giovedì 25 maggio 2017

Colombia: la sicurezza nelle aree remote e regionali a seguito smobilitazione delle FARC

Daniel Edgar
per Southfront
Sa Defenza




Come temuto da molte persone, le FARC-EP hanno disarmato e smobilitato (in scrupoloso rispetto delle condizioni e dei requisiti dell'accordo di pace), e le zone in precedenza controllate sono ora prese da altri gruppi armati illegali che cercano di garantire il controllo su territori strategici e risorse redditizie. Mentre in alcuni casi l'ultimo gruppo di ribelli rimanente (l'ELN) si è spostato in queste aree, nella stragrande maggioranza dei casi i "gruppi neo-paramilitari e di altre organizzazioni criminali brutali, senza pretesa di obiettivi ideologici o politici hanno rapidamente assunto il controllo. Ci sono poche o nessuna eccezione. Le Forze Armate colombiane (e gli Stati Uniti con 'consulenti' israeliani e personale 'tecnico e operativo' che arrivano in una varietà di forme - militari, di intelligence, corporate, tra gli altri) non hanno avuto il benché minimo successo nel prevenire che ciò accade, nonostante la loro potenza di fuoco (mentre le FARC-EP hanno disarmato completamente, le massicce spese militari continuano ad aumentare).


L'incapacità dimostrata dello Stato di stabilire una presenza efficace in questi settori solleva la questione del possibile coinvolgimento di ex membri delle FARC-EP nei dispositivi di sicurezza post-smobilitazione. Il modo migliore (forse l'unico modo) per fornire un elevato grado di sicurezza e la sicurezza in molte aree remote e rurali potrebbe essere di estendere progetti comuni esistenti per la pace (come la cooperazione tra le FARC-EP e le Forze Armate per la conduzione delle operazioni di sminamento) al compito di ricognizione e pattugliamento. Le ampie competenze e l'esperienza acquisite dalle FARC-EP potrebbero dare un contributo prezioso per la capacità dello Stato di garantire il controllo del territorio in regioni remote e rilevare eventuali minacce o interruzioni alla pace (interne o esterne) e le prestazioni di sicurezza specifiche dei compiti -relativi in cooperazione con le forze di sicurezza dello Stato. Ciò è particolarmente vero nelle zone di confine più remota e pericolose, nella giungla e montagne dove le Farc hanno tradizionalmente una forte presenza e lo Stato non è mai riuscita a garantire il controllo del territorio efficace.


Naturalmente, questo avrebbe bisogno di essere sviluppato in conformità con le condizioni locali e regionali caso per caso e coordinato con la creazione e il rafforzamento di altre istituzioni pubbliche, infrastrutture e servizi. Il processo di reclutamento sarebbe strettamente limitato agli ex membri della guerriglia espressamente esonerata dal coinvolgimento in crimini di guerra da parte del sistema giudiziario di transizione.


L'aspetto più importante di qualsiasi strategia di sicurezza per il futuro è che essi devono essere sviluppate in un modo da consentire alle comunità locali e regionali di individuare i modelli e le misure e disposizione che ritengono più appropriate nella sicurezza, e che le comunità locali abbiano il diritto di determinare in che modo saranno attuate le misure di sicurezza. Questo comprende la partecipazione e il controllo della elaborazione ed esecuzione delle strategie di sicurezza locali e regionali, e il mix di forze di sicurezza responsabili per il mantenimento della legge e dell'ordine e il rilevamento e la neutralizzazione di eventuali minacce nelle rispettive comunità e territori. In termini di sicurezza in quanto tale, la combinazione di forze, concettualmente, potrebbe includere elementi delle Forze Armate e di Polizia e membri delle FARC-EP smobilitati, così come i membri scelti dalle comunità locali e le organizzazioni regionali (come le guardias indigene e la polizia comune oltre le milizie) .


L'unica alternativa plausibile, anzi la più probabile situazione di svilupparsi a lungo termine, sono le implementazioni estese e inefficaci di un gran numero di riluttante e coscritti militari male addestrati e pressati in servizio, supportati da estreme e costose compagnie militari e di intelligence straniere. In effetti, questo consegnerebbe essenzialmente il controllo territoriale a militari distanti dagli interessi delle corporate con ordini del giorno che operano senza responsabilità di nessuno, tranne che dei loro anonimi finanziatori regionali ed esteri (principalmente Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele). Nel frattempo, i gruppi armati illegali si saranno quasi certamente consolidati con il loro controllo su settori quali, risorse e popolazioni per il prossimo futuro.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/colombia-la-sicurezza-nelle-aree-remote.html
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!