giovedì 27 luglio 2017

Lo Stato Profondo (Deep State) degli Stati Uniti: Sabotare l'accordo del cessate il fuoco di Putin-Trump in Siria

FEDERICO PIERACCINI




L'incontro tra Trump e Putin al G20 di Amburgo inietta nuova speranza nel complicato rapporto tra gli Stati Uniti e la Russia. Solo il tempo può confermare se esiste alcuna base per questa speranza.

La riunione più attesa dell'anno,  tra Putin e Trump, è durata molto più dei 20 minuti previsti, e si è estesa oltre due ore. Questo non è una sorpresa dati i punti di attrito che dovevano essere discussi, le molte questioni in sospeso nelle relazioni internazionali e il fatto che questa è stata la prima riunione ufficiale tra i due leader mondiali. I risultati raggiunti hanno superato le ambizioni iniziali e la personale intesa  tra Putin e Trump sembra essere sufficiente per raggiungere un importante accordo in Siria e che conducono a  ragionamenti sulla sicurezza informatica. Trump ha anche chiesto a Putin del presunto hackeraggio russo nelle elezioni presidenziali statunitensi un modo per appoggiare i detrattori di casa. Le dichiarazioni di entrambi i presidenti dopo la loro riunione hanno sottolineato le loro intenzioni positive. Putin ha definito Trump una persona molto diversa da quella rappresentata dai media, menzionando che era riflessivo e molto attento ai dettagli. Trump, da parte sua, ha lodato l'incontro con Putin, dichiarando l'importanza del dialogo tra le superpotenze  nucleari.

L'accordo più importante riguarda un cessate il fuoco nella Siria meridionale lungo il confine con Israele e Giordania. Questa è una zona molto attiva di combattimenti, e quindi il cessate il fuoco evita la possibilità di scontri pericolosi tra gli Stati Uniti e la Russia, nonché tra la Siria e Israele, che potrebbero andare fuori controllo, come s'è visto quando l'Air Force USA ha sparato  su un aereo militare della Syrian Army un jet Su-22 e un drone iraniano. Israele, dalla sua posizione nelle Alture occupate del Golan, ha ripetutamente colpito l'esercito arabo siriano (SAA), in uno sforzo disperato di fermare l'avanzata contro i suoi terroristi di Al Qaeda e Daesh.

Nel loro primo incontro, in meno di due ore, Putin e Trump hanno raggiunto un accordo potenziale sulla situazione più instabile della regione, salvando centinaia di vite civili nel processo. L'accordo sulla Siria deve ora gestire la sfida dello Stato Profondo (Deep State) e di tutti gli altri interessi che si disputano contro Trump. Solo quattro giorni dopo un simile accordo raggiunto nel 2016 tra Obama e Putin, tutto è stato riaperto dalla battaglia aerea statunitense che ha ucciso quasi un centinaio di soldati dell'esercito arabo siriano a Deir ez-Zor, chiudendo l'accordo del cessate il fuoco appena raggiunto .

Trump si occupa delle stesse forze occulte che hanno sabotato l'accordo di cessate il fuoco di Obama.
È impossibile sapere quanto sostegno strategico lo stato profondo degli Stati Uniti abbia nella decisione di cessate il fuoco. Dal momento che l'SAA ha raggiunto il confine iracheno a nord di al-Tanf, e lo spazio di manovra  disponibile per gli Stati Uniti e i suoi alleati  è stato drasticamente ridotto. Con l'isolamento di al-Tanf, il cessate il fuoco di Washington non cambia né sposta l'equilibrio già potenzialmente alterato del potere in quella zona della Siria. Per tutte queste ragioni, il cessate il fuoco non sembra essere una concessione da parte di una delle due parti, bensì una mossa comune per ridurre la possibilità di un confronto diretto tra superpotenze.

L'apparato militare sembra concentrarsi sulla situazione nella Siria settentrionale, con le forze democratiche a Raqqa e le forze democratiche siriane (SDF) che costituiscono il perno centrale degli Stati Uniti per raggiungere Deir ez-Zor e i relativi campi petroliferi. Il Dipartimento di Stato americano, nonché l'ala militare statunitense coinvolti in Siria, sperano di balcanizzare la Siria, smantellandola in diverse regioni e mettere Raqqa sotto il controllo di un'autorità fantoccio a Damasco. Tuttavia, le speranze americane di imporre un governatorato stile Brennan come in Iraq sono state sconfitte, poiché Damasco è l'unica autorità riconosciuta sul territorio siriano, e una volta che Raqqa ritorna piena di cittadini siriani, tali piani americani andranno a pezzi. Inoltre, le autorità di Baghdad hanno già chiarito in due occasioni la loro riluttanza a sostenere gli americani nelle loro operazioni militari. Nel caso di Mosul, hanno ribadito che il dispiegamento e il coinvolgimento statunitensi sono minimi, mentre le autorità irachene hanno già annunciato di voler mettere sotto il loro pieno controllo il loro confine con la Siria, in effetti ribaltando il piano di Washington di lasciare il caos e l'instabilità lungo i confini dei due paesi. Lo stato profondo statunitense trova nel caos il modo ideale per canalizzare conflitti e instaurare l'instabilità. Uno degli obiettivi più importanti degli eserciti siriani e iracheni è pertanto quello di isolare i confini e di controllare il flusso del traffico umano da un paese all'altro, sottolineando nel processo ciò che finora è stato un vantaggio strategico per Daesh e altre organizzazioni terroristiche, dove sono stati liberi di attraversare confini con armi e qualunque altra cosa a piacimento. 

Trump e tutti gli attori coinvolti in questa negoziazione sono finalmente in grado di stipulare un accordo tra Mosca e Washington. A differenza dei precedenti accordi, gli Stati Uniti in Siria sono ora in una situazione peggiore di 12 mesi fa, non riuscendo a raggiungere molti dei suoi obiettivi strategici. La cooperazione con la Turchia nella Siria settentrionale è stata distrutta a seguito della liberazione di Aleppo e del chiaro sostegno statunitense ai curdi (SDF). Allo stesso modo, le aree anticonflittuali in Siria  accettate con l'accordo di Astana (tra Iran, Russia e Turchia) hanno arrestato l'avanzare dei terroristi in molte aree attive del conflitto, portando a zero la possibilità di occupare più città. Tali sforzi sono stati importanti merci di scambio della negoziazione durante i vari negoziati di pace.

Il punto cruciale di questa strategia sembra concentrarsi sull'unica soluzione possibile che soddisfa gli interessi dell'ala militare dello stato profondo, legati al piano originale per smantellare la Siria una volta che la rimozione di Assad fosse fallita. Da un certo punto di vista, può avere senso concentrarsi sulla situazione nel nord del paese a Raqqa, l'unica area in cui gli Stati Uniti hanno ancora qualche influenza. Questa può essere la visione contorta che è stata elaborata dalle contese delle fazioni dello stato profondo americano.Certamente dal punto di vista di Mosca, la strategia in Siria è un mix di soluzioni diplomatiche che cercano di raggiungere accordi di cessate il fuoco con importanti attori come la Turchia e gli Stati Uniti, senza mai mettere da parte gli sforzi di guerra svolti da Russia, Iran e Siria.

L'accordo tra Putin e Trump favorirà innanzitutto i civili siriani e allargherà l'opportunità che l'SAA liberi più città e villaggi dalla presa del terrorismo. Si tratta di un accordo e di una soluzione attesissima che attualmente soddisfa l'ala predominante dello stato profondo degli Stati Uniti. In caso di fallimento dell'accordo, Trump sarà obbligato a sottolineare al mondo la sovversione dell'establishment di Washington e il suo stato profondo, che lavora per frustrare il suo ordine del giorno e sostituirlo con le proprie terribili politiche.

La fiducia di Mosca per trarre vantaggi concreti da questo accordo aumenta di ora in ora, grazie al mantenimento continua della tregua. Dal punto di vista russo, qualsiasi sabotaggio militare avrebbe nuovamente posto nelle intenzioni americane, indipendentemente dalle successive mosse di Trump. Tuttavia, una cosa certa è che in caso di sabotaggio, Trump dovrà affrontare e fare una scelta definitiva. O si arrenderà allo stato profondo, restituendo la situazione ad uno stato di iper-conflittualità con una superpotenza nucleare; O affronterà e supererà lo stato profondo, consentendo così a lui di attuare le sue promesse elettorali.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!