sabato 19 maggio 2018

Carriarmati francesi LECLERC MBT  testati negli attacchi contro gli Houthi in Yemen

trd di South Front
SA DEFENZA 

Il sito della Difesa, Lostarmour.info, ha pubblicato un'analisi che ha fornito uno sguardo sull'uso dei principali carri armati Leclerc nel conflitto Yemen. ( SOURCE



Post dedicato al terzo anniversario dell'intervento Saudita in Yemen...

Dall'inizio dell'intervento della coalizione saudita, dopo l'apparizione del contingente degli Emirati Arabi Uniti, molti hanno atteso informazioni sull'impiego del Leclerc AMX-56, il principale carro armato (MBT) nella guerra yemenita. Lost Armor pubblica un articolo su questo argomento.


Note storiche

I francesi erano insoddisfatti della modifica del AMX-30 il carro armato principale. Hanno deciso di sostituire questa modifica considerando il suo principale svantaggio: debolezza nell'autoprotezione. I francesi l'hanno creato nonostante l'ostinazione tedesca, migliorando ogni serie successiva. Infine, l'MBT è stato portato allo standard della versione finale. L'MBT è stato nominato in onore del generale francese Philippe Leclerc de Hauteclocque.

L'MBT Leclerc è stato considerato il più costoso carrarmato  del mondo all'inizio degli anni '90 e gli Sceichi degli Emirati Arabi Uniti che erano stati abituati a vivere nel lusso, concentrandosi sul "top del super moderno" e su un prezzo decente hanno deciso di investire sull'appaltatore francese. Hanno ricevuto 388 carri armati con la modifica per l'esportazione il Leclerc EAU, alcuni dei quali hanno ricevuto l'ulteriore protezione AZUR per i combattimenti in città e 46 veicoli blindati per il recupero (ARV) Leclerc DCL.

I carri armati della Leclerc stavano probabilmente accumulando polvere nei magazzini francesi e degli Emirati Arabi Uniti perché non erano popolari tra i clienti stranieri, occasionalmente deliziavano i proprietari durante le esercitazioni di addestramento, ma solo una volta all'anno durante pratiche mirate.

L'anno decisivo per il carro armato francese è stato il 2015 quando l'opposizione Zaidi-iraniana (secondo le monarchie della penisola araba) del movimento Ansar Allah (Houthis), sostenuta dagli alleati e dalla maggioranza dell'esercito, fedele allo Yemen deposto nel 2011 Il presidente Ali Abdullah Saleh Afash ha licenziato un altro dittatore locale Abdrabbuh Mansur Hadi che ha oltrepassato la misura. Hadi, una versione araba di Yanukovych, è salito al potere con le elezioni del 2012, ottenendo il 100% dei voti (!). Hadi era l'unico candidato per questo luogo! La democrazia araba è senza senso e senza pietà! Nel 2014 ha dovuto dimettersi, ma chi vuole rinunciare al potere? Così, Hadi decide di rimanere per un altro anno, ma la sua legittimità è stata infranta il 21 settembre 2014, quando gli Houthi hanno preso Sana'a, così è fuggito ad Aden, eppoi a Riyadh.

Le monarchie del Golfo Sunnite non tollerarono il fatto che il loro fantoccio avesse perso il potere e gli sciiti stavano per giungere al potere. Spinto dagli ideali di "democrazia e legittimità", il governo dell'Arabia Saudita ha deciso di spegnere l'incendio formando una coalizione e mandando la sua Air Force nello Yemen per attaccare "le parti ribelli" (comprese le infrastrutture civili) e organizzato una regolare unità di supporto dell'esercito con centinaia di diversi veicoli a protezione dalle imboscate dei resistenti (MRAP), veicoli blindati blindati obsoleti (APC) e veicoli da combattimento di fanteria (IFV) per i sostenitori di Hadi, e i meridionali della penisola araba e Al-Qaeda (AQAP) e poi, ha lanciato un'operazione via terra, in cui la forza maggiore è stata dimostrata dalla forza armata degli Emirati Arabi Uniti.


Capitolo 1 - Aden

È necessario riconoscere il comando delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti: il livello di segretezza di questo esercito del Medio Oriente è mantenuto al più alto livello. Non ci sono date precise dell'arrivo del contingente alla città portuale di Aden, ma il primo veicolo militare Oshkosh L-ATV (Veicolo tattico fuoristrada da combattimento leggero apparve tra i meridionali nella prima metà di luglio e i primi soldati degli Emirati Arabi Uniti morti tra il 16 e 21 luglio in Yemen, mentre l'MBT non è apparso che dopo il 25 luglio.




A quel punto, i pesanti combattimenti ad Aden si erano già interrotti, quindi nel migliore dei casi l'MBT poteva partecipare solo alle operazioni di rastrellamento in periferia, dove nessuno poteva seriamente resistergli. Subito dopo l'arrivo, la coalizione ha identificato l'obiettivo principale dell'operazione Golden Arrow, che consisteva nel catturare la base aerea militare strategicamente importante di, Al Anad, nel governatorato di Lahij, nello Yemen.




Capitolo 2 - Al Anad

Nei primi giorni di agosto, un gruppo di quattromila uomini delle Forze Armate degli Emirati Arabi Uniti arrivò ad Aden (l'area del terminal petrolifero) e si diresse verso la base militare di Al Anad, che era stata sotto assedio per due settimane.




È in quel momento che una colonna di dozzine di MBT Leclerc (70-80 carri armati hanno dichiarato di aver preso parte alla guerra), con protezione aggiuntiva da AZUR e BMP-3 viene proiettata sui canali TV internazionali. La guarnigione degli Houthi era piccola (un paio di dozzine), quindi la base militare di Al Anad  cade il 3 agosto. Le forze degli Emirati Arabi non avevano subito perdite.




Capitolo 3 - Abyan

Gli eventi dell'inizio di agosto possono essere considerati un crollo delle difese di Houthi nel sud del paese. Dopo la caduta di Lahij, l'esercito degli Emirati Arabi Uniti e le subunità di opposizione del Sud hanno iniziato la graduale liberazione di Abyan, tra cui Zinjibar, Loudar, Shoukra e il 15° base della brigata. L'intero governatorato era stato catturato entro l'11 agosto.

I BMP-3 furono i principali partecipanti alla parata delle truppe delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, una delle quali era stata fatta saltare in aria da una mina mentre guidava sulla rotta Aden-Abyan, l'equipaggio composto da tre membri degli EAU morì. Erano le uniche vittime degli EAU ad Abyan.




Nella seconda metà di agosto, le forze di opposizione del Sud hanno cercato di prendere Mukeiras, il governatorato di Bayda, ma sono caduti in un'imboscata nelle montagne di Loudar e hanno subito gravi perdite dei carri e altro. L'esercito EAU è stato costretto e ha partecipato a questa battaglia.

Capitolo 4 - Marib

Ispirato al successo dei progressi nel sud dello Yemen, la coalizione saudita ha preparato un blitzkrieg per attaccare ed entrare a Sana'a nel più breve tempo possibile attraverso le montagne del Marib e e installare al potere il burattino fuggiasco. Per fare ciò, alla fine di agosto presso la base aerea di Safir, ad est della città di Marib, sono arrivati  aerei e automezzi blindati dagli Emirati Arabi, gli eserciti del Regno Saudita e del Bahrain, nonché l'eroe della nostra storia.




Mentre l'operazione stava per iniziare, il primo e più grave colpo agli interventisti fu l'attacco della base con un missile balistico tattico Tochka con testa a frammentazione ad alto esplosivo, lanciato dal territorio del Governatorato di Shabwah. L'esplosione ha ucciso 56 militari degli emirati, 10 sauditi e 5 soldati del Bahrein e un numero sconosciuto di sostenitori di Hadi. Oltre ai magazzini, ai veicoli corazzati e alle caserme, anche un carro armato Leclerc e un BRAM DCL sono stati distrutti caduti sotto il tiro di fuoco, e hanno subito gravi danni, ma la qualità e la durata delle riprese non hanno permesso di distinguere le attrezzature distrutte in altre località.




Infuriati per le pesanti perdite, il 13 settembre 2015 la coalizione e l'esercito degli Hadi hanno lanciato l'operazione Vendetta di Marib, il cui obiettivo principale era la cattura della diga di Marib e le montagne circostanti del territorio di Sirvah. La principale forza di battaglia era il veicolo Oshkosh L-ATV, ma i militari degli Emirati "credevano in se stessi" e lanciarono nella battaglia con almeno una dozzina di MBT Leclerc, armati della protezione aggiuntiva. Quello che è successo dopo può essere descritto dalla definizione di "tiro con ostacoli" (in questo caso, l'obiettivo era la tecnica degli Emirati e dei sostenitori degli Hadi, e gli ostacoli erano le mine anticarro disseminate dagli Houthi).




Come già accennato, i media mainstream hanno coperto male la partecipazione degli EAU, ma ad alcuni militanti locali è piaciuto pubblicare foto su Facebook e qualcosa lo possiamo vedere. 
Ad esempio, un articolo pubblicato da un quotidiano francese ha riportato che un MBT Leclerc è stato "colpito da un missile guidato anticarro (ATGM), molto probabilmente un 9M113 o la sua copia iraniana, nella sezione anteriore del carro, uccidendo il meccanico mentre il comandante è rimasto ferito alle gambe. " Il nome del defunto è Ghalib Amar Al-Marri (nella foto, ucciso il 13 settembre) e un altro soldato è morto il giorno successivo, forse nello stesso posto. L'MBT distrutto non è stato catturato dall'obiettivo della fotocamera, tuttavia, se così fosse, non abbiamo ancora trovato i fotogrammi, ma sono stati presi da un'altra Lince MBT, che era stata fatta esplodere da una mina anticarro e poco danneggiata.



È molto probabile che, dopo il 14-15 settembre, tutti i carri armati degli Emirati Arabi Uniti siano stati ritirati e disposti in retroguardia, come riportato da Sky News. I sostenitori di Hadi sono arrivati ​​presso la diga il 29 settembre, dopo aver perso dozzine di veicoli Oshkosh L-ATV, ma il film commemorativo con tutti i partecipanti della coalizione è stato preso (con le loro bandiere, ovviamente senza bandiere Yemenite).




Capitolo 5 - Attacchi terroristi ad Aden

Il 6 ottobre 2015 i kamikaze della filiale locale del Califfato hanno effettuato una serie di attacchi ad Aden. L'hotel Al-Qasr, ex residenza temporanea dell'élite politica del governo Hadi, e due centri di comando delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti sono stati attaccati.




La foto di un centro di comando è stata pubblicata su Internet, dove era stata localizzata una delle MBT Leclerc. Non è chiaro se l'MBT sia arrivato durante l'attacco o dopo. Quel giorno l'esercito degli Emirati Arabi ha perso quattro soldati.




Capitolo 6 - Combatti con AQAP

Nel giugno 2016, gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato il ritiro della parte principale del suo contingente dallo Yemen, ma non hanno abbandonato le operazioni antiterroristiche e nell'agosto 2016 diversi MBT  Leclerc hanno partecipato all'operazione di rastrellamento del governatorato di Abyan da Al-Qaeda. I media hanno riferito che i terroristi non potevano opporre alcuna resistenza seria.




Tornando indietro nel tempo,  a febbraio, nella zona di Kirsh, il governatorato di Lahidj,  era stato notato almeno un MBT Leclerc, in uno dei fronti di confronto tra i meridionali e gli Houthi.




Capitolo 7 - Al Mokha

Comprendendo che il blocco navale dello Yemen non funziona così bene, come prima avevano creduto, e dalle montagne continuavano ad arrivare armi e missili balistici per gli Houthi, la coalizione (principalmente gli Emirati Arabi Uniti) ha deciso di tagliare definitivamente la parte settentrionale dello Yemen dal mare. All'inizio di gennaio fu lanciata l'Operazione Golden Spear il cui scopo era quello di catturare tutti i punti abitati nella costa occidentale dello Yemen, da Zubab a Taiz a Midi nell'Hajj, storicamente chiamato Tihamah.

Inizialmente, quattro MBT Leclerc EAU e un ARV hanno preso parte a questa operazione, spostandosi con una delle colonne di retroguardia. Non arrivando in tempo per le battaglie nel piccolo villaggio di Zubab, ma il 21 gennaio i carri armati delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti si trovavano già vicino al porto di Al Mokha, dove due principali carri armati # 303 e # 302 si stavano esibendo davanti alle telecamere dei giornalisti arabi.




Due giorni dopo, gli MBT erano coinvolti nella battaglia, dove uno (il numero 302 della plancia) è stato danneggiato dall'incendio ATGM, molto probabilmente nella placca glaciale inferiore. Nella foto, uno dei meridionali è in possesso di una scorta,  sotto il carro armato vi e una pozza di petrolio, presumibilmente carburante diesel fuoriuscito dal serbatoio da dietro l'armatura anteriore. L'equipaggio è stato molto fortunato, poiché il missile non è entrato nella parte anteriore del serbatoio. Inoltre, si è girato nel momento dell'attacco.



Pochi giorni dopo, nei sobborghi di Mochi, i sudisti hanno ottenuto un trofeo anti-carro Metis-M 9K115-2 come trofeo, che molto probabilmente ha messo fuori combattimento il carro armato degli Emirati.



Ad agosto 2017, il gruppo di truppe sulla costa occidentale è  continuata ad aumentare e sono arrivati ​​alcuni MBT Leclerc.

Capitolo 8 - Al Hudaydah

Dopo la morte di Saleh nella breve guerra intestina con gli Houthi a Sana'a, gli Emirati e i meridionali hanno continuato a spostarsi lungo la costa occidentale dello Yemen come parte dell'operazione Golden Spear e hanno catturato Al Khukha e Hais.

Nel dicembre 2017, sulla strada tra Mokha e Khukha, sono stati notati convogli delle truppe degli Emirati Arabi Uniti. Questi convogli erano costituiti da Leclerc MBT AMX-56, obici semoventi  autoprotetti G6 Rhino, obice semovente americano M109, muta multifunzionale resistente all'ambasciata, veicolo di mobilità della fanteria RG-31 Agrab, corazzata da trasporto per il personale (AMV) ) Patriot, piattaforma multi-funzionale per veicoli WiSENT 2, Oshkosh M-ATV e veicolo blindato BAE Caiman.

Tenendo conto dell'esperienza nell'utilizzo degli MBT a Mokha, sono stati utilizzati solo carri armati con protezioni extra, alcuni sono stati blindati con il sistema difensivo CLARA ERA, prodotto dalla società tedesca Dynamit Nobel Defense (DND). Nel 2016, più di 200 unità, ciascuna del valore di oltre 500 mila euro, sono state fornite agli EAU.




Sono stati usati anche i carri armati con AZUR.



Passato dicembre, non è stata data più alcuna informazione ufficiale sull'occupazione del MBT Leclerc ad Al Hudaydah, tuttavia, il 19 febbraio, gli Houthi hanno pubblicato un video con una presunta LtTerc LMBC mentre il  profilo non assomiglia ad alcun altro tipo di veicolo corazzato usato nel conflitto. La posizione dell'immagine è a nord del villaggio di Yakhtul, che è a metà strada tra Al Mokha e Al Chukhai, dove presumibilmente si trovano le forze armate degli Emirati Arabi Uniti.




http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/carriarmati-francesi-leclerc-mbt.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!