venerdì 6 gennaio 2017

L'attaccante della discoteca a Istambul è probabilmente un Uiguro dice il governo 
Ian Greenhalgh 
5 gennaio 2017
veteranstoday.com



[Nota dell'editore: Gli Uiguri sono un gruppo etnico turco che vive in Cina occidentale e nei paesi confinanti; ci sono oltre 15 milioni di loro che sono musulmani sunniti. Sono stati oppressi dai cinesi anche il movimento separatista e ci sono stati diversi casi di disordini civili in questi ultimi anni.

Se l'attaccante di Istanbul era un Uiguro, solleva molte domande scomode, gli Uiguri sono il prossimo gruppo di musulmani a  venir sfruttato da Israele e sionisti, da sottoporre al modello della radicalizzazione ISIS / Hamas / Al-Qaeda ecc e falsa jihad al fine di creare una forza mercenaria terroristica in Asia centrale? Che porta al pensiero ancora più inquietante che l'Asia centrale, sta per subire una fase simile di conflitti e di destabilizzazione a causa di terroristi e gruppi jihadisti mercenari simile a quella che ha colpito il Medio Oriente in questi ultimi anni?



Perché i sionisti vogliono sfruttare la popolazione musulmana Uigura  nell'Asia centrale per fare quello che hanno fatto in Medio Oriente? Possiamo solo speculare, ma i fattori da considerare sono l'enorme ricchezza di petrolio e risorse naturali della regione, le implicazioni geostrategiche di destabilizzare della regione - non da ultimo le implicazioni per il progetto del trasporto il corridoio Nuova Via della Seta e forse peggio di tutto, la possibilità di creare tensioni e anche conflitti tra le tre superpotenze che confinano con la regione, vale a dire la Russia, la Cina e l'India.

Israele potrebbe avere l'intenzione di creare una versione de  'Il Grande Gioco' del 21° secolo  , che giocava tra gli imperi russo e britannico nella regione dell'Asia centrale? Sarebbe coerente con l'ordine del giorno che si trovano in I Protocolli dei Savi di Sion per favorire le guerre tra le grandi potenze. Rinomato di affari russi l'esperto Dr. Mark Galeotti pensa che noi possiamo vedere un nuovo Grande Gioco negli anni a venire, come ha scritto in un articolo del 2014 :

Una delle caratteristiche peculiari del Grande Gioco originale c'era poca distinzione tra gli strumenti di conflitto convenzionale e la concorrenza, come le guerre, le missioni diplomatiche e trattati, quelli del regno informali, dai capi di banditi agevolati a liberi professionisti di intelligence di terze parti . Sebbene, va detto,  durante la guerra fredda ci fosse alla periferia un posto per il mercenario, il gangster e l'assassino. Anche le guerre per procura combattute da irregolari, come i mujaheddin resistenti ai sovietici in Afghanistan e i vietcong in Vietnam, sono stati più o meno formalmente riconosciuti dai loro patroni. Ora, però, il Grande Gioco II, in cui le azioni statali aperte, le missioni Segrete di agenti statali e le attività degli agenti mercenari (dagli hacker ai signori della guerra locali) si fondono senza soluzione di continuità. Inoltre, la natura di tali operazioni va da missioni militari a spettacolari  esibizioni di forza, attraverso lo spionaggio e il sabotaggio, alla Sovversione e il depistaggio dal portavoce a pagamento alle società di copertura.

Naturalmente, i problemi di cui sopra sono puramente speculativi, è una ricerca piena di pericoli, ma sento che è saggio tenere il passo con gli eventi in Asia centrale, nei prossimi mesi , ma solo nel caso in cui le mie preoccupazioni si  dimostrino essere in qualche modo accurate. Ian]

__________
Hurriyet Daily News Istanbul il terrorista della discoteca è probabilmente Uighur dice il governo turco

Il governo turco ha annunciato che lo Stato Islamico dell'Iraq e militanti del Levante (ISIL)  hanno attaccato la famosa discoteca Reina in Ortaköy a Istanbul era probabilmente un Uiguro.

"E' molto probabile che il terrorista sia un Uiguro", ha detto il vice primo ministro Veysi Kaynak il 5 gennaio, aggiungendo che l'identità dell'attaccante era conosciuta dalle forze di sicurezza, ma, non era ancora stata rilasciata al pubblico.
"Si può comprendere che è membro di una cellula formata appositamente", ha aggiunto.

Diversi presunti sospetti  legati all'attacco sono stati arrestati il 5 gennaio, alla periferia di Istanbul,  dicono fonti della polizia alla Anadolu Agency.

La  Filiale del Dipartimento di Antiterrorismo della Polizia di Istanbul ha condotto un'operazione su una comunità alloggiata a Silivri dopo aver ricevuto informazione che i sospetti,  che potrebbero essere collegati all'attacco, si nascondevano nella zona   .

Le accuse, di favoreggiamento del crimine, sono state comminate ai  sospetti, il cui paese d'origine è la regione autonoma Uigura dello Xinjiang nel nord-ovest della Cina, secondo fonti, che hanno voluto rimanere anonime e che non hanno fornito ulteriori informazioni sul funzionamento o il numero degli arrestati.

Nel frattempo, si crede che il militante sia ancora a Istanbul. Un grande caccia all'uomo è in corso per scovare il militante terrorista che ha attaccato Reina, uccidendo 39 persone e ferendone altre 65.

Secondo le forze di sicurezza, l'attaccante si nasconde in una casa a Istanbul, ha riportato il quotidiano Yeni Şafak il gennaio 5. Il quotidiano afferma che la polizia starebbe cercando, in ogni casa in cui pensano, che il terrorista abbia dei collegamenti.

Nuovi dettagli continuano ad emergere su come l'attaccante ha ottenuto le armi e percorsi che usava a Istanbul. Ha fatto i preparativi per l'attacco per 15 giorni, a Istanbul, e aveva collegamenti in  varie zone della città, da Zeytinburnu, a Kayaşehir e Aksaray .

Secondo filmati di recente è emerso, che il sospetto è stato visto incontrarsi con İlyas Mamasharipov, "emiro" di ISIL a Istanbul  che ha il nome in codice "Yusuf Hoca" , alla stazione degli autobus nella provincia anatolica di Konya centrale il 15 dicembre 2016. Mamasharipov è stato arrestato dopo l'attacco, secondo il quotidiano  Milliyet.

Secondo il quotidiano, l'attaccante di Reina nome in codice "Ebu Muhammed Horasani" ha preso in affitto una casa a Başakşehir di Istanbul tre giorni prima dell'attacco e ha lasciato la casa intorno alle 17:00 il 31 Dicembre 2016, per andare a Zeytinburnu.

Ha incontrato una persona, non identificata, a Zeytinburnu ed è stato visto salire su in taxi con uno zaino e una valigia per andare a Ortaköy. Secondo come riferito ha ricevuto l'arma che ha usato in attacco e le munizioni da Kayaşehir.

Il militante nei suoi movimenti ha cambiato quattro carrozze dopo l'attacco e trascorso la notte in un ristorante di Zeytinburnu. Ha lasciato il ristorante intorno alle 10:00 il 1 gennaio ed ha incontrato una persona non identificata di fronte al ristorante. I due si sono incamminati, per poi, salire su un'auto  e scomparire

Inoltre, è stato rivelato tramite un video selfie che l'attaccante ha ripreso in Taksim registrato il 28 dicembre 2016. Il soggetto  ha inoltre esaminato filmati di Taksim riprese dal cielo e le ha scaricate sul suo computer.

Nel frattempo, ISIL potrebbe aver messo in scena l'attacco con due militanti, secondo i nuovi rapporti emersi.

Esperti di intelligence hanno indagato i filmati dell'attacco e hanno preso in considerazione le indicazioni che fossero due i militanti che hanno attaccato la discoteca, ha riferito il quotidiano Karar  il 5 gennaio.

Secondo i filmati ottenuti dal distretto di Zeytinburnu ,  il militante ISIL,  è stato visto in partenza per Ortaköy per condurre l'attacco nelle prime ore del nuovo anno, l'aggressore indossava pantaloni chiari con tasche. Tuttavia, l'aggressore è stato visto che indossava pantaloni  scuri e stretti quando è entrato in discoteca per mettere in scena l'attacco.

In un terzo filmato ripresi all'interno del Reina, l'aggressore ha di nuovo indossato pantaloni chiari con tasche. I filmati successivi ripresi da una telecamera di sicurezza nelle vicinanze mostra l'attaccante in fuga dalla scena mentre indossava gli stessi pantaloni di colore scuro e stretti.

E' stato detto in precedenza che l'attaccante ha cambiato i suoi vestiti mentre era all'interno del club per fuggire tra i feriti senza essere notato. Tutti i quattro pezzi di repertorio partendo dal Zeytinburnu fino alla fine dell'attacco si adattano reciprocamente, spingendo le autorità a ritenere che un altro militante potesse essere coinvolto nell'attacco. I funzionari stanno valutando se un secondo militante entrato al Reina prima che l'attacco avesse luogo,  mentre uno dei militanti fuggiva via mare, l'altro usciva dalla porta.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!