sabato 28 aprile 2018

LIBANO: UNA POLVERIERA, CHE AVVIERÀ UN CONFLITTO REGIONALE 

Peter Korzun 
strategic-culture.org
via south front
Sa Defenza 







Il 6 maggio, il Libano terrà le sue prime elezioni parlamentari dal 2009 per introdurre un sistema di rappresentanza proporzionale. Certo, è un paese piccolo, ma l'evento avrà un effetto molto significativo nel panorama politico e militare del Medio Oriente.

Ci sarà un cambio di potere? È difficile da prevedere, ma le elezioni saranno seguite da vicino da molti attori mediorientali, tra cui Israele, Arabia Saudita e Iran. L'Hezbollah filo-iraniano, anti-israeliano e anti-americano è una forza in crescita, sia militarmente che politicamente. Il gruppo ha una buona possibilità di vincere le elezioni, entrare nel parlamento [con buoni numeri], e trasformare l'equilibrio in suo favore, il che farebbe innervosire Israele e susciterebbe profonda preoccupazione tra gli oppositori a Teheran. L'UE si rende conto che se i rifugiati siriani lasciano il Libano a causa dell'instabilità causata dai risultati elettorali, la loro destinazione sarà il continente europeo.

Alcuni esperti ritengono che una guerra tra Israele e Hezbollah sia quasi inevitabile. È solo una questione di tempo. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ritiene che uno scontro diretto tra Israele e Hezbollah sarebbe uno scenario davvero da incubo . Il gruppo musulmano sciita ha circa 150.000 missili e razzi di varia gamma nel suo inventario e vanta una forza combattente di circa 50.000 soldati, contando anche i riservisti. Una forza armata di Hezbollah, nel sud della Siria , stimata in 10.000 persone, opera vicino al confine con Israele. Il Jerusalem Post scrive che secondo le stime degli esperti nel corso della prossima guerra potrebbero essere lanciati in Israele da 1.500 a 2.000 razzi al giorno, rispetto ai circa 130-180 che il paese ha subito  durante la Seconda Guerra con il Libano.

Nel dicembre 2017, il ministro israeliano dell'Intelligence Yisrael Katz ha minacciato di bombardare il Libano "di riportarla all'età della pietra" se il governo del paese non avesse impedito a Hezbollah di creare piattaforme missilistiche iraniane. Israele ha le sue ragioni di innescare un conflitto più ampio nella regione.

Nel frattempo, sta erigendo un muro al confine con il Libano. Beirut dice che diverse sezioni attraversano il suo territorio, costituendo un pericolo per la sovranità nazionale del Libano. 
A febbraio, le truppe statunitensi e israeliane hanno tenuto una esercitazione simulando una potenziale guerra con Hezbollah in Libano. A marzo, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno affinato le loro abilità in preparazione di battaglie su più fronti . Il 9 aprile, le Forze aeree israeliane hanno lanciato un attacco sulla base aerea T-4 vicino a Palmyra, nel centro della Siria, dove si trova personale militare iraniano. Gli iraniani hanno subito perdite e hanno promesso una risposta. È impossibile colpire Hezbollah in Siria senza colpire le forze iraniane, trasformando qualsiasi scontro tra Israele e Hezbollah in una guerra israelo-iraniana, che inevitabilmente attirerà altri attori, scatenando un conflitto molto più ampio.

La controversa disputa marittima sui giacimenti di gas naturale nel Mediterraneo ha accentuato notevolmente le tensioni, poiché i confini del "bacino levantino" spesso si incrociano sotto i confini contesi tra nazioni rivali. Le acque sotto contesa sono una zona triangolare del mare che misura circa 330 miglia quadrate. L'ultima cosa che Israele e gli altri paesi dell'asse anti-iraniano vogliono è che quei depositi di gas arricchiscano il Libano, con Hezbollah che otterrebbe una grande fetta di ricchezza.

Un potenziale conflitto tra Israele e Libano supportati dagli Stati Uniti senza dubbio si riverserebbe in Siria, dove Hezbollah è visto da Israele come una minaccia, provocando attacchi aerei che verrebbero portati di volta in volta per interrompere le comunicazioni ed avere i suoi beni . Le forze che si oppongono al governo siriano e all'Iran intensificheranno i loro sforzi per cambiare le sorti della guerra che stanno perdendo. È improbabile che eventuali attori rilevanti rimangano inattivi.

Il presidente degli Stati Uniti Trump ha  previsto  di "revocare lo status " l'accordo con l'Iran il mese prossimo. La scadenza è il 12 maggio. Questo contribuirà certamente ad alimentare la tensione. È difficile immaginare che le forze americane in campo in Siria osservino in disparte, se dovesse scatenarsi  un conflitto israelo-iraniano. Ci sono altri segni che gli Stati Uniti si stanno già preparando per la guerra . L'idea di schierare una grande forza araba in Siria è stata lanciata di recente. 
Il Qatar è costretto a inviare le sue forze armate. Qualcosa è già in fase di preparazione.

Un conflitto in Libano si riverserebbe in Siria e poi in altri paesi del Medio Oriente è gravido di conseguenze potenzialmente disastrose. L'unico attore che può impedire uno scenario peggiore è la Russia, un paese con un'enorme influenza regionale che ha una presenza in Libano e in Siria. Ha un accordo militare in vigore con Beirut e gode di una relazione speciale con il presidente libanese Michel Aoun. La Russia è la potenza dominante in Siria che controlla sia i cieli che vaste aree di terra nelle zone di de-escalation. A differenza delle altre potenze coinvolte, ha buoni rapporti di lavoro con Israele, Iran, Hezbollah e il governo siriano, rendendolo un mediatore perfetto - l'unico attore adatto per quel lavoro. Altrimenti, Maggio passerà alla storia come il mese in cui una grande guerra ha sconvolto il Medio Oriente.


http://sadefenza.blogspot.it/2018/04/libano-una-polveriera-avviera-un.html

*************

L'AERONAUTICA SAUDITA ATTACCA LA CAPITALE YEMENITA PER TENTARE DI ELIMINARE I LEADER HOUTHI

SOUTH FRONT 




F-15 aerei da combattimento della Royal Saudi Air Force

Il 27 aprile, gli aerei da guerra della coalizione a guida saudita hanno condotto una serie di forti attacchi aerei in diverse aree della capitale yemenita di Sanaa, secondo fonti locali.

Secondo quanto riferito, le collisioni riguardavano il quartier generale del Ministero degli Interni yemenita, la base aerea di Al-Daylami, il Palazzo presidenziale, il campo militare di al-Najdah e molte altre posizioni in cui si trovano gli Houthi.

Secondo la tv yemenita al-Masirah, i raid aerei della coalizione a guida saudita su Sanaa hanno ferito sei civili, tra cui donne e bambini.

La tv al-Arabiya, con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha riferito che la coalizione guidata dai sauditi sta cercando di colpire diversi leader degli Houthi che sono recentemente arrivati ​​a Sanaa per partecipare ai funerali del maggiore membro degli Houthis Saleh al-Samad, assassinato dall'Arabia Saudita il 19 aprile .

Questi nuovi attacchi aerei confermano che la coalizione guidata dai sauditi sta ora lavorando per danneggiare la catena di comando degli Houthis prendendo di mira i loro leader politici e militari.





Reazioni:
Categories:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!