mercoledì 21 marzo 2018

La trappola di Alcibiade: la stupidità dell'arroganza angloamericana

Gerry Rose
larouchepub.com
sa defenza Telegram

US Navy / Zach Allan
Graham Allison

Destinati alla guerra: L'America e la Cina possono sfuggire alla trappola di Tucidide? di Graham T. Allison, con un'introduzione di Henry Kissinger.

La tesi "Trappola di Tucidide" è diventata un modo molto influente di considerare un approccio per evitare la guerra con la Cina. L'espressione "Trappola di Tucidide" è stata coniata da Graham Allison e il libro in questione è quello che ha reso famosa questa frase. Allison vuole dimostrare che la guerra è quasi sempre il risultato inevitabile quando una potenza in ascesa raggiunge un punto di forza economica e militare tale da sfidare l'egemonia del potere dominante esistente. Allison ha coniato il termine "Trappola di Tucidide" basato sulla Storia della Guerra del Peloponneso di Tucidide , che descrive il conflitto decennale tra Atene e Sparta.

La base del libro era un progetto gestito dal Belfer Centre di Harvard, che ha esaminato sedici casi a partire dal 1500 in cui una potenza nascente eclissava un potere trincerato. In dodici casi questo ha portato alla guerra, e in quattro casi no. Il mentore di Allison, come ha discusso in un seminario di Harvard al rilascio del suo libro, è Henry Kissinger. Quindi, la tesi sulla Trappola di Tucidide, come dottrina strategica, ha l'autorità sia di Kissinger che dell'Università di Harvard.

La prima volta che mi sono imbattuto in questa tesi era contenuta in un rapporto del generale Martin Dempsey, allora presidente del Joint Chiefs of Staff, che lo ha preso a riferimento ad un evento di Carnegie Endowment. Dempsey stava avvertendo il presidente Obama di non provocare una guerra con la Cina semplicemente per mantenere il dominio americano in Asia. Il Generale Dempsey ha esposto così: La Trappola di Tucidide "è andata così: era la paura ateniese di una Sparta in crescita che rendeva la guerra inevitabile. Bene, penso che uno dei miei compiti come presidente dei Joint Chiefs e come consigliere dei nostri alti dirigenti sia di aiutare ad evitare la trappola di Tucidide. Non vogliamo aver paura di una Cina emergente e rendere la guerra inevitabile. Quindi,  eviteremo la trappola di Tucidide. " Questa è una visione molto sana della guerra con la Cina.

Questo aveva senso per me. Il Generale Dempsey stava avvertendo l'amministrazione Obama che, nonostante la realtà che la Cina fosse in crescita, la guerra era qualcosa da evitare. Data la follia narcisistica di Obama, è una benvenuta voce della ragione in un'amministrazione altrimenti pazza.


In senso orario da sinistra in alto: il generale Martin Dempsey, ex presidente del Joint Chiefs of Staff; Gen. David Petraeus; Ten. Gen. HR McMaster; Segretario alla Difesa James Mattis

La tesi di la Trappola di Tucidide è anche il termine di riferimento per l'elusione bellica sia per l'attuale consigliere per la sicurezza nazionale, HR McMaster, sia per il segretario alla Difesa James Mattis e persino Steve Bannon. Allison inizia il suo libro con un aneddoto che fa riferimento a un incontro nell'ufficio dell'allora capo della CIA, David Petraeus, dove ha informato Petraeus sulle intuizioni che aveva acquistato in Cina con le sue interviste a Lee Kuan Yew, il primo ministro di Singapore per tre decenni. Lee era uno dei consiglieri più venerati dell'Asia sia da Deng Xiaoping che da Xi Jinping, ed è chiaro che sia Kissinger che Allison sono ben informati sulla diplomazia della regione.

Molti hanno accettato la legittimità dell'analisi delle Trappole di Tucidide. Persino il Global Times cinese è intervenuto, affermando che la Trappola di Tucidide ci avverte che esiste un vero pericolo di guerra e che le relazioni con la Cina e l'America devono essere gestite con saggezza. D'altra parte, il presidente cinese Xi è stato molto più perspicace, affermando che "Non esiste una cosa come la Trappola di Tucidide", ma solo un ambiente in cui "le grandi nazioni ripetutamente commettono errori di calcolo errato e creano una tale trappola per se stessi. "Il presidente Xi si riferiva esplicitamente all'attuale Belt and Road Initiative, dove le principali nazioni, inclusi gli Stati Uniti, stavano facendo un" errore di calcolo strategico ".

Lasciatemi essere chiaro. C'è un difetto epistemologico molto profondo nella tesi e nel metodo di Allison e Kissinger. In realtà, è questo difetto devastante che mi ha provocato a scrivere questa recensione. Salta a chiunque abbia familiarità con il 19° secolo il periodo dell'ascesa dell'influenza americana. Riducendo ogni istanza di guerra a un caso individuale, in isolamento dai profondi cambiamenti sistemici causati dalle scoperte economiche anti-imperiali di Alexander Hamilton, ciò che rimane è un argomento sfacciatamente fraudolento che manca completamente il punto. Questo evidente errore assiomatico non può essere il risultato di pura incompetenza. È un male di un certo tipo sofisticato. Come Herr Kissinger è ben consapevole, tutte le guerre del XIX e del XX secolo furono causate dalla reazione britannica all'influenza globale e alla diffusione dei metodi economici hamiltoniani in tutto il mondo. Perdere questo, o ometterlo deliberatamente, significa perdere tutto ciò che è importante.

Questo tipo di difetto non è nuovo nella storia della scienza. Uno studio innovativo, condotto da un gruppo di ricerca scientifica sotto la direzione di Lyndon LaRouche, sul lavoro di Johannes Keplero, ottiene lo stesso principio in modo chiaro e devastante. Nel lavoro del gruppo sulla svolta fondamentale di Keplero sulla Gravitazione Universale, c'è un racconto molto sbalorditivo di come tutti gli altri sistemi - di Tolomeo, Copernico e Brahe - descrivevano semplicemente , in un modo o nell'altro, tale aspetto delle orbite dei diversi pianeti. Tolomeo, ad esempio, usava l'epiciclo per spiegare le orbite e le loro relazioni con la Terra. Tutti e tre, ciascuno con i loro diversi schemi, usando lo stesso tipo di dati, erano solo in grado di descrivere l'aspetto. Fu lasciato a Keplero per investigare sulla causalità.

È lo stesso con la Trappola di Tucidide. Sì, in effetti, c'erano sedici casi tratti da esempi più moderni, in cui una potenza nascente eclissa un potere trincerato. Tuttavia, come questo articolo spiegherà, le cause alla base della guerra sono su un livello molto più profondo. In realtà è ciò che potrebbe essere descritto come la "Trappola di Alcibiade", non la Trappola di Tucidide.


Xinhua Studenti universitari in una fiera del lavoro a Hangzhou, in Cina.

Fin qui tutto bene

Un paio di dettagli saltano fuori mentre leggi il libro di Allison. Prima di tutto c'è una descrizione accurata, all'inizio del libro, di ciò che la Cina ha raggiunto. In diverse tabelle del capitolo, "Il più grande giocatore nella storia del mondo", il libro fa parecchie sorprendenti raffronti tra la Cina negli anni '80 e la Cina nel 2014. Confronta anche queste differenze in Cina con gli Stati Uniti.
• Nel 1980 il PIL della Cina era del 7% del PIL degli Stati Uniti; nel 2014 era del 61%.
• Nel 1980 le importazioni cinesi erano dell'8% degli Stati Uniti; entro il 2014, sono saliti al 73%. 
• Nel 1980 le esportazioni cinesi erano dell'8% degli Stati Uniti; entro il 2014, sono saliti al 141%. 
• Nel 1980 le riserve estere della Cina erano il 16% degli Stati Uniti; nel 2014 erano un incredibile 3,140%.
Mentre il confronto è sorprendente, Allison sottolinea ulteriormente che, in termini di produzione totale, la Cina è già il più grande produttore al mondo di navi, acciaio, alluminio, abbigliamento, mobili, tessuti, telefoni cellulari e computer.

In un altro grafico, proiettando nel futuro, diventa ancora più interessante. Confrontando il PIL e il PIL degli Stati Uniti:
• Nel 2004 la Cina ha avuto un PIL di 5.709 miliardi di dollari; gli USA avevano $ 12,275 miliardi. 
• Nel 2014 la Cina ha avuto un PIL di $ 18.220 miliardi; gli USA avevano $ 17.393 miliardi. 
• Entro il 2024 si prevede che la Cina abbia un PIL di $ 35,596 miliardi; gli USA $ 25,093 miliardi.
Il libro prosegue nel dettaglio che la Cina si laureerà con 1,3 milioni di studenti in scienze e matematica, rispetto agli Stati Uniti che si laureano 300.000. La Cina ha il più grande budget di R & S al mondo. La Cina ha già il computer più veloce al mondo, insieme al più grande radiotelescopio.

Il libro cita da molti leader occidentali come l'ex Primo Ministro Rudd dell'Australia, e altri, e afferma che è solo un pio desiderio che questo miracolo si placherà. Se non altro, entro il 2050 l'economia cinese sarà quattro volte quella degli Stati Uniti.

Con le prove del miracolo economico cinese fornito da Allison, la domanda ovvia dovrebbe essere: "Che cosa ha fatto bene la Cina, e cosa stiamo sbagliando?" Tuttavia, tale argomento è verboten per Allison e Kissinger.

Kissinger e Allison si sbagliano!

Dopo aver presentato le prove del miracolo economico cinese, Allison cerca di fare un'analogia con la guerra del Peloponneso di Tucidide , ed è qui che fa un errore assiomatico fondamentale . Sì, Tucidide dice fin dall'inizio della sua storia che la causa della guerra tra Atene e Sparta fu, in effetti, l'eclissi di Atene di Sparta, che allora era la potenza dominante in Grecia. Questo fatto fu discusso esplicitamente dai Corinzi, l'ex alleato di Sparta. Sostenevano che prima o poi ci sarebbe stata una guerra e che gli Spartani sarebbero stati in una posizione peggiore se non avessero dichiarato la guerra in quel preciso momento.


Kai Mörk Dr. Henry A. Kissinger

Eppure Allison, come sarebbe il caso per qualsiasi studente di Kissinger, manca completamente che questa cosiddetta "Trappola", come descritto da Tucidide, si applica solo quando due poteri oligarchici si scontrano su chi sarà egemonico. L'attuale leadership della Cina ha sottolineato, ripetutamente, che in nessun caso vogliono essere egemonici e sostituire un egemone con un altro. La lotta per l'egemonia è radicata nel sistema stesso oligarchico stesso, e la guerra descritta da Tucidide rientra in quella matrice oligarchica.

La chiave del trattamento di Tucidide per la guerra del Peloponneso è una sezione tratta da quel lavoro chiamato il Dialogo Meliano. Allison cita addirittura il messaggio critico consegnato dall'ambasciatore ateniese ai meliani: "Noi [gli Ateniesi] non vi disturberemo con pretese pretestuose. . . . Sai bene come lo facciamo bene è una domanda che ha solo un significato nelle relazioni tra eguali al potere. Nel mondo reale i forti fanno ciò che vogliono e i deboli devono soffrire quello che devono. " Questa è la prospettiva oligarchica, basata sulla pura potenza. Ciò che Allison trascura di sottolineare è che i meliani combatterono eroicamente e, come punizione per i combattimenti, gli Ateniesi uccisero ogni maschio a Melos. Questo massacro fu immortalato da Euripide, il triade ateniese che odiava la guerra, nel suo dramma Ecuba,dove descrive in dettaglio lo stesso tipo di massacro dei Troiani da parte dei greci, come è stato mostrato nel massacro dei Meliani. Il punto da farsi è che l'Atene imperiale era diventata un abominevole e immorale abominio.

L'immoralità che ha sopraffatto Atene era identica alla malattia morale che dominava Sparta. Questo è definito appunto da Friedrich Schiller, nelle sue intuizioni su Sparta nel suo saggio The Legislation of Lycurgus and Solon . Sfortunatamente, sia Kissinger che Allison si sono guadagnati da vivere evitando così profonde intuizioni. Lo scarabocchiare di Kissinger sul Congresso di Vienna, Un mondo restaurato , afferma che la moralità non ha spazio in politica. In questo, è al massimo Kantian. Ammette che può esserci qualcosa come la moralità, ma è inconoscibile in ogni modo sufficiente per agire su di esso. Come mortali deboli, possiamo agire solo per negare l'eteronomia, cioè la "negazione della negazione". Potrebbero esserci verità universali e potremmo conoscerle come sentimenti, ma sono inconoscibili in qualsiasi modo scientifico. Il terribile risultato di una tale mentalità è che - per Kissinger e Allison - l'idea che esista un nuovo paradigma emergente, che oltrepassi la geopolitica e funzioni su un orientamento completamente diverso verso il futuro dell'umanità, è inconcepibile. Per loro, solo una sorta di "guerra fredda" è possibile. Solo la gestione dei conflitti tra nuovi poteri che eclissa poteri radicati è possibile. La filosofia di Win-Win di Xi Jinping, per loro, è un costrutto inconoscibile. Questa è la base per lo "Strategical Calcalculation" a cui il Presidente Xi si riferisce.

La trappola di Alcibiade: la verità più profonda

Non abbiamo una visione più ampia della guerra del Peloponneso nel dialogo platonico Alcibiade . Potrebbe sconvolgerti sapere che i due uomini che fondarono la civiltà occidentale, Socrate e Platone, furono violenti avversari della guerra del Peloponneso. In un certo senso, il disastro che colpì Atene in seguito alla devastante sconfitta di Atene in quella guerra, ispirò Platone a ispirare gli Ateniesi, forse nel modo più profondo della storia, a ripensare le basi del governo. Platone scrisse molti dei suoi dialoghi attaccando il sofisma che aveva condotto la Democrazia ateniese alla guerra. Inoltre, nel dialogo di Alcibiade e nella Repubblica, definisce il carattere morale necessario per la leadership. È la comprensione più profonda dell'intuizione di Platone che ci fornisce la chiave per evitare la Trappola di Tucidide oggi.


H. Vogel "Distruzione dell'esercito ateniese in Sicilia".

Era noto che Socrate, Euripide e Platone si opponevano alla guerra del Peloponneso. Euripide fu quasi ucciso dalla democrazia ateniese per aver prodotto i suoi drammi Ecuba e Ifigenia ad Aulide . In Ifigenia ad Aulide, Euripide dimostra l'orrore assoluto del sacrificio umano che i greci dovevano commettere per mollificare gli dei dell'Olimpo e lanciare la Guerra di Troia. In Ecuba descrive in dettaglio l'incredibile disumanità di ciò che è stato fatto dai greci a Troia sulla scia della sconfitta di quella città. Fu chiaramente compreso dagli Ateniesi di quel tempo che queste non erano semplici curiosità storiche, ma polemiche contro la guerra attuale e, esplicitamente, contro l'orrore commesso contro Melos. Si è persino detto che Socrate aveva scritto alcune sezioni delle opere di Euripide.

Vi è uno sfondo fondamentale per il dialogo Alcibiade . L'avventura più disastrosa di tutta la guerra era conosciuta come la spedizione siciliana, lanciata da Alcibiade. Ogni ateniese leggendo  il dialogo di Alcibiade lo saprebbe. Il dialogo è stato scritto più di un decennio dopo la fine della guerra. Fu la spedizione siciliana che fu l'inizio della fine che portò alla totale rovina Atene. Alcibiade sostenne con forza l'invasione della Sicilia, che fece vacillare la 'Democrazia ateniese' votare per invadere la Sicilia sotto l'apparenza di trattati con alleati su quel territorio. La spedizione fu un tentativo sottilmente velato di aumentare l'impero ateniese nel bel mezzo della guerra con Sparta. È nella natura dell'impero che Atene dovrebbe ingrandirsi, stupire altri imperi come Sparta e Persia. Questa era l'esplicita argomentazione di Alcibiade. Sparta e Persia non si sarebbero mai aspettati una tale audacia, e l'invasione avrebbe guadagnato il loro rispetto. Se realizzati e riusciti, tutti gli stati greci si unirebbero ad Atene.

Alla fine, la spedizione fu un fallimento totale, nel quale furono massacrati circa 20.000 o più Ateniesi e i loro alleati (una quantità enorme per quel tempo) e la maggior parte della loro flotta fu distrutta. I comandanti ateniesi furono messi a ferro e i 7.000 soldati rimasti vivi furono venduti in schiavitù. Nessun ateniese potrebbe non sapere a cosa si riferiva Platone nel dialogo di Alcibiade.

Platone imposta il dialogo prima del disastro e lo imposta proprio mentre Alcibiade sta per entrare per la prima volta nell'arena, per influenzare la democrazia ateniese alla sua volontà e per assumere la guida di Atene. Comincia con Socrate che dice ad Alcibiade che ha continuato a vegliare su di lui, e gli Dei gli hanno chiesto di rompere il suo silenzio e parlare. Alcibiade era della famiglia più nobile e fu addestrato da Pericle, il portavoce originale per la guerra del Peloponneso.

Il dialogo parte dall'ovvia ironia, in cui Socrate dimostra ad Alcibiade che non ha idea di cosa sia la giustizia. Attraverso una serie di domande sulla conoscenza e sulla conoscenza, Socrate mostra Alcibiade che le sue opinioni sono basate solo sull'opinione. Eppure l'opinione sulla giustizia, che Socrate estrae da Alcibiade, è diversa dalla sterzata di una barca o dalla riparazione di una scarpa. Non ha la certezza che ciò che crede sia vero. Infatti, come dimostra Socrate, nulla è più in discussione della natura della giustizia. Nel guidare una barca, sai se l'uomo al timone è competente o meno. In medicina, conosci lo stesso. Esiste un certo tipo di conoscenza che è comunicabile con risultati conoscibili. Quindi, come potrebbe un giovane di 20 anni progettare di guidare Atene nella costruzione della guerra e della pace? Socrate attinge da Alcibiade che l'argomento stesso della guerra e della pace risiede nell'idea di giustizia, di cui non ha conoscenza. Ha solo un'opinione.
Socrate: Non credo che tu abbia mai visto o sentito parlare di uomini che litigano per i principi di salute e malattia a tal punto da andare in guerra e uccidersi a vicenda per il bene di loro.
Alcibiade: No davvero.
Socrate: Ma i litigi sulla giustizia e l'ingiustizia, anche se non li hai mai visti, hai sicuramente sentito parlare di molte persone, tra cui Homer; perché hai sentito parlare dell'Iliade e dell'Odissea?
Alcibiade: certo, Socrate.
Socrate: una differenza di giusto ed ingiusto è l'argomento di quelle poesie.
Alcibiade: vero.
Socrate: Quale differenza causò tutte le guerre e le morti dei Troiani e degli Achei e la morte dei corteggiatori di Penelope nella loro lite con Ulisse.
Alcibiade: molto vero.
Socrate: . . . Ma si può dire che capiscano quello su cui stanno litigando fino alla morte?
Alcibiade: chiaramente no.
Socrate: Eppure chi permetti così di essere ignorante sono gli insegnanti a cui stai facendo appello.
Il dialogo si sposta sul tema reale in cui Socrate dimostra una diversa specie di conoscenza.
Socrate: lasciatemi fare un'affermazione che, credo, sarà universalmente ammessa .
Alcibiade: che cos'è?
Socrate: che un uomo è una delle tre cose.
Alcibiade: cosa sono?
Socrate: anima, corpo o entrambi insieme formano un tutto .
Alcibiade: Certamente.
Socrate: . . . Ma poiché né il corpo, né l'unione dei due, è l'uomo, o l'uomo non ha esistenza reale, o l'anima è l'uomo?
Alcibiade: proprio così.
Socrate: . . . .. Ed è quello che stavo dicendo prima-che io, Socrate, non sto discutendo o parlando con il volto di Alcibiade, ma il vero Alcibiade; o in altre parole, con la sua anima.
Socrate continua a dimostrare che l'anima governa il corpo.
Socrate: Ma chi adora i suoi soldi, non ha cura né di sé né delle sue cose, ma si trova in una fase ancora più lontana da se stesso?
Socrate:. . . La ragione era che ti amavo per il tuo bene, mentre gli altri uomini amano ciò che ti appartiene; e la tua bellezza, che non sei tu, sta svanendo, proprio come il tuo vero sé sta iniziando a fiorire. E non ti abbandonerò mai, se non sei rovinato e deformato dal popolo ateniese; per il pericolo che temo di più è che diventerai un amante del popolo e sarai rovinato da loro. Molti nobili ateniesi sono stati rovinati in questo modo.
. . .
Socrate:. . . Non abbiamo fatto un anticipo? Per quanto siamo tollerabilmente tollerati su ciò che siamo (l'anima) e non c'è più alcun pericolo, come temevamo una volta, che potremmo stare attenti non a noi stessi, ma a qualcosa che non è noi stessi.
Alcibiade: è vero.
Più avanti nel dialogo, Socrate sottolinea: "Ma se non abbiamo conoscenza di sé e saggezza, possiamo mai conoscere il nostro bene e il nostro male?"

Socrate prosegue mettendo in chiaro che, senza conoscere te stesso, vale a dire, “La tua anima,” è impossibile sapere ciò che appartiene a tee cosa no Inoltre, se non sai cosa ti appartiene, non puoi sapere cosa appartiene agli altri. "E se non conosce gli affari degli altri, non conoscerà gli affari di Stato? E un tale uomo non può mai essere uno statista? "Socrate continua a dimostrare che senza auto-saggezza e conoscenza c'è miseria, a causa dell'incapacità di risolvere i problemi, e questo porta gli Stati a commettere errori terribili. Poi dice ad Alcibiade: "Non devi quindi ottenere potere o autorità, per permetterti di fare ciò che desideri per te stesso e per lo stato, ma giustizia e saggezza." Infine con grande ironia il dialogo termina dopo che Socrate dettaglia la natura di libertà, che si basa solo sulla virtù e sulla schiavitù, che è il vizio e la rovina.
Socrate: E ora sei consapevole del tuo stato? . . E sai come scappare da uno stato che non mi piace nemmeno nominare. . . con l'aiuto di Dio . .
Alcibiade: strano ma vero; e da quel momento in poi comincerò a pensare alla giustizia.
Socrate si conclude con un'incredibile ironia:
E spero che persisterai; anche se ho paura, non perché dubiti di te; ma vedo il potere dello stato, che potrebbe essere troppo per entrambi.
Quindi è la corruzione del Demos (il Popolo) che sarà la fine di Alcibiade.


Pietro Testa L'Alcibiade ubriaco interrompe il Simposio.

La moralità è conoscibile?

Poiché l'essenza della politica di guerra e pace è la questione della giustizia, e solo l'anima è capace di conoscere la giustizia, allora la vera domanda che si pone è: esiste uno standard scientifico con cui poter giudicare tali domande?

La Trappola di Alcibiade esclude completamente tali domande, portando così alla visione kantiana, che è quella di sforzarsi di evitare conseguenze negative negando il nostro fondamentale istinto bestiale di dominare l'un l'altro. In Perpetual Peace di Immanuel Kant , sostiene che solo lo stato di diritto ci proibisce dai nostri istinti altrimenti bestiali. "Lo stato di pace tra gli uomini che vivono fianco a fianco non è lo stato naturale; lo stato naturale è uno di guerra. "Questa è la mentalità di Kissinger e del suo epigone, la nozione imperiale della geopolitica britannica. L'imperialismo sostiene che l'Idea, che è il preambolo della nostra Dichiarazione di Indipendenza, di "Vita, Libertà e Inseguimento della Felicità", è forse un ideale ideale, ma in ultima analisi chimerica e inconoscibile. I geopolitici hanno inserito nella stessa categoria il concetto di "Benessere generale" nella Costituzione degli Stati Uniti: tutto ciò che siamo in grado di fare ci impedisce di ucciderci a vicenda. Quindi il principio di Win-Win , o come Xi Jinping lo elabora come un "Destino comune condiviso" per l'umanità, è in realtà solo verbosità secondo quella prospettiva kantiana.

Il vero Kissinger e Allison

Nel suo strano capitolo sullo "Scontro di civiltà", citando il "genio" di Samuel Huntington, uno degli uomini più malvagi del pianeta, Allison non solo lascia uscire il gatto geopolitico; gli dà libero sfogo Difende la tesi di Huntington che, nell'attuale era, le nuove cause per le guerre sono scontri di culture. C'è una strana caratterizzazione della civiltà confuciana e una visione ancora più strana della civiltà occidentale, entrambe completamente fraudolente. Sottolinea punti minori di differenza tra la civiltà confuciana e la civiltà occidentale, per poi concludere con la grottesca affermazione che le cause di una guerra di annientamento tra la Cina e l'Occidente si trovano in queste differenze.

Come Helga Zepp-LaRouche ha sviluppato nella sua discussione su Schiller e Confucio, sono, infatti, le caratteristiche universali che definiscono gli esseri umani come umani, che in realtà sono la base per sfuggire alla Trappola di Tucidide.

Tuttavia, alla fine, Allison ritorna al suo tema fondamentale e insiste sul fatto che il vero scontro sarà l'incapacità del potere trincerato di acconsentire a un potere ascendente, a corto di guerra. Per qualcuno come Kissinger, il vero punto, che è il punto che l'ambasciatore ateniese ha fatto ai meliani, è: "Giusto è una domanda che ha solo un significato per uguali". Come ha affermato Kissinger anni fa, nel suo memoriale NSSM 200, il "Equilibrio di potere" ha significato solo per coloro che hanno potere. Per coloro che non hanno potere: ridurre la popolazione . Questo è il lato oscuro della Trappola di Tucididi di Allison.


US Airforce Cofani di soldati statunitensi restituiti negli Stati Uniti.

Incompetenza stupefacente o frode volontaria?

Del tutto mancante dall'analisi di Allison c'è qualche riconoscimento o discussione sulla geopolitica imperiale britannica. Ogni guerra del XIX secolo e del XX secolo era il risultato dell'impegno geopolitico britannico di mantenere il dominio su tutte le potenze emergenti, a cominciare dalla guerra russo-giapponese, manipolata dall'Inghilterra contro la Russia, il suo apparente rivale geopolitico. Mentre il libro di Allison documenta lo straordinario decollo economico di Giappone, Germania e Stati Uniti, non una volta è stata posta la domanda: perché questo straordinario decollo? Allison afferma semplicemente questo fatto, ma non fa studi sul perché questo fatto sia un dato di fatto.

Allo stesso modo non c'è motivo per Kissinger e Allison di lamentarsi che l'America sarà eclissata dalla Cina. L'idea di Harvard che ciò che rese grande l'America fosse la "democrazia liberale" - e non il sistema di produzione del credito pubblico hamiltoniano - è incompetente oltre ogni immaginazione. Eppure né Kissinger Graham menzionano il sistema americano neppure una volta nella loro elaborazione delle guerre dell'Ottocento e del Novecento - il periodo stesso che costituisce la sostanza dello "Studio Tucididi" di Harvard. È noto che la causa del eclissato dal Giappone di tutte le potenze asiatiche, fu il Meiji Restoration, un evento che portò i metodi economici repubblicani americani in Giappone. Allo stesso modo, la Germania di Bismarck iniziò a eclissare la Gran Bretagna dopo aver adottato il sistema americano. Serve dire che negli Stati Uniti abbiamo usato il nostro sistema per eclissare la Gran Bretagna? Quindi, il Giappone

Allison e Kissinger, nel loro recital accademico pieno di fatti, occupano solo il potere. Non fanno distinzioni tra un sistema che porta progresso alla sua gente e uno che porta guerre e disastri alla sua gente. Il potere è potere Non puoi conoscere la Verità e, di conseguenza, anche la Giustizia è inconoscibile. L'unica domanda per Kissinger e Allison è: come puoi mantenere il conflitto al di sotto del livello di guerra? Non ci sono principi universali da studiare. Non è possibile esprimere un giudizio morale tra sistemi diversi. Solo la gestione di conflitti insaziabili, a lungo termine, rappresenta per loro la vera domanda.

Il fattore LaRouche: un nuovo paradigma: sfuggire alla trappola di Tucidide

La più grande rivoluzione scientifica del ventesimo secolo, senza dubbio, fu realizzata da Lyndon LaRouche. Henry Kissinger ha odiato LaRouche per più di quarant'anni, proprio perché LaRouche ha insistito sul fatto che la moralità o la verità, che è un altro modo di dire il Bene, può essere definita da uno standard scientifico. Attraverso il suo lavoro sull'economia fisica, LaRouche ha cancellato l'idea che il Bene sia inconoscibile.

In quella che può essere descritta solo come una delle più incredibili previsioni che Lyndon LaRouche abbia mai fatto, in un capitolo del libro, "Il dialogo delle civiltà euroasiatici", (in Cinquant'anni successivi alla Terra), elabora i principi scientifici grazie ai quali l'umanità può risolvere con successo quello che sembra essere un insieme di problemi che minacciano di distruggere l'umanità nel suo complesso.

LaRouche si pone al centro del problema, con la scienza del bene. È identificato da un Dialogo di civiltà, basato sulla creatività, di per sé. Non regole o formule, ma la scoperta creativa dei principi dell'universo e delle culture che permettono all'umanità di farlo.

La tesi centrale del libro di LaRouche è che ci sono due precondizioni per un tale dialogo. Uno è che questo dialogo può essere avuto solo da Stati nazionali sovrani. Il ritorno a un tale sistema rompe la presa del sistema anglo-olandese sul sistema economico mondiale. LaRouche lo ha previsto nel 2004, nove anni prima dell'annuncio della Belt and Road Initiative. La Cina, nell'introduzione di Belt and Road, ha gettato le basi per un ritorno agli Stati nazionali sovrani che negoziano il loro futuro senza quel veto imperiale anglo-americano. Ciò è più chiaramente visto oggi nel ritorno della sovranità in Africa.

La seconda precondizione di LaRouche per una discussione così seria del Dialogo delle civiltà è che deve concentrarsi sull'idea di economia fisica. Le scoperte di LaRouche nell'economia fisica sono definite sinteticamente dal concetto di Noösphere, che è stato sviluppato da Vladimir Vernadsky. L'economia reale riguarda l'espansione del potere conoscitivo dell'umanità nell'universo; non è ridotto al denaro o alla contabilità. È definito dal rapporto di scoperta creativa dell'umanità con la biosfera. È questa scoperta creativa che definisce l'umanità come una specie unica. Questo concetto costituisce l'unica vera base per un valido Dialogo di civiltà. L'umanità è la più potente "forza geologica" del pianeta. L'umanità, come specie, aumenta il tasso di energia libera per la biosfera nel suo complesso. Questo impatto, identificato da LaRouche, è misurato dall'aumento del tasso di aumento della "densità della popolazione potenziale relativa".

In questo capitolo, LaRouche sviluppa in profondità sia la natura della creatività in sé sia le azioni concrete da intraprendere per garantire il futuro dell'umanità nel suo complesso. Nella sezione "Un sistema a tasso fisso di cambio", LaRouche sottolinea chiaramente il punto:
Dobbiamo porre fine all'illusione che le questioni relative a quella che viene chiamata "cultura" potrebbero essere separate in modo competente dalla questione dell'economia, o che i principi di economia potrebbero essere ottenuti in modo competente da qualsiasi cosa sia stata scelta come un insieme di valori culturali ecumenici. . ..
La questione della cultura è la questione della verità, in quanto il metodo dialettico platonico fornisce uno standard formale di verità: non la "verità assoluta" di particolari idee del momento, ma la verità della libertà dagli effetti del disprezzo incurante per quelle nozioni di la veridicità che meglio si identifica con quella concezione che ho etichettato in questo rapporto come "la parola vivente". Con "veridicità", dovremmo intendere dire "Una qualità di ciò che è attualmente conoscibile". Anche se ciò che viene discusso sono formalmente corretto, senza uno standard di veridicità, non c'è verità in ciò che si crede e, di conseguenza, la società può liberamente passare da una catastrofe di incertezza simile a quella di Sofisti a un'altra. Così, l'idea della veridicità nella definizione delle politiche dipende dal coinvolgere le popolazioni di ciascuna cultura nel tipo di processo che ho qui delineato sommariamente. Mettiamo insieme le culture, evocando un'esperienza comune di parole viventi, in modo specifico appropriato allo sfondo di un'esperienza condivisa, o almeno condivisibile.

L'oggetto non deve quindi essere un compromesso tra opinioni diverse, ma una ricerca delle verità superiori...

Questi brevi paragrafi ti danno un'idea del livello di specificità con cui LaRouche affronta la questione della Verità come base per l'emergere del Nuovo Paradigma.

La trappola Alcibiade è definita in questi nuovi termini di riferimento. Non c'è davvero una trappola di Tucidide. È una costruzione vuota, un modo di gestire lo status quo dal punto di vista dell'impero britannico. Mr. Kissinger, Mr. Allison: la Cina non si sottometterà mai. Il resto del mondo non si sottometterà mai. Dal momento che c'è un genio fondamentale sul pianeta ben noto da te dal 1971, non hai scuse per la tua nuova guerra fredda!

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!