domenica 15 aprile 2018

VIDEO: il momento esatto in cui un sottomarino statunitense lancia missili Tomahawk contro la Siria

RT
Sa Defenza 

Le immagini sono state registrate dalla USS John Warner (SSN 785).


Sottomarino USA US John Warner
navy.mil / Chris Oxley

Il comando delle forze navali statunitensi ha pubblicato un video catturato nel bel mezzo dell'operazione militare congiunta tra Stati Uniti, Regno Unito e  Francia contro la Siria, svoltasi durante la notte tra venerdì e sabato.

Le immagini sono state registrate dal sottomarino americano USS John Warner (SSN 785) che ha lanciato missili Tomahawk dal Mar Mediterraneo. Il video mostra il lancio di un missile da crociera. Il numero esatto di Tomahawk lanciato durante l'attacco non è stato specificato.

Nel video commentario, caricato su YouTube il 14 aprile, il comando delle flotte degli Stati Uniti indica che "le operazioni del sottomarino nel Mar Mediterraneo fanno parte di uno schieramento di routine a sostegno dei nostri alleati e partner regionali e degli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti"

In aggiunta al Tomahawk, secondo l'informato  Ministero della Difesa russo, gli Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno lanciato più di 100 missili terra-aria contro obiettivi in Siria per l'attacco.

 

Un attacco senza prove

La scorsa settimana, l'Occidente ha accusato il governo del presidente siriano Bashar al-Assad di aver perpetrato un attacco chimico alla città di Douma (Gouta Orientale) il 7 aprile, in seguito alla comparsa di notizie non confermate di quella presunta azione.

Il Consiglio esecutivo dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) ha annunciato che avrebbe intrapreso un'indagine indipendente il 14 aprile, ma l'attentato alla Siria da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito è stato attuato prima che la missione arrivasse sul terreno. Il presidente Donald Trump ha ordinato l'attacco senza autorizzazione dal Congresso del suo paese o dall'approvazione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

Inoltre, i servizi russi per la sicurezza chimica e radiologica che si sono recati nella presunta sede dell'incidente, hanno rilevato che "nessuna persona è stata trattata per avvelenamento chimico", ha detto in una nota l'ambasciata di Mosca a Londra. Finora non sono state presentate prove che confermino il presunto attacco chimico. L'ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha sottolineato davanti al Consiglio di sicurezza di quella organizzazione internazionale che negli ospedali di Douma non ci sono pazienti con sintomi di intossicazione, né ci sono test sul suolo che rivelano l'uso di sarin o cloro.

Il 13 aprile, il ministro degli esteri russo Sergéi Lavrov ha dichiarato che Mosca ha "dati inconfutabili" che il presunto attacco chimico è "una nuova messa in scena e ha coinvolto i servizi segreti di uno degli Stati che si fanno in quattro per essere in prima linea nella campagna russofoba ".

http://sadefenza.blogspot.it/2018/04/video-il-momento-esatto-in-cui-un.html

Reazioni:
Categories: ,

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!