venerdì 17 marzo 2017

Antico metallo di 'Atlantide' recuperato  in un relitto di 2600 anni fa (VIDEO)




I mari che circondano la Sicilia sono un vero e proprio tesoro per gli archeologi. © Antonio Bronic / Reuters

Un metallo, che secondo la leggenda greca è stata estratta nella antica e mitica isola di Atlantide, è stato scoperto in un relitto che affondò al largo delle coste della Sicilia 2.600 anni fa. Ben 47 lingotti di 'oricalco' sono stati finora recuperati  nell'antico relitto del ritrovamento sottomarino.


Descritto come simil-ottone e realizzato con la fusione  di minerale di zinco, carbone e rame, la lega non è mai stata scoperta in tale quantità. Scoperti nel 2015, la composizione dei lingotti che sono  stati rivelati solo con analisi a fluorescenza a raggi X, ha riferito Seeker.


I lingotti di oricalco ritrovati a Gela

Due elmi di corinzi, che si ritiene siano stati parte della difesa della nave contro i pirati, sono stati scoperti nel relitto naufragato."Un'altra ipotesi è che sono stati pensati per essere una offerta agli dei, " secondo Sebastiano Tusa, archeologo coinvolto nel ritrovamento e Soprintendente al Mare di Palermo.

L'Oricalco è divenuto leggendario tramite gli scritti del filosofo greco Platone, che ha scritto che il materiale è stato preso ad Atlantide, dove si dice coprisse comletamente il tempio di Poseidone.




Insieme con i 39 lingotti, vi erano grumi di oricalco anch'essi recuperati dal relitto naufragato, pensano sia affondato in un viaggio dalla Grecia a Gela in Sicilia, una città ricca, ricca anche di botteghe artigiane.

"Si è probabilmente trovato in una tempesta improvvisa e affondò proprio quando stava per entrare in porto", ha detto Tusa.

I mari che circondano la Sicilia contengono almeno altri due antichi relitti , che lo rendono  "una miniera di reperti archeologici di inestimabile valore", secondo il Adriana Fresina, altro membro della squadra di Tusa.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!