giovedì 16 febbraio 2017

Declassified: Quando l'America pianificò l'invasione dell'Italia (per salvarla dalla Russia)

Michael Peck

Mentre volano le accuse contro la  Russia, per aver manipolato le elezioni americane del 2016 per favorire Donald Trump alla Casa Bianca, alcuni americani ricordano che anche gli Stati Uniti hanno giocherellato con le elezioni in numerosi paesi durante la guerra fredda, tra cui il Cile, l'Iran e l'America centrale.

Uno degli esempi più noti è l'Italia, dove la CIA ha montato una aggressiva e riuscita - campagna per limitare il successo comunista nelle elezioni del 1948, distribuendo borsate di soldi ai partiti politici conservatori italiani (una tradizione quasi sconosciuta nella politica americana). Dal 1948 al 1968, la CIA ha distribuito più di 65 milioni di $  ai partiti  e sindacati italiani.

Invece di denaro contante, gli Stati Uniti avrebbero potuto mandare i Marines, e dare all'Italia il governo che l'America pensava giusto per lei. Nel 1960, l'America stava pensando di utilizzare la forza militare se i comunisti avessero preso il potere. Naturalmente, gli Stati Uniti avrebbero risposto militarmente se l'esercito sovietico avesse invaso l'Italia durante la guerra fredda. Ma si noti la differenza: l'intervento americano sarebbe sopraggiunto non per i carri armati sovietici, ma,  anche semplicemente se i comunisti avessero preso il potere attraverso un golpe, o vincendo le elezioni.

I dettagli sono emersi in uno studio del Pentagono recentemente declassificato rilasciato dall'organizzazione di sicurezza privata, la National Security Archive.


Nel 1954, i capi di stato maggiore sollecitati dalla possibile presa del potere  di un governo comunista in Italia, "gli Stati Uniti, preferibilmente di concerto con i suoi alleati principali, deve essere pronto a prendere la più forte azione possibile per evitare una tale eventualità, tale azione possibilmente estende l'uso della forza militare. "

Tale posizione non era condivisa dal presidente Dwight Eisenhower, la cui esperienza   da comandante supremo alleato in Europa, nella Seconda Guerra Mondiale, ha reso più intelligente mantenere insieme in una alleanza per mezzo della NATO. Eisenhower ha avvertito che "non riusciva a immaginare niente di peggio dell'uso unilaterale da parte degli Stati membri delle loro forze per rovesciare un regime comunista. Questo semplicemente non poteva essere fatto se non in concerto con i nostri alleati ".

Ciò nonostante, il Consiglio di Sicurezza Nazionale ha approvato un documento che ha dichiarato: "Nel caso in cui i comunisti raggiungano il controllo del governo italiano con mezzi apparentemente legali, gli Stati Uniti, di concerto con i suoi principali alleati della NATO, dovrebbero prendere provvedimenti opportuni, possibilmente estendendo l'uso della forza militare, per aiutare quegli elementi italiani che vogliono rovesciare il regime comunista in Italia. "

Notare le parole "mezzi apparentemente legali." Forse l'atteggiamento tra i leader americani durante la guerra fredda era che "il governo comunista" e "legale" erano ossimori, e che nessun governo comunista poteva avere una vera e propria legittimità ( era stato certamente il caso dei regimi dell'Europa orientale che governavano per merito dei carri armati sovietici dal 1945). Ciò nonostante, la Sesta Flotta statunitense avrebbe compiuto l'ultimo atto annullando il risultato elettorale, usando la forza contro il partito comunista che, come è accaduto nel 1940 e 1950- ha goduto di un forte sostegno popolare.

Ancora, nell'agosto del 1960, pochi mesi prima che John F. Kennedy entrasse in carica, un documento della NSC ha proposto che, indipendentemente dal fatto che i comunisti prendessero il potere in Italia da clandestini o mezzi legali, gli Stati Uniti avrebbero dovuto essere pronti a usare la forza militare, unilateralmente se necessario e "assistere qualsiasi elemento italiano che  cercava di prevenire o rovesciare il dominio comunista." Questo è avvenuto quindici anni dopo il caos e la devastazione della seconda guerra mondiale.  Nel mentre l'Italia, non ha conosciuto governi stabili, nel 1960 non era comunque un caso disperato di politica ed economica, secondo il controllo di un governo militare alleato.

Alla fine, "Eisenhower e Dulles erano disposti a intervenire militarmente solo se i comunisti avessero presero il potere con la forza e comunque solo in concerto con le altre nazioni europee", conclude l'autore dello studio, Ronald Landa. E questo è stato saggio: come si rese conto Eisenhower stesso, i carri armati americani  erano pronti a Roma a sostegno della destra italiana per il rovesciamento del governo di propaganda dei comunisti senza Dio di Mosca.

Tutto ciò non ha nulla a che fare con la questione se la Russia ha influenzato l'elezione degli Stati Uniti. Fatta eccezione  ricordare che la manipolazione politica è stata eseguita da molte nazioni.


Michael Peck è uno scrittore che contribuisce all' interesse nazionale . 
Lo si può trovare su Twitter e Facebook .



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!