venerdì 27 aprile 2018

ATTENZIONE: L'ISIS minaccia l'Asia meridionale


Sajjad Shaukat  
Sa Defenza 











Con il sostegno di alcuni attori dello stato islamico, dopo che la coalizione a guida russa, con Iran, Iraq e Hezbollah con sede in Libano in Siria e Iraq, ha sconfitto il gruppo dello Stato islamico (noto anche come Daesh, ISIS e ISIL) , stanno rapidamente diffondendo i loro tentacoli in Asia meridionale.

Questo è dovuto anche alla doppia politica delle forze occidentali, di Israele e dell'India, guidate dagli Stati Uniti, che l'ISIS, che è un gruppo terroristico più pericoloso di Al-Qaeda, ha accelerato  attacchi terroristici negli Stati Uniti, Europa, Siria, Turchia, Egitto, Yemen, Iran, Iraq ecc. E alcuni paesi africani dove oltre ai musulmani, il gruppo ha preso di mira anche i cristiani. Ora i suoi tentacoli hanno raggiunto altre regioni dell'Asia, in particolare l'Asia meridionale. Quindi, l'emergenza della minaccia ISIS in Asia meridionale richiede attenzione.

In questo contesto, il Daily Mail Online riportava il 22 febbraio 2015: "La terrificante ascesa di ISIS ... i tentacoli arrivano dall'Algeria all'Afghanistan".
Secondo fonti online, "Il 26 gennaio 2015, Abu Muhammed al-Adnani, portavoce dell'ISIS, ha rilasciato un'intervista in cui dichiarava la costituzione di Wilayat Khorasan, una branca del gruppo che comprendeva Afghanistan, Pakistan e altre terre vicine. 
Da allora, Wilayat Khorasan ha perseguito una campagna di espansione e consolidamento nella regione, con la maggior parte delle sue attività concentrate nell'Afghanistan orientale e sud-orientale ". 
Alcune altre fonti online hanno rivelato che "le attività IS in Afghanistan sono conosciute come IS Khorastan Province (ISKP) o come Stato Islamico nella Provincia di Khorasan (ISKP)".

Queste fonti hanno rivelato che "il controllo del territorio di ISKP a Nangrahar ha raggiunto il suo picco nell'estate 2015 quando è diventato il gruppo di insorti dominante in otto dei 22 distretti della provincia ... Da allora, i talebani hanno combattuto per riprendere il territorio ... L'ISKP ha scavalcato fino al 2016 in tutti i restanti quartieri, cioè Achin, Kot e Nazyan nei distretti sud-orientali ... così come Deh Bala nel sud-ovest ... L'ISIL-KP ha mantenuto una presenza nella provincia meridionale di Nangarhar nonostante le crescenti operazioni militari effettuate dal Stati Uniti d'America e Forze nazionali di difesa e sicurezza afghane. SIL-KP ha continuato i suoi attacchi contro la popolazione civile e obiettivi militari locali e stranieri, fonti locali non verificate hanno affermato che i rinforzi e il reclutamento dell'ISIL-KP sono continuati ... IS Khorasan ha guadagnato la sua nuova forza stringendo alleanze con gruppi militanti settari pro-al-Qaeda o militanti talebani come Lashkar-e-Jhangvi al Alami (LeJ-A), Lashkar -e Islam (LeI), o fazioni talebane scontenti come Jundallah e Jamaat ul Ahrar (JuA), che sono attive nella regione da molti anni. È stato inoltre reclutato come agente del Movimento islamico dell'Uzbekistan (IMU). Il successo di questa strategia si manifesta nella distribuzione geografica dei recenti attacchi, che suggerisce una penetrazione e un'influenza logistica che si estende da Kabul e Jalalabad in Afghanistan a Quetta e Peshawar nel vicino Pakistan. " Lashkar-e Islam (LeI), o fazioni talebane scontente come Jundallah e Jamaat ul Ahrar (JuA), che sono attive nella regione da molti anni. È stato inoltre reclutato come agente del Movimento islamico dell'Uzbekistan (IMU). Il successo di questa strategia si manifesta nella distribuzione geografica dei recenti attacchi, che suggerisce una penetrazione e un'influenza logistica che si estende da Kabul e Jalalabad in Afghanistan a Quetta e Peshawar nel vicino Pakistan. " Lashkar-e Islam (LeI), o fazioni talebane scontenti come Jundallah e Jamaat ul Ahrar (JuA), che sono attive nella regione da molti anni. È stato inoltre reclutato come agente del Movimento islamico dell'Uzbekistan (IMU). Il successo di questa strategia si manifesta nella distribuzione geografica dei recenti attacchi, che suggerisce una penetrazione e un'influenza logistica che si estende da Kabul e Jalalabad in Afghanistan a Quetta e Peshawar nel vicino Pakistan. "

È significativo che i militanti abbiano attaccato il Holey Artisan Bakery (ristorante) nel distretto diplomatico di Dhaka, capitale del Bangladesh, il 2 luglio 2016 e ucciso almeno 20 ostaggi e due agenti di polizia. Comprendeva nove italiani, sette giapponesi e uno americano. L'ISIS rivendicò la responsabilità dell'attacco terroristico al ristorante. Gli alti funzionari del governo del Bangladesh hanno sostenuto l'esistenza di ISIS nel paese. L'ISIS ha anche accettato la responsabilità per una serie di attacchi passati in Bangladesh.

Riconoscendo i vari attacchi terroristici in Afghanistan e Pakistan da parte dell'ISIL, mentre i suoi terroristi sono entrati anche in Pakistan dall'Afghanistan, il Pakistan ha ripetutamente espresso preoccupazione per i crescenti disordini e violenze in Afghanistan, ribadendo il sostegno a un accordo basato sul dialogo la questione afgana. Islamabad sostiene un dialogo afghano, riconoscendo i talebani come un partito legittimo nel conflitto. Una posizione simile è stata adottata da Russia, Cina, Iran e persino dalle Repubbliche dell'Asia centrale.

Mentre, il Pakistan ha espresso preoccupazione per l'emergere di ISIS in Afghanistan da dove ha rapidamente diffuso la sua rete terroristica in altri paesi dell'Asia meridionale. La preoccupazione di Islamabad è condivisa anche da tutti i paesi della regione. Il temuto gruppo terroristico è stato progettato dagli Stati Uniti, dall'India e da alcuni paesi occidentali come contrappeso ai talebani. Pertanto, la storia di ISIS in Afghanistan è seguita attentamente dai paesi regionali. La Russia ha ripetutamente espresso preoccupazioni circa la possibilità di tacita approvazione degli Stati Uniti o la sua incapacità di controllare l'ISIS. Anche l'ex presidente afghano Hamid Karzai e pochi altri leader afghani hanno trasmesso queste apprensioni.

A questo proposito, l'8 ottobre 2017 è stata pubblicata una notizia da tutti i principali quotidiani pakistani in merito alla dichiarazione dell'ex presidente afghano dell'Afghanistan Karzai che, pur respingendo le critiche sui legami di Mosca con i talebani e facendo eco alle dichiarazioni russe di sostegno americano dei terroristi dell'ISIS, ha detto a Voice of America (VOC) che" gli Stati Uniti hanno legami con lo "stato islamico" terrorista, noto anche come Daesh ... Daesh è uno strumento degli Stati Uniti ... Dopo che [gli Stati Uniti] hanno sganciato la [madre di tutto] bomba sull'Afghanistan , non ha eliminato Daesh ... il gruppo terroristico ha ricevuto armi dalle forze degli Stati Uniti ... Gli elicotteri dell'esercito americano e le basi dell'esercito vengono utilizzati per fornire assistenza ai terroristi dell'ISIS ... Non mi distinguo affatto tra Daesh e l'America ... Rapporti di L'assistenza americana ai terroristi proviene da tutto il paese."(Include anche le rivelazioni di Karzai a VOC del 20 aprile 2017 e il report di Newsweek dello stesso giorno).

In particolare le agenzie segrete come la CIA americana , con sede in Afghanistan, la RAW indiana e il Mossad israeliano sono in collusione e stanno utilizzando l'ISIS per destabilizzare il Pakistan e l'Afghanistan come parte del doppio gioco dei loro paesi. India e Israele vogliono prolungare la permanenza delle truppe NATO guidate dagli Stati Uniti in Afghanistan, che è diventato il centro delle loro attività segrete contro Pakistan, Russia, Cina e Iran. Anche il presidente americano Trump sta facendo lo stesso in connivenza con New Delhi e Tel Aviv. Ora, il Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC) è un obiettivo speciale di queste agenzie di intelligence straniere.

È degno di nota il fatto che Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) e ISIS, con sede in Afghanistan  sostenuti da RAW, CIA e Mossad, abbiano rivendicato la responsabilità di numerosi attacchi terroristici in Pakistan e Afghanistan, compresi quelli recenti.

Mentre, il Pakistan ha ripetutamente sottolineato il coinvolgimento dell'ISIS nella violenza e nel terrorismo anti-Pakistan, e Islamabad ha anche condiviso informazioni credibili sulla presenza di ex militanti del TTP all'interno dell'Afghanistan, molti dei quali hanno cambiato posizione per aderire all'ISIS. Pertanto, Islamabad si aspetta che l'Afghanistan e le forze a guida statunitense (NATO) in Afghanistan controllino le attività e la proiezione delle attività dell'ISKP.

In particolare, l'ISIS ha sofferto pesantemente il confronto con i talebani afghani. I talebani hanno annullato con successo l'influenza di ISIS dalla maggior parte delle sue aree controllate e contestate. L'ISIS ha perso gran parte della sua leadership nei combattimenti  ed è stato praticamente schiacciato in alcune zone della provincia di Nangarhar. I talebani hanno avuto successo nel controllare l'estensione ideologica dell'ISKP proiettando il collegamento della brutale organizzazione con elementi extra regionali e quindi screditandoli agli occhi degli afgani comuni. La maggior parte degli afghani considera l'ISKP come una manifestazione di crudeltà e comportamenti inumani contro la cultura afgana e non assimila le idee di violenza del gruppo.

Nel frattempo, il Pakistan ha eliminato con successo i militanti di FATA e KhyberPakhtunkhwa   attraverso operazioni militari di successo Zarb-e-Azb e Radd-ul-Fasad. Ultimamente, il paese si sta concentrando sul miglioramento della gestione delle frontiere e del progetto di scherma per affrontare i movimenti transfrontalieri dei terroristi. Il Pakistan sta compiendo sforzi concertati per affrontare l'estremismo in tutte le sue forme. I passi recenti da parte del paese, incluso l'accordo nazionale sul "Paigham-e-Pakistan" (Messaggio del Pakistan) sono sforzi per affrontare la minaccia del terrorismo e dell'estremismo sul fronte ideologico.

Nello stesso contesto, nel recente passato, il capo dello stato maggiore dell'esercito pakistano Qamar Javed Bajwa alla Conferenza di sicurezza di Monaco ha esposto un educato richiamo alla comunità internazionale guidata dagli Stati Uniti, in particolare alle potenze occidentali dall'astenersi dal continuare a mantenere le loro pratiche passate nella regione.

Possiamo concludere che la realtà dell'ISKP è ben nota ai poteri regionali. Persone come l'ex presidente Hamid Karzai e paesi come la Russia sono stati abbastanza espliciti nell'esprimere le loro preoccupazioni su chi supporta l'ISKP? Per l'ISKP in Afghanistan, spetta alle forze della NATO a guida americana e al governo di unità nazionale afgano (NUG) che devono effettuare un controllo della realtà. Anche l'America, l'India e Israele dovrebbero smettere di fare il doppio gioco con Pakistan, Afghanistan, Iran, Cina e Russia per far fronte all'emergere della minaccia dell'ISIS in Asia meridionale.


Sajjad Shaukat scrive sugli affari internazionali ed è autore del libro:  US vs Islamic Militants, Invisible Balance of Power: Dangerous Shift in International Relations


Reazioni:
Categories:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!