mercoledì 26 aprile 2017

Bruxelles, la NATO, e i globalisti: sono nel caos totale

L'UE, la NATO, e l'alleanza occidentale hanno completamente fallito con i popoli dell'Europa orientale. L'amore non corrisposto delle nazioni dell'ex blocco sovietico si sta lentamente trasformando in disprezzo. L'euromaidan e la conseguente guerra civile hanno messo a nudo il il vecchio divario ideologico e culturale. Con Bruxelles e la NATO scossi dai recenti avvenimenti, la paura utilizzata con la leva finanziaria per sfruttare le nazioni allineate sta perdendo la sua efficacia.

Un incontro tra il primo ministro russo Dmitry Medvedev e l'ex PM di Moldova e attuale capo del partito socialista, Zinaida Greceanîi a Mosca rivela in generale la transizione orientale verso la Russia. Mentre il mondo guarda e attende il prossimo fantastico momento di Donald Trump, l'amministrazione russa continua a ricucire e a creare nuovi legami di amicizia. A sud e ad ovest della Moldova una ventina di Stati membri dell'UE discutono una “eguale-Brexit” l'abbandono del sistema globalista che molti vedono come destinato al fallimento. E difficile la situazione della Moldova dopo la caduta dell'Unione Sovietica è una finestra panoramica del più grande esperimento internazionale nella storia.Per citare la signora Greceanîi sulle recenti elezioni della Moldova e sullo slancio verso la Russia:
Abbiamo vinto perché la maggior parte dei moldavi sono per la partnership
strategica con la Russia. Nel 2014, la nostra attuale coalizione filo-europea nel parlamento ha firmato un accordo di associazione all'Unione europea, e, francamente, non abbiamo ottenuto che quasi nulla in cambio da parte dell'Unione Europea, sostenendo al contempo una grave battuta d'arresto economico perdendo il mercato Russo ed il nostro partner strategico. Questo è ciò che accade quando i politici cercano di distruggere antichi legami e tradizioni tra i nostri popoli quando arrivano al potere
“.

Il politico moldavo ha espresso quello che è un sentimento crescente verso l'Unione Europea. Il paese più povero delle ex repubbliche sovietiche, la Moldavia è forse il paese più trascurato in Europa. E i recenti riferimenti al sud per la Moldova e la Romania a ricongiungersi predicono un più ampio disinteresse per i paesi della regione. Ad ovest l'Ungheria  ha iniziato a riavvicinarsi alla Russia, e a sud la Bulgaria e la Romania non sono divenute un completo un satrapo occidentale. L'agitazione a Bucarest nel corso della corruzione reale o percepita della leadership, la situazione in atto in Grecia, gli antichi sentimenti della Serbia e anche di paesi come la Slovenia - inviano un segnale chiaro. Vediamo , da qualche tempo,  il crollo di fiducia nei confronti dell'alleanza occidentale. 
Tomáš Kostelecký, direttore dell'Istituto di Sociologia presso la Sociology at the Czech Academy of Sciences di Praga ha affermato sui, “25 anni dopo la caduta del muro di Berlino”:
In generale penso che la Repubblica Ceca, la Slovacchia e la Polonia sono esempi di paesi che ne sono usciti bene, mentre per altri non hanno avuto  lo stesso successo.”
Un sondaggio condotto nella Repubblica Ceca nel 2014 ha mostrato che più della metà delle persone non considerano la vita prima e dopo il regime sovietico uguale. In altre parole, la maggior parte delle persone, anche i più ricchi paesi dell'ex blocco sovietico non vedono alcuna differenza tra i due sistemi. Molti vedono la diffusione della cosiddetta democrazia come una bugia totale. Mentre la libera circolazione permette ai rumeni (per esempio) di recarsi in Germania e avere migliori posti di lavoro meglio retribuiti, per i rumeni che scelgono di rimanere a casa sono stati devastati dalla corruzione, l'austerità, e la perdita di potere dovuto dalla globalizzazione.

In Romania un sondaggio condotto nel 2014 ha mostrato che la metà dei rumeni ha mantenuto una visione positiva dell'ex leader  Nicolae Ceausescu e sono convinti che la vita sotto il suo regime era migliore. Lo stesso sondaggio ha mostrato che dei 1.460 intervistati, il 54 per cento ha sostenuto che avevano migliori condizioni di vita durante il comunismo, mentre il 16 per cento ha detto che erano peggiori. Metto questo punto per l'importanza strategica ed ideologica della Romania. Di tutti i paesi dell'UE, la Romania era di gran lunga la nazione più a favore della democrazia - la gente non scommette tutto il loro futuro sulla promessa americana. Lo so perché mia moglie è  rumena e suo padre era uno degli eroi non celebrati della rivoluzione del 1989. Nella sua storia la Romania si è schierata altre volte dalla parte sbagliata, e l'adesione all'UE ha portato per i romeni tanto quanto quello che hanno dato ai loro fratelli e sorelle separati della Moldova, [nulla].

In Ungheria la recente visita del Presidente russo Vladimir Putin i  media mainstream occidentali han trasmesso farneticazioni. Ma il fatto che l'economia ungherese è stata colpita costametemente dall'embargo alimentare introdotto dal Cremlino in risposta alle sanzioni USA e UE contro Mosca è di fatto una nota stonata delle politiche UE nella regione. Il Ministro degli Affari Esteri e del Commercio per l'Ungheria, Peter Szijjarto detto a Kommersant, l'altro giorno:
Secondo le nostre stime, la perdita di profitto dell'Ungheria ammonta a $ 6.5 miliardi nel corso degli ultimi tre anni. Stiamo parlando delle esportazioni. Dato che il volume annuo delle esportazioni ungheresi è di circa 90 miliardi di $, il danno subito è enorme,”
Le recenti aperture dell'Ungheria verso la Russia spaventa i parlamentari a Bruxelles e allo stesso tempo la leader  tedesca Angela Merkel cerca di approntare lo scongelamento delle relazioni tra Mosca e Washington sotto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Una nuova ondata di populismo spazza in tutta l'Europa , la sinistra la vede come una cospirazione russa, quando in realtà è un movimento per il cambiamento di rotta. Questi paesi dell'ex blocco sovietico sono una sorta di test di tornasole che mostra come l'UE non è mai impostato un gioco giusto, in primo luogo. La Germania e gli europei centrali prosperarono da un certo tempo, mentre le altre nazioni sono state lasciate nel ristagno. In un recente sondaggio condotto in Ungheria, il 75% degli intervistati è favorevole a relazioni pragmatiche con la Russia mentre i contrari sono solo il 5%  e dicono che “l'Ungheria non dovrebbe nemmeno parlare con il Presidente russo Vladimir Putin”.

Il reset turco con la Russia, in particolare il rinnovo del progetto cosiddetto “South Stream” rispecchia l'inclinazione della Russia per la Grecia, Macedonia, Slovenia, Italia, e di altri ex devoti NATO-UE. Il Presidente Putin proprio di recente ha elogiato la Slovenia per l'invito a un vertice Trump-Putin nella capitale del paese Lubiana . La Slovenia, il paese natale di First Lady Melania Trump, è un trampolino di lancio letterale di quello che qualcuno ricorderà, della iniziativa di Putin, da Vladivostok a Lisbona. Non importa come si classificano tutti questi movimenti geopolitici, la chiara tendenza a favorire legami con la Russia è cristallina. Il globalista [settario] Washington Post ha definito questa tendenza  “europei si inchinano al potere di Putin”, quando in realtà i motivi sono basati sulla pragmatica e la logica. Venendo a cadere le grandi promesse, e il profilarsi del fallimento, rivolgersi verso il cambiamento è una cosa naturale.

Infine, nel 2014 l'ex cancelliere Gerhard Schroeder in Germania ha accusato la politica dell'Unione Europea per l'attuale situazione in Ucraina, e ha anche esortato l'Occidente a smettere di imporre nuove sanzioni nei confronti della Russia. Ora vediamo che Schroeder aveva ragione. Dall'altra estremità dello spettro politico tedesco, Partito della Sinistra tedesco (Die Linke), il Dr. Sahra Wagenknecht ha inveito contro il cancelliere Angela Merkel, la NATO e l'Occidente in generale per le politiche fallimentari e la distruzione della distensione con la Russia. Al centro delle sue argomentazioni getta una verità verificabile degli affari dell'Europa orientale dopo la caduta del muro di Berlino. In un'intervista a Deutsche Radio, Dr. Wagenknecht ha parlato di “interessi sostanziali economici” dell'America ( “handfeste wirtschaftliche Interessen”) in Ucraina, come una grande parte del problema dell'Europa:
Ci sono notevoli interessi economici: gli americani sono stati in Ucraina fin dall'inizio. Hanno anche fatto accordi con società ucraine, investendo in alcune di esse. Quindi ci sono notevoli interessi economici, ed è tanto più critico che l'Europa non può essere trascinata in questo (dagli americani), ma noi dobbiamo agire nel nostro interesse. Questo significa, pace e cooperazione, naturale, con la Russia, migliora il rapporto che si è raffreddato notevolmente negli ultimi mesi “.
Il filo conduttore della nuova crisi Ovest-Est è prettamente per un “interesse finanziario”. Questo sarà al centro del mio prossimo rapporto. Per il momento, però, non è la Casa Bianca di Trump che sembra allo sbando, ma Bruxelles e la NATO. Rimanete sintonizzati.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!