martedì 18 aprile 2017

FBI: Nel 1992 gli Stati Uniti hanno usato armi chimiche sui bambini in Texas

Sean Adl-Tabatabai
yournewswire.com
sadefenza




Secondo i file sul proprio sito web l'FBI, il governo degli Stati Uniti sono stati trovati colpevoli di gasare i propri cittadini nel 1992, che ha condotto alla morte di 86 americani.

L'amministrazione Trump continua a dirsi offesa dal fatto che il presidente siriano Bashar al Assad abbia gassato la sua gente, nonostante i fatti dicano che non esistono prove a sostegno di questa teoria, stanno ignorando il fatto che gli Stati Uniti sono uno dei pochi paesi che ha usato sostanze chimiche armi contro i suoi stessi cittadini ed è ben documentato.

Thefreethoughtproject.com riferisce:

Il nostro materiale proviene dal caveau della stessa FBI, che contiene due file del caso contro Vernon Howell, noto anche come David Koresh. Koresh è stato il leader degli “avventisti del Settimo Giorno Davidiani.” Secondo il fascicolo dell'FBI, Koresh è stato fatto credere di sequestro di persone contro la loro volontà nel suo complesso a Waco, Texas, accusato di essere potenzialmente colpevole di costrizione alla “servitù involontaria e schiavitù”.

Nel 1992, la Child Protective Services (CPS) è stata chiamata a indagare su quelle accuse. Dopo un'indagine approfondita, il CPS ha concluso nessuno è trattenuto contro la propria volontà presso il complesso, né ci sono abusi sui minori, cosicché  il procuratore federale, che ha esaminato il rapporto, non ha ritenuto di perseguire Koresh. Il 16 ottobre del 1992, l'FBI ha chiuso il caso contro Koresh e le accuse che avrebbe abusato dei bambini e di costrizione alla permanenza dei suoi seguaci contro la loro volontà è caduta nel vuoto.


Però, l'FBI ha proceduto a indagare i Davidiani per altre accuse, aveva convertito i fucili semiautomatico AR-15 (aggressione) in quelli completamente automatici, una violazione della legge federale. Inoltre si presumeva che il gruppo stava progettando un suicidio di massa. L'FBI è giunta a questa conclusione senza, che “nessuna informazione sia stata sviluppata per verificare l'accuratezza delle accuse”. Tuttavia, l'FBI ha fatto intervenire le forze d'ordine locali senza preavviso.

Pur non avendo alcuna prova concreta contro Koresh, alcuni hanno detto che era preda del delirio, aveva violato i diritti civili, e abusato dei figli, l'inchiesta sulla violazione delle armi è continuata. Il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives (ATF) ha continuato a perseguire le accuse sul gruppo che è stato accusato di accumulare armi ed esplosivi. Secondo l' ATF , l'ufficio di presidenza ha trovato:

  • 136 ARMI DA FUOCO, COMPRESI FIUCILI D'ASSALTO E PISTOLE
  • 700 + RIVISTE SULLE ARMI DA FUOCO
  • 200.000 MUNIZIONI VARIE
  • 110 TELAI D'ARMA SUPERIORI E INFERIORI PER FUCILI AR15 / M16
  • ALLEGATI GRANATE-LANCIARAZZI PER FUCILI AR15 / M16
  • 400+ GRANATE SCARICHE PE FUCILI M31, CON POLVERE NERA E ALTRI
  • ESPLOSIVI CHIMICI

Volendo approfondire armeria del composto, l'ATF assicurato un mandato di perquisizione e ha tentato di razziare il composto il 28 febbraio 1993. I Davidians, forse sentendosi devono proteggere la loro casa, proprietà, e le persone dagli intrusi, hanno aperto il fuoco sulla federale agenti, un'azione che ha portato alla morte di diversi agenti ATF e membri composti.
QUATTRO AGENTI ATF (SA TODD MCKEEHAN, SA CONWAY LEBLEU, SA ROBERT WILLIAMS E SA STEVEN WILLIS) SONO STATI UCCISI; 20 AGENTI ATF FERITI DA SPARI O SCHEGGE E 8 HANNO SUBITO ALTRE LESIONI. SEI DAVIDIANI SONO STATI DA QUANTO RIFERITO UCCISI E QUATTRO FERIT CON COLPI DI PISTOLA, ANCHE SE QUESTO POTREBBE NON ESSERE LA CAUSA FORENSE COLLAUDATA DELLA DISTRUZIONE DELLA CASA SEGUITA (DAL FUOCO) DEL COMPLESSO.

Il raid ha avviato una situazione di stallo 51 giorni con l'ATF e l'FBI. Koresh ha rilasciato 24 membri del complesso, che erano per lo più bambini, e ha continuato la messa in stallo delle autorità, veniva teletrasmessa ogni giorno in tutto il paese fino al 51° giorno. In quel giorno, il governo ha portato in attrezzature pesanti ed è penetrato nel complesso con un carro armato, che ha pompato un composto e ripieno l'ambiente di gas CS. Quello che è successo dopo, nella mente di molti che guardavano, può essere paragonato solo a un film horror.

Il composto si è infiammato, con un fuoco scoppiettante. L'inferno ha consumato tutto uccidendo 76 persone che erano rannicchiate al suo interno. In seguito, è stato stabilito che molti di coloro che erano morti  erano stati colpiti da armi da fuoco. I ricercatori , che in seguito hanno indagato sull'incidente, hanno concluso che agenti federali sono stati osservati mentre facevano il tiro a segno dal parco nel complesso della costruzione che era già  preda delle fiamme. Mentre la narrazione ufficiale del governo dice che quegli individui si siano suicidati, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che sono stati uccisi con armi automatiche sparati da agenti federali, forse uccisi mentre tentavano di fuggire dal complesso che bruciava.

Fino ad oggi, l'ATF mantiene il fuoco sia stato, “appiccato da membri del culto, come l'applicazione della legge ha tentato di costringerli fuori con l'introduzione di gas lacrimogeni dentro l'edificio.” E per anni, in seguito alla distruzione del fuoco del complesso, l'FBI ha mantenuto la stessa linea sull'avvenimento. Che si è mantenuta fino al 1999, quando l'allora Procuratore Generale Janet Reno ha fatto la seguente ammissione: “Sono molto, molto turbato dalle informazioni che ho ricevuto questa settimana suggerendo che i dispositivi pirotecnici possono essere stati usati nelle prime ore del mattino aprile 19, 1993 , a Waco. In questo momento, tutte le indicazioni disponibili sono che i dispositivi non erano rivolte alla principale composto di legno, sono stati dimessi diverse ore prima che il fuoco ha iniziato, e non erano la causa dell'incendio. Tuttavia, è assolutamente fondamentale che facciamo tutto umanamente possibile per imparare tutti i fatti nel modo più accurato possibile e renderli disponibili al pubblico e il Congresso.

Tali fatti, secondo alcuni dei sopravvissuti dal fuoco, che erano all'interno, al momento che è scoppiato l'incendio, sono innegabili. Essi sono convinti il governo ha utilizzato dispositivi incendiari per appiccare le fiamme con i lacrimogeni che erano stati pompati dentro la costruzione. E non sono soli. Secondo la CBS News , il “regista indipendente Michael McNulty ha esposto su alcune prove che sembravano a danno del governo. Ha trovato un bossolo di un certo tipo di gas lacrimogeno rotondo che potrebbe iaver dato inizio a un incendio - un dispositivo che il Dipartimento di Giustizia ne aveva negato l'uso per più di sei anni -. Pubblicamente e al Congresso” Questo bossolo ha dato luogo al riconoscimento dentro a Reno, ma il governo non si è assunto ancora la piena responsabilità, ha negato che tali dispositivi fossero stati utilizzati per penetrare nell'edificio di Reno. Le domande restano in sospeso, ancora sul perché sono stati utilizzati [i gas].

Anche se in seguito si afferma che Koresh, aveva molestato i bambini, in  effetti era resta il fatto fosse un pedofilo della peggior specie. Il governo ha usato gas sul suo stesso popolo che, direttamente o indirettamente, hanno portato alla morte di 76 persone. Non ci sono state proteste internazionali. I governi stranieri non hanno minacciato ritorsioni contro l'ATF e l'FBI. La Russia non si è sentita in dovere di lanciare missili teleguidati sull'aeroporto di Waco, in TX. E nemmeno sugli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti non ha diritti commerciali negli affari siriani. E proprio come a Waco, potrebbero essere necessari anni per sapere con precisione chi sono i responsabili dell'uccisione con gas degli 83 siriani nella provincia di Idlib. Ma andare pure avanti a credere , se vuoi , alla narrativa ufficiale del governo. Qui invece, noi di TFTP, preferiamo affrontare i fatti reali.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/04/fbi-nel-1992-gli-stati-uniti-hanno.html




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!