose reali, hanno solo messo numeri nei computer. Così monetizzare il loro debito significa semplicemente rinunciare alla schiavitù del debito.

Naturalmente, se hai appena stampato grandi quantità di denaro, ad esempio, depositando un milione di dollari in ogni singolo conto bancario di un paese, il risultato sarebbe un'orgia inflazionista e di seguito un enorme mal di testa.
Tuttavia, ci sono esempi di banche centrali governative che hanno creato enormi vantaggi.
Canada, 1938-1973 il suo governo ha usato  la proprietà della banca centrale per:
pagare la seconda guerra mondiale
Costruire il sistema di canali che collega i grandi laghi con l'Oceano Atlantico
Costruire la TransCanada Highway, più lunga al mondo ,
pagare le spese di istruzione
pagare l'assicurazione sanitaria
Finanziare opere pubbliche
Pagare  i militari
ecc.
Tutto questo è stato fatto senza tasse o debiti.

Il governo militare giapponese prima e durante la seconda guerra mondiale ha pagato per il suo gigantesco sforzo di guerra in gran parte utilizzando i fondi creati da una banca centrale nazionalizzata. Mentre non accetto le azioni dei regimi militari giapponesi in Cina e altrove, il punto che sto ponendo in evidenza è che un'impresa enorme come la tentata conquista dell'Asia è stata finanziata principalmente da una banca centrale statale.

Se la Federal Reserve Board, la Banca centrale dell'UE e la Banca del Giappone venissero nazionalizzate, sarebbe  possibile finanziare una campagna di quadrillioni di dollari per porre fine alla povertà, fermare la distruzione ambientale, finanziare la ricerca sull'immortalità, esplorare l'universo ecc. e sarebbe fattibile.

Questo autunno sarà la nostra prossima occasione per rendere possibile questo. Il tempo per parlare è finito, è il momento di intervenire.


http://sadefenza.blogspot.com/2017/08/benjamin-fulford-la-rivoluzione.html









Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!