domenica 25 marzo 2018

Turchia : Il Pericolo Di Un Nuovo Genocidio  Contro L'Ellenismo 
Sa Defenza 




ATENE, Grecia - Abbiamo ripetutamente scritto sul fatto che la Grecia non ricorra al Trattato di Losanna per richiedere il riconoscimento del genocidio subito dall'Ellenismo nell'Asia Minore, Tracia e Ponto, da un lato "giustificati" mentre su altri incoraggiarono i genocidi a continuare il loro devastante lavoro nei decenni a venire contro i greci della città (Istanbul), Imbros, Tenedos e Cipro.

È una mentalità che è parte integrante e indispensabile della memoria dello stato turco, che viene riprodotta indipendentemente dalle parti e dalle persone che esercitano il potere nel paese.

Negli ultimi giorni, l'abbiamo visto la piena applicazione in Afrin. Un'area che non solo non ha inviato un rifugiato in Grecia e in Europa durante questi sette anni di conflitto in Siria, ma è stato un rifugio e una roccaforte della democrazia a protezione dei diritti di bambini e donne.

La Turchia ha invaso con il permesso della Russia, equipaggiato e dato uno stipendio a 20.000 jihadisti, che hanno avuto in dono la cittadinanza turca, a condizione che cacciasero i curdi dalle loro case e si stabilissero lì insieme ad altre popolazioni sunnite, turche e arabe.

L'obiettivo è eliminare i kurdi residenti in Afrin. Questa è la definizione di genocidio.
Al fine di evitare di essere considerata una esagerazione quanto detto sopra, vi mostriamo elementi inquietanti sul coinvolgimento di un vicino collaboratore di Tayyip Erdogan nel genocidio di un uomo d'affari greco.

Il giornale Hurriyet fin dalla sua inaugurazione nel maggio del 1948 dal superficiale ebreo Sedad Simave fu la longa manus  del potere e dello stato profondo. Nel 1994, il gruppo Doğan, il cui proprietario è  di Argyroupolis della regione del Ponto e probabilmente di origine armena, ha acquisito il 70% del quotidiano storico e il quotidiano Milliyet.

Gradualmente, il gruppo Doğan acquisì altri giornali, radio e televisioni e divenne il più potente gruppo mediatico della Turchia, continuando ad essere la longa manus  dello stato profondo turco. Vi ricordo il ruolo di Hurriyet a Imia e l'annuncio del brutale omicidio di Solomos e Isaac. Il gruppo Doğan è stato il principale ostacolo alla creazione del regime autoritario di Erdogan. Ecco perché ha mandato il GPP turco a controllare  il gruppo editoriale di famiglia Doğan, imponendogli milioni di dollari di multe!

Così facendo, hanno preso in ostaggio il gruppo di Doğan, che nel 2011 è riuscito a prendere il controllo dei giornali Milliyet e Vatan venduti ad un uomo d'affari amico di Erdogan. Nel frattempo, aveva imprigionato dozzine di giornalisti della stampa di opposizione, e avendo pubblicizzato il giornale Sabah ammiraglia di Gunnell, Zaman, con un milione parte alle difficili elezioni del 2019, doveva finire con Hurriyet, la CNN Turca e l'altro media del gruppo Doğan.Quel che è accaduto nei giorni scorsi, è che  Erdogan  controlla l'80-85% dei media turchi.

Ma chi è l'amico di Erdogan che ha comprato nel segno dello stato profondo turco? Il suo nome è Erdogan Demiroman. Per quanto riguarda la sua relazione con il presidente turco, nelle intercettazioni telefoniche fatte presumibilmente dai gruppi di Gulen, svela che Tayyip Erdogan nel 2013 dice a Demiroman che non gli piace affatto la copertina di Milliyet, e il suo interlocutore gli risponde nel pianto che non accadrà più .

Ma non è solo questo pesante aspetto che è accaduto. Vale la pena guardare a chi è il nuovo oligarca dei media turchi e come ha fatto i suoi soldi. Erdogan Demiroman, nato a Bursa, secondo una denuncia che è stata indagata fino ad oggi, è divenuto il proprietario di Archimede (turco Arsimidis) solo dopo aver ucciso e bruciato il cadavere del proprietario nel 1978 a Halkali, Istanbul.

Cosa c'è di strano in questo? Il fatto è che il proprietario era un greco di Costantinopoli e, nonostante il coinvolgimento del MIT e dello Stato maggiore turco, la verità non è mai stata rivelata e non è mai stata fatta giustizia!

Di conseguenza, la società "Archimede", che si occupa del settore automobilistico e dei pezzi di ricambio, e di un'industria del laterizio, è caduta preda delle mani di Demiromeren dopo essere stato assassinato il suo proprietario, ha costituito la base di Demirören Holding, ed  ha acquisito il controllo dei più importanti giornali e stazioni televisive della Turchia. Dalla ricerca che abbiamo fatto ancora in corso, il proprietario di Archimede era un greco ed è stato deliberatamente assassinato dallo stato profondo turco per afferrare la proprietà con uno strumento che ora è la longa manus di Erdogan.

Questo paese è essenzialmente una banda di criminali di stato, come l'aveva definito Abdullah Okalan , è il debito dei greci, degli armeni, degli assiri e dei curdi, è quello di denunciarlo nella comunità internazionale e di creare un anello che costringerà la Turchia a riconoscere il genocidio che ha commesso. Se ciò non avviene, questa macchina continuerà a riprodurre genocidi, che sono ancora una volta alle porte di Cipro e delle isole dell'Egeo.

È ora di svegliarsi dal letargo imposto dai complici, i negazionisti del genocidio!

Tradotto dalla rivista Crash online .

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!