venerdì 28 aprile 2017

SA DIE SE SA SARDINYA 2017

Eventi per la festa natzionale de Sa Sardinya, 28 Aprile 2017.


Programma delle manifestazioni a Cagliari
Ore 9,00 Salone di Palazzo Viceregio celebrazione di Sa Die de sa Sardinya -Saluti del Comitato
-Intervento delle Autorità
-Messaggio al Popolo Sardo, dello storico Federico FrancioniMusica Procurad'e moderare- del gruppo "Cuncordia e launeddas"
Ore11,00 Cattedrale di Cagliari l'Arcivescovo Arrigo Miglio celebra la Santa Messa solenne... 





Francesco Casula


28 aprile 1794:
Sa dispedida de sos Piemontesos

“Firmaisì! E arrazza de brigungia! Arrazza ‘e onori! Sardus, genti de onori! E it’ant a nai de nosus, de totus ! Chi nc’eus bogau s’istrangiu po amori ‘e libertadi ? Nossi, po amori de s’arroba! Lassai stai totu! Non toccheis nudda! Non ddi faeus nudda de sa merda de is istrangius! Chi ddi sa pappint a Torinu cun saludi! A nosus interessat a essi meris in domu nostra! Libertadi, traballu, autonomia!|” (Piero Marcialis, Sa dì de s’acciappa)

In sa fintzione literària e teatrale ispassiosa e brillante, in “Sa dì de s’acciappa” s’iscritore Piero Marcialis faghet nàrrere gai a Frantziscu Leccis, - masellaju, protagonista de sa rebellìa Casteddàrgia contra a sos Piemontesos – furriende•si a sos de su pòpulu chi, abenenados, cheriant assaltare sos carros, prenos de cada gràtzia de Deus, nche cheriant leare a sos dominadores chi si nche fiant fuende “s’arroba” chi si nche cheriant giùghere a Torino.

E est custu - a pàrrere meu – su significadu profundu, istòricu e simbòlicu, de su de nch’àere bogadu a foras sos Piemontesos dae Casteddu su 28 de Abrile de su 1794: sos Sardos, a pustis de sèculos de rassignatzione, de abitùdine a pinnigare s’ischina, de ubidièntzia, de asservimentu e de inèrtzia, pro tropu tempus abesos a abassare sa conca, sufrende cada casta de prepotèntzias, umiliatziones, isfrutamentu e leadas in giru, cun unu motu de orgògliu natzionale e unu corfu de renes, de dignidade e de fieresa, si ribellant e àrtziant sa conca, adderetant s’ischina e narant: bastat! In nùmene de s’autonomia e duncas, pro “essi meris in domu nostra”. 

E nche bogant a foras sos Piemontesos e savojardos, non pro resones ètnicas, ma ca rapresentant s’arroddu, sa prepotèntzia e su podere.
Ant naradu e iscritu chi s’est tratadu de “cosa de pagu contu”: petzi una congiura ordimingiada dae unu grustu de burghesos giacobinos, illunminados e illuministas, pro nche bogare pagas chentinas de Piemontesos. Non so de acordu.

A custa tesi, de su restu at rispostu, cun richesa de datos, documentos e argumentos, Girolamo Sotgiu.

S’istòricu sardu, connoschidore mannu e istudiosu de sa Sardigna sabauda, polemizat cun grabu ma cun detzisione pròpiu cun s’interpretatzione chi ant dadu istòricos comente Manno o Angius a su 28 de Abrile, cunsideradu comente chi esseret, apuntu, una congiura.

Simile interpretazione offusca – a pàrrere de Sotgiu – le componenti politiche e sociali e, bisogna aggiungere senza temere di usare questa parola .
Insistere sulla congiura –so mentovende semper s’istòricu sardu– potrebbe alimentare l’opinione sbagliata che l’insurrezione sia stato il risultato di un intrigo ordito da un gruppo di ambiziosi, i quali stimolati dagli errori del governo e dalle sollecitazioni che venivano dalla Francia, cercò di trascinare il popolo su un terreno che non era suo naturale, di fedeltà al re e alle istituzioni.

A pàrrere de Sotgiu custa manera de cunsiderare un’eventu cumplessu e prenu de sugestiones, non cunsentit di cumprèndere s’isvilupu reale de s’iscontru sotziale e polìticu nen de cumprèndere sa gàrriga rivolutzionària chi animaiat grustos mannos de sa populatzione de Casteddu e de s’Isula in su mamentu chi si bortaiat contra a sos chi aiant dominadu dae prus de 70 annos. 

No est istadu, duncas, congiura o ribellismu improvisu: a lu nàrrere est finas Tommaso Napoli, padre iscolòpiu, iscritore ispavillu e popularescu ma finas testimòngiu atentu e atendìbile, chi at vìvidu cussos eventos in prima pessone..
A pàrrere de Napoli l’avversione della - li narat pròpiu gai- contro i Piemontesi, cominciò da più di mezzo secolo, allorché cominciarono a riservare a sé tutti gli impieghi lucrosi, a violare i privilegi antichissimi concessi ai Sardi dai re d’Aragona, a promuovere alle migliori mitre soggetti di loro nazione lasciando ai nazionali solo i vescovadi di Ales, Bosa e Castelsardo, ossia Ampurias.

L’arroganza e lo sprezzo –sighit– con cui i Piemontesi trattavano i Sardi chiamandoli pezzenti, lordi, vigliacchi e altri simili irritanti epiteti e soprattutto l’usuale intercalare di Sardi molenti, vale a dire asinacci inaspriva giornalmente gli animi e a poco a poco li alienava da questa nazione.





***VENERDI' 28 APRILE h 20:00*** >>>goo.gl/xeCWufConcerto per Sa Die, sul palco Menhir, dr.drer & crc posse e BUJUMANNU, prima del live: musica tradizionale, ballo nazionale e offerte sul cibo e le bevande...















Su 28 de abrile si tzèlebrat sa die natzionale de su pòpulu sardu.
De carchi annu pro afestare custa die essistit un'eventu colletivu, sentzillu e ispeciale: “Sa Die in Tundu”.

Una manera pro tènnere paris totus is sardos, de calichisiat apartenèntzia, pro mèdiu de unu piticu gestu simbòlicu pro cumpartzire totus paris s'ispìritu de sa festa e su significadu suo prus profundu.

Pone·ti in tundu tenende·ti pro manu inue t'agatas: fae·ddu cun is persones chi preferis, publicamente o in manera privada.
Totus sos chircos umanos realizados in cussa die ant a rapresentare su pòpulu nostru e s'istòria sua.

Progres aderit a custa idea e ti cumbidat in su tzentru de Casteddu pro su 28 de Abrile: une·ti a nosu e afestamus sa Die de sa Sardigna in tundu.

–– –– –– –– –– –– –– –– –– –– –– –– –– –– –– ––

Il 28 di aprile si celebra la festa nazionale del popolo sardo.

Da qualche anno per festeggiare questa ricorrenza esiste un evento collettivo, semplice e speciale: “Sa Die in tundu”.
Una maniera per tenere assieme tutti i sardi, a prescindere dalle differenti appartenenze, attraverso la realizzazione di un piccolo gesto simbolico che ci permetta di condividere tutti assieme lo spirito della festa e il suo significato più profondo.

Mettiti in cerchio tenendoti per mano in qualsiasi luogo tu ti trovi: fallo con le persone che preferisci, pubblicamente o privatamente. Tutti i cerchi umani realizzati in quella giornata rappresenteranno il nostro popolo e la sua storia.

Progres aderisce a questa iniziativa e ti invita al centro di Cagliari: unisciti a noi e festeggia Sa Die De Sa Sardigna in tundu.



A Foras - Contra a s'ocupatzione militare de sa SardignaSa die de sa Sardigna contra a s'ocupatzione militare



---- Sardu ----

A FORAS - Contra a s'ocupatzione militare de sa Sardigna – in s'ùrtima assemblea de Bauladu at detzisu de torrare a manifestare in unu polìgonu militare a pustis de sa manifestatzione manna de su 23 de santandria in Cabu Frasca.

Custa borta amus seberadu unu sìmbolu: su 28 de abrile.
Bolimus dare a custa die unu caràtere diferente dae sa festa fata de ritos, ammentos e folklore. Lu cherimus fàghere diventare unu momentu de protagonismu ativu, una die de lota chi siat de a beru una die de liberatzione.
Pro ammentare s'autodeterminatzione de unu pòpulu in su tempus passadu, ite diat èssere mègius de detzìdere oe su destinu nostru fintzas in contu de ocupatzione militare?

Una terra chi est sufrende dae deghinas de annos s'opressione de sa NATO, de sos Istados Unidos, de s'Istadu Italianu cun is militares e is belenos issoro, no at bisòngiu de momentos culturales ebbia.

Pro custas resones manifestamus su 28 de abrile e seberamus de lu fàghere in su Poligono Interforze del Salto di Quirra cun chentinas de banderas de is 4 moros, ca s'autodeterminatzione nostra, comente cussa de totu is pòpulos, depet colare fintzas dae sa liberatzione dae s'ocupatzione militare.

In antis de cussa die de importu, amus a girare is biddas sarrabesas e ogiastrinas pro presentare su dossier nostru a pitzus de su PISQ e de is dannos chi at giutu a cussos territòrios. Amus a sighire a fàghere fintzas is initziativas de informatzione a pitzus de su protzessu de Lanusè, in ue sunt imputados 8 ex generales pro dannos a s'ambiente, a is animales e a is persones chi bivent in cussu territòriu e chi ant su deretu de ddu bìvere in manera lìbera.

Cando iscrient Quirra leghimus esercitatziones militares, isperimentatzione de tecnologias mortales, impositziones e minitzas contra a su territòriu. Cras non depet èssere prus de aici.

No amus a permìtere chi nos leent in giru cun una riconversione frassa chi lasset is terras e s'economia de su logu in manos de is militares, tzerriende-dda "chirca iscientìfica e tecnològica".

Amus a gherrare totu paris pro chi no nche siant prus tumores, pipieddos deformes, angiones-polifemu. Dd'amus a fàghere ca bolimus chi sa gente potzat torrare in cussas terras oe, in antis chi sa presèntzia militare ddas ruinet pro semper. Amus a agatare in pare is manera pro ddas limpiare e ddas pòdere impreare torra. Amus a gherrare contra a sa dipendèntzia e is ricatos de s'economia militare.

Ischimus chi si no ddu faghimus, nemos dd'at a fàghere in parte nostra.
Nos atobiamus su 28 de abrile a is 11 de mangianu in su Bar Quirra, in su caminu betzu S.S. 125.

---- Italiano ----

A FORAS - Contra a s'ocupatzione militare de sa Sardigna - ha deciso durante l'ultima assemblea di Bauladu di tornare a manifestare ai poligoni dopo il grande corteo del 23 novembre a Capo Frasca.

Questa volta abbiamo scelto una data simbolo: il 28 di aprile.
Vogliamo dare a questa giornata un connotato diverso dalla semplice celebrazione attraverso rituali, testimonianze, folklore. Vogliamo fare sì che diventi un momento di protagonismo attivo, una giornata di lotta che sia davvero una giornata di liberazione.

Quale miglior modo di ricordare l'autodeterminazione di un popolo se non quello di decidere il proprio destino anche quando si parla di occupazione militare?
Una terra che subisce da decenni il giogo della NATO, degli Stati Uniti, dello Stato Italiano con i loro militari e il carico di nocività non ha solo bisogno di momenti culturali.

Questi i motivi per cui ci mobilitiamo il 28 aprile, scegliendo di farlo al Poligono Interforze del Salto di Quirra - fiore all’occhiello dell'occupazione militare della Sardegna. Saremo a Quirra con centinaia di bandiere dei quattro mori, perchè la nostra autodeterminazione, così come quella di tutti i popoli, deve passare per la liberazione dall'occupazione militare.

Nell’avvicinarsi a questa importante giornata saremo presenti in Sarrabus e Ogliastra con la presentazione del nostro dossier sul PISQ e il suo impatto sul territorio. Abbiamo già svolto, e continueremo a porteremo avanti, anche iniziative informative sul processo che a Lanusei, in questo momento, vede imputati 8 ex generali per i danni all’ambiente, agli animali e agli esseri umani che quel territorio lo vivono e lo dovrebbero poter vivere liberamente.
Oggi si scrive Quirra e si legge esercitazioni militari, test di tecnologie micidiali e ricatto al territorio. Domani non dovrà più essere così.

Non accetteremo una riconversione che significhi restituire le terre e l'economia locale ai militari sotto il nome di ricerca scientifica e tecnologica.

Saremo insieme a lottare affinché non ci siano più tumori, neonati deformi, agnelli polifemo. Lo faremo perché si possa tornare su quelle terre non ancora irrimediabilmente compromesse dalla presenza militare. E troveremo insieme i modi per renderle nuovamente utilizzabili. Lotteremo per eliminare la dipendenza dal ricatto dell'economia militare.

Sappiamo che se non lo facciamo in prima persona, nessuno lo farà per noi.
Appuntamento il 28 aprile ore 11 al Bar Quirra, presso la vecchia S.S. 125





Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!