mercoledì 20 dicembre 2017

STUDI SULL'ATTENTATO DELL'11 SETTEMBRE DIMOSTRANO CHE GLI EDIFICI 1, 2 E 7 DEL WTC NON POTEVANO CROLLARE: PERCHÉ GLI STATI UNITI CONTINUANO A MENTIRE ?

ARJUN WALIA
collective-evolution.com/
Sa Defenza 





"Tutti e tre gli edifici sono stati distrutti da una demolizione controllata attentamente pianificata, orchestrata ed eseguita".
- Professor Lynn Margulis, Dipartimento di Geoscienze, Università del Massachusetts ad Amherst e membro dell'Accademia Nazionale delle Scienze, uno dei tanti accademici che è stato molto esplicito riguardo all'11 settembre ( fonte ) ( fonte )

Sono il governo, i suoi alleati e quelli che siedono al di sopra dei governi e dettano la maggior parte delle decisioni e delle politiche governative (corporazioni e istituzioni finanziarie, che comprendono lo Stato profondo), che stanno mentendo? È veramente distante un pensiero del genere dalla cospirazione. Se guardiamo all'11 / 9 (uno dei tanti esempi), circa il 50% degli americani non crede alla spiegazioni ufficiali del loro governo, perché dovrebbero crederci? Dall'11 settembre, sono emerse diverse prove che suggeriscono che qualcosa di strano sia accaduto, e che "i poteri forti" potrebbero essere stati i veri responsabili. In effetti, se guardiamo solo quante informazioni e prove sono emerse, è quasi impossibile dire che non ci sia stato alcun gioco scorretto. Forse questo è il motivo per cui il governo degli Stati Uniti ha continuamente rifiutato di riaprire le indagini. Il tipo di informazioni e prove menzionate, tra l'altro, ricevono un'attenzione molto piccola se non nulla dai media tradizionali.

Cosa è successo veramente quel giorno? Chi  lo sa per davvero, immagina che il proprio governo crea un evento per giustificare l'invasione di più paesi in Medio Oriente. Questo è ciò che sembra essere successo, e si chiama terrorismo di false flag , qualcosa di cui sempre più persone stanno diventando consapevoli.

Ciò che dà anche maggiore credibilità alla teoria del terrorismo con bandiera falsa è il fatto che organizzazioni terroristiche come Al-Qaeda e ISIS hanno avuto una lunga storia di relazioni con le agenzie di intelligence occidentali. Questi gruppi sono comunemente finanziati e armati dalle agenzie di intelligence occidentali. Questo è stato uno degli argomenti di discussione alcuni anni fa alla Conferenza Internazionale sul Nuovo Ordine Mondiale, che è stata organizzata e sponsorizzata dalla Perdana Global Peace Foundation , dove accademici e politici hanno discusso di questi legami.

Un paio di anni fa al vertice del G20, il presidente russo Vladimir Putin ha rivelato 40 diversi paesi che hanno legami con i terroristi, o stanno finanziando direttamente l'organizzazione terroristica nota come ISIS (leggi di più su questo qui ), e i più alti in grado del personale della Difesa degli Stati Uniti hanno  detto che non vi era assolutamente nessun motivo per invadere l'Iraq. Il generale Wesley Clark ha dichiarato che è la percezione degli Stati Uniti,  che hanno un esercito potente, e possono "abbattere i governi".


L'élite globale tende a chiamare questo processo globalizzazione, ma in realtà è infiltrazione e invasione. Le nostre agenzie di intelligence si sono infiltrate in molte elezioni e governi, installando una presenza che meglio si adatta alle proprie esigenze. Il Medio Oriente è disseminato di basi militari statunitensi.
"Gli statisti inventeranno menzogne ​​a buon mercato, dando la colpa alla nazione che viene attaccata, e ogni uomo sarà lieto di quelle falsità assopendo la propria coscienza, e le studierà diligentemente, e si rifiuterà di esaminare ogni loro confutazione; e sarà così per lui che si è convinto che la guerra è giusta, e ringrazierà il cielo dello stato catatonico in cui è caduto dopo questo grottesco processo di auto-inganno. "
 - Mark Twain ( fonte )

Ma i cittadini non sono stupidi. Ci sono ragioni per cui così pochi americani credono in quello che il loro governo dice su diverse questioni, e questa è una prova.
"Il modo più semplice per effettuare un attacco di bandiera falsa è impostare una esercitazione militare che simuli l'attacco che si desidera effettuare. Come spiegherò di seguito, questo è esattamente il modo in cui gli autori di reati negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno gestito gli attacchi terroristici dell'11 settembre e 7/7, che in realtà erano attacchi del governo "terrorista".
 - Eric H. May, ex funzionario dell'intelligence e degli affari pubblici dell'esercito USA( fonte)

L'ultima prova proviene dalla University of Alaska Fairbanks, dal Dr. J Leory Husley e dal suo team di ricercatori, che hanno confermato che la spiegazione ufficiale che circonda il World Trade Center Building 7 sul motivo della caduta è completamente falsa. È presidente del Civil and Environmental Engineering Department Chair at the University e ha presentato i risultati dello studio il 6 settembre 2017 presso l'University of Alaska Fairbanks. Studio che comprendeva i risultati dettagliati e le conclusioni che lui e il suo team hanno scoperto, nonché i passi successivi dello studio, che includevano la revisione tra i pari e un periodo aperto per il feedback e le critiche.

Nella spiegazione ufficiale si è affermato che l'edificio è caduto a causa di un incendio, mentre questo nuovo studio ha rimodellato e ricreato gli eventi dell'intera giornata intorno all'edificio 7 e si è dimostrato in modo molto eloquente che la spiegazione è impossibile e che l'unica spiegazione logica e fisica è la demolizione controllata.

Questo è l'esito previsto, dato che l'edificio stava subendo incendi su un paio di piani - e, non è stato colpito da un aereo. È lo stesso edificio in cui diversi media mainstream hanno riferito che era crollato prima che lo facessero effettivamente. Vedi un esempio dalla BBC qui .

Puoi accedere allo studio completo qui .

Di seguito è riportata la nostra intervista a Richard Gage su queste nuove scoperte e altro ancora. Puoi guardare questa INTERVISTA COMPLETA nella nostra Explorer Lounge.

Richard Gace ha avuto grande successo nel presentare il caso scientifico e logico a sostegno del fatto che la storia ufficiale sull'attentato dell'11 settembre è falsa e ha coinvolto oltre 2.900 architetti e ingegneri con diplomi accademici verificati, e, nella maggior parte dei casi, con licenze professionali, a firmare la petizione che richiede una nuova inchiesta sulla distruzione delle Torri 1, 2 e 7 del World Trade Center.



Un altro studio recente

Steven Jones è un ex professore di fisica alla Brigham Young University. I suoi principali interessi di ricerca sono stati nei settori della fusione, dell'energia solare e dell'archeometria. È autore o co-autore di una serie di documenti che documentano la prova di temperature estremamente elevate durante la distruzione del WTC con prove su materiali nano-thermitico che ha reagito con la polvere del WTC.

Robert Korol è professore emerito di ingegneria civile presso la McMaster University in Ontario, Canada, nonché membro della Canadian Society for Civil Engineering e Engineering Institute of Canada. I suoi principali interessi di ricerca sono stati nei settori della meccanica strutturale e delle strutture in acciaio. Più recentemente, ha intrapreso una ricerca sperimentale sulla resistenza post-criticità sulle colonne in acciaio di forma a H e sull'assorbimento di energia associato alla polverizzazione dei pavimenti in calcestruzzo.

Anthony Szamboti è un ingegnere progettista meccanico con oltre 25 anni di esperienza nella progettazione strutturale nel settore aerospaziale e delle comunicazioni. Dal 2006, è autore o co-autore di una serie di documenti tecnici sui fallimenti dei grattacieli WTC pubblicati sul Journal of 9/11 Studies e sull'International Journal of Protective Structures .

Ted Walter è il direttore della strategia e dello sviluppo di Architects & Engineers for 9/11 Truth (AE911Truth), un'organizzazione senza scopo di lucro che rappresenta oggi oltre 2.500 architetti e ingegneri. Nel 2015, ha scritto "AE-911Truth's Beyond Misinformation: What Science Says About the Destruction of World Trade Center Buildings 1, 2 e 7." Ha conseguito un Master of Public Policy presso l'Università della California, a Berkeley.

Insieme, hanno pubblicato di recente un articolo intitolato "15 anni dopo: la fisica del crollo dei grattacieli" sulla rivista European Scientific Journal.

Sappiamo per certo che questo è un fatto appurato, eppure non c'è stata alcuna ritrattazione dei media. Perché non c'è nessuno disposto a riaprire le indagini,  che Richard Gage ha portato sui media mainstream per parlare di quel che è successo.

Ciò che ne è conseguito, dall'attentato dell'11 settembre, sono praticamente tutta la serie di guerre svolte nel mondo a ciò che vediamo ancora oggi, a 15 anni dall'evento fatidico.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/12/studi-sullattentato-dell11-settembre.html


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!