sabato 20 maggio 2017

PAUL CRAIG ROBERTS: “ASSALTO A TRUMP”
paulcraigroberts.org





Stiamo assistendo a un assalto da parte dello stato di sicurezza nazionale e dei media liberal, al Presidente degli Stati Uniti, che non ha precedenti.

Accuse insensate e non supportate, da connessioni con i russi, di tradimento o illegali sono state la colonna portante delle notizie durante la campagna presidenziale di Trump. Queste accuse hanno raggiunto il punto che c'è un movimento di impeachment guidato dallo stato di sicurezza nazionale e dei suoi media liberal  approvata dai democratici, quella sinistra americana che si è trasformata in antioperaia con la  “déplorables Trump,” di luminari come il professore Larry Tribe della Harvard Law . Il Washington Post, che non era presente alla riunione del presidente Trump con il ministro degli Esteri russo Lavrov, pretende di sapere che Trump ha dato Lavrov informazioni sulla sicurezza nazionale USA.

Il governo russo ha offerto ai media di comunicazione presstitute una trascrizione intera della riunione, ma, naturalmente, i pressitutes non sono interessati.

L'ultima novella raccontata è che Trump ha cercato di corrompere il direttore dell'FBI Comey, prima che lo licenziasse,  per non indagare Trump  sulla “indagine russa.” Chiaramente non c'è alcuna informazione rilasciata dai media americani. Il presidente non ha bisogno di corrompere qualcuno che può licenziare.

Quello a cui stiamo assistendo è la determinazione dello stato di sicurezza nazionale di mantenere la loro pregiata “minaccia russa” nel ruolo assegnato come minaccia numero uno per gli Stati Uniti. I media liberal, di proprietà della CIA dal 1950 sono in accordo con questo obiettivo.

I media americani sono così abituati ad essere ridotti in schiavitù da parte dello stato di sicurezza nazionale che non pensano alle conseguenze. Non il professor Stephen Cohen. Sono d'accordo con la sua analisi che la più grande minaccia alla sicurezza nazionale è l'assalto al presidente Trump.” 



Http://www.informationclearinghouse.info/47076.htm


Cohen ha detto che c'è un 4° settore nel governo, la comunità di intelligence, che ostacola la gestione degli affari esteri americani da parte del ramo esecutivo e il Congresso.

Per fare un esempio, ci ha ricordato che “Nel 2016, il presidente Obama ha elaborato un accordo con il presidente russo Putin per la cooperazione militare in Siria. Ha detto che stava per condividere informazioni con la Russia, proprio come Trump e i russi avrebbero fatto l'altro giorno. Mentre, il nostro Dipartimento della Difesa ha detto che non avrebbe condiviso l'intelligence. E pochi giorni dopo, hanno ucciso soldati siriani, violando l'accordo, quello, era il loro fine. Quindi, dobbiamo chiederci, oggi, chi sta dettando la nostra politica estera a Washington?

Nel 1960, il presidente John F. Kennedy pensò di essere in carica, ed è stato assassinato per la sua fede. JFK ha bloccato l'invasione di Cuba, il progetto Northwoods, e un primo colpo nucleare contro l'Unione Sovietica, e ha parlato della fine della Guerra Fredda.

Nel 1970 il presidente Nixon fu cacciato dal suo incarico, perché pensava di essere responsabile della politica estera. Come Kennedy, Nixon era una minaccia per lo stato di sicurezza nazionale. Nixon ha spinto il SALT 1 e il trattato anti-ABM, ed ha aperto alla Cina, per disinnescare anche quelle tensioni. Il complesso militare / di sicurezza ha visto il suo budget in diminuzione come una minaccia. Nixon ha pure determinato il ritiro dal Vietnam, ma è stato messo alle strette dallo stato di sicurezza nazionale. Nixon, il presidente più informato sugli affari esteri, è stato costretto a lasciare suo incarico, perché i suoi sforzi in favore della pace costituivano una minaccia per il potere e il profitto del complesso militare / sicurezza.

E' importante capire che non vi era alcuna prova contro Nixon nelle “indagini” del Washington Post . Il reporter del Post ha semplicemente messo insieme una collezione di insinuazioni che denigrano Nixon, il cui “crimine” è stato quello di dire di aver appreso del furto con scasso al Watergate in un momento a quello che effettivamente fatto. Nixon ha mantenuto la calma sul furto fin dopo la sua rielezione, perché sapeva che la CIA e il Washington Post l'avrebbero usato nel tentativo di impedire la sua rielezione.

Il “crimine” per il quale Nixon è stato rimosso è dovuto al suo successo nello stabilire rapporti più pacifici e stabili con la Russia e la Cina.

Trump, essendo nel settore immobiliare e del intrattenimento, non era a conoscenza delle mine su cui stava caminando quando ha detto che era il momento di normalizzare le relazioni con la Russia e di ripensare lo scopo della NATO.

Il complesso militare / sicurezza degli Stati Uniti si siede su un budget pagato dai contribuenti americani con forti prelievi di $ 1.000 miliardi di dollari all'anno. La minaccia di normalizzare le relazioni con il nemico, che è stato creato per giustificare questa immenso budget, Trump si è presentato come la principale minaccia per il potere e il profitto della National Security di Stato americano.

Questo è il motivo per cui Trump sarà spezzato e / o rimosso da Presidente degli Stati Uniti.

Ancora una volta la democrazia in America sta dimostrando di essere impotente. Non c'è nessuno a Washington che può aiutare Trump. Chi lo potrebbe aiutare, come me, non può essere confermato al Senato degli Stati Uniti, che è bloccato, magazzino, di proprietà del complesso militare / sicurezza, di Wall Street, e della lobby israeliana.

Trump ha tentato, di connettersi al popolo americano che soffre per il governo, un atto di tradimento contro l'oligarchia, ora, stanno facendo di Trump un esempio per dissuadere i politici che nel futuro volessero fare appelli populisti alla gente.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/paul-craig-roberts-aggressione-trump.html

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!