sabato 24 febbraio 2018

GHOUTA ORIENTALE: BREVE SGUARDO ALL'IMMINENTE  OPERAZIONE "DAMASCO STEEL"

southfront.org
Sa Defenza 




24 Resistance Axis

L'Esercito Arabo Siriano (SAA) si sta preparando a lanciare la sua tanto attesa operazione Damasco Steel nella Ghouta orientale. L'obiettivo dell'operazione è quello di catturare intere sacche occupate dai militanti jahdisti (+100 km²) e di assicurare la capitale siriana e l'autostrada di Damasco-Homs (M5).

In questo momento, Damasco è sotto la minaccia di un bombardamento di Tahrir Al-Sham, Ahrar al-Sham, dall'esercito siriano libero e altri gruppi militanti.

Un successo nella Ghouta orientale consentirebbe inoltre di liberare un gran numero di truppe del SAA per ulteriori operazioni contro Hayat Tahrir al-Sham nella provincia di Idlib.

Forze in campo

L'avanzata nella Ghouta orientale sarà guidata dalle Forze Tigre dell'SAA, dalla Guardia Repubblicana, dalla 14a Divisione (SF) e dalla 4a Divisione Corazzata (Forze Ghiath - 42a brigata).

Queste unità saranno sostenute dalle Forze di Difesa Nazionale, Forze tribali e Forze della Galilea. Secondo quanto riportato, queste fazioni saranno principalmente coinvolte in operazioni difensive e attività di fortificazione. Anche la 1a Divisione d'Armata , la 7a Divisione Meccanizzata e la 9a Divisione d'Armata  hanno inviato rinforzi nell'area.

In totale, l'operazione coinvolgerà 10.000 - 15.000 combattenti filogovernativi, sostenuti dall'Air Force siriana e dalle Forze Aerospaziali russe.

D'altra parte, Jaish al-Islam, Ahrar Al-Sham, Tahrir Al-Sham e Faylaq Al-Rahman sono stati coinvolti in una serie di tensioni interne dalla metà del 2017. La nuova operazione dell'SAA nella Ghouta orientale probabilmente li costringerà a unire gli sforzi contro il governo siriano e i suoi alleati.

Scenario possibile


C'è un'alta densità urbana, un gran numero di gallerie sotterranee e molti siti fortificati dei militanti Jahdisti occupanti nella parte occidentale della Ghouta orientale. D'altra parte, la parte orientale della sacca è per lo più terreno agricolo.

Molto probabilmente, l'SAA e i suoi alleati tenteranno di isolare l'area urbana da Jobar a Duma. Se le forze governative vorrano farlo, dovranno catturare le terre agricole controllate da Jash al-Islam.

Tuttavia, ciò non esclude possibili attacchi sul fronte occidentale, specialmente se i militanti Jahdisti inviano rinforzi nella parte orientale della sacca. L'SAA potrebbe sfruttare a proprio vantaggio in termini di forza lavoro e potenza di fuoco per aprire un nuovo fronte contro i militanti jahdisti e utilizzare la loro mancanza di coordinamento.

Secondo i rapporti, le forze governative cercheranno di dividere l'area detenuta dai militanti in poche parti separate e di forzare gruppi locali di militanti a riconciliarsi con il governo uno per uno. Una strategia simile è stata utilizzata durante la battaglia di Qaboun nel 2017


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!