martedì 17 aprile 2018

Lavrov alla BBC: La Russia non ha manomesso il sito del presunto attacco chimico a Douma 

RT
South Front 

Sa Defenza 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha respinto le affermazioni secondo cui gli esperti russi hanno manomesso le prove mentre visitavano il sito di un presunto attacco chimico nella Douma della Siria.


La "preoccupazione" che la Russia "potesse aver manomesso"  il sito del presunto attacco nel sobborgo di Damasco a Douma il 7 aprile è emersa nelle notizie dei media di lunedì 16 aprile, e citavano Kenneth Ward, ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW). Mentre i leader occidentali si sono affrettati a dare la colpa dell'incidente al governo siriano, una squadra di specialisti russi è riuscita a raggiungere il sito la scorsa settimana e non ha trovato tracce di sostanze chimiche o vittime apparenti di un attacco chimico. Ward ha accusato gli esperti russi di avere "l'intento di ostacolare gli sforzi della missione  dell'OPCW sui fatti e condurre un'indagine efficace".

Rispondendo a tali dure accuse in un'intervista alla BBC, il principale diplomatico russo ha sottolineato che "può garantire" che la Russia non ha manomesso il sito.

Alla domanda sulle prove che i leader occidentali hanno presentato al mondo, Lavrov ha sottolineato che non hanno presentato nessuna prova  - solo dei rapporti sulla questione.
"Ho citato i leader di Francia e [il] Regno Unito e gli Stati Uniti. E francamente, tutte le prove che hanno portato sono state basate su report dei media e dei social network ", ha detto il ministro.
Il presunto uso di armi chimiche non è stato confermato dall'ispettore chimico internazionale, l'OPCW. In particolare, una squadra speciale incaricata di indagare sulla questione era appena arrivata in Siria quando il trio di stati occidentali - Stati Uniti, Regno Unito e Francia - ha lanciato degli strikes contro gli obiettivi siriani. Mosca afferma che la mossa era in realtà finalizzata a ostacolare l'operazione dell'ispettorato OPCW.


REPORTER USA VISITA DOUMA, NON CI SONO PROVE DI ATTACCO CHIMICO (VIDEO)

South Front




Pearson Sharp, reporter di One America News Network, ha visitato la città siriana di Douma e ha scoperto che tutti i locali dove dicono ci sia stato il cosiddetto attacco chimico di Douma del 7 aprile è stato organizzato da militanti jihadisti.

Tali cose accadono quando qualcuno  ha delle vere fonti sul terreno o visita il sito degli eventi.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!