sabato 19 maggio 2018

Palestina: protezione internazionale e amministrazione fiduciaria


Sami Jamil Jadallah
Veterans Today
Sa Defenza 


Pochi giorni, i paesi arabi e musulmani, alcuni con riluttanza hanno inviato rappresentanti di grado inferiore, hanno partecipato a una conferenza speciale dell'Organizzazione degli Stati islamici su richiesta del presidente turco Erdogan.


ASSENTI DA UNA CONFERENZA COSÌ IMPORTANTE C'ERANO IL PRESIDENTE DELL'AUTORITÀ PALESTINESE (TERMINI SCADUTI 10 ANNI FA) E I LEADER DELL'ARABIA SAUDITA, DELL'EGITTO E DEGLI EMIRATI ARABI UNITI. 
  L'IDF israeliano ha sparato avere scuse, come si fa con la sulla croce rossa, a Gaza

L'incontro si è concluso con la richiesta di una commissione d'inchiesta internazionale sulle massicce sparatorie su dimostranti disarmati a Gaza e un appello per una protezione internazionale dei palestinesi a Gaza e in Cisgiordania.
Ecco il problema Non sono sicuro di come funzioneranno queste forze internazionali e se gli Stati Uniti su ordini di Israele pongano il veto su tale proposta e se il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in balia del veto degli Stati Uniti sarà mai in grado di portare avanti tale richiesta e tanto meno una risoluzione.



Cecchini israeliani  sparano su bambini disarmati a Gaza "per proteggere Israele".

Ancora più importante  questo si adatterebbe all'OLP e Mahmoud Abbas con gli 80.000 uomini delle forze di sicurezza palestinesi si mangiano più del 60% ($ 1,3 miliardi all'anno) del bilancio annuale dell'Autorità Palestinese e che in 25 anni non è riuscito a dare in genere alcuna sicurezza  nemmeno per il popolo palestinese. Non è riuscito a prevenire un singolo attacco da parte di coloni criminali, non è riuscito a prevenire l'uccisione mirata israeliana, non sono riusciti a impedire la demolizione di una sola casa, non sono riusciti a impedire l'ingresso forzato delle forze di sicurezza israeliane in un villaggio o addirittura in una casa, e il peggio è che non sono riuscito a prevenire l'incendio o lo sradicamento di un singolo olivo o di impedire un singolo attacco a una moschea o una chiesa.
Come  può  avere senso richiedere protezioni internazionali quando, le forze di sicurezza dell'OLP e di Fatah, non sono riuscite a fornire tale protezione. Ovviamente tutti noi dobbiamo capire che le forze di sicurezza palestinesi, come concordato a Oslo, dovevano fornire protezione e assistenza dall'occupazione israeliana con la sua missione nei Territori occupati, fornendo sicurezza ausiliaria dall'esercito israeliano e coloni israeliani armati.
Si può capire il bisogno di una tale forza a Gaza che potrebbe richiedere il disarmo sia di Hamas che della Jihad islamica, il che non è una cattiva idea se queste forze di sicurezza internazionali  impedissero attacchi israeliani e  difendono il popolo di Gaza dai jet israeliani, carri armati e droni, e se tali forze di sicurezza avranno gli ingranaggi militari necessari per resistere ad un assalto israeliano. Ovviamente questo significa l'apertura del porto e dell'aeroporto e tutti gli accessi internazionali per il popolo di Gaza. È meglio dare l'accesso attraverso i porti e gli aeroporti senza doversi preoccupare che l'Egitto chiuderà i suoi confini.
Tuttavia, tutto ciò avrà senso solo se il Consiglio di sicurezza dell'ONU, senza alcun veto da parte degli Stati Uniti, promuoverà una "amministrazione fiduciaria internazionale" per prendere in carico sia la sicurezza dei Territori Occupati (Gaza e Cisgiordania) sia le amministrazioni del affari civili dei palestinesi sotto l'occupazione.
Questo ovviamente significa sollevare l'OLP e Fatah da dirigenti dell'occupazione israeliana e la perdita di un contratto molto redditizio che ha reso tutti i leader di queste organizzazioni multi-milionari, e significa anche che Hamas deve rinunciare sia alla sicurezza che alle amministrazioni di Gaza.
Agenti israeliani all'interno dei governi degli Stati Uniti e in altri paesi come la Francia e il Regno Unito con posti nel Consiglio di sicurezza dell'ONU diventeranno molto attivi facendo in modo che tali cose non accadano mai costruendo le scuse di Israele, che uccide centinaia e feresce migliaia di manifestanti civili disarmati, si stia difendendo , con un editoriale simile sia nel New York Times che nel Washington Post che difendono il diritto di Israele di uccidere e uccidere civili innocenti e disarmati che stavano manifestando all'interno della loro stessa terra di Gaza assediata e mai abbastanza vicini da essere motivo di preoccupazione per il massiccio schieramento israeliano di cecchini.

FINO A QUANDO L'OLP E FATAH NON DECIDONO CHE È IL MOMENTO DI PORRE FINE A QUESTA TRAGEDIA, LA COSPIRAZIONE E LA FRODE CHE SI È PERPETUATA SUI PALESTINESI  NEGLI ULTIMI 60 ANNI, E RINUNCIARE AI LORO  INTERESSI FINANZIARI NELLA CONTINUA OCCUPAZIONE, NON PUÒ ESSERCI NESSUNA SPERANZA CHE COSE DEL GENERE PRENDANO POSTO. DI SICURO L'OLP SI FRAPPONE COME UNICO E LEGITTIMO RAPPRESENTANTE DELL'OCCUPAZIONE ISRAELIANA.
L'amministrazione fiduciaria internazionale garantirà che Israele evacuerà i Territori Occupati, getterà l'accusa sull'accordo di Oslo, disarmerà tutti i coloni israeliani e i trasgressori, disarmerà tutte le fazioni palestinesi incluse le forze di sicurezza dell'OLP in un periodo interinale di 5-7 anni durante il quale la speranza è che si formi ed emerga una nuova leadership palestinese per rimpiazzare questa vecchia leadership corrotta, incompetente e illegittima che ha dirottato la causa palestinese negli ultimi 60 anni.
La nuova leadership dovrebbe lavorare con quegli israeliani che sono disposti a rinunciare al loro razzismo sionista e l'apartheid per lo Stato e tutti i suoi abitanti. Se accadrà, questa è l'unica soluzione che hanno davanti.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!